La lezione di Gustave Thibon: Dopo la modernità la Tradizione – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“Quando piango sulla rottura di una tradizione è soprattutto all’avvenire che penso. Quando vedo marcire una radice ho pietà dei fiori che seccheranno per mancanza di linfa. (Gustave Thibon, L’uomo maschera di Dio.)

di Piero Vassallo

.

zzzzil realismo dell'incarnazione COPL’Occidente postmoderno è agitato e tormentato da due convergenti e associati vizi di pensiero: un’oscura, sotterranea e implacabile avversione alla verità cristiana e una ecumenica indulgenza nei confronti delle più abbaglianti adorazioni del progresso e/o del regresso.

In altre parole: la religione cattolica, alterata e stordita dal tuffo conciliare nel vuoto soggiacente alla finestra buonista, risorge davanti alla porta di una modernità sfondata dai contrari segnali della storia.

I progressisti rinculano nascondendo la sterilità del loro pregiudizio, puntualmente ridicolizzato da Gustave Thibon: “tutto ciò che non appartiene all’eternità appartiene al tempo perduto”.

 Il progresso meccanico dell’Europa corre in direzione dei vicoli ciechi tracciati dall’impotenza laicista al cospetto dell’islam e affumicati dal fuoco crepuscolare alimentato dalla tradizionale stupidità dei politicanti americani.

Di qui la ritornante attualità degli impavidi pensatori cattolici e/o reazionari [1], che hanno tentato di arrestare la forsennata corsa della Francia, motrice laica, democratica e progressiva dell’Occidente, verso il traguardo dal gauchismo e/o dalla neo-destra: il patibolo costruito dai laicisti in vista della decapitazione della civiltà cristiana.

.

Alla intrepida/irriducibile aristocrazia reazionaria appartiene Gustave Thibon (1903-2001), il filosofo contadino, al quale il molisano Nicola Tomasso ha dedicato un dotto e pregevole saggio, Il realismo dell’incarnazionepubblicato in questi giorni nella collana della teatina Tabula Fati.

L’autore sostiene che Thibon è attuale perché dimostra che la fede cattolica è capace di risolvere, senza compromettersi con le suggestioni emanate dal falso ecumenismo, il dilemma che tormenta la Cristianità contemporanea: “Non abbiamo che la scelta tra i due termini di questa alternativa: restaurare, mediante l’armonia un ordine vivente o lasciarci imporre un ordine morto o mortale da una forza senz’anima che annichilirà tutte le altre!”

Nell’euforia ronzante nel vaniloquio dei nuovi teologi, nella patetica convinzione di poter battere l’ateismo e addomesticare l’invasione islamica, Thibon vede il risultato“delle virtù allo sciroppo, alla salamoia o al bagnomaria, che uccidono la fecondità al fine di ritardare un poco la corruzione”.

Intorno alle tenerezze mentale dei teologi aggiornati si squadernano puntualmente gli effetti della nevrosi moderna: “non si sa più aspettare, ci si precipita fino all’estremo limite di tutte le possibilità di godimento. … Una tale fretta è indizio di un profondo esaurimento del carattere”. In sintonia con Thibon, Tomasso sostiene che tutti gli orrori totalitari discendono dalle dolci illusioni a monte della sanguinaria rivoluzione giacobina.

Al seguito delle tragedie al seguito della farsa del 1789, sta l’odio degli immoralisti conto il paterno principio di autorità, e con esso la rovente avversione al senso comune: “da un lato si diffonde una incapacità nel classificare razionalmente Dio, dall’altro si mette in discussione l’esistenza di princìpi universalmente validi e quindi inevitabilmente di valori universalmente validi”.

Puntualmente Tomasso rammenta che tale diagnosi svela la necessità “di una riappropriazione da parte dell’uomo delle radici spirituali e terrestri, di un recupero dei legami tradizionali e del rapporto tipico tra uomo e terra”.

Il ritorno al realismo della terra “questo perpetuo controllo del fatto sull’idea”, è la via d’uscita dal vicolo cieco battuto dalla ideologia schizofrenica, infatti “il panorama che la modernità ci offre è una separazione arida: da un lato una corsa sfrenata verso la novità, una agitazione ansimante verso il cambiamento, l’adesione a ideologie mortifere e luciferine; dall’altro una schiera di sepolcri imbiancati, che credono di realizzare il regno di Dio su questa terra”…

.

[1] Maurice Bardèche, Charles Maurras, Georges Bernanos, Etienne Gilson, Réginald Garrigou-Lagrange, Paul Claudel, Gabriel Marcel, il primo Jacques Maritain ecc. In Italia le idee del cattolicesimo antimoderno furono interpretate dal filosofo Cornelio Fabro e dagli scrittori Giovanni Papini, Domenico Giuliotti, Piero Bargellini, Guido Pallotta e Niccolò Giani.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

1 commento su “La lezione di Gustave Thibon: Dopo la modernità la Tradizione – di Piero Vassallo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su