La dura parte del cattivo. Non salvare i bambini? – di Roberto Pecchioli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Da cattivi, pessimi elementi, diciamo la nostra prima che la virtuosa dittatura del Bene ce lo impedisca definitivamente… considerazioni su Save the Children e altro, avendo a mente che non abbiamo il dovere di suicidarci.

di Roberto Pecchioli

.

zbmbn“Io non sono razzista, ma…”. Inizia invariabilmente così ogni conversazione di chi vorrebbe dire la verità sull’immigrazione e sugli autentici sentimenti dell’uomo normale di fronte alla dissoluzione della propria identità ed alla violazione del proprio spazio territoriale.  E’ un incipit difensivo, perdente, timoroso della reazione altrui, tipico di chi si sente già sconfitto nella guerra delle parole, come se i suoi naturali convincimenti fossero un male, o addirittura una manifestazione di malvagità. Colpa della volgare mistificazione di tutto che subiamo ogni giorno. Quindi non è opportuno partire da una giustificazione così balbettante e  paurosa, excusatio non petita, per rivendicare la parte dei cattivi.

Osiamo affermare che c’è bisogno di cattivi, giacché l’intero campo è occupato dai buoni, in gran parte finti, e dai bene intenzionati, peggiori dei primi, che pronunciano sentenze ovvie con il dito alzato ed atteggiando la bocca a sedere di gallina . In tal modo si salvano l’anima e rimangono saldamente dalla parte della ragione. In una strofa molto bella di “Dio è morto”, Francesco Guccini, quasi mezzo secolo fa, cantava: “Il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto, l’ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto, è un dio che è morto”.

Da cattivi, pessimi elementi, diciamo la nostra prima che la virtuosa dittatura del Bene ce lo impedisca definitivamente.  In questi giorni, in molte cassette della posta si trova una busta che racchiude un’elegante e presumibilmente costosa brochure dal titolo Salviamo i bambini in mare , con all’interno la tessera non richiesta di una di quelle virtuose ONG –  organizzazioni non governative – che spargono il bene per l’universo mondo. Gli indirizzi sono precisi, l’iscrizione mai sollecitata, ma tesserarsi al “bene” è un atto dovuto.  Parliamo di Save the children, salviamo i bambini, e chi potrebbe essere contrario, salvo qualche anziano bilioso infastidito dai loro giochi sotto le finestre . Invece no, ed un briciolo di cattiveria gioverebbe alla verità.

Da una rapida ricerca in rete, apprendiamo che Save the children è attiva dal 1919, su iniziativa di una caritatevole signora inglese traumatizzata dalle sofferenze dei bimbi nella prima guerra mondiale; che, non ne dubitavamo, gode del riconoscimento dell’ONU, il più grande bacino artificiale del Bene, ed ha salvato migliaia e migliaia di minori. Congratulazioni vere, chapeau anche da un cattivo impenitente !

Eppure, eppure, vien voglia di dire “noi non siamo malfidati, ma…”. Invece, siamo malfidati, pur se Dio sa di quanto aiuto abbia bisogno il figlio dell’uomo, sfruttato nel lavoro, oggetto di abusi sessuali, usato per abominevoli trapianti di organi, esposto a sostanze stupefacenti di ogni tipo, impedito di nascere attraverso la pratica banalizzata dell’aborto, non così amato nel corso dei tempi, come dimostrò nell’ultimo suo libro l’antropologa Ida Magli,  strumento di potere per adulti che se ne fanno scudo per gli affaracci loro.

Cattivi sì, ma non temerari, non affermiamo in nessun modo che Save the children o altri siano sfruttatori delle sofferenze dei minori. Qualche considerazione da bastian contrari ce le vogliamo permettere, da dissidenti, o da pessimi elementi (vi  ricordate B.A. Baracus, detto “Pessimo Elemento”, il gigantesco personaggio pieno di pendagli dorati della serie televisiva A –Team ?).

La prima, ovvia e, lo ammettiamo, un po’ demagogica riflessione è relativa alle spese, indubbiamente ingenti, per la propaganda, per il bel pieghevole a colori ricevuto in molte case, per i nomi importanti di signori e signore non certo povere che dirigono l’organizzazione e che, vivaddio, si priveranno di molto, moltissimo, per salvare i bambini sotto l’alto patronato dell’ONU (si dice così, ma non si è mai capito che significhi). Scusate la brutalità popolana, ma vorremmo meno depliants e più minestre, e vale per tanti, tanti altri, specie per i molti che di bene parlano assai, ma si ritraggono inorriditi quando è necessario fare qualcosa di personale, immediato e concreto per il vicino di casa, non per lo sconosciuto dello Sri Lanka o del Burkina Faso.

