La Russia scandalizza l’occidente satanico perché dove è forte e retta l’autorità spirituale è forte e retta anche l’autorità civile

C’è una ragione che spiega il differimento di qualche giorno nella pubblicazione delle parti più significative del discorso con cui il Presidente Vladimir Vladimirovič Putin ha presentato la firma dei trattati di ammissione alla Russia di Lugansk, Donetsk, Zaporizhzhya e Kherson. Abbiamo atteso di vedere se le tante, tantissime, persone di buona volontà che hanno tratto conforto e fiducia da quanto ascoltato compissero il passo successivo, suggerito dalle parole e dal tono utilizzati dallo stesso Presidente: trovare il riscontro di quelle parole e di quel tono nelle parole e nel tono con cui parla l’autorità spirituale in terra russa. Pochi, pochissimi l’hanno fatto, e questo la dice tristemente chiara sullo stato in cui versa la desistente autorità spirituale delle desolate lande occidentali, ridotta alla totale insignificanza su ciò che le dovrebbe essere proprio. Ormai più nessuno, in questa parte del globo, guarda agli esponenti religiosi come a guide attendibili quando sono in gioco questioni cruciali per l’uomo e il suo destino. E questo spiega anche perché la politica occidentale è genuflessa davanti a quella che Putin ha definito una religione satanica: dove si ritira il Bene giunge inevitabilmente il Male. Non così in terra d’Oriente. Se il presidente di una grande nazione come la Russia smaschera senza timori e in diretta planetaria il principe del mondo e i suoi servi, ciò significa che l’autorità spirituale, in quella nazione, non ha abdicato al suo ruolo. Gli effetti si vedono e forse ci si dovrebbe riflettere con un po’ di attenzione. Come piccolo contributo a tale riflessione, facciamo precedere i passi più importanti del discorso di Putin da quanto il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Sua Santità Kirill, ha detto il 6 settembre durante la Divina Liturgia nella festa di San Pietro di Mosca. Riportiamo in proposito l’articolo pubblicato dal blog della Parrocchia Ortodossa di Torino con il titolo “La Russia è un’isola di libertà nel mare in tempesta di una moralità cancellata”. (a.g.)

*** *** ***

La Russia è un’isola di libertà nel mare in tempesta di una moralità cancellata

San Pietro di Kiev e Mosca è stato al timone della Chiesa ortodossa russa nel momento storico più doloroso, all’inizio del XIV secolo, quando la nostra terra era calpestata e saccheggiata dai nomadi mongoli. La capitale Kiev era in cenere e il suo metropolita trasferì la sua sede nella piccola e modesta città di Mosca. Da quel momento in poi, il Principato di Mosca iniziò a prendere il potere e alla fine condusse l’intero paese alla libertà e all’indipendenza, da un insieme di tribù rurali sparse a una nazione.

Il 6 settembre, quando la Chiesa osserva la memoria del santo metropolita san Pietro di Kiev e di Mosca, il patriarca Kirill ha celebrato la Divina Liturgia al Cremlino di Mosca, dove san Pietro fu sepolto quasi sette secoli fa. Nel suo sermone il patriarca ha detto:

“…Questo atto di San Pietro è stato provvidenziale: la città di Mosca, nonostante sia stata due volte conquistata dai nemici, non si è mai piegata al nemico e non ha mai rinunciato al suo posto di capitale della Russia. Mosca è stata un luogo di coraggio, determinazione, amore per Cristo, amore per la Patria e amore per la Chiesa. Ancora oggi, questa maestosa cattedrale dedicata alla beata Vergine Maria, la principale cattedrale della Santa Rus’, costruita secondo il progetto del santo, testimonia le grandi gesta e la straordinaria intuizione del metropolita Pietro, che qui stabilì la sua sede.

Oggi, come ai tempi di san Pietro, siamo minacciati da molti pericoli. Allora erano i nomadi che attaccavano la terra della Russia, la derubavano, uccidevano persone e distruggevano le opportunità economiche del paese; ma anche oggi, come tutti sappiamo, non c’è pace sul pianeta Terra. E un ministero molto speciale, senza dubbio per volontà di Dio, è ora affidato a questa città e al nostro Paese.

