La bellezza (del Sacro) fa paura? A Firenze un esempio di “relativismo estetico” – di Mario Bozzi Sentieri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Mario Bozzi Sentieri

.

zzzzmstrfiLa notizia ha dell’incredibile. A Firenze, alla scuola elementare Matteotti, una delle più importanti del centro città,  il consiglio d’ interclasse del 9 novembre scorso ha deciso di annullare, per tutte le terze elementari della scuola, la visita programmata ad una  mostra d’arte in corso a Palazzo Strozzi con la seguente motivazione: “Per venire incontro alla sensibilità delle famiglie non cattoliche visto il tema religioso della mostra”.

Di  quale turpe rassegna, in grado di turbare la sensibilità delle famiglie e dei bambini, si parla ?

Il titolo shock è “Bellezza Divina”. La mostra è  dedicata alla riflessione sul rapporto tra arte e sacro tra metà Ottocento e metà Novecento attraverso oltre cento opere di celebri artisti italiani e internazionali. Tra questi, giusto per fare dei nomi:   Morelli, Severini, Guttuso, Fontana, Van Gogh,  Munch, Picasso, Spencer, Matisse. L’eterogeneità degli artisti esposti, non proprio esponenti dell’integralismo cattolico, non è bastato a tranquillizzare gli occhiuti censori. Basta la parola: il solo vedere assimilata arte e tensione al sacro è sufficiente a fare scattare il “relativismo estetico”.

“È pazzesco! – ha spiegato un genitore, riferisce  il Corriere fiorentino – Noi stiamo a Firenze, vedremo quindi negate ai nostri bambini le gite in Santa Croce, in Duomo, le visite agli Uffizi perché ci sono figure sacre? Annulliamo le lezioni di storia dell’arte, visto che quella italiana è tutta basata sul cristianesimo, perché si rischia di offendere qualche piccola anima? Questi ragazzi cresceranno senza poter studiare Dante Alighieri e la Divina Commedia?”.

Meglio offrire alle giovani generazioni – aggiungiamo noi – le visioni di una modernità senz’anima, magnificamente espresse da certe periferie urbane ? Meglio “celebrare” le immagini dei centri direzionali, vetro e acciaio,  che punteggiano gli skylines metropolitani ? Esteticamente più …”corrette” le piazze virtuali di centri commerciali tutti uguali ovvero, per restare in ambito scolastico, le sbocconcellate immagini di tante scuole italiane ?

Più che alla perdita del buon gusto siamo evidentemente alla perdita del buon senso, all’alienazione rispetto alla Storia e alla Vita. A dirlo – con sintesi efficace –  l’anticipatore Fëdor Dostoevskij:

“L’umanità’ – scriveva l’autore de “I demoni” –  può vivere senza la scienza, può vivere senza pane, ma soltanto senza la bellezza non potrebbe più vivere, perché non ci sarebbe più nulla da fare al mondo. Tutto il segreto è qui, tutta la storia è qui”.
Siamo degli illusi a fare certi richiami e ad invocare il diritto alla  “via pulchritudinis”, una via della bellezza che costituisca al tempo stesso un percorso artistico, estetico, un itinerario di fede, di ricerca teologica, ma anche un valore civile al quale “informare” (nel senso di dare forma) la società?

Può darsi … Ma pensate/pensiamo – per un attimo – che cosa questo vorrebbe dire per le nostre città, per il decoro urbano, per l’estetica dei quartieri, per l’organizzazione della vita civile, per l’armonia dei rapporti sociali, per l’educazione delle giovani generazioni.

Pensate/pensiamo se la ricostruzione di quello che, un tempo, era definito come “l’ordine civile”, tornasse al centro dell’impegno della politica e della buona amministrazione contro tutti gli speculatori, contro tutte le partiginianerie, contro le vecchie e nuove lobbies del relativismo.

Non è evidentemente un problema “estetico”. Significa svelare – per dirla con Dostoevskij – il segreto della vita.

Tutto ciò ha evidentemente un valore per il mondo dei credenti, ma non solo per essi. Più che facili censure su questo vorremmo vedere il laico ed aperto contributo di chi, pur non avendo il dono della fede, è sensibile a questi argomenti e vuole provare a coniugarli nel sociale, a cominciare dalla scuola, evitando di nascondere la sua faziosità anticattolica  ed anticulturale dietro un’inesistente “sensibilità delle famiglie”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “La bellezza (del Sacro) fa paura? A Firenze un esempio di “relativismo estetico” – di Mario Bozzi Sentieri”

  1. Recita un detto: chi nasce tondo non può morire quadrato. Codesto consiglio di interclasse deve essere della solita scuola di quel preside che l’anno scorso proibì il presepe per “rispetto” della sensibilità religiosa altrui … che tristezza per tanta miseria e incapacità di insegnare ai giovani e che brutto esempio di comportamento!

  2. Rispettano sempre la sensibilità degli altri, mai quella dei cattolici. Questi devono sempre essere denigrati: basta solo il nome per far scattare i pregiudizi di questi “soloni”.

  3. qui non si tratta nemmeno di mancanza di buon senso e conseguente distacco dalla realtà … qui è proprio la ragione in fase di putrefazione irreversibile .

  4. Vorrei ricordare che di fatto l’arte sacra di oggi, con l’avvallo della Chiesa, è già un insulto alla bellezza e quindi al sacro (basta citare la basilica dedicata a Pade Pio a San Giovanni Rotondo) Certa arte meglio non farla vedere ai giovanissimi. Ciò che più è rivoltante in questa faccenda è la sottomissione a qualsiasi gruppo organizzato si sia installato in Italia. La sottomissione alla mafia è certamente da condannare, ma se questo è l’atteggiamento di molti italiani non vedo come la si possa contrastare. Per di più paradossalmente i mafiosi si dichiarano cristiani. Alla fine potrebbero essere loro a difendere le nostre tradizioni religiose. Userebbero modi bruschi ma certamente efficaci. La latitanza delle istituzioni e del buon senso è arrivata ad un punto tale che solo la malavita forse conserva ancora un barlume di ragionevolezza.

  5. Tanto più che gli Artisti in questionye non erano tutti cattolici,evidentementela loro sensibilità non ne risentiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su