La dissoluzione della famiglia nella “nuova chiesa cattolica”  –  di Patrizia Fermani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

I due discorsi presinodali  tenuti da  Bergoglio, l’omelia del 4 ottobre e l’introduzione inaugurale  del giorno successivo, contengono l’intero protocollo vaticano di annientamento dell’etica famigliare e sessuale… l’etica individualistica del sentimento diventa l’unica legge regolatrice dei comportamenti nel nuovo umanesimo della compassione… è la scelta sostanzialmente relativistica, caldeggiata da tanta  teologia postconciliare che ha stigmatizzato la “pretesa” della chiesa di presentarsi come depositaria di verità assolute.

di Patrizia Fermani

.

zzzzbmbI due discorsi presinodali  tenuti da  Bergoglio, l’omelia del 4 ottobre e l’introduzione inaugurale  del giorno successivo, contengono l’intero protocollo vaticano di annientamento dell’etica famigliare e sessuale.  E tuttavia il suono di parole  accattivanti  e di frasi apparentemente e banalmente ineccepibili, è prevalso sul loro significato reale  e sulle intenzioni di chi le ha  preparate o pronunciate.  Molti si sono sentiti addirittura rincuorati,  rassicurati,  e convinti  di poter pensare  che  persino il  plateale spot pubblicitario  del rapporto sodomitico,  messo in onda in diretta dai sacri palazzi,  possa essere stato  del tutto  casuale e non faccia parte di un copione messo in piedi con studiata arroganza, per abituare la gente ad ogni cambiamento  attraverso le emozioni forti.

In realtà tutto il marchingegno sinodale è stato ideato come  una nuova costituente rivoluzionaria  che sul terreno cruciale dell’etica  adeguasse ufficialmente  la dottrina cattolica allo spirito del tempo, secondo  il principio  già formulato  dal Concilio, e che si è risolto di fatto nella  istituzione di nuova  religione.  Tale   principio di fondo, su cui ruota questa programmata  rivoluzione dottrinale,  era  stato espresso formalmente già un anno e  mezzo fa nel  primo instrumentum laboris  per il sinodo preparatorio 2014.  Qui, nella manciata di articoli che vanno dal 20 al 30,  è stata  infatti ripudiata  in via pregiudiziale la legge naturale,  quella  che dal punto di vista cattolico è la legge divina,  ed  introdotta  la  Grundnorm  del  nuovo assetto “costituzionale”, con un rinvio  espresso a quanto già proposto  nel 2009  dalla Commissione Teologica internazionale. ( La cronaca  di questi giorni  riferisce  che di tale commissione fa  parte il prelato  autore dello spot di cui sopra) .

In questi articoli si dice chiaramente  che trattando  di morale famigliare e sessuale il sinodo non potrà fondarsi sull’idea della legge naturale, perché anche dai questionari  questo concetto,  di contenuto assai incerto in ragione dei diversi sistemi di pensiero in cui è stato elaborato,  è risultato essere ostico o incomprensibile per i più.  Ma i questionari miravano ad ottenere proprio  un tale  risultato,  oscurando quello che è il significato della legge naturale  nell’orizzonte giudaico cristiano.

Essa  è la  legge di Dio riconoscibile dall’uomo per virtù di ragione,  ovvero,  secondo le parole di S.Tommaso, “partecipazione della legge eterna nella creatura razionale”.  È quanto della legge eterna che governa tutto l’universo può essere conosciuto dall’uomo con la retta ragione,  per diventare  norma  affidabile di comportamento.  La legge naturale nel suo  vero significato, l’unico valido per la Chiesa di Cristo,  è stata dunque  prima oscurata e poi  eliminata dall’instrumentum  laboris  per il sinodo,  quale criterio fondamentale di lavoro,  perché divenuta estranea alla  chiesa “dal basso”,  quella che registra gli orientamenti della gente e si guarda bene dal  guidarli secondo un  Principio superiore.

 Sullo sfondo c’è l’eliminazione definitiva, cara ai Kasper e ai Forte, della distinzione tra chiesa docente e chiesa discente,  ché anzi,  la chiesa deve essere ora  quella “che ascolta e impara”.