I benemeriti salvatori di Save The Children possiedono una nave, Vos Hestia. Armarne una costa milioni e milioni, e poi l’equipaggio, provviste e dotazioni, le tasse di stazionamento, i mille certificati del registro navale. Come Greenpeace, altra accolita dedita al Bene Universale, devono maneggiare tanto denaro, e le loro burocrazie interne non saranno certo formate da volontari intrepidi. La brochure ci informa che la nave Vos Hestia è presente, dal 7 settembre scorso, nelle acque internazionali del Mediterraneo per partecipare alle operazioni di ricerca e soccorso a mare della nostra Guardia Costiera, ergo per alimentare l’invasione d’Europa e d’Italia. I numeri sono da capogiro: nel corso dell’anno sono già sbarcati oltre ventimila minori, dei quali il 90 per cento non accompagnati. Gli esseri umani vanno rifocillati dopo aver loro salvato la vita, evidentemente, ma, filantropi come siete, avete riflettuto sul perché 20.000 minori abbiano attraversato da soli mezza Africa, poi siano stati caricati su imbarcazioni pronte all’uso nella libera e pacifica Libia ed altrove, e da chi ?

Non sarebbe il caso di impedire, ancor prima di quelle degli adulti, le partenze dei bambini? Quali schifezze si celano dietro il fenomeno, chi lo paga, alimenta, organizza ? E perché mai dovremmo caricarci di altri ospiti indesiderati, o Signori del Bene? La vostra non richiesta propaganda parla di fuga da guerre, persecuzioni e povertà, e canta la nuova, ma già collaudata canzone del “salvataggio di profughi”. Dunque, meglio sarebbe concentrare le risorse  delle ONG – evidentemente notevoli – in Africa, esigere blocchi navali che limitino ed impediscano le partenze, fermare le vie dell’emigrazione, imporre, con lo scudo nientemeno dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, politiche diverse da quelle del Fondo Monetario e della Banca Mondiale che depredano i popoli, restituire a bambini ed adulti la speranza di vivere nella propria terra. Dopo quello alla vita, l’altro diritto fondamentale negato, nel Regno dei Buoni, è quello di non emigrare, restare nel proprio ambiente, e lì vivere con dignità secondo costumi e tradizioni.

Non possiamo solo “salvare”. Intanto, il bieco cattivo segnala il trasbordo ideologico imposto dal linguaggio mediatico. Non ci sono più clandestini, ma migranti o profughi anche in assenza di guerre, e l’invasione è chiamata salvataggio. Ovvio, solo delle belve feroci disapproverebbero chi trae a riva, e salva. Solo militaristi ostinati potrebbero stupirsi del ruolo da bagnini dei soldati della Marina e dell’uso delle navi grigie come traghetti . Frattanto, se hanno voluto una nave, i salvatori con brevetto ONU sapevano bene, e da tempo, che cosa bollisse nel calderone africano. Perché non ci hanno implorato di salvare i bambini dall’emigrazione, dall’abbandono da parte di genitori e governi, dai pericoli e dalle porcherie che avranno già visto e, ahimè, vissuto ?

Nella cortese lettera allegata alla brochure, il direttore generale per l’Italia di Save The Children  cita una sedicenne nigeriana che dice : “Ho deciso di fuggire in Italia per costruirmi un futuro migliore”. Povera ragazza, temiamo per lei che il futuro non sia granché neppure qui, ma intanto, lei ha deciso anche per noi, la nostra opinione non vale nulla, ha creduto a fior di mascalzoni che sfruttano e, incidentalmente, rendono invivibile anche l’Italia, e l’Europa, per lei e per noi.

Chi avrà un cuore tanto indurito da non voler salvare i bambini? Hanno individuato il punto debole, specie in un popolo che vezzeggia cagnolini ma non ha figli, che si commuove facilmente per tutto, ma poi passa oltre a farsi i fatti suoi. Ha versato qualche lacrima a buon mercato, magari ha lasciato il suo obolo via SMS, si è congratulato con se stesso per la bontà e sensibilità, maledicendo  i razzisti cinici e perfidi, e poi, via, ad immergersi nella quotidianità armato di pugnale, veleno e maldicenza.

