La “scientificità” della non-realtà. A proposito di un articolo “cattolico” sull’immigrazionismo – di Massimo Viglione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

È apparso un articolo, il 4 settembre 2018, nella Nuova Bussola Quotidiana, scritto da Anna Bono, intitolato “Gli africani emigrano. Non diamo colpe a grandi vecchi”, nel quale l’autrice, sfornando dati, cifre, lucidità di ragionamento, sostiene che non esiste nessuna azione di poteri forti o occulti in favore dell’emigrazione. Inutile pensare a fantomatici personaggi come Soros o a mitici piani Kalergy o a progetti neoimperialisti di Cina o Francia: tutti emigrano, cinesi, europei, sudamericani, e quindi anche gli africani, e non si capisce per quale ragione solo per gli africani si debba presupporre un complotto. L’emigrazione è sempre esistita ed esisterà sempre. È fenomeno normale della storia.

Non v’è dubbio che l’articolo sia stato scritto con l’intento di apparire come il classico esempio di scientifico realismo che getta “lume” sull’oscurantismo del becero complottismo e giustifica – di conseguenza – la saggia politica integrazionista di Francesco e del clero odierno (anche se ciò non viene scritto). Detto in altre parole: ha ragione Francesco e hanno torto coloro che si lamentano dell’arrivo degli immigrati, in quanto, costoro, sono anti-storici e cadono spesso e volentieri nella trappola del “complotto” (che non esiste), poggiandosi su ridicoli fantasmi o su spiegazioni inverosimili di politica internazionale.
Tutto apparentemente logico. Dati, numeri, elementi storici, ragionamenti. Tutto, insomma, in perfetto stile “scientifico-serio-moderato-cattolico-conservatore”.

In realtà, se vogliamo essere nulla di tutto questo ma solo e semplicemente realisti (nel senso più teologico del concetto), niente di questo ragionamento è serio, è scientifico, moderato, e, in un certo senso, nemmeno cattolico. Anzi, direi che è estremisticamente falso. Non nei dati, ma nella interpretazione e spiegazione dei fatti.

La Nostra parte dal presupposto che un fenomeno epocale come quello che sta accadendo si possa spiegare con le leggi economiche dell’offerta di lavoro (“In realtà anche gli africani, a milioni, emigrano come tutti e come sempre per lavoro” in Africa e fuori Africa). Che è come dire che spieghiamo il Comunismo mondiale con il fatto che a Birmingham gli operai della prima metà del XIX secolo erano maltrattati. O il nazional-socialismo con il fatto che a Versailles nel 1919 erano stati ingiusti con la Germania. O tutta la epocale Rivoluzione Protestante con il fatto che un predicatore in Germania si faceva pagare le indulgenze per costruire san Pietro. O che la Prima Guerra Mondiale sia accaduta perché un assassino terrorista ha sparato all’erede al Trono dell’Impero austro-ungarico. E potremmo continuare a lungo con gli esempi…
Questo è il modo di spiegare la storia di coloro che Augusto Del Noce definiva i “crocio-gramsciani” (tradotto: liberal-giacobin-marxisti): di quelli stupidi, che ci credono veramente, e dei pochi intelligenti, che fanno in modo che milioni di stupidi ci credano. Tutto appare logico, ma in realtà quasi nulla è come viene descritto.
Perché? Perché ovviamente, per ciascuno degli esempi scelti, come per tante altri che si potrebbero scegliere, le vere cause sono assolutamente più profonde e recondite. Credere di spiegare i grandi, anzi, grandissimi, epocali, eventi della storia, o del presente, con motivazioni socio-economiche e pienamente “immanenti” è del tutto anti-reale. Si crede di essere scientifici, e invece si banalizza – a volte anche in maniera ridicola – l’incontenibile complessità del processo rivoluzionario (che la Nostra, immersa nei suoi numeri di cinesi emigrati, nemmeno prende in considerazione).