Questa premessa fornisce  la chiave di lettura di tutto il programma sinodale.  La legge divina non  è l’a priori  immutabile sul quale va misurato l’insegnamento della Chiesa e quindi La legge regolatrice della esistenza  dell’uomo, fondamento per una vita buona  comune, perché  la realtà dell’uomo  contiene già un codice per sé valido.  Il mondo autodidatta, cattolico in quanto capace di assorbire tutti e tutto, è esso stesso la chiesa che trasmette la fede apostolica in marcia con l’uomo.

Quello della morale sessuale e famigliare è il terreno privilegiato su cui proclamare l’abbattimento della legge naturale, perché qui la si può facilmente sostituire con l’etica individualistica del sentimento che diventa l’unica legge regolatrice dei comportamenti nel nuovo umanesimo della compassione. Inoltre, una  volta  messa da parte la legge divina, non resta neppure alcun criterio superiore di giudizio.  Ognuno ha il proprio  e uno vale l’altro, affinché   non venga violato il  dogma del pluralismo democratico.  Nessuno può più giudicare  come insegna Bergoglio ai giorni nostri, e insegnava una nota canterina degli anni settanta.  E questo nonostante la chiara lettera   di  GV, 7,24,  secondo cui non si deve giudicare secondo il proprio metro personale ma secondo il  giudizio giusto,  cioè secondo un criterio oggettivo di giustizia.    Che se anche la si volesse intendere come giustizia umana oggettiva, nella visione cristiana, deve essere sempre modellata sulla legge divina.

La scelta  sostanzialmente relativistica, è stata caldeggiata da tanta  teologia postconciliare che ha stigmatizzato la “pretesa” della chiesa di presentarsi come depositaria di verità assolute.  Tuttavia, una volta adottata questa prospettiva, rimaneva il problema, per una chiesa che si presenta ancora come  universale sul presupposto dell’universalità  del proprio annuncio,  di trovarsi  improvvisamente spogliata di questa sua forma  costitutiva.  Così è stato sostituita alla  universalità dell’annuncio cristiano fondato sulla legge divina,   quella dei “principi  generalmente riconosciuti”, con uno sguardo particolare  alle varie  dichiarazioni universali dei diritti.  Senza tenere conto che questi principi e questi diritti, dettati storicamente da  determinati poteri politici,  e quindi  ancorati  alla  loro  volontà  contingente, e ad una  certa visione del mondo,  possono trasformarsi, come si sono trasformati  puntualmente nel tempo, in strumenti per legalizzare condotte contrarie alla morale naturale.  E in questa prospettiva pericolosissima purtroppo non è mancato di porsi  anche in passato  qualche pronunciamento papale.

zzzz2klmldttSu questo sfondo  il nuovo cattolicesimo ha riformulato  il proprio  più importante   criterio di riferimento.  La  legge può essere sostituita dall’amore come comandamento e come criterio di giudizio: l’amore è ciò che deve muovere le azioni umane e il parametro sul quale  esse vanno quindi soppesate.  Non si tiene conto che se tutto va misurato sull’amore,  non ancorato a null’altro che a se stesso, viene introdotto immancabilmente l’ arbitrio del sentimento e dell’irrazionale.   È vero che l’amore si presenta come valore cristiano per eccellenza perché rappresenta il comandamento nuovo. Ma proprio perché è un comandamento nuovo,  presuppone tutti gli altri.  È l’amore che chiede l’obbedienza  ai comandamenti,  e pertanto non può essere  quello che li rimuove.   “Se mi amate osservate i miei comandamenti” dice Cristo obbediente alla volontà del Padre.

Ma destituire il Dio Padre legislatore per iscriverlo nella  telenovela moderna dell’amore senza frontiere, significa dissolverlo nell’uomo che  non si distingue  più per la forza regolatrice della ragione ma solo per la varietà delle emozioni.  Un uomo che dopo avere eletto i propri desideri a diritti, punta anche alla santificazione dei propri peccati.

Significa dissolverlo  nell’uomo che non trovando  limite ai propri desideri santificati, non avrà  neppure  la capacità di sollevarsi da essi per un  più alto progetto  morale e spirituale.  Un uomo incapace di  dare un senso al dolore  di fronte al quale si troverà senza la forza morale per  affidarsi ad una  volontà superiore.

