La melassa avvelenata del pensiero unico  –  di Pucci Cipriani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L’imprtante è adeguarsi. Il Cavaliere nel suo triste viale del tramonto guida Forza Italia all’omologazione con il pensiero unico omosessualista, tanatofilo e animalista. Ma se nemmeno la Chiesa difende più il diritto naturale, cosa dovrebbe fare la (ex) Destra?

di Pucci Cipriani

.

zzconfDunque in Italia ormai è cosa fatta: la società multietnica e multiculturale – laicistica, voluta dai “poteri forti” e occulti del mondialismo, sembra essere la meta agognata da tutti e stanno cadendo – quando non siano già cadute – le contrapposizioni tra le varie forze che si stanno sempre più omologando, trasformandosi in una melassa di buonismo sentimentalistico in cui tutto si confonde e si perde. Il Capitalismo e il Marxismo sommano il peggio di quanto disgraziatamente hanno dato e si sono trasformati in un “capitalcomunismo” modello cino – amerikano…dimenticando i “Laogai” che pur esistono ancora in Cina e la mancanza di tutela delle famiglie e del singolo che negli Usa ha raggiunto l’apice, come del resto nella Cina.

E  questo nuovo modello sincretistico e “omologante” privo di ogni valore morale non ha più punti di riferimento o “Stelle polari”. Per esemplificare il mio discorso faccio l’esempio dell’Italia. Ormai sono caduti, da tempo, i “muri”, per cui non c’è più una differenza sostanziale tra Destra e Sinistra, in quanto la Destra ha rinunziato a quello che, un tempo, si diceva il “pensiero forte”, che contemplava la difesa dell’ordine, della famiglia , insomma del Diritto naturale e richiedeva una politica di giustizia sociale che esprimesse una collaborazione tra le varie classi sociali e non uno scontro permanente (“Lotta Continua”); la sinistra d’altro campo ha abdicato a quella che , una volta, era, se non altro, la sua “tensione morale”, nella difesa delle classi meno abbienti (“i lavoratori”) …Le leggi che vengono attualmente varate, (si ricorda ancora con raccapriccio la così detta “Riforma Fornero”), con l’accordo tra il PD e Forza Italia, tendono a togliere ogni tutela ai lavoratori infierendo proprio sui più deboli come i pensionati o i giovani costretti ad accettare umilianti “contratti a tempo” e a sposare battaglie impopolari -nonostante la sponsorizzazione dei “media” come quella per l’utero in affitto o il matrimonio sodomitico con tutte le sue drammatiche conseguenze

. A questo si aggiunga lo “smantellamento dello stato sociale” che, sia pur affetto da “burocratismo acuto”, ha funzionato da noi per tanti anni.

Il “mondialismo”, con la sua assurda pretesa di accogliere tutti a casa nostra, sta trionfando e, addirittura, è Forza Italia (dopo il fallito tentativo del defunto, almeno politicamente, Gianfranco Fini – Tulliani) a chiedere la “jus soli” (principio per cui verrà data automaticamente la cittadinanza a chiunque nasca sul suolo italiano) in contrapposizione alla “jus sanguinis” …

Penso che tutti abbiano notato il cambiamento di Forza Italia (il partito appoggiato, in buona fede, per vent’anni, dalla maggioranza degli italiani quale “baluardo” al pensiero unico laicistico delle sinistre) a cominciare dal nuovo “cerchio magico” che si è formato da tempo intorno all’ex Cavaliere.

Un cerchio magico e un’orchestra – diretta dalla sua concubina – e che tra i suonatori vede i soliti lestofanti, nani, ballerine, suffragette, trans, personaggi che sembrano usciti – rigenerati come i vampiri – dai sepolcreti dove, fino ad oggi, li aveva cacciati il voto degli italiani.