Il discorso è immenso, ovviamente, e non possiamo affrontarlo in un articolo: ma è ovvio che all’autrice sfugge del tutto che… Soros esiste; ed è esistito Kalergy; ma soprattutto che i due sono solo una punticina – conosciuta – della plurisecolare forza della sovversione mondiale in corso da secoli (in grandissima parte sconosciuta). La quale prevede la progressiva distruzione di ogni struttura (Chiesa, Stato, proprietà, economia, famiglia, ordine naturale, uomo) come di ogni prodotto della civiltà umana, al fine dell’ottenimento di una massa informe (intellettivamente, economicamente schiava, geneticamente manovrabile, sessualmente indefinita e definitivamente “soluta” nel meticciato mondiale) atta all’accettazione del Nuovo Ordine Mondiale e all’adorazione di colui che deve venire.

Non capire che l’immenso movimento immigrazionista (e non solo africano) sia finalizzato a tale scopo, ormai in questo momento avanzatissimo del processo rivoluzionario, sembra essere cosa scientifica e seria, mentre invece è del tutto anti-scientifico e per nulla serio.

Poniamoci qualche domanda seria. Le cause dell’immigrazionismo nascono certo dalla decolonizzazione, ma questa perché è avvenuta? La Nostra non sembra porsi il problema, questo sì prettamente storico, del fatto che non v’era alcuna necessità reale di tale decolonizzazione e che anzi, questa fu la rovina degli stessi popoli colonizzati. Perché avvenne, così, di colpo? Perché Gran Bretagna e Francia decisero, senza reale obbligo (visto oltretutto che la guerra l’avevano vinta – almeno la Gran Bretagna – e visto che i paesi africani certo non avevano un Gandhi che li guidasse invincibilmente all’indipendenza), di “suicidare” i loro imperi o di trasformarli in mero e brutale dominio economico-finanziario? Perché ci si inventò un processo precipitoso e illogico – quasi masochista, e comunque rovinoso per gli stessi popoli colonizzati – tutto di un colpo e tutti insieme? Come non vedere in questo proprio i prodromi necessari alla costruzione delle condizioni della futura invasione del mondo europeo al fine della creazione del meticciato mondiale (condizione necessaria per l’umanità del Nuovo Ordine Mondiale)? È necessario ricordare il famoso discorso del Presidente dell’Algeria – da poco sovrana – all’ONU nel 1974 sulla conquista dell’Europa tramite il grembo delle donne africane?
Perché si è inventato il senso di colpa degli europei? Come mai da venti anni all’improvviso arrivano milioni di emigrati dall’Africa e dal Medio-Oriente? Se fosse solo questione socio-economica, perché prima non venivano? Ce la ricordiamo l’Italia degli anni Ottanta?  Come mai tale improvviso fenomeno ha immediatamente trovato decine e decine di ong e associazioni, tanto laiche quanto “cattoliche”, “pronte” ad accogliere milioni di persone e al contempo a lucrarci sopra cifre enormi?  Soprattutto: come spiegare che tutto il mondo finanziario, mediatico, dello spettacolo, di chiunque in qualche modo faccia “moda” e “opinione”, perfino quello religioso (modernista), sia in blocco favorevole all’invasione?

È proprio un “caso” che la maggiore sostenitrice dell’immigrazionismo in Italia sia Emma Bonino e che Emma Bonino sia “amica” e intima di Georges Soros (oltre che ammirata in Vaticano)? Perché è nata, e si sviluppa incontenibilmente l’ideologia “anti-razzista”, proprio negli stessi ambienti, guarda caso, liberal-giabobin-marxisti? Ideologia che non prevede affatto la difesa del presunto “più debole”, ma la distruzione di ogni popolo e in primis degli europei (basta leggere i loro slogan e le loro pubblicazioni)?
La nostra autrice ha mai sentito i discorsi degli immigrazionisti? Cosa dicono, cosa vogliono, quali sono i loro scopi ultimi nient’affatto reconditi, ormai?

Cosa è successo di tanto speciale venti (o venticinque, o trenta, non cambia nulla) anni or sono in quei posti che possa spiegare tale fenomeno tanto improvviso quanto incontenibile? Non è successo nulla. Nulla. Eppure arrivano a milioni, così, di improvviso. E questo si spiegherebbe con la ricerca di lavoro? Certo, in parte è vero: ma creare il pauperismo della ingiustificata decolonizzazione non è forse servito proprio a facilitare l’invasione dell’Europa? È quanto sta accadendo oggi con gli stessi europei: nel mentre che vengono invasi, li si rovina ogni giorno di più economicamente (specie gli Stati mediterranei), per renderli instabili e deboli, al punto tale magari da costringerli, un giorno, ad emigrare essi stessi per lavorare e lasciare spazio ai nuovi arrivati. Questa è fantascienza complottista? Però… guarda caso… è proprio ciò che sta avvenendo.

