La clava dell’omofobia: scuola cattolica multata per 123 mila €

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzzzmnstrL’allegra, spietata macchina da guerra della lobby gender è ormai partita e non la ferma più nessuno. E, come al solito, le vittime presunte si rivelano, in realtà, carnefici. E’ una caccia agli untori in piena regola, quella cui si assiste. Ad ogni latitudine e ad ogni longitudine. Dove «untori», però, sono considerati i cattolici.

L’ultimo caso giunge dall’Andalusia. Qui il ministero dell’Istruzione, della Cultura e dello Sport ha pensato bene di sanzionare il collegio cattolico «Divin Pastore» di Sanlúcar de Barrameda per una «grave infrazione». Ovvero non aver rispettato tre dei quattro obblighi imposti dall’art. 62.2 comma d della Legge Organica n. 8/1985 regolante il diritto allo studio, in particolare nelle procedure di selezione e revoca del personale. Sembrano banali questioni burocratiche, insomma. Ma tradiscono già il sospetto di “omofobia”,… Violazione, secondo l’accusa, commessa «intenzionalmente» e provocando «turbativa nella didattica». Esorbitante la multa: 122.989,86 euro. E’ evidente l’intento di mettere in ginocchio l’istituto religioso. Magari di costringerlo alla chiusura.

Tutto ha avuto inizio con la denuncia sporta oltre un anno fa da un professore, dettosi certo di non esser stato confermato in quanto omosessuale, evidentemente convinto che sbandierare il vessillo Lgbt basti ormai per assicurarsi la vittoria. Quali i fatti? Il docente era stato assunto con 21 ore settimanali, per sostituire parzialmente una collega sino al 12 dicembre 2013. Alla scadenza, pienamente rispettata, semplicemente non è stato rinnovato nell’incarico, come confermato da un fax inviatogli dalla scuola. Gli è stato preferito un altro. Capita. Ma l’interessato non si è dato per vinto. Ed ha spostato la controversia nelle aule giudiziarie.

Il Tribunale del Lavoro n. 3 di Jerez ha respinto il suo reclamo. Per questo, il docente ha deciso di far ricorso alla Corte Suprema di Giustizia dell’Andalusia. Ed ecco il colpo di scena: dal cilindro è spuntata una registrazione, fatta non si sa come, in cui la responsabile gli avrebbe fatto notare come, se i genitori avessero saputo del suo orientamento, ciò avrebbe potuto costituire un problema. Il che, quand’anche fosse, non suona né strano, né anomalo, trattandosi di una scuola cattolica.

Ma la Giunta al potere nella regione, guidata da Susana Díaz (nella foto), segretario generale del Partito Socialista Operaio Spagnolo, ha già deciso di entrare a gamba tesa nella vertenza, dicendo la sua ed ipotecandone l’esito. Con forza. Anzi violenza. Quella sanzione mostra sin d’ora quale sia l’esito auspicato dal governo locale della Comunità Autonoma. Con estrema chiarezza. E, soprattutto, con prepotenza.

.

fonte: NoCristianofobia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “La clava dell’omofobia: scuola cattolica multata per 123 mila €”

  1. L’imposizione del gender e’ una dittatura, come lo sono state nazismo e comunismo. Con questo sistema nessuna scuola cattolica risulterebbe in regola e quindi perderebbe il diritto di sovvenzioni pubbliche. Cio’ che le sinistre vogliono imporre, la loro visione di Europa a senso unico , e’ qualcosa che mina la convivenza civile e quindi profondamente antidemocratico. In molti Paesi europei,con sistemi giudiziari inefficienti, normative a tutela dei diritti gay si tradurranno inevitabilmente in prevaricazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su