La Coca Cola, la sinistra e la Spinelli  –  di Giampaolo Rossi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giampaolo Rossi

.

zzzzartgrnlBOLLICINE E FORMULA SEGRETA

La sinistra è come la Coca Cola: molti pensano che faccia male ma in tanti se la bevono. Sarà per le bollicine, per quel sapore dolciastro e consolatorio, o forse sarà per quel brand che accompagna i sogni di molti bambini che, diventati grandi, continuano ad essere bambini; perché in fondo la sinistra è un infantilismo cronico.
In effetti fu la Coca Cola a costruire l’immaginario di Babbo Natale col barbone bianco ed il vestito rosso; e quelli di sinistra, si sa, vivono per lo più di regali aspettando che Babbo Natale (alias lo Stato) scenda dal camino e metta tanti pacchetti colorati sotto il loro albero; perché il diritto al regalo è una costante dell’essere di sinistra, soprattutto di quelli che non fanno niente per meritarselo.
Ma ciò che rende incredibilmente simile la sinistra alla Coca Cola è la formula segreta: entrambe ne hanno una che nessuno conosce e che qualcuno gelosamente conserva da qualche parte.
Alcuni ingredienti li conosciamo: arroganza ideologicasenso di superiorità antropologicaintellettualismoirrealismovittimismo. Altri si combinano di volta in volta a formare i diversi prototipi di “homo sinistris”, tappa del processo involutivo della specie umana.

Prendiamo una rappresentante a caso: Barbara Spinelli, la famosa intellettuale, fustigatrice delle derive berlusconiane del Paese, firma di spicco di Repubblica e oggi europarlamentare. In lei, gli ingredienti sopracitati si aggiungono ad altre tre componenti comuni a molti di quelli di sinistra: essere figli di papà, avere il cuore a sinistra ma il portafoglio rigorosamente a destra e alimentarsi di doppia morale.
Vediamo in lei come il processo alchemico si genera.

IL PROCESSO ALCHEMICO DELLA SPINELLI
Alle ultime europee la Spinelli si è candidata nella lista di sinistra “L’Altra Europa per Tsipras”, insieme ad altri due importanti intelligenze del mondo radical-snob: Moni Ovadia e Adriano Prosperi. I tre, come si addice agli intellettuali di ruolo del sinistrismo ideologico, hanno motivato la loro scelta attraverso una lettera pubblica in cui hanno spiegato che il progetto a cui aderivano era uno “straordinario elemento di novità(PRIMO INGREDIENTE: ARROGANZA IDEOLOGICA): una lista della società civile, autonoma dai partiti, per dar vita, raccogliere, rilanciare le lotte civili e sociali, di opinione e di piazza” che il “ventennio berlusconiano” aveva provato a cancellare(SECONDO INGREDIENTE: VITTIMISMO). Insomma il solito bla bla bla.
Nella lettera i tre intellettuali s’impegnavano in maniera limpida e coerente, nel caso fossero stati eletti, a lasciare il posto a candidati con “più energie e competenze”.
Appunto. La Spinelli è stata eletta e col cavolo che ha lasciato; si è tenuta stretta il seggio a Bruxelles (TERZO INGREDIENTE: CUORE A SINISTRA E PORTAFOGLIO RIGOROSAMENTE A DESTRA).
Non solo ma, passato qualche mese, la signora Spinelli ha lasciato il partito che l’ha eletta ed è entrata nel gruppo indipendente, senza pensare per un attimo a dimettersi da eurodeputato. Ovviamente la spiegazione è chiara: è stato “il partito a non essere all’altezza del progetto”, non lei. (QUARTO INGREDIENTE: ANTI-REALISMO, cioè è sbagliata la realtà non ciò che io credo).
In questi anni la Spinelli è stata, dalle colonne di Repubblica, una delle più fervide accusatrici dell’inadeguatezza della classe politica (sopratutto quella di destra) e delle sue tare comportamentali (QUINTO INGREDIENTE: DOPPIA MORALE, ovvero quello che è sbagliato se lo fai tu, diventa giusto e nobile se lo faccio io).

Alla Spinelli tutto si perdona: nessuno quindi evidenzierà le sue incongruenze e il suo “doppismo”. Crozza non le farà mai una caricatura dietro e la Littizzetto non ci farà mai una battuta sopra; fa pur sempre Spinelli di cognome e Altiero è stato sia il padre di lei che un padre dell’Europa (SESTO INGREDIENTE: essere figli di papà, aiuta)

Conclusione: in questo gioco alchemico la sinistra ti fa bere tutto. La sua incoerenza va giù che è un piacere; come un bicchiere di Coca Cola.

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “La Coca Cola, la sinistra e la Spinelli  –  di Giampaolo Rossi”

  1. Lei ha descritto in modo perfetto la disonorevole Spinelli e la relativa sinistra.
    La sua ironia mi ha fatto sorridere e i fatti mi hanno fatto inorridire….

  2. La Sinistra, al pari del Comunismo è stata ed la grande menzogna del XX e XXI. Con al scusa di difendere i lavoratori, in realtà, oltre ad essere funzionale ai poteri forti, La Sinistra da sempre è alleata all’alta finanza.
    In Grecia si sta inchinando ai signori dell’euro. Spiace constatare come anche una parte di elettorato spagnolo abbia votato ingenuamente Podemos. Anche questi signori alla fine, “coerentemente”, si inchineranno ai poteri forti.
    Tutto ciò è certificato dalla Storia. Basti ricordare i comunisti Stalin-Tito alleati agli ultra liberal-capitalisti Roosvelt-Churchill-Truman; il comunista Mao alleato a Nixon che tradì Formosa.

  3. Il «TERZO INGREDIENTE: CUORE A SINISTRA E PORTAFOGLIO RIGOROSAMENTE A DESTRA» lo correggerei leggermente:
    CERVELLO ALL’AMMASSO, CUORE SINISTRO, MANI RIGOROSAMENTE OCCUPATE DA CELLULARE PERSONALIZZATO E PORTAFOGLIO LEOPARDATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su