Guardiamo un personaggio come Alessandro Cecchi Paone, il candidato forzista pluritrombato – e non credo che se ne sia doluto più di tanto – che aveva iniziato la sua campagna al Parlamento Europeo mostrando, come spot pubblicitari, immagini di personaggi che lo “gradivano”, a cominciare da una foto di Bergoglio. A Cecchi Paone, nonostante la naturale antipatia del personaggio, va dato atto di una cosa : di parlare chiaramente e di dire cose che gli altri non dicono o non hanno detto. Infatti il sunnominato personaggio, ad una domanda postagli su “unioni gay, adozioni interne e jus soli ” risponde “papale, papale”, è proprio il caso di dirlo  :

“La svolta c’è ed è molto importante…per la Carfagna, che è già stata l’autrice di quella bellissima (sic) campagna contro l’omofobia…La svolta..c’è…soprattutto rispetto al PdL dove la componente cattolico – integralista e post fascista era talmente pesante che niente altro si poteva fare”.

Ed ancora, alla domanda se il partito non si possa spaccare su temi (quelli “eticamente sensibili” n.p.c.) così complessi e delicati, risponde che lui, per dieci anni, pur in minoranza, è stato l’uomo che Berlusconi ha voluto, sui suoi giornali e sulle sue televisioni, a interpretare il ruolo più avanzato dal punto di vista liberale; insomma sono stati nemici i cattolici come l’orco Gasparri.

Infine – dulcis in fundo – Cecchi Paone, l’icona più gettonata del mov.LGTB (lesbische – gay – trans – bisex), alla precisa domanda se su Berlusconi stia incidendo l’effetto Bergoglio così risponde:

“Non sui laici come me (l’influenza di Bergoglio n.p.c.), però indubbiamente su chi ha una forte sensibilità vaticana ha avuto un’influenza enorme. Se personaggi come la Gelmini o la Polverini sono favorevoli a questa svolta liberale verso i diritti civili è perché abbiamo un Vaticano che ha posizioni completante diverse. Berlusconi ha detto con una battuta : ‘Noi siamo sempre stati papisti, adesso c’è un papa che ci dice che sulle regole deve prevalere l’amore”.

(Cfr. Andrea Barcaroli su “Intelligo” : “Svolta FI, Cecchi Paone (FI) : “Ora cattolici-integralisti e post fascisti da noi in minoranza…”)

Intanto il quotidiano di casa Berlusconi  da tempo batte la grancassa e si è messo in sintonia con il mondo laicista (attenzione alla mammana Bonino alle prossime Elezioni presidenziali, quando – e non potrà certo essere tra molto data la veneranda età – il nostro beneamato Presidente Napolitano si deciderà ad andarsene), giura e rigiura che a lui si debbono le prese di posizioni come quella della lotta all’omofobia che ha fatto da battistrada ai vari Scalfarotto, mentre il “Direttore ombra” Vittorio Feltri impera con i suoi fondi sulla difesa della razza “animale”, sui cagnolini senza genitori…e a favore dell’eutanasia. Tutto è pronto. L’altro quotidiano di (ex) Destra, “Libero”, risponde alla grancassa di Feltri con il tromboncino di Maurizio Belpietro e in un editoriale apparso oggi mette il sigillo alle parole di Alessandro Cecchi Paone:

tempi ed esigenze sono cambiati e dunque occorre adeguarsi alle nuove mode e ai nuovi trend. In molti a questo proposito sono stupiti e accusano Berlusconi di essersi bevuto il cervello. Secondo i critici il Cavaliere sarebbe ostaggio di un gruppetto di signore capitanate dalla giovane Francesca Pascale che lo avrebbero trasformato da alfiere della famiglia a pedina di chi la famiglia la vuole mandare in pensione per fa posto alle coppie gay…Adesso che neanche il Papa si oppone a una soluzione per persone dello stesso sesso, che dovrebbe fare il Papa del centrodestra? Rimanere fermo a fare la guerra dopo che anche le truppe vaticane hanno smobilitato? Se non se la sente il Pontefice di fare da argine alla famiglia tradizionale  lo può fare un signore che ha divorziato due volte? Ovvio che no …E a sua volta Forza Italia che avrebbe dovuto fare ? Lasciarsi sospingere un po’ più a destra per fare la fine del vecchio MSI tutto patria e famiglia?… l’ex presidente del Consiglio prova ad apparire più moderno…”

(Cfr. Maurizio Belpietro :”Perché Silvio cavalca i diritti omo” in “Libero” del 25 ottobre 2014)

Insomma il ragionamento di Maurizio Belpietro non fa una grinza : se il Capitano Schettino lascia la nave che deve fare l’equipaggio?