Senza un Dio legislatore l’uomo non approda affatto come si vorrebbe a  quella felicità che pretende di garantirsi da solo.

Senza la legge e senza la dottrina cristiana, la rivoluzione dell’amore  diventa  la rivoluzione della compassione, la categoria che secondo la Arendt hispirò la rivoluzione francese come poi ispirerà quella  bolscevica.  E’ la rivoluzione  della chiesa di Bergoglio, di Kasper e di Forte, che guarda da una parte  alla religione civile dei “diritti umani” e dall’altra a quella tutta umana delle ragioni del cuore.

La compassione che aveva  giustificato  la violenza contro  gli oppressori,  nella rivoluzione  già avviata dal  Concilio,  assume il nome religioso di misericordia,  e mira ad  arrivare a poco a poco alla abolizione del peccato, cioè  alla abolizione della legge di Dio in nome di Dio.  Sappiamo che Bergoglio  a ragion veduta ha sottratto solo la corruzione alla propria  amnistia generale,  per il dovuto omaggio alla sensibilità del cittadino cattolico che professa la religione civile.  Ed è curioso rileggere, a questo punto,  quanto proclamato nella dichiarazione dei diritti proposta da Robespierre nel 1793 alla Convenzione: “ogni istituzione che non suppone il popolo buono e il magistrato corruttibile è viziosa”.

Dalle idee di fondo  sulle quali  è stata montata l’impalcatura del Sinodo,  fatti recenti hanno messo in luce due obiettivi specifici: la abolizione della indissolubilità del matrimonio cattolico, e la promozione della omosessualità a forma normale della sessualità. Lo hanno dimostrato, in modo palese, i due motu proprio emanati  poche settimane prima della apertura del Sinodo,  e la reintroduzione proditoria del tema della omosessualità, cassato dall’assemblea dell’ottobre scorso, nell’instrumentum laboris per la sessione definitiva ora in corso.  E che questi siano gli obiettivi dati da Bergoglio al Sinodo,  è emerso senza troppi veli  proprio dai discorsi  di Domenica 4 e lunedì 5 ottobre,  che contengono teoria e prassi di una nuova etica “cattolica”.

Nella omelia la teoria è esposta con i dovuti artifici retorici capaci di attrarre anche i diffidenti.  Se il sinodo mira a cancellare la condanna dell’omosessualità e a  infrangere la indissolubilità matrimoniale,  come era palese fin dalla formulazione dei famosi questionari, vengono utilizzate  anzitutto le letture bibliche che introducono il dramma della solitudine.  Viene messo l’accento più che sull’intervento  provvidenziale di Dio, quale emerge dal testo sacro,  sulla sofferenza  di chi ha subito l’abbandono  o comunque cerca un rimedio ad una condizione  esistenziale dolorosa.  Ma nella prospettiva di un Sinodo appena preceduto dai motu proprio che favoriscono lo scioglimento dei legami matrimoniali e di un instrumentum laboris che ha reintrodotto proditoriamente d’autorità la tematica della omosessualità, teoricamente estranea alla materia trattata, è legittimo  leggere in questo soffermarsi  sulla solitudine un motivo per giustificare i desideri  di chi aspira ad un nuovo legame matrimoniale o alla legittimazione della relazione omosessuale. Forse non è un caso, a tale proposito,  che nella istruttiva conferenza stampa inscenata dal teologo polacco si sia parlato il giorno prima dell’amore omosessuale come rimedio alla solitudine, rispetto alla quale la chiesa non dovrebbe  rimanere sorda.

Da notare anche come poco dopo venga  fatto un curioso riferimento al divorzio  quale causa di disgregazione della società, a poche  settimane dai famosi  motu proprio che incoraggiano di fatto il divorzio “cattolico”.

