La “Festa della Famiglia naturale” è una realtà

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzfmnclLe nuove feste non sono solo di importazione come la paganeggiante “Halloween” o il consumistico “Black Friday”: è stata da poco istituita (anche se solo in Veneto) la cristianissima “Festa della Famiglia naturale” che precede di qualche giorno le feste del S. Natale e della Sacra Famiglia, e che si rende necessaria per contrastare l’aria di dissoluzione che sta da troppo tempo spirando contro la ragione e la legge naturale.

Infatti la finalità – esplicitata nella delibera della Regione – è espressamente quella «di chiedere al Governo, per le finalità e i contenuti, la non applicazione del documento standard per l’educazione sessuale in Europa redatto dall’ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità».

Siamo arrivati al punto di dover dimostrare che l’erba è verde e che due più due fa quattro, per citare Chesterton, poiché il relativismo a senso unico imperante vuole distruggere il fondamento della società, ossia la famiglia, partendo dall’insegnamento nelle scuole, dove “approfitta” di fatto dell’assenza dei genitori.

In Veneto, grazie al lavoro del consigliere leghista Arianna Lazzarini, vice-capogruppo della Lega Nord ed alla sensibilità dell’assessore Elena Donazzan, già da questo dicembre sarà istituita dunque la “Festa della Famiglia naturale”, fissata con cadenza annuale nell’ultimo giorno di lezioni prima delle vacanze per il S. Natale.

Tale festa è strettamente legata all’impegno di attivarsi per respingere il “Documento standard per l’educazione sessuale in Europa” che su indicazioni dell’OMS e dell’Unar propone fin dall’asilo nido concetti come la masturbazione infantile precoce e l’identità di genere.

«La Festa – dichiara la Lazzarini – si terrà nelle scuole ogni anno nell’ultimo giorno utile prima della pausa natalizia, per rinnovare nelle coscienze di tutti il valore della famiglia naturale quale unico e insostituibile nucleo per lo sviluppo e la crescita dei bambini. Saranno coinvolte istituzioni locali, associazioni, insegnanti, studenti e famiglie, senza spesa alcuna per nessuno degli Enti. […] Si tratta di valori umani e naturali inclusivi, che possono essere difesi da tutti, laici e cattolici. Quanto al Documento Standard, la delibera impegna la Giunta a respingerlo anche alla luce dell’articolo 26 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, che attribuisce ai genitori la priorità nelle scelte educative dei loro figli. È assurdo infatti che negli ultimi mesi a molti alunni sia stato imposto questo Documento sconvolgente fin dagli asili, nonostante la contrarietà di papà e mamme».

L’assessore Elena Donazzan, pur smorzando i toni («siamo di fronte ad una decisione a favore di valori in cui crediamo ma assolutamente non contro chicchessia»), ha sostenuto, nel rispetto di chi la pensa diversamente, il diritto a pretendere «a nostra volta il rispetto per la famiglia naturale e per chi, come noi, la considera fondamentale soprattutto per accompagnare la crescita equilibrata e consapevole dei figli. Non a caso abbiamo scelto la scuola e l’ultimo giorno prima delle vacanze di Natale per il loro alto valore simbolico».

La delibera verrà ora trasmessa a tutti i presidi e anche agli Enti Locali. Inoltre, come si è accennato, è espressamente previsto l’impegno per il governo del Veneto di sostenere presso il governo nazionale la non applicazione del Documento Standard per l’Educazione Sessuale in Europa, redatto dall’Ufficio Europeo dell’OMS, che mira a distruggere il concetto di famiglia tradizionale, anche attraverso l’uso di termini come “genitore 1” e “genitore 2” al posto di “padre” e “madre”.

«Indebolendo e alterando il concetto di matrimonio – hanno concluso la Donazzan e la Lazzarini – si potrebbe mettere in discussione l’intero sistema di protezione e promozione della famiglia. Riteniamo invece che è nella famiglia naturale che la persona non solo viene generata, ma progressivamente viene introdotta, mediante l’educazione, nella comunità umana». (G.d.A.)

.

fonte: Corrispondenza Romana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “La “Festa della Famiglia naturale” è una realtà”

  1. OTTIMA NOTIZIA!
    Ora è bene prepararsi ad un assalto mediatico, e magari anche fisico: non credo che i centri sociali e gli attivisti gay/lgbt abbiano gradito e se succederà come è successo con le sentinelle in piedi bisognerà usurfruire del giusto diritto alla legittima difesa!

  2. Altro che Olanda o Svezia, voglio andare a vivere in Veneto! Coraggio, che poi dovrebbe essere la normalità (… e che si doveva gridare sui tetti di Strasburgo …). Nelle altre regioni si deve vigilare sui vari corsi di “affettività”, per i quali, se chiedi informazioni, nessuno sa niente! Il fidanzato di quella giulia di annozero che ha invitato le femen, tale pif o pig, fa una trasmissione su un canale per giovani dove, estasiato, promuove le unioni gay: 2 papini- che si fanno chiamare con vocale finale diversa, un figlio ciascuno con due ovuli diversi e due incubatrici femmine diverse, scuola disponibilissima a raccontare favole con 2 elefanti e animali vari dello stesso sesso (pardon “genere”), guai a nominare la parola mamma mamma … mamma … mamma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su