Non si chiede mai, il Buonista Globale , chi organizzi e paghi i viaggi, tenuto conto che per quei miseri le cifre di cui si parla per partecipare alla carovane sono enormi, quali siano le motivazioni vere, come mai dei bambini e dei ragazzi siano per il mondo da soli. Il naviglio dei Buoni incrocia nel mediterraneo meridionale e raccoglie chi può: lo esige il diritto della navigazione e, prima, la qualità di esseri umani. Ma non basta, e soprattutto, questo non dissipa il sospetto che varie Organizzazioni Non Governative siano complici del dramma epocale, magari attraverso finanziatori così potenti che i loro nomi possono essere solo sussurrati (il noto benefattore Soros è della partita?).

L’immigrazione, specie quella legata a movimenti così potenti ed intensi, è una tragedia per chi parte, ma è un dramma anche per chi “deve” accogliere, sotto pena di essere accusato di qualsiasi nefandezza ed al prezzo di non essere più padrone di ciò che ha ereditato, costruito, amato. Chi ha sfruttato, alimentato guerre, fomentato spoliazioni comodamente seduto negli uffici di comando dei grattacieli, chi è complice tra i popoli martoriati, non compare, ma detta la morale, attraverso i ben pagati servizi di politici, intellettuali, ecclesiastici, nuovi e vecchi approfittatori.

Non ci stiamo, non ci stiamo più. Se loro sono i buoni, noi rivendichiamo l’onore di essere i cattivi. Forse non salviamo bambini, ma certamente non li avremmo mai messi nella condizione di schiavi, carne da macello, merce di scambio, soggetti del ricatto. Ma noi non siamo anime belle, nel senso romantico ed auto celebrativo del termine. Tentiamo, con alterni risultati, di restare esseri morali, e di amare il prossimo, a partire, appunto, dai più vicini, dai “nostri”. Ma non ci faremmo mai schermo, come i poteri forti, dei più sfortunati e dei più sfruttati, per distruggere contemporaneamente, con l’immigrazione selvaggia, i paesi di chi viene fatto partire e quelli di destinazione.

Siamo tanto cattivi che non fondiamo finte cooperative e organizzazioni caritatevoli, né armiamo navi. Non nascondiamo che il nostro cuore è per i terremotati fratelli nostri, per loro daremo il sangue senza esitare, a Save the Children o a chiunque altro. Agli altri, Dio abbia misericordia anche di noi empi, daremo se potremo, se ne resta.

Non abbiamo il dovere di suicidarci. Comincino le anime belle, insieme con i mistici  dell’accoglienza, ed alzino le natiche dalle loro comode poltrone le élite che dirigono il Bene dopo uno sguardo al listino di Borsa, al costo della manodopera ed al Nuovo Ordine Mondiale, di cui ignorano tutto bambini ed adulti prima gettati nell’alto mare aperto, e poi, “rari nantes in gurgite vasto”, salvati, deportati e posti a carico nostro.

Ci siamo seduti, noi cattivi, dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati. E’ una frase di Bertolt Brecht, il drammaturgo tedesco con il cuore dalla parte comunista del muro ed il portafogli in quella capitalista. Un’ abitudine piuttosto comune, tra i buoni…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

21 commenti su “La dura parte del cattivo. Non salvare i bambini? – di Roberto Pecchioli”

  1. giorgio rapanelli

    Fantastico articolo! Ho capito dell’inganno di tutti quelli che fuggono da guerre e carestie. Oddio, una percentuale bassa ci sarà pure, come quando tra la merce mediocre nei supermercati si mettono alcuni prodotti pregiati. Chi ha visto chi è in mezzo a guerre e carestie nota che hanno un aspetto denutrito, dimesso. Non sono in carne e in salute come quelli che vengono con i gommoni, che magari forano quando sanno che stanno arrivando i salvatori, chiamati con i telefonini. Ciò che mi schifa sono quelli – chierici e laici – che su questa invasione hanno organizzato una clerico-mafia, camuffata da carità. Poi ci sono quelli che soffiano la loro “misericordia” sugli sprovveduti cittadini, che si ritroveranno in una tragedia a causa di questa invasione afro-musulmana, che potrebbe essere armata legalmente come truppa mercenaria. Esagero? Già c’è stato un ministro del governo Letta, uomo della Trilaterale e del Gruppo Bilderberg, il quale propose di dare la cittadinanza a chi tra i migranti avesse fatto il servizio militare. Avrò letto bene? Però, conosco gli Africani.