Si passa quindi al  tema della felicità: Dio ha creato l’uomo e la donna per la felicità che viene dal condividere  il cammino con un’altra persona. Anche questo passo può valere ovviamente per le aspirazioni sia  dei  divorziati che degli omosessuali, senza contare tutta la fasulla retorica del diritto alla felicità, cavallo di battaglia dei movimenti omosessualisti, che può rendere ambiguo il riferimento.   Ma ben più problematico è  il  richiamo successivo  alla indissolubilità. Infatti anche se viene preso l’abbrivo  dalle parole di Cristo pronunciate a proposito del divorzio, la indissolubilità  non risulta  riferita al matrimonio come ci si aspetterebbe,  ma al legame d’amore.

Ecco dunque squadernata tutta la distorsione moderna del matrimonio  concepito come unione affettiva e dunque legato alla durata aleatoria di questa. Una volta appoggiato il  matrimonio  sulla indissolubilità dell’amore e non del vincolo,  poiché la prima è una bella aspirazione ma di fatto rimessa all’alea del sentimento individuale, la solubilità del rapporto consegue ipso facto,  come  avveniva con il venir meno della maritalis affectio per il matrimonio romano contratto in forma libera.

Il  matrimonio  è stato sentito in tutte le culture come una entità ideale superiore alle passioni individuali  per il suo intrinseco valore sociale. Nella promessa iniziale gli sposi impegnano la volontà e il senso morale  assumendo un munus che trascende le rispettive individualità. La promessa è per sempre nel matrimonio cristiano, perché con  essa l’ndividuo impegna le proprie qualità superiori in vista di una finalità più alta. Di qui la solennità che accompagna questa scelta di vita.  Finalità sociale e culturale che il nichilismo diffuso ha spento dalla coscienza comune e dei singoli trasformando il matrimonio in una convivenza precaria perché legata al rapporto amoroso che, data anche la liberalizzazione dei costumi, è declinato sempre più sul piano della precaria intesa sessuale.

Se avessimo capito male, questa concezione è confermata nella successiva digressione sulla famiglia. Essa è tutta  imperniata  ancora sull’amore coniugale che per il Vescovo di Roma ha la “follia della gratuità”. Quella gratuità  sbandierata,  guarda caso,  proprio come la qualità principale dell’amore omosessuale che un pensatore di vaglia come  Veronesi,  in sintonia col cardinal Martini, ha definito “la forma migliore di amore perché non interessato”.

Poco dopo Bergoglio interpreta Mc 10,9 (l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto) come un invito a superare ogni forma di individualismo e di “legalismo”,  cosa questa che nasconderebbe la paura di aderire all’autentico significato della coppia e della sessualità umana nel progetto di Dio. Dunque  ancora un invito a seguire le ragioni del cuore?

Sono seguite citazioni ad pompam di scritti vari di Benedetto XVI, con dovuto richiamo alla verità. Solo che per quest’ultimo la verità è proprio quella che viene da Dio, mentre per Bergoglio è quella propria dell’uomo. Differenza  non di poco conto.

Alla fine  immancabili gli inviti a  non giudicare, all’accoglienza e alla  misericordia, e all’eterno  ospedale da campo in cui saranno ricoverati soprattutto i trasgressori.

Posta la base teoretica con l’omelia di Domenica,  con il discorso inaugurale del giorno dopo  Bergoglio passa ad esporre  come la nuova teologia della famiglia sarà realizzata in via istituzionale.

Nel suo genere un vero capolavoro.  Dice che viene ripresa la riflessione e il dialogo sull’Instrumentum laboris elaborato sulla relatio che ha concluso la prima fase sinodale, ma poiché nel testo attuale è stato reinserito il tema della omosessualità che era stato espunto per la forte  opposizione  interna dalla relatio finale ,  il riferimento suona irridente, o  meglio, come una sorta di  compiaciuto omaggio al proprio egotismo dispotico.

Segue il preambolo con il principio ispiratore della  nuova religione e della relativa teologia. “La fede non è un museo da guardare e nemmeno solo da salvaguardare” ma è “una fonte viva alla quale la Chiesa attinge per illuminare il deposito della vita”.  E poiché  si tratta di una fede in divenire misurata sulla realtà della vita (c.d.teologia delle cose terrestri già esaltata da B.Forte ) e siccome la Chiesa popolo di Dio illumina il deposito della vita con la fonte viva della fede, il circolo vizioso è saldato alla perfezione.