A parte l’apostasia nella Chiesa, i frutti della nuova evangelizzazione e della “Misericordina” si fanno sentire – come c’era da aspettarsi –  anche in campo politico, e non solo in Italia. Del resto quando si afferma che “non esistono principi non negoziabili”, quando si afferma che gli antiabortisti e i difensori della famiglia sono “fissati”, quando si pigliano a manganellate quei sacerdoti e quei vescovi che difendono l’ortodossia, quando si convocano Sinodi per distruggere la famiglia e attaccare i Sacramenti (Matrimonio, Confessione e Comunione) cosa ci si aspetta? Che un signore ottantenne che ha perso la testa per una ragazzina più giovane di lui di dieci lustri e che ormai è “preda” della sua concubina, che invita ad Arcore il transessuale Luxuria,  indossi l’armatura e parta per la crociata?

Ha ragione Belpietro : l’ex Cavaliere si adegua e si modernizza…poco importa che i suoi elettori lo abbiano abbandonato e sia passato da oltre il quaranta per cento dei voti a poco più del dieci…e ancora l’emorragia continua.

Come dicevamo, l’importante è adeguarsi…tanto meglio se con la benedizione papale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

11 commenti su “La melassa avvelenata del pensiero unico  –  di Pucci Cipriani”

  1. Il pensiero unico omosessualista, tanatofilo e animalista si diffonde perchè la maggior parte delle persone accetta acriticamente quella che crede sia l’opinione della maggioranza e l’opinione, vera o presunta, dei VIP (politici, personaggi dello sport e dello spettacolo, personalità ecclesiastiche).
    C’era una sorta di equilibrio quando i preti e i vescovi si comportavano come tali, poi sono diventati sempre più lassisti e sono spuntate le prime leggi aberranti, ora moltissimi tacciono e molti remano contro e ciò si manifesta con un’avanzata della perversione a ritmi impensabili fino a due anni fa.
    In questo periodo di tenebre tocca soprattutto a noi laici difendere e diffondere la Fede, da persona a persona, riconquistando un’anima alla volta: ciò non fermerà la decadenza ma forse la rallenterà un pò, in attesa che un nuovo San Pio X faccia sentire la Sua autorevole voce, ma se anche ciò non dovesse avvenire avremo almeno salvato la Fede e fatto il nostro dovere!

  2. Piero Vassallo

    sesso con protesi lignee, pensiero con suggestioni canine – escogitazione omo-papiste – scalfari padree della chiesa modernizzante – scalfatorro santo subito – risultato: delirio – bau bau bau buh – il liberalismo americano latra a Milano … la mamma partigiana che blocca le SS sul tram surreale … Fini … Gaucci… Alfano – il lupetto Lupi – la padrona di dudù “pensa” e discetta — insomma: tenerume (la mente si scioglie) e vira i direzione della discarica, la pochade attivata dalle protesi) -senilità: anche il pensiero funziona per mezzo delle protesi – la politica indirizzata all’incontro con la bonino e con Giacinto Panella – buon diverttimento con il fiore del male – Petrolini ha scritto il copione della politica italiana – eliogabalo è alle porte

  3. giorgio rapanelli

    Manderò in giro l’articolo. Ma desidero dire due cose: la prima, Bergoglio si è sostituito a San Paolo; la seconda, cosa si aspetta ad organizzare il Partito Politico Cattolico?