Quello che è successo negli scorsi venti anni semmai è che, tramite guerre folli imposte dal mondo finanziario internazionale statunitense (con i loro maggiordomi francesi), si sono fatti saltare quei governi che frenavano la grande invasione dell’Europa ed erano ostacolo alla diffusione dell’islamismo. Ecco cosa è successo. E perché è successo? Non ce lo domandiamo?

Last but not least: se veramente fosse solo questione socio-economica, non sarebbe la cosa più logica del mondo mandare le aziende europee in Africa a costruire industrie e infrastrutture (e quindi a guadagnarci sopra) e a creare lavoro (come anche ospedali, case, ecc.) tanto per gli europei che per gli africani, in modo che questi ultimi non siano costretti a emigrare? E questo – che è la cosa più logica del mondo – non è esattamente ciò che nessuno può dire, pena l’apparire ingenuo o “estremista” o razzista”? E questo non dimostra la previa volontà dell’invasione dell’Europa a prescindere da ogni altra considerazione, anche dalla più logica e positiva?

Solo per fare un esempio molto reale e scientifico (quindi, per fare contenta la Nostra: niente Soros e Kalergy). In occasione del dibattito sulla Costituzione Europea, scrisse Stefano Rodotà (tutti ricordiamo chi era, vero?): «Undemos, un popolo europeo non esiste ancora, ma non si può aspettare che esso nasca per fare passi decisivi verso una vera costituzione europea (…) Attraverso i diritti si pongono le premesse per la Costituzione di uno spazio pubblico europeo e si creano, quindi, le condizioni per la nascita di quel demos». E come sarebbe nato questo demos in poco tempo? Ecco la risposta di Rodotà: «Perché non valorizzare il fatto che, salvo limitate eccezioni, i diritti della Carta prescindono dalla cittadinanza nazionale, e parificano così europei e stranieri, immigrati legali e clandestini?» (S. Rodotà, La Carta come atto politico e documento giuridico, in A. Manzella – P. Melograni – E. Paciotti – S. Rodotà, Riscrivere i diritti in Europa. La Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, Bologna 2001, pp. 57-90, citazioni a pp. 67 e 76)… Rodotà non afferma che il demos della “Nuova Europa” (che in precedenza ha definito laica e decentralizzata) debba essere quello della somma degli europei “storici”, delle razze ed etnie da secoli e millenni stanziate nel continente, magari nel frattempo mischiatesi tutte e solutesi in un melting pot continentale. Rodotà afferma chiaramente che il demos della Nuova Europa va creato. Pertanto, nulla osta a far entrare milioni di immigrati, specialmente africani e medio-orientali nella vecchia Europa: anzi, è necessario.

Qui non è Soros. Questo è uno dei più celebrati intellettuali dell’intellighentsia europeista, anzi, mondialista. E potremmo portare ben altri esempi su questo tema. Ma siamo veramente certi che si possa spiegare l’invasione in corso con la logica dei numeri degli affamati? Che ciò sia serio e scientifico? Ovvero, che non esista il mondialismo? Che non esista un progetto sinarchico di cambiamento radicale dell’umanità da ogni punto di vista (da quello sessuale fino a quello etnico?). Non posso nascondere il fatto di essere molto meravigliato che un tale articolo possa essere apparso in una rivista importante del mondo cattolico che aderisce alla Tradizione (anche se non certo tradizionalista, questo lo so bene: intendo Tradizione nel senso più proprio e teologico del concetto). La Tradizione cattolica non si fonda sui numeri: ma sulla realtà ontologica della lotta tra il Bene e il Male (all’interno della quale semmai vanno valutati i numeri, i fatti, le azioni, ecc.).