La legittimazione  dell’esito sinodale  è garantita  dallo Spirito Santo:  esso assiste il Sinodo il quale è parte della Chiesa tutta compresa nel Popolo di Dio che abbraccia pecore e pastori. Rende buona a priori  qualunque scelta finale, o meglio iniziale,  dato che come abbiamo visto, l’instrumentum è stato riportato esattamente al contenuto che si voleva avesse fin dall’inizio.

Perché non rimangano dubbi su quello che lo Spirito Santo è tenuto a patrocinare,  Bergoglio, citando se stesso,  gli ha tracciato il promemoria:  saranno debitamente ispirati solo i padri sinodali che avranno:

1) “il coraggio apostolico di portare vita e non fare della vita cristiana un museo di ricordi”.

2) l’umiltà  evangelica di non giudicare gli altri e sentirsi superiori ad essi

3) la capacità’di  lasciarsi guidare dallo Spirito Santo stesso che peraltro già guida il sinodo in quanto parte della Chiesa che è  compresa nel popolo di Dio.

L’agenda del Sinodo era in fondo già contenuta, come dicevamo all’inizio, in quel programmatico abbandono della legge naturale divina  che incoraggia la chiesa a non opporsi per nulla alle più recenti e distruttive istanze del secolo, quelle volte specificamente alla decostruzione totale della società attraverso il definitivo annientamento della famiglia.  Dietro a Bergoglio ci sono soprattutto Forte e Kasper,  che hanno curato  in passato ognuno per proprio conto,  i due aspetti fondamentali  di questa eversione dottrinale. Le posizioni di Kasper sui divorziati risalgono nel tempo,  ed è presumibile che abbiano ispirato i motu proprio volti ad introdurre la desacralizzazione del matrimonio e il venir meno del concetto di indissolubilità.

Bruno Forte ha elaborato già vent’ anni fa quell’idea del valore delle differenze,  che sarebbe banalmente ovvia  se non avesse acquistato il preciso significato di valorizzazione delle realtà omosessuali, in quanto varianti umane e troppo umane della sessualità. Su questo sfondo  la scelta della relazione omosessuale, condannata dalle scritture e dalle culture,  ha acquistato una legittimazione prepotente dalla teologia dell’amore, che tutto scusa perché è virtù specificamente cristiana, e dalla teologia delle realtà terrestri autogiustificate.  Anche del problema della solitudine che viene risolto nell’amore aveva trattato a lungo Forte in “La chiesa della Trinità”. Come abbiamo visto con il tema della solitudine  Bergoglio ha aperto l’omelia per il sinodo della famiglia.  Dell’amore  come rimedio cristiano per la solitudine ha parlato il prelato accasato in vaticano nel presentare in conferenza stampa la propria scandalosa scelta di vita.  Coincidenze innocue?  Forse non troppo.

 Resta comunque il fatto che  in questo oceano di aspirazioni terrene e di amori profani ,  di peccatori  mondati e di peccati cancellati, della compassione misericordiosa per ogni espressione dell’esperienza umana,  scompaiano del tutto le vittime del peccato altrui,  e quelle che pagano un prezzo  immane in ogni rivoluzione.  Il Sinodo della famiglia, se manterrà  le sue nefaste promesse,  non potrà sottrarsi ad una responsabilità enorme che sembra sfuggire ai suoi euforici  ideatori,  provvisti o meno di sigillo pontificio,  che nessun pensiero hanno riservato a quelli che saranno travolti  dai rottami di una chiesa in dissoluzione.

Insomma, sembra proprio che l’antica storia di Sansone vada minacciosamente a ripetersi a parti rovesciate.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

22 commenti su “La dissoluzione della famiglia nella “nuova chiesa cattolica”  –  di Patrizia Fermani”

  1. Questa attentissima e particolareggiata analisi della situazione in cui versa oggi la Chiesa a due settimane dalla conclusione del sinodo, apre gli occhi a chi, nella sua ingenuità, ancora crede e spera che possano prendere il sopravvento quelle posizioni che difendono la vera dottrina cattolica. Che sull’assemblea aleggi lo Spirito Santo non significa, purtroppo, che automaticamente Gli venga dato ascolto. Nonostante tutto, continuiamo a pregare, ché, professando la fede e proclamandola nella carità, non venga a mancarci la speranza.

