“La rabbia” – prima parte

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Estate 1962, Giovannino Guareschi è un giornalista cinquataquattrenne famoso in tutto il mondo. Uno scrittore geniale, ma troppo ingombrante per finire come opinionista in qualche giornale di regime. Aveva acquistato una casa in perenne costruzione, un po’ di terra e svariate macchine agricole che però doveva mantenere. Per farlo conosceva il metodo di sempre, il lavoro.

Accetta così di prendere parte a una pellicola prodotta dall’Opus Film, nella quale Pier Paolo Pasolini e Giovannino Guareschi avrebbero dovuto rispondere a questa domanda: «Perché la nostra vita è dominata dalla scontentezza, dall’angoscia, dalla paura della guerra, dalla guerra?».

L’idea del produttore è di accostare, mettendole a confronto, due idee opposte del mondo, della vita e della storia. Visioni diverse, certo, ma in qualche modo equiparabili, pensa.

Pasolini e Guareschi lavorano da soli, ognuno per conto proprio e ognuno pescando nel proprio mondo. Il risultato è molto diverso da quel che ci si aspettava: il primo tempo, scritto Pasolini, non riesce in alcun modo a reggere il confronto con il secondo, riservato a Guareschi. Là dove il poeta condanna il suo tempo rifugiandosi in un mondo arcaico, inneggia alle grandi rivoluzioni del pianeta aspirando a una redenzione su questa terra per opera dell’uomo e asseconda una retorica già vecchia negli anni Sessanta, il padre di Mondo piccolo delinea con lucidità impressionante cause e effetti della crisi dell’uomo moderno regala ai posteri una visione ancora fresca, ancora attuale del mondo e della storia. Guareschi non affida all’uomo il compito di redimere se stesso, ma a Dio e alla fede in Lui. Gesù Cristo è l’unica salvezza possibile contro il male di vivere, contro l’angoscia, contro la guerra e la paura della guerra. Un Gesù Cristo che si è fatto uomo per noi e che va rimesso al centro di ogni cosa, perché tutto possa tornare al suo posto: cinquant’anni fa, oggi, sempre. Basta guardare gli spezzoni del film che vi riproponiamo a partire da oggi per capire che può solo essere così.

La rabbia (1963) – i primi minuti della parte di Giovannino Guareschi

Conclusione della parte di Guareschi ed epilogo del film
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su ““La rabbia” – prima parte”

  1. Tiziano Raggi

    Ho sempre sentito parlare di questo film, ma non l’ho mai visto. Questa è una buona occasione per colmare la lacuna. Attendo le altre puntate perché mi pare molto interessante.

  2. Elena De Palma

    Meno conosciuto rispetto al resto della produzione guareschiana, ma fondamentale. Comte tutto quello che ha scritto Guareschi sul nostro tempo non invecchia anzi è sempre di attualità. Grazie per avercelo riproposto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su