Il problema vero in fondo è questo: è la mancanza di corretta formazione, di una visione profonda del senso ultimo della storia, dell’azione dei poteri occulti che esistono e agiscono da secoli. È la mancanza della consapevolezza dell’esistenza della forza del Male che opera nella vita degli uomini. Come vi opera ovviamente la forza del Bene. È la presunzione immanentista di un illuminismo radicato nel più profondo delle anime, anche di quelle più vicine al mondo preilluminista (di cui però hanno dimenticato i cardini intellettivi).

La verità è che l’anticomplottismo è l’altra faccia della medaglia del complottismo (un po’ come l’antirazzismo e l’antifascismo). Dico questo per il semplice motivo che negare oggi l’esistenza di poteri occulti che manovrano la storia e la politica mondiale, è come affermare che il cielo è verde e l’erba azzurra… Cosa non molto perdonabile, insomma, specie oggi, al punto in cui siamo arrivati. Soprattutto, non seria. E tanto meno moderata. E, come dicevamo, nemmeno tanto cattolica, nel senso della sua completa adesione alla non-realtà delle cose. Soprattutto, tenendo conto, alla fine della fiera, del vero scopo inconfessato: che è, come detto, quello di avallare la politica immigrazionista portata avanti dall’attuale dirigenza della Chiesa.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

20 commenti su “La “scientificità” della non-realtà. A proposito di un articolo “cattolico” sull’immigrazionismo – di Massimo Viglione”

  1. Paolo Montagnese

    Tanta scientificità per andare poi a spiegare tutto con i ” poteri occulti”.
    Per piacere, meno demagogia e un po’ più di vera analisi politica.
    Il mondo è sempre stato pieno di contraddizioni e di strumentalizzazioni dei processi sociali (nonché di azioni e reazioni: ad es. qual’è stato il ruolo dei movimenti socialisti nella nascita del fascismo?).
    Buon lavoro.
    Paolo Montagnese

    1. Massimo Viglione

      Scusi, ma di preciso, che cosa ha detto? E cosa c’entra il fascismo? Mi dica esattamente dove secondo lei avrei sbagliato. Non ha nemmeno capito il senso dell’articolo, si deduce chiaramente da quanto scrive. Sia più specifico e preciso. Se può.

  2. Viglione pone delle domande: 1) Perché è avvenuta la decolonizzazione? 2) Perché si è inventato il senso di colpa degli europei? 3) Perché l’immigrazione dall’Africa è recente? 4) Perché l’invasione ha trovato pronti e schierati a favore mass-media e associazionismo? 5) Perché le guerre folli di USA e loro maggiordomi contro gli argini all’immigrazione islamica ( e perché la creazione dell’ISIS, aggiungo io)? 6) Perché non aiutiamo l’Africa a casa sua?

    Sono domande serie e circostanziate. Risponda e troverà che qualche ragione ce l’ha anche il presunto “complottismo”.
    Buon lavoro.

  3. La prof. Anna Bono si è espressa così contro l’immigrazione:
    «Ecco le fake news su profughi e migranti svelate da Anna Bono», del 15-7-2017;
    «Anna Bono: Vi dico io chi sono i veri immigrati che arrivano in Italia», dell’8-8-2017;
    «La Verità. Intervista ad Anna Bono», del 16-6-2018;
    «Bisogna scoraggiare gli africani a emigrare, ecco perché…», dell’11-7-2018.

    Che cosa (o chi) l’ha convinta – molto recentemente – a combattere… contro i nemici dell’immigrazione?

      1. La prof. Anna Bono:
        • fino a meno di due mesi or sono combatteva contro l’immigrazione (anche durante alcune trasmissioni a Radio Maria);
        • a partire dall’articolo preso in esame ha preso a combattere contro i nemici dell’immigrazione:
        io ho inteso mettere in evidenza questo radicale “mutamento di rotta” – che successivamente (7 settembre 2018 alle 1:42) anche la lettrice Mirella/Aloisia ha mostrato di notare – che… sembra incrementare la materia “complotto”.
        Ritenevo e continuo a ritenere che il mio intento fosse altrettanto evidente, ma verosimilmente l’Autore non ritiene altrettanto.