  2. 8 dicembre 1854: Immacolata come Dogma.
    8 dicembre 1892: “Inimica Vis” di Leone XIII: “La setta massonica… agisce per abbattere le dottrine divinamente rivelate e sconvolgere la comunità cristiana”.
    8 dicembre 1965: messaggi del beato Paolo VI in chiusura del Concilio Vaticano II (in realtà, seconda parte del Concilio Vaticano del 1870, interrotto poco dopo l’arrivo dei Piemontesi).
    8 dicembre 2015: “finalmente”, dopo 50 anni di “ritardi”, la Neo-Chiesa può partire. Senza Matrimonio-Sacramento, cioè “finalmente” tutta clericale e tutta intellettuale e tutta di Opinione.

    1. Lei, Sig. Raffaele, ha evidenziato le interessanti “coincidenze” dell’8 dicembre. Mi permetta di ricordare anche queste riguardanti gli anni:
      – 1517: SCISMA LUTERANO
      – 1717: FONDAZIONE DELLA MASSONERIA
      – 1917: RIVOLUZIONE COMUNISTA RUSSA
      – 2017: ???
      Vorrei evitare di passare sempre per apocalittico, ma ritengo che i segnali della realtà che stiamo vivendo sono tanti, troppi per essere solo “semplici coincidenze”.
      Spero di sbagliarmi …e mi fermo qui.

      1. Sicuramente siamo in un frangente eccezionale, caro Ioannes.
        Ricordiamo l’esplicita definizione di “Cielo aperto sul Portogallo nel 1917” da parte di papa Benedetto, nel Suo pellegrinaggio a Fatima di cinque anni fa, e il riferimento al “preannunciato trionfo del Cuore Immacolato di Maria a gloria della Santissima Trinità”.
        http://w2.vatican.va/content/benedict-xvi/it/homilies/2010/documents/hf_ben-xvi_hom_20100513_fatima.html

        Tocca a noi vivere in questo tempo così lontano dalla “tranquillitas ordinis”. Facciamolo senza eccessivi turbamenti.

  3. E’ chiaro che il Sinodo è stato fortemente voluto dalla “Nuova Chiesa” serva del Nuovo Ordine Mondiale, tramite i vari Kasper, Forte, Galantino & Bros., figlioletti cresciuti con gli omogeneizzati del VaticanoSecondo …e i risultati si vedono!. Bisogna davvero essere “grulli” per non capire che i “2 Mitis”, ovvero i motu proprio di F1 sono sono solo il prologo di un copione già scritto per la Commedia cui tristemente e nostro malgrado assistiamo; interpreti: il Relativismo, il Buonismo e, dulcis in fundo, la primadonna Apostasia. Non sono coincidenze, sono vere e proprie bombe ad orologeria, come quella del cariXXXimo kamikaze-pervertito Mons. Charamsa. A proposito, al momento non mi risulta che sia stato radiato! …potenza della Misericordia?. Noi Cattolici, seppur “poveri peccatori” cerchiamo di guardarci in faccia e di riconoscere la realtà di questo penoso spettacolo, sarebbe almeno un inizio di quella reazione che MOLTI E NON TUTTI apettano! “Sancte Michael Archangele, defende nos in…

  4. Noi NON apparterremo MAI ad una Chiesa che dichiara lecita (anche se solo in casi limitatissimi) la Comunione agli adulteri e/o la sodomia e/o la contraccezione…non è da una “chiesa” simile che si può ottenere salvezza, anche perché, se si salva un sodomita impenitente o un adultero impenitente che riceve la Comunione sacrilega, perché non dovrebbe salvarsi anche un mafioso impenitente? O un usuraio impenitente? O un serial killer impenitente? E perché allora anche chi non appartiene, impenitentemente, ad una “chiesa” talmente apostata da aprire a ciò che Dio e il Magistero Perenne hanno proibito?
    Se avessero ragione, allora il peccato non esisterebbe più (la misericordina selettiva è una SOLENNE IDIOZIA) e non potrebbero vincolarci in nessun modo, tanto si salverebbero TUTTI ugualmente, sempre e comunque!
    Ma hanno TORTO MARCIO, ci si salva solo rispettando TUTTI i comandamenti, credendo nella VERA Fede e appartenendo all’unica Chiesa Cattolica, che NON può essere ciò che aprirà al mondo!