In effetti, la Russia è in grado di resistere alle forze aliene, atee e anticristiane. Quelle forze che puntano il loro pungiglione contro i cuori umani, per farci perdere la nostra capacità di distinguere il bene dal male. Il concetto di peccato è ormai fuori dal vocabolario politico: impongono un nuovo modello di comportamento, sostenendo che il bene è ciò che vogliono loro. Ma quando il cosiddetto mondo civile, nel complesso, riprende questa idea, la Russia, proprio come in passato, ha il coraggio di disobbedire. Dobbiamo attenerci alle nozioni di bene e di male, non per interessi politici o per ambizione di qualcuno, ma per quella legge morale che Dio ha posto nelle nostre anime, nella natura umana.

Che Dio conceda che la città madre di Mosca possa rimanere un’isola di libertà in questo mondo turbolento, per guidare il mondo nella resistenza a qualsiasi tentativo di confondere il bene con il male e per assicurarsi che virtù e peccato siano chiamati con i loro giusti nomi. Possa Dio concedere che la fede cristiana ortodossa, il nostro amore per la Patria, la nostra resistenza ai nemici, sia visibili che invisibili, guadagnino sempre forza.

Allora rimarremo vivi come cristiani e la nostra Patria resterà libera e indipendente. E se sarà così, rimarrà allo stesso modo la speranza della salvezza”.

*** *** ***

Dal discorso del Presidente Vladimir Vladimirovič Putin per la firma dei trattati di ammissione alla Russia di Lugansk, Donetsk, Zaporizhzhya e Kherson.

L’Occidente è disposto a tutto pur di preservare quel sistema neocoloniale che gli permette di parassitare, in sostanza di derubare il mondo a spese del potere del dollaro e del dettato tecnologico, di riscuotere un vero e proprio tributo dall’umanità, di estrarre la principale fonte di ricchezza non guadagnata, la rendita egemonica. La conservazione di questa rendita è il loro motivo chiave, genuino e assolutamente egoistico. Ecco perché la totale de-sovranizzazione è nel loro interesse. Da qui l’aggressione agli Stati indipendenti, ai valori e alle culture tradizionali, i tentativi di minare i processi internazionali e di integrazione che sfuggono al loro controllo, le nuove monete mondiali e i centri di sviluppo tecnologico. Per loro è fondamentale che tutti i Paesi cedano la propria sovranità a favore degli Stati Uniti.

(…)

Voglio sottolineare ancora una volta: è l’avidità, l’intenzione di mantenere il proprio potere illimitato, la vera ragione della guerra ibrida che l’”Occidente collettivo” sta conducendo contro la Russia. Non vogliono che siamo liberi, vogliono vederci come una colonia. Non vogliono una cooperazione paritaria, ma una rapina. Vogliono vederci non come una società libera, ma come una folla di schiavi senz’anima.

Vedono il nostro pensiero e la nostra filosofia come una minaccia diretta per loro, ed è per questo che attaccano i nostri filosofi. La nostra cultura e la nostra arte sono una minaccia per loro, quindi cercano di vietarle.

(…)

Da tutte le parti si sente dire che l’Occidente sostiene un ordine basato sulle regole. Da dove vengono? Chi ha visto queste regole? Chi li ha negoziati? Guarda, questa è solo una sciocchezza, un inganno totale, un doppio o triplo standard! Sono semplicemente progettati per gli sciocchi.

La Russia è una grande potenza millenaria, un Paese di civiltà, e non ha intenzione di vivere secondo queste regole truccate e fasulle.

È stato il cosiddetto Occidente a calpestare il principio dell’inviolabilità dei confini e ora decide a propria discrezione chi ha diritto all’autodeterminazione e chi no, chi non ne è degno. Non è chiaro perché lo decidano, né chi abbia dato loro questo diritto. Non è chiaro a loro stessi.

(…)

Le élite occidentali negano non solo la sovranità nazionale e il diritto internazionale. La loro egemonia è di natura decisamente totalitaria, dispotica e di apartheid. Dividono impudentemente il mondo in vassalli, in Paesi cosiddetti civilizzati e in tutti gli altri che, secondo i disegni degli odierni razzisti occidentali, dovrebbero entrare nella lista dei barbari e dei selvaggi. Le false etichette – “Paese canaglia”, “regime autoritario” – sono già in atto, stanno marchiando interi popoli e Stati, e non è una novità. Non c’è nulla di nuovo: le élite occidentali sono rimaste tali e quali – colonialiste. Discriminano, dividono i popoli in prime e altre classi.

Non abbiamo mai accettato e non accetteremo mai questo nazionalismo politico e questo razzismo. E cos’è, se non il razzismo, la russofobia che si sta diffondendo nel mondo? Che cos’è, se non il razzismo, l’indiscussa convinzione dell’Occidente che la sua civiltà, la sua cultura neoliberale, sia il modello indiscutibile per il resto del mondo? “Chi non è con noi è contro di noi”. Sembra persino strano.