  4. Michele Antonelli

    Eccellente articolo, caro Massimo!
    Alla inquietante lista delle tue domande, aggiungerei queste:
    Come è stato possibile che, da noi, il tasso di fertilità sia rimasto bassissimo, per un quarto di secolo, senza che chi di dovere prendesse delle misure o, quantomeno, lanciasse un serio allarme?
    Come è possibile che non si possa parlarne in pubblico senza che qualcuno inizi ad agitarsi e a protestare?
    L’analisi scientifica dovrebbe considerare anche i media. Occorre la pazienza per analizzare i nostri, così rigorosamente sterilizzanti, un veleno per il tasso di nuzialità e di fertilità. Occorre confrontare il cinema e la televisione di un paese dove la fertilità cresce (vedi Russia), che mostrano gravidanze, parti e bambini in tutte le salse, con quelli dove questa decresce (vedi ex Jugoslavia), che mostrano eroi alcolizzati e grandi amori omosex, oppure il genio Nikola Tesla che spiega al genio Lazar Kostic perché non bisogna sposarsi e fare figli.
    Per non parlare dei notiziari dei paesi da cui gli immigrati partono, che mostrano costantemente accoglienze trionfali!

  5. Mirella/Aloisia

    Sono d’accordo con Lei Dott. M.Viglione. Grazie per aver confutato le ultime uscite della Sig.ra Anna Bono. Avevo letto l’articolo su un (presunto?) sito cattolico cristiano, chiedendomi se davvero l’aveva scritto quella persona. Chiediamoci perchè abbia ritrattato tutti i suoi scritti precedenti. Avevo considerato la A.Bono una persona seria e affidabile, ma quest’ultima uscita getta più di un’ombra sulla sua credibilità attuale e futura. I dèmoni vogliono cambiare il mondo e anche farci credere adesso che noi, mentre stiamo vivendo l’incubo, siamo dei complottisti incapaci d’intendere veramente il divenire dei popoli e delle nazioni…troppo tardi! Adesso crediamo al contenuto del suo scritto Dott.Viglione, e credo fermamente che solo Matteo Salvini stia combattendo questa battaglia a nome del popolo italiano contro le canaglie migrazioniste……Forse anche la Bono ha indossato la megliietta rossa!

  6. Ma come si fa a criticare questo eccezionale articolo in cui l’attentissimo Prof. Viglione altro non dice se non la pura sacrosanta verità? Tutto vero! Bisogna ringraziarlo piuttosto, perché è uno dei pochi che con sincera onestà apre gli occhi e mette in guardia contro i poteri occulti che sono votati alla distruzione dell’umanità, quella che porta impressa la somiglianza con il suo Creatore, sulla cui eliminazione si scagliano da sempre le potenze del male. È una battaglia sempre più accanita e raffinata negli attacchi e aggravata terribilmente dalla proditoria complicità di coloro che all’apparenza sono consacrati a Cristo. Traditori due volte, di Nostro Signore e del gregge a loro affidato. Poca strada faranno le insulse banderuole che oggi sostengono un’idea e domani tutto il contrario, perché esse non sono dalla verità. Sorretto invece dalla Madonna Santissima, regina delle Vittorie e colonna di salvezza in mezzo alla tempesta come nella visione di San Giovanni Bosco, un piccolo, piccolissimo resto rimarrà saldo e non sarà scalfito.Voglia Dio che ne siamo parte.

  7. Mi permetto di specificare, gentile signora Mirella/Aloisia, che la “maglietta” oggi d’obbligo (anche e soprattutto in “parrocchia”) non è tanto di colore rosso, quanto dei colori della Massoneria: Arcobaleno e Nero.

      1. Sono io, gentile e cara signora.
        Immagino che inserirò solo qualche commento saltuario. Però un “benvenuto” del genere mi colpisce molto…

  8. L’ho trovato un ottimo articolo ma credo che il pensiero della Bono vada precisato ulteriormente inserendolo all’interno della linea editoriale della Bussola dove vige un pensiero che è in un certo senso uguale e contrario a quello di tanti commenti che si possono trovare in rete da parte di persone di sinistra . Gente che è contro le diseguaglianze sociali e le guerre generate dalle elites dominanti ma a favore di aborto divorzio e tutti gli altri pseudo diritti concessi negli ultimi decenni ,mentre alla bussola sono l’esatto speculare in prima linea contro teoria di genere libertà religiosa però poi il mondo è un pasqua felicemente dominato da un elite angloamericana liberale e liberista ,basti pensare ai vecchi scritti di Introvigne contro la Russia o quelli attuali della Sbai contro l’Iran cioè linea filoamericana in politica estera o alla posizione liberista in economia con interviste a Robert Sirico o attaccando la sola possibilità dell’uscita dall ‘euro e di violare i vincoli di spesa http://www.lanuovabq