  2. giorgio rapanelli

    Il piano occulto (Kalergi a parte) è di rendere instabile l’Italia e l’Europa. Siamo sicuri che i Potentati che governano il mondo vogliano un’Europa unita, indipendente dai Blocchi ed autonoma politicamente? Ciò che mi disturba è che il Bergoglio abbia messo l’imprimatur su questa oscura invasione. Con ciò si dimostra in accordo con le Potenze mondiali che stanno derubando l’Africa delle sue ricchezze, grazie a governi inetti, ladri e all’occorrenza pure criminali. La salvezza degli Africani sarebbe ritornare sotto un colonialismo solidale con essi, oppure con governi in collaborazione con i “bianchi”, o con gli Occidentali, come sta avvenendo in Sud Africa, dove, ad esempio, Città del Capo è amministrata da un governo formato da bianchi e da neri..
    Una cosa che mi sorprende è che i minori fuggono da soli. Ricordo che un tempo i bambini erano la ricchezza dell’Africa e venivano difesi e mai abbandonati. Oggi, rimangono orfani? Vengono venduti? Che fine fanno? Se ne interessa il Papa? I seminari si stanno aprendo? Continuerà la Chiesa cattolica ad avere l’8 per mille

  3. Nella città in cui vivo mi capita spesso di passare dalla Questura e ogni volta sono in fila decine di clandestini: il 90% è in carne, sorridente, giovane, ben vestito e non supera apparentemente i 30 anni. Un altro 9% magari ha un requisito mancante di quelli sopra esposti. Ah dimenticavo: il 90+9 è sempre costituito da maschi che tutto paiono tranne che rifugiati o profughi!
    Che Paese di idioti che abbiamo!

    1. Un Paese governato dalla massoneria internazionale tramite dei prestanome, dei burattini manovrati a distanza, supini ed obbedienti a tutte le schifezze e le sopraffazioni che ci vengono imposte da chi ci governa nel’ombra (veri servi di satana, questi massoni, che Dio li punisca severamente !).

  4. Un distillato di chiarezza. Brutale, magari, ma almeno chiaro; se non altro per chi vuole difendersi ma è un po’ debole in dialettica.

  5. Annarosa Berselli

    Non do nulla a Save the Children dopo che, tempo fa, ho visto il TV la loro pubblicità colpevolizzante. Si vedeva una bambina lacera e la voce fuori campo diceva:
    Questa sera, quando vai a letto, pensa alla povera bambina del terzo mondo, che rovista nella discarica, con le mani piagate, e può andare imcontro alla sua ultima notte,
    perchè è una schiava sessuale……fai un’offerta! Niente male, per raccogliere soldi e magari affermare che li abbiamo dati per sgravarci la coscienza, svegliata dal loro
    populismo terzomondista…..la mia coscienza è sveglia, ed ho già i miei poveri!!!!

  6. Temo di essere uno dei cattivi: tanto che, leggendo l’articolo, ho via via trovato ben espresse un sacco di cose che da tempo mi bollono dentro in modo vago e imprecisato. E’ la bontà obbligatoria, comandata dai pochi (furbi) ma con i soldi e l’impegno dei tanti (altri).
    Non vorrei andare fuori argomento, ma in parallelo non riesco a non pensare al signore vestito di bianco che a suo tempo inveì talmente da riuscire a convincere molti del dovere morale di farci invadere; dopo un po’ fece il bel gesto televisivo di portare in Italia un gruppetto di musulmani (ma cattolici con le “carte in regola”, frase sua, non ce n’erano proprio?), più o meno “profughi”, che per inciso mi piacerebbe sapere a spese di chi sono sfamati adesso (oppure si saranno “integrati” in una bella cooperativa? ce ne sono tante e floride); e adesso, pare dico pare, si permette di dire che magari bisogna stare un po’ più attenti ad “accogliere” tutti. Peccato che, in questo fremito sociale, sia del tutto dimenticata, ove non irrisa, la missione di guidare ciascun uomo alla salvezza della propria…

  7. In un meraviglioso articolo di Maurizio Blondet era allegata la foto di alcuni scheletrici africani . Il titolo era come mai non arrivano “questi ” ? Detto questo ho sentito stamattina dalla rassegna stampa del Radiogiornale della Lombardia che i nostri “creativi” giudici lombardi hanno dato lo status di rifugiato anche a chi non ne aveva il diritto 1) a chi fuggiva da nozze combinate ed imposte (sic !) 2) era “perseguitato perché amava gli occidentali CD compact disk ,si avete capito bene. 3) era perseguitato perché amava le occidentali partite di calcio….si avete capito bene….e poi sappiamo benissimo che viene accordata la “protezione umanitaria” per mille disparati motivi…..gli unici baluardi che ci sono rimasti sono il VOTO (Lega Nord) e la preghiera del cuore perché arrivi presto il trionfo del Cuore Immacolato di Maria.