Anche le élite occidentali spostano il pentimento dei propri crimini storici su tutti gli altri, pretendendo dai cittadini dei loro Paesi e delle altre nazioni che si scusino per qualcosa con cui non hanno assolutamente nulla a che fare, ad esempio per il periodo delle conquiste coloniali.

(…)

Da secoli i Paesi occidentali affermano di portare libertà e democrazia alle altre nazioni. È esattamente il contrario: invece di democrazia, è oppressione e sfruttamento; invece di libertà, è schiavitù e violenza. L’intero ordine mondiale unipolare è intrinsecamente antidemocratico e non libero, è falso e ipocrita fino in fondo.

Gli Stati Uniti sono l’unico Paese al mondo ad aver usato due volte le armi nucleari, distruggendo le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki. Tra l’altro, hanno creato un precedente. Vorrei anche ricordarvi che gli Stati Uniti, insieme agli inglesi, hanno ridotto in rovina Dresda, Amburgo, Colonia e molte altre città tedesche durante la Seconda guerra mondiale senza alcuna necessità militare. E questo è stato fatto in modo dimostrativo, senza, ripeto, necessità militari. Lo scopo era uno solo: come nel caso dei bombardamenti nucleari in Giappone, intimidire il nostro Paese e il mondo intero.

Gli Stati Uniti hanno lasciato un segno terribile sulle popolazioni della Corea e del Vietnam con i loro barbari “bombardamenti a tappeto”, il napalm e le armi chimiche.

Occupano ancora la Germania, il Giappone, la Repubblica di Corea e altri Paesi e allo stesso tempo li chiamano cinicamente alleati alla pari. Mi chiedo che tipo di alleanza sia questa. Tutto il mondo sa che i leader di questi Paesi sono spiati e che i loro leader sono intercettati non solo nei loro uffici, ma anche nelle loro case. È un vero peccato. Si vergogni chi lo fa, e si vergogni chi, come uno schiavo, ingoia in silenzio e senza complimenti questa cafonaggine.

(…)

L’imposizione degli Stati Uniti si basa sulla forza bruta, sulla legge del pugno. A volte è ben confezionato, altre volte non lo è, ma l’essenza è la stessa: il potere del pugno. Da qui il dispiegamento e il mantenimento di centinaia di basi militari in ogni angolo del mondo, l’espansione della Nato e i tentativi di formare nuove alleanze militari come l’Aukus e simili. Si sta inoltre perseguendo attivamente un nesso politico-militare tra Washington, Seul e Tokyo. Tutti gli Stati che possiedono o aspirano a possedere un’autentica sovranità strategica e sono in grado di sfidare l’egemonia occidentale sono automaticamente arruolati come nemici.

È su questi principi che si fondano le dottrine militari degli Stati Uniti e della Nato, che non chiedono altro che il dominio totale. Le élite occidentali presentano i loro piani neocoloniali nello stesso modo ipocrita, anche con la pretesa di essere pacifici, parlando di una sorta di contenimento; una parola così subdola sta migrando da una strategia all’altra, ma, in realtà, significa solo una cosa: minare qualsiasi centro sovrano di sviluppo.

(…)

E qui vale la pena ricordare che l’Occidente è uscito dalle contraddizioni dell’inizio del XX secolo attraverso la Prima Guerra Mondiale. I frutti della Seconda Guerra Mondiale hanno permesso agli Stati Uniti di superare definitivamente le conseguenze della Grande Depressione e di diventare la più grande economia del mondo, imponendo al pianeta il potere del dollaro come valuta di riserva globale. L’Occidente ha ampiamente superato la crisi degli anni ’80 – che si è aggravata negli anni ’90 – appropriandosi dell’eredità e delle risorse dell’Unione Sovietica, che alla fine è crollata. Questo è un dato di fatto.

Ora, per uscire dal groviglio di contraddizioni, hanno bisogno, con tutti i mezzi, di spezzare la Russia e gli altri Stati che scelgono la via sovrana dello sviluppo per saccheggiare ancora di più le ricchezze altrui e a spese di questo chiudere, tappare i loro buchi. Se ciò non dovesse accadere, non escludo che cercheranno di far crollare il sistema, sul quale si potrà dare la colpa di tutto, oppure, Dio non voglia, decideranno di usare la nota formula “la guerra cancellerà tutto”.

