La “crociata” degli Yes. Buona musica (molto) prima del covid

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“Quando cominci a far musica che non è sesso, droga e rock’n’roll né roba politicamente corretta, ma qualcosa di più spirituale, allora diventa come una crociata”. Con queste parole il cantante degli Yes Jon Anderson (da non confondersi con il quasi omonimo Ian Anderson, leader dei Jehtro Tull) qualificava la ricerca musicale del celebre gruppo progressive rock inglese. 

Con l’album del 1971, Fragile, iniziava la collaborazione artistica degli Yes con il designer Roger Dean, diplomatosi alla Canterbury School of Art e laureatosi al prestigioso Royal College of Art di Londra. A Roger Dean, oltre che la realizzazione delle copertine dei dischi, dovettero pure la creazione del fortunato logo Yes. Queste copertine, fatte di paesaggi fantastici, con uno stile tra il fantasy e il New Age, costituivano un tutt’uno con i testi e la musica degli Yes, con i viaggi della mente tra il mistico e il visionario del cantante soprano maschile Jon Anderson, con il virtuosismo eclettico chitarristico di Steve Howe, con i giri vertiginosi di basso tecnicamente affinati di Chris Squire, con le tastiere del rinomato Rick Wakeman e con il drumming originale e intenso di Bill Bruford. 

Questa band di grandi musicisti, colti e raffinati (citando, ad esempio, Rick Wakeman, ex Strawbs, che si contenderà con Keith Emerson la palma di miglior pianista per decenni; oppure la famosa marca produttrice di chitarre Gibson che incenserà Steve Howe quale massimo interprete della chitarra rock) riuscirà a sviluppare quel celebre “Yessound” che lo contraddistinguerà e renderà famosi in tutto il mondo. La loro grande popolarità arriverà persino alla pubblicazione di libri in loro onore, uno su tutti: Fragile – La storia degli Yes di Chris Welch. 

Nel celeberrimo album Fragile, come si evince dalla copertina, la “fragilità” è data dalla rottura del pianeta Terra (con quella linea bianca che sembra una strada tortuosa) e dalla zattera-alata o barca a vela di legno che permetterà agli ultimi uomini di sorvolare e abbandonare la Terra distrutta. 

La filosofia di vita che sottende ai disegni di Roger Dean si rivela nella quasi assenza di figure umane, nella predilezione delle linee curve e nell’uso frequente di elementi paradossali (in altre copertine si noteranno rocce sospese in aria, cascate con direzioni dell’acqua non solo verticali), il che si coniugherà con i testi surreali e visionari degli Yes, come in Fragile si potranno udire: “Dillo alla Luna, non dirlo alla lepre marzolina…” e altri enigmatici passaggi in We have Heaven (Noi possediamo il Paradiso). 

Questa ricerca musicale è stata più volte esplicitata dal gruppo progressive rock inglese con la tensione “alla felicità interiore che fa sì che il Paradiso alberghi” o con la speranza di una nuova alba (in Heart of the Sunrise). La voce spaziale di Jon Anderson con il reiterato e acuto “Sharp-Distance” e gli effetti delle tastiere e dei sintetizzatori di Wakeman, hanno reso la musica degli Yes non solo difficilmente eguagliabile (per le caratteristiche tecniche e di ispirazione), ma anche irripetibile per il background del gruppo e il pedigree di ogni singolo componente. 

Fragile, a mio modo di vedere ancor più dell’album successivo, “Close to the edge” (Vicino al bordo), rappresenta la filosofia della band inglese, tra sogni onirici e voli mistici, alla ricerca di un senso di pace che superi la “fragilità” di un mondo e di un uomo vicini al bordo del precipizio.

Yes – Long Distance Runaround – Fragile 1971/1972 – YouTube

YES – Heart Of The Sunrise (Fragile, 1972) PART 1/2 – YouTube

 

HEART OF THE SUNRISE (Il cuore dell’alba)

Loves comes to you and you follow
L’amore ti arriva e tu lo segui

Lose one on to the heart of the sunrise

Ne perdi uno fino al cuore dell’alba

Sharp | Distance

Affilate | Distanze

How can the wind with its arms all around me

Come può fare il vento con le sue braccia tutte attorno a me

Lost on a wave and then after

Perso su un’onda e poi

Dream on, on to the heart of the sunrise

Sogna, fino al cuore dell’alba

Sharp | Distance

Affilate | Distanze

How can the wind with so many around me

Come può fare il vento con così tanti attorno a me

Lost in the city

Perso nella città

Lost in their eyes as you hurry by

Perso nei loro occhi mentre ti affretti

Counting the broken ties they decide

Contando i legami rotti che hanno deciso

Love comes to you and then after

L’amore ti arriva e poi

Dream on, on to the heart of the sunrise

Sogna, fino al cuore dell’alba

Lost on a wave that you’re dreaming

Perso su un’onda che stai sognando

Dream on, on to the heart of the sunrise

Sogna, fino al cuore dell’alba

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “La “crociata” degli Yes. Buona musica (molto) prima del covid”

  1. Ho scoperto gli Yes grazie ad un amico tanti anni fa e sono stato conquistato dalla assoluta novità e diversità delle loro composizioni pur non capendo nulla dei loro testi salvo qualche singola frase.
    Li ho sempre seguiti fino a riuscire finalmente ad assistere ad un concerto.
    Grazie Fabio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su