    1. Ma lei è out, sig. Diego, lo sa o no che solo i Giudei si preoccupano di rispettare i Comandamenti, a noi Gesù chiede di amare e di far festa perché tanto se anche non rispettiamo tutti i Comandamenti ci pensa Lui a salvarci, perché a Dio nulla è impossibile! Parole del mio “parroco”!!!

      1. Caro Alessandro, cosa posso dirle? Sono orgoglioso di essere out…pensi che il mio di “parroco”, nell’omelia sulla parabola dei 10 talenti, disse più o meno queste parole: colui che è stato punito lo è stato per il motivo che si sentiva schiavo e non figlio, per il fatto che ha avuto paura e che credeva ERRONEAMENTE che Dio mietesse dove non ha seminato e raccogliesse dove non ha sparso! Si salvano tutti coloro che si fidano di Dio e che capiscono che Dio è sempre misericordioso, non si salvano quelli che hanno paura di Lui e che credono che sia “un padrone che ci dà precetti”….siamo all’inversione totale, se le inventano tutte pur di contraddire il Vangelo e di fondare una nuova religione…come si può non volere essere OUT da tutte queste scempiaggini?
        Lasciamoli alla loro religione dell’uomo, anzi, dell’uomo empio e restiamo ben saldi e sicuri nella Chiesa Cattolica (ovviamente l’ideale sarebbe cercare di convertirli ma come si fa? Sono troppo accecati dalle false ideologie)!

        1. Pensi, caro Diego, alla mia frustrazione nel dover sentire queste cose la mattina e doverle condannare durante la catechesi del pomeriggio per non parlare della confusione dei bambini. Oggi non ce l’ho fatta ad andare a catechesi ero troppo demotivato. Durante la mattina infatti, tra battiti di mani, svitamenti di lampadine, il “parroco” ha persino commentato il Vangelo mentre lo stava proclamando(traduzione simultanea per gli stolti che prendono troppo alla lettera le Parole di Gesù). Per non parlare dell’elogio di don Milani come colui che ha seguito Gesù rinunciando a tutto(certo soprattutto alla Dottrina Cattolica). Come ovvio poi, in ossequio, al Giubileo della “misericordia riscoperta” ha pensato bene di coprire la Croce sul tabernacolo con un quadro del buon pastore. Del resto il nuovo Vangelo sembrerebbe essere: facciamo festa… Oh quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia, chi vuol essere lieto sia…che doman c’è un’altra festa!!! In attesa che la vera “festa” gliela faccia Satana….che intanto se la ride da matti!!!

          1. La capisco molto bene e devo dire che quei bambini sono MOLTO fortunati ad avere un catechista come lei…cerchi di non mollare, anche se dei momenti di demotivazione sono più che comprensibili…riuscire a strappare uno solo di quei bambini alle eresie buoniste-ecumeniste (e quindi a Satana) è una grandissima vittoria e, se anche non dovesse riuscirci, il solo tentativo le frutterà moltissimo merito davanti a Dio!
            Approfitto di questa risposta per comunicare a lei e a tutti gli altri utenti che volessero comunicare con me, che per quasi una settimana non avrò la possibilità di leggere e di commentare questo sito (e neppure tutti gli altri).

          2. Grazie di cuore, anche se credo che non potrò andare avanti per molto… finché il Signore vorrà, poi mi farò da parte!

        2. Sig. Diego è il “pecca fortiter sed crede fortius” del luteranesimo. In soldoni l’incitamento alla vita comoda. Sotto il profilo esistenziale il protestantesimo è anche questo. “Ma il comodo non è il vero e solo il vero è vita”. (Card. J. Ratzinger “Omelia per una cresima”)

  5. Bergoglio può anche tuffarsi fuori dalla barca e nuotare furiosamente verso il più vicino e insidioso mulinello…ma sarebbe un povero illuso se sperasse di essere seguito dai VERI cattolici…i cattolici degni di questo nome resteranno sulla barca, e non saranno certamente disposti a suicidarsi eternamente dietro di lui!