  4. Un vero cattolico non può accettare, in merito alle unioni omosessuali, frasi come questa”: Noi siamo sempre stati papisti, adesso c’è un papa che ci dice che sulle regole deve prevalere l’amore”. Quale amore? Quello innaturale? Quello che travalica il comandamento divino? Oggi, e ne sono felice, il sacerdote della mia parrocchia ha ricordato, nella sua omelia, che l’uomo è libero soltanto se segue la volontà di Dio. Praticare l’amore, qualsiasi amore, deve dunque rientrare in tale ambito. I miei amici parrocchiani hanno chiaramente udito dalla voce di quel servo di Dio che aborto, divorzio, eutanasia, unioni omosessuali, sono esecrabili, in quanto offendono Cristo. Tale evento mi ha fatto riflettere sul fatto che nella Chiesa esiste chi non intende rinunciare a combattere il peccato. Il cristiano deve essere sì misericordioso, ma non permissivo o debole innanzi a chi vorrebbe snaturare la dottrina cristiana. La battaglia è ancora in corso.

    1. L’amore più grande è la Carità: nessuna forma di amore è completa e buona se non è basata sulla Carità!
      Un’amore basato sulla Carità vuole AVVICINARE AL PARADISO la persona amata.
      L’ “amore” che c’è fra una coppia omosex, essendo basato su uno scambio reciproco di peccati mortali, è assolutamente privo di Carità: è soltanto eros, passione: niente che abbia a che fare con l’Amore cristianamente inteso (lo stesso si può dire delle relazioni adulterine, dei conviventi e degli sposati solo civilmente): se ci fosse Carità la salvezza eterna propria ed altrui sarebbe così prioritaria da far cessare ogni rapporto carnale.
      La frase da Lei giustamente condannata, ha il seguente significato:”Noi siamo sempre stati papisti, adesso c’è un papa che ci dice che sulle regole deve prevalere la LUSSURIA”.
      Bisogna amaramente constatare che fra la maggior perte dei cattolici, gerarchie comprese, il significato della parola “amore” è sconosciuto!

  5. Onore al merito di Pucci Cipriani che parla chiaro e chiama le cose per nome, come deve essere. Analisi perfetta del misero cavaliere ormai senza cavallo su cui troneggia invece la sua fulgente compagna ben servita e riverita dai vari cecchi paone e consimili e da tutta l’ omologata consorteria giornalistica. Evviva la modernità!

  6. Che analisi ineccepibile! E di conseguenza molto sconfortante!
    Chi voteremo? Ci vorrebbe il partito CATTOLICO indicato dai commentatori di Riscossa
    Cristiana, ma non c’è, almeno per ora..
    Allora ci rimangono Fratelli di Italia e Lega. O NCD?
    Salvini è stato abbastanza criticato su questo sito, però in casa mia e quindi io ci siamo
    sempre basati su questo principio: votare per un governo la cui “maggioranza” (cioè
    anche se non tutti) sia inamovibile riguardo ai famosi VALORI NON NEGOZIABILI (che
    per il vescovo di roma non esistono dato che tutti i valori sono uguali..).
    E anche per una maggioranza che sia favorevole ad impedire decisamente l’ attuale
    pazzesca immigrazione: quindi che venga almeno impedito lo sbarco di clandestini, in
    modo che ci possano essere controlli medici, ecc.
    Perché altre leggi che non vanno bene ci saranno sempre, ma il partito perfetto non credo
    potrà mai esistere.
    Grazie per questo articolo molto chiarificatore, caro Pucci Cipriani!!

  7. Nessuno ricorda quale fu il primo atto di Fini dopo avere rotto l’alleanza con Berlusconi ? Vi dice nulla il Yad Vashem ?
    Pensate ad un Berlusconi traditore degli ideali di F.I. ? Cosa significa liberismo ? Date uno sguardo allo squallore quasi pornografico del Giornale o di Libero. Sarebbero questi i quotidiani che si rivolgono ad un popolo di destra ???
    Aprite gli occhi sugli attori degli accordi del c.d. Nazareno e guardate al metodo che Renzi ha utilizzato ed utilizza per l’accaparramento del potere e la distribuzione degli incarichi agli affiliati – fratelli della Leopolda….E’ più chiaro ora ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su