La coraggiosa sfida di Rosalia Longo al razzismo chic – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Un segno di vitalità intellettuale dal margine destro: la rivista “L’Altra Voce”.

di Piero Vassallo

zzlng

 Domenico Longo, valoroso e compianto fondatore de “L’Altra Voce”

.

Gli studiosi fedeli ai princìpi di quella destra italiana, che è stata umiliata, alienata e liquidata dalla piramidale insipienza di un innominabile, spregevole politicante, lavorano, in ordine sparso e con mezzi inversamente proporzionati alla loro intelligente fatica, alla ricostruzione della perduta identità culturale.

Lontano dagli incensati altari dei vizi mortiferi e dalla futile allucinazione scientista, operano  i credenti nella invincibile/irriducibile ragione dell’ordine civile.

Una vivace e ardita minoranza di studiosi anticonformisti, giovani e meno giovani, è severamente/sapientemente impegnata al riscatto e al rinnovamento degli ideali umiliati e scialacquati da un gagà rampante nel vuoto mentale.

Coraggiosi e saggi esploratori della vera cultura sperano nella futura manifestazione di un’entità politica capace di raccogliere e mettere in circolo le idee della tradizione, che rappresentano fedelmente le profonde ragioni della rinascita nazionale dopo le rovine a destra e a sinistra.

Da Solopaca, animoso centro della nobile provincia beneventana, si segnala – ad esempio – l’attività  instancabile dei redattori della rivista felicemente intitolata “L’Altra voce“, (rivistalaltravoce@gmail.com – tel. 0824971655) fondata dal compianto Domenico Longo e ora diretta con mano sicura e forte pensiero dalla sua giovane figlia, Rosalia, che si avvale della preziosa collaborazione di Arcangelo Santoro, Ulderico Nisticò e Ercolina Milanesi.

Con atto di audacia, infatti Rosalia Longo lancia il guanto di sfida al trionfante/squillante partito dell’eugenetica e alla politica che riduce la spese a sostegno dei portatori di handicap.

Il razzismo democratico e progressivo ha sede nei fiumi carsici nei quali corrono all’impazzata le mitologie americane spurgate della liquidazione sodomitica del sistema progressista.

Nel fascicolo della sua bella e coraggiosa rivista, in uscita a fine agosto, Rosalia riprende e commenta favorevolmente il matrimonio celebrato in una chiesa cattolica da Marta e Mauro, due giovani affetti da sindrome down.

Audacemente Rosalia sfida la criminale e bestiale legge, che conferisce un potere disumano alla medicina  abortista, e sostiene che “nonostante il loro stato cognitivo e fisico sia considerato ridotto rispetto ad una persona non affetta da sindrome down, questi due ragazzi sono pienamente in grado di stare insieme, di mantenere saldo il loro rapporto e di affrontare i loro problemi anche meglio di due fidanzati comuni”.

Di qui una affermazione autenticamente rivoluzionaria: “non sono loro le persone limitate, come molti pensano, ma siamo noi che non cogliamo la bellezza delle cose più semplici. Queste persone invece lo fanno e ci riescono con una spontaneità commovente, che ormai è rara in questo mondo cinico, che ci allontana sempre più dai reali valori e dai veri sentimenti”.   

L’apprezzamento di Rosalia per gli ultimi vanamente adulati dalla chiacchiera politichese, e la rivendicazione del loro diritto a prendere parte alle oneste gioie, che non sono negate agli altri mortali, svelano orizzonti nuovi e propriamente rivoluzionari alla destra appartenente a un nobile futuro, che non tarderà a venire.

Si disegna, infatti, l’alternativa a un’epoca avvelenata dal folle potere, che l’accecamento ultimo dei progressisti conferisce alle voglie insane e turpi di genitori che si rivolgono ai raccapriccianti laboratori, costruiti secondo le regole contro natura, dettate dalla fantasticheria alchemica imperversante nell’universo dei progressisti per il regresso a Babele.

Il fine di tali parodistici genitori è ottenere figli specialmente belli perché la loro pelle ha il colore desiderato e i loro occhi colori conformi ai precetti effimeri ma imperiosi del salotto buono. Per un tale miserevole risultato la thanatofilia in camice bianco non esita a sacrificare le vite umane irriducibili all’eletto gusto dei sedicenti genitori. La rivista anticonformista “L’Altra Voce”, pertanto conquista un posto speciale e prestigioso nell’avanguardia, che sta preparando una credibile alternativa al potere degli stregoni al lavoro dietro la desolata scena della politica asservita alla follia del desiderio mortifero.

Si tratta di una alternativa che albeggia nei desideri dei giovani disgustati dall’immoralità e dalla potenza dell’ipocrisia al servizio della pseudo-scienza e dalla politica insensata.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “La coraggiosa sfida di Rosalia Longo al razzismo chic – di Piero Vassallo”

  1. Commovente l’apprezzamento del succitato matrimonio e ancor più commovente il matrimonio stesso fra persone che non hanno bisogno di diventare, ma sono per la loro intrinseca dolcissima natura in piena armonia col dettame evangelico “se non ritornerete come bambini…”ecc. ecc.

  2. Sono commosso al sapere che esiste qualcuno che sta lavorando a tutto questo. Segnalo al riguardo un libro che mi è molto caro, perché sono coinvolto per effetto dello stato di mio figlio, che dal punto di vista comportamentale, è e sarà un eterno bambino. Il libro è “I giullari di Dio” di Morris West. A mia moglie è stata rimproverata l’incoscienza di aver messo al mondo un figlio a rischio (causa malattia da cui è stata colpita durante la gravidanza). Il figlio è oggi una meravigliosa persona, piena di semplicità e di sogni fantastici. Lavora e si mantiene, ma non risponde esattamente ai canoni del mondo attuale. Purtroppo questo non lo rende molto popolare e lo fa sentire solo, anche quando sta con i compagni (amici è una parola grossa). Ne soffre molto perché è anche una persona sensibile e intelligente. Io e mia moglie gli stiamo molto vicini e alla nostra età non è facile, ma sappiamo che c’è chi sta molto peggio di noi e ringraziamo sempre Dio per ciò che ci dona.

    1. Caro Giovanni, Lei e Sua moglie avete fatto la scelta giusta, in barba agli immorali benpensanti che hanno rimproverato Sua moglie per non avere deciso di commettere un omicidio!
      Assicuro a voi e a vostro figlio le mie preghiere!

  3. Caro Piero,
    ho conosciuto anni fa Domenico Longo. Un leone combattente con una passione per gli ideali cristiani ed auritiani.
    Non sapevo fosse morto, lo sapevo molto gravemente malato, e mi fa ancora più piacere sapere che la figlia sia degna di tanto padre.
    Tu hai la capacità, rara tra chi scrive, di saper passare ai raggi x le situazioni e le prospettive. Quello che scrivi non è mai solo pessimismo, ma semini sempre speranza ed inviti sempre all’azione in modo positivo. Per me sei davvero stato e sarai “magister” come ti chiamava il grande Pino Tosca.
    Un abbracio e spero di sentirti presto al telefono.
    luciano garofoli

  4. Le persone con deficit mentali sono spesso trattate con sufficienza e senso di superiorità dai cosiddetti “normali”, ma la verità è che sono proprio loro i “piccoli” che Dio ama in modo speciale e che ci passeranno avanti nel Regno dei Cieli. Faremmo bene, quindi, a considerare un privilegio e non una nostra degnazione poter stare con loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su