  6. Sembra già tutto programmato e temo che la maggioranza di coloro che si credono ancora cattolici non si stia accorgendo del disastro imminente. Signore pietà! Fulvia

  7. massimo trevia

    mi sembra questa la strategia:non attacco frontale alla dottrina,ma dire che”l’uomo è cambiato”,per cui ha bisogno di un approccio diverso dottrinalmente.e noi che invece cerchiamo di adeguarci alla verità della chiesa di sempre,dobbiamo(più o meno così ha detto il papa l’altro giorno),”accogliere”.io non accolgo proprio niente!!!!!!!

    1. Se ci fa caso, gentile Trevia, questo concetto dell’accoglienza è stato trasferito già da un bel po’ nella liturgia del matrimonio dove gli sposi nel pronunciare la loro promessa dicono “io accolgo te…” e non più “io prendo te…”. Non è per essere puntigliosi, ma accogliere mi sembra assai diverso da prendere perché prendere significa “diventi mio, un tutto con me stesso”; tanto è vero che marito e moglie diventano una cosa sola: “tu sei me ed io sono te” se si potesse dire più semplicemente riassumendo il senso del sacramento che gli sposi celebrano. Se ti accolgo, invece, ti faccio spazio, vieni a vivere insieme a me:cosa del tutto ben diversa. Ma forse sbaglio, ché sono solo sottigliezze linguistiche di chi ha sempre da ridire e va di continuo a cercare il pelo nell’uovo.

  8. Articolo e commenti da incorniciare. Ha ragione da vendere Sig. Diego: questi vorrebbero appena abolire di fatto i dieci comandamenti! Cosa da nulla! Poveretti. Che Dio e la Santa Vergine ci salvino da costoro. Giorgio

  9. Fabio Lorevite

    Sono preoccupato;molto preoccupato.
    Sembra di assistere all’ibridazione “Fede/Ragione”; Bergoglio sembra stia dando più “ragioni”( per “accogliere”, recepire il cambiamento dell’uomo(quale!!?) che Canoni, Principi e Comandamenti.
    Dall’altra parte ci si affretta a dimostrare di aver Fede lo stesso(quale!!?) ed, in nome di un amore che tutto purga, ci si vuole avvicinare – per non dire “conquistare”- al trono di Dio.
    Ma soprattutto, qui, torna la Volontà umana, anche solo nell’atto di prendere in considerazione la possibilità di tale ciclopica trasmutazione, e non la VOLONTÀ DEL PADRE NOSTRO.
    Che il Signore abbia pietà e ci conduca illesi attraverso queste ( possibili e nuove ) fiamme.

    1. Sig. Fabio, penso che l’attuale Pontefice, in quanto Pastor Pastoris dovrebbe (purtroppo devo usare il condizionale) occuparsi innanzitutto della SALVEZZA DELLE ANIME di tutto il suo Gregge, ma visti i fatti voglio pensare che gli stia molto a cuore almeno la salvezza dell’anima di Scalfari, di Pannella, della mammana Bonino, di Morales, etc.

  10. il Beato Paolo VI chiuse il Concilio Vaticano II ma non fu cambiata la morale. Oggi al Sinodo si mette tutto in discussione, emergono opinioni fuorvianti da parte del Papa e di Vescovi. La Verità è una sola non divisibile, anche la morale non è divisibile, preghiamo perché questo sia recepito dal Papa e dai Vescovi e da tutto il popolo.

  11. Non devono stupire certi accadimenti, soprattutto quando si è beneficiati della fede e della luce dello Spirito. Il nemico odia due cose e queste tenta di distruggere: la famiglia e il sacerdozio, perché il sacerdozio amministra il nettare, la medicina suprema, il Preziosissimo Sangue di Nostro Signore. Non vi accorgete di come la situazione stia degenerando attraverso un’accelerazione? Ha poco tempo e lo sa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su