La Russia comprende la propria responsabilità di fronte alla comunità internazionale e farà di tutto per far rinsavire queste teste calde.

È chiaro che l’attuale modello neocoloniale è condannato a lungo termine. Ma i suoi veri padroni si aggrapperanno ad essa fino alla fine. Semplicemente non hanno nulla da offrire al mondo se non la continuazione dello stesso sistema di saccheggio e racket.

In sostanza, sputano sul diritto naturale di miliardi di persone, la maggior parte dell’umanità, alla libertà e alla giustizia, a determinare il proprio futuro. Ora sono passati alla negazione radicale della moralità, della religione e della famiglia.

Rispondiamo ad alcune domande molto semplici per noi stessi. Vorrei ora tornare a ciò che ho detto e rivolgermi a tutti i cittadini russi, non solo ai colleghi in sala, ma a tutti i cittadini russi: vogliamo davvero avere un “numero uno”, un “numero due” o un “numero tre” al posto di mamma e papà? Vogliamo che i bambini delle nostre scuole, a partire dalle elementari, siano esposti a perversioni che portano al degrado e all’estinzione? Vogliamo che venga loro insegnato che esistono altri generi oltre all’uomo e alla donna e che venga loro proposto un intervento di riassegnazione del sesso? È questo che vogliamo per il nostro Paese e per i nostri figli? Tutto questo per noi è inaccettabile, abbiamo un nostro futuro diverso.

Ripeto, la dittatura delle élite occidentali è diretta contro tutte le società, compresi i popoli dei Paesi occidentali. È una sfida per tutti. Questa negazione totale dell’uomo, la sovversione della fede e dei valori tradizionali, la soppressione della libertà assumono le caratteristiche di una “religione al contrario”, un vero e proprio satanismo. Nel Discorso della Montagna, Gesù Cristo, denunciando i falsi profeti, disse: “Dai loro frutti li riconoscerete”. E questi frutti velenosi sono già evidenti alla gente, non solo nel nostro Paese, ma in tutti i Paesi, compresi molti occidentali.

Il mondo è entrato in un periodo di trasformazione rivoluzionaria, è fondamentale. Si stanno formando nuovi centri di sviluppo, che rappresentano la maggioranza – la maggioranza! – della comunità mondiale e sono pronti non solo a dichiarare i propri interessi, ma anche a difenderli, e nel multipolarismo vedono l’opportunità di rafforzare la propria sovranità e quindi di conquistare la vera libertà, una prospettiva storica, il diritto a uno sviluppo indipendente, creativo e originale, a un processo armonioso.

In tutto il mondo, compresi Europa e Stati Uniti, come ho detto, abbiamo molte persone che la pensano come noi e sentiamo, vediamo il loro sostegno. In diversi Paesi e società si sta sviluppando un movimento di liberazione e anticoloniale contro l’egemonia unipolare. La sua soggettività non potrà che aumentare. È questa forza che determinerà la futura realtà geopolitica.

Cari amici!

Oggi lottiamo per un percorso giusto e libero, prima di tutto per noi stessi, per la Russia, perché la dittatura, il dispotismo siano per sempre nel passato. (…)

Oggi combattiamo affinché non venga mai in mente a nessuno che la Russia, il nostro popolo, la nostra lingua, la nostra cultura, possano essere cancellati dalla storia. Oggi abbiamo bisogno di un consolidamento di tutta la società, e tale consolidamento può basarsi solo sulla sovranità, sulla libertà, sulla creazione e sulla giustizia. I nostri valori sono umanità, misericordia e compassione.

E vorrei concludere con le parole del vero patriota Ivan Aleksandrovich Ilyin: “Se considero la Russia la mia Madrepatria, significa che amo, contemplo e penso in russo, canto e parlo in russo; che credo nei poteri spirituali del popolo russo. Il suo spirito è il mio spirito; il suo destino è il mio destino; la sua sofferenza è il mio dolore; la sua fioritura è la mia gioia”.

Dietro queste parole c’è una grande scelta spirituale, che per più di mille anni di storia dello Stato russo è stata seguita da molte generazioni di nostri antenati. Oggi noi, cittadini delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e residenti delle regioni di Zaporozhye e Kherson, abbiamo fatto questa scelta. Hanno scelto di stare con il loro popolo, di stare con la loro Madrepatria, di vivere il suo destino e di vincere insieme a lei.

Tratto da: kremlin.ru

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su