  8. Dimenticavo: notare la (in)coerenza bergogliona: clamorosa inversione a U nella sua autostrada del disfacimento socio-politico-religioso-etico-morale: ora con i migranti ci vuole prudenza… a’ France’, ma chi ti prende piu’ sul serio??? Vedasi dizionario: voce “ipocrisia”.

  9. Una testimonianza. Ieri sera mia madre ha incontrato per le vie del paese una persona malmessa e disperata. Era il nipote di un famoso burattinaio, oggi si direbbe “artista di strada”, che ha rallegrato intere generazioni di bambini con i suoi spettacoli. Dopo aver fatto il mestiere del nonno per un po’, constatato il calo di pubblico dovuto al rimbambimento generale dei pargoli moderni, si era messo a far l’operaio. Ma poco tempo fa la fabbrica ha chiuso e lui, a 50 anni, senza più genitori e senza moglie, se ne sta solo e povero nel piccolo appartamento di famiglia. Disperato perché la sua residua dignità non gli permette di chiedere l’elemosina, si rivolge a Comune e Caritas. Fa la fila con i “rifugiati”, ai quali vengono garantiti da entrambi gli enti vitto, alloggio e diaria. Arrivato il suo turno, si sente dire sia dallo Stato che dalla Chiesa che non gli spetta nulla, perché ha un appartamento. Deve disfarsene e restare nullatenente se vuole aiuto. “E’ l’unica cosa che ho”, dice a mia mamma piangendo. Lei decide di aiutarlo e mandare a quel paese il finto buonismo.

    1. E’ noto: alle “risorse” profughi = 41 euro/giorno (ai “dicolore” magari spocchiosi con cellulare e sigaretta in bocca!)
      recente: ai terremotati = 25 euro/giorno
      Governo vergogna!!!
      PRIMA GLI ITALIANI, PRIMA NOI!

  10. Luca Checcucci

    Si sa che per rimpolpare l’economia, in ogni tempo, si è scatenato una guerra. È il sistema più banale e funzionale per raggiungere lo scopo. Ad un’economia che stagna, ad un mercato che langue, perché nel mondo occidentale, abbiamo comprato anche tutto il superfluo possibile, necessità una scossa, per consentire ai soliti e pochi di continuare ad ingrassare, (che se ne faranno poi di tutti quei soldi Dio solo lo sa).
    La guerra fatta coi migranti, anziche’ con le bombe, è per adesso meno crudeltà, ma lo diventerà, e dal caos che ne conseguira’, i soliti trarranno profitto. I soliti furbi che contano sui soliti coglioni (buonisti), che pur di essere sul carro del politicamente corretto, sono contenti di prostrarsi a pi greco mezzi pur di apparire dei ganzi.
    Se ragionassero un pochino, lo capirebbero che è tutta una manovra anche a loro danno.
    Non è vero che c’è crisi di natalita’ perché la madre degli imbecilli è sempre più incinta.

    1. …quindi non saremo sconfitti solo dal ventre delle donne degli islamici (come hanno detto loro stessi), ma anche dal ventre della mamma degli idioti!

  11. Vero, purtroppo! Tragicamente vero!
    Resta l, problema di fondo come riuscire prendere per gli stracci i responsabil di questa immane cloaca, e scaraventali er strada senza prebende e senza vitalizi.

  12. Gentile Roberto,
    in relazione alle spese di raccolta fondi, la informiamo che destiniamo ai progetti il 78% delle donazioni, e solo il 22% è usato per altri costi, compresa la raccolta fondi.
    Quanto al “fermare le vie dell’emigrazione” evidenziamo che tra le nostre richieste alle istituzioni europee c’è anche quella di garantire ai migranti, in particolare ai minori, vie di accesso sicure e legali per non alimentare le reti di trafficanti che li espongono a enormi rischi.
    Ciò detto, sottolineiamo che la nostra mission è salvare i bambini.
    In caso di disastri o crisi umanitarie, infatti, facciamo qualsiasi cosa per raggiungere fino all’ultimo bambino che ha bisogno di aiuto.
    Siamo determinati a salvare questi bambini, dato il numero sempre crescente di vittime in mare (più di 3.500 nel 2016). È quindi importante contribuire alle operazioni di ricerca e salvataggio coordinate dalla Guardia Costiera Italiana per salvare e proteggere in particolare mamme e bambini, anche soli, che sono una presenza numerosa tra i migranti e sono i più esposti e vulnerabili.
    Cordiali Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su