  9. Mirella/Aloisia

    Egregio Sig. Raffaele, ha ragione quando afferma che nelle “parrocchie” , oggi le magliette sono prevalentemente color arcobaleno o nere. Ma io intendevo parlare dello slogan: “Indossa una maglietta rossa per fermare l’emorragia di umanità”, andata in scena nella nostra povera Italia il 7 luglio 2018; promossa dai sinistri Don Ciotti e compagnia varia, quali Saviano, Boldrini, Renzi, Andrea Boccelli, vari artisti e cantanti “tutti de sinistra”; contro l’attuale governo che sta tentando di limitare l’invasione dei clandestini nella nostra nazione. Il motto era: “Dalle Alpi a Lampedusa tutti con la maglietta rossa”. Mi chiedevo quindi se anche la Anna Bono si era unita al gruppo, visto il voltafaccia dimostrato rimangiandosi in parte o in tutto il contenuto degli articoli da Lei scritti in passato…..prossimo…. e non tanto remoto.

  10. Ha ragione sull’uso, anche visivo, del Rosso come colore/stendardo, gentile signora Mirella.
    Non possiamo dimenticare -nei prodromi delle atrocità “rosse” recenti e contemporanee- le camicie rosse dei Garibaldini e i fiumi di sangue della Rivoluzione Francese, che faceva strage di chi si ponesse in continuità con “l’Etendard sanglant de la Tirannie” (“lo Stendardo sanguinolento della Tirannide”), che possiamo agevolmente identificare con la Croce Insanguinata.
    Però proprio nel tentativo di soffocare in culla il Governo (che incontra e sposa, Deo gratias, una esplosiva voglia di vivere “normalmente” sentita da moltissimi Italiani) coloro che troviamo in azione incessante sono i Massoni. E fra i Massoni -ormai è lampante, non si tratta più di semplici “affinità”- molti membri della Gerarchia Ecclesiastica (anche situati in posizioni non rilevanti).

    In pratica: se una persona è inserita in ambiente “cattolico”, lei crede che possa evitare un “vivo incoraggiamento” ad “aprirsi con fiducia alle istanze dell’Umanità e a lavorare per i suoi Diritti”? Io credo di no.

  11. Acuto e illuminante come sempre l’articolo del prof. Viglione. I poteri occulti operano da tempo e in tutti i campi sensibili. Basti pensare a quanto sta avvenendo da qualche decennio in Europa e in Occidente con fenomeni quali la droga e la musica (o presunta tale), propinate ad ampio spettro alla nostra gioventù con il preciso intento di “sballarla”, per usare un termine in voga. Per non dire dello sfaldamento della ns società e della famiglia progettato a tavolino, non certo caduto dal cielo. Ormai tutti gli ingredienti sono pronti nel frullatore, ma forse lo chef non ha previsto che la maionese possa impazzire.

  12. Mirella/Aloisia

    Egr. Sig. Raffaele, io credo fermamente nell’onestà di ciascuno di noi se il pensiero è coerente con l’azione. Dirsi cattolici/cristiani anche frequentando persone ecclesiastiche non significa cambiare le proprie opinioni ogni volta che il vento gira.Anche se la Sig.ra Anna Bono avesse ricevuto sollecitazioni esterne per ritrattare il contenuto degli scritti precedenti, dovrei considerare due ipotesi:
    1)Non credeva già prima a quanto affermato in passato
    2)La Signora è diventata ricattabile da parte di persone molto influenti (Lei sa di cosa parlo) e non ha potuto rifiutare. Non è più una persona affidabile perchè ha aderito ad una ideologia e quindi ha perso la libertà sottomettendosi a falsi ideali. Io non lo farei mai per un semplice motivo: non posso vivere nella falsità e credo che la vita senza libertà non sia degna d’essere vissuta.
    Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su