La sinistra di oggi tra urla e volgarità

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Quanto è grossolana  certa sinistra postmoderna ormai priva di bussole, di saldi orientamenti ed  impegnata, dall’alto della sua superiorità morale, ad  affermare solamente  la propria arroganza. Lo si è visto negli ultimi giorni, assistendo, sulla pelle dei campani,  a trasmissioni  al limite dell’assurdo e del paradosso, tra scontri di potere, delegittimazioni in presa diretta, volgarità a buon peso. Lo hanno confermato, nelle stesse ore, le uscite ben poco sensate di una sinistra culturale, intelligente per antonomasia,  che della volgarità  sembra avere fatto la sua ultima spiaggia.

Andrea Scanzi ci ha costruito sopra una filosofia comunicativa (e di vita), utilizzando l’invettiva contro il nemico pubblico (di destra ovviamente)  fino al punto da pubblicare recentemente un sondaggio su chi vomita quando vede Giorgia Meloni e Matteo Salvini, sottolineando che “siamo in tanti” e linkando l’indirizzo web del suo libro in uscita il 17 novembre, sui “peggiori” (esemplare il sottotitolo: “Da Salvini a  Bolsonaro, tutti i figuri che mandano in vacca il pianeta”).

Luciana Littizzetto, star – si fa per dire – della trasmissione  “Che tempo che fa”,  ha discettato in video, con tanto di immagini, del “fungo-pene” e di quello “Lato B”:  “ … chi lo trova è fortunato. Non si possono mettere le mutande ai funghi… Esistono i funghi champignon ed esistono ora anche i funghi Chiappignon“ e giù risate ammiccanti del conduttore Fabio Fazio, mentre l’ineffabile lucianina di fronte alle immagini chiosa: ”Sono funghi veri quello sulla sinistra si chiama phallus impudicus vuoi che te lo traduco? Questo rappresenta un po’ come saremmo messi per l’autunno“.

Linguaggio esemplare anche quello di Giuseppe Zuccatelli, uomo della sinistra “storica”, bersaniano di ferro, oggi di Leu (il partito del ministro della Salute Roberto Speranza) da poco nominato nuovo commissario della sanità in Calabria, che in un video del maggio scorso così manifestava, con un linguaggio dai tratti raffinati, non privo di un certo tecnicismo,  i suoi orientamenti in materia: “la mascherina non serve a un cazzo” e “per beccarti il virus, se io fossi positivo, tu devi stare con me e baciarmi per 15 minuti con la lingua in bocca, altrimenti non te lo becchi”. 

Perfino Roberto Saviano, intervistato da “L’Espresso”, in occasione dell’uscita di “Gridalo”, il suo ultimo parto letterario, è arrivato  , pur essendo tutto interno a certi meccanismi, a svelare l’ipocrisia:   “… sono stanco  di una sinistra che si rintana dentro i buoni modi, la buona educazione, la gentilezza. Io invito a gridare contro tutto questo”. Al punto da mandare letteralmente “a cagare” il segretario del Pd: “L’ho fatto – confessa Saviano – perché non basta più rintanarci dentro i buoni modi, la buona educazione. Basta con le prediche contro l’odio. Io, per esempio, sento di odiare tantissimo. Devo disciplinarmi per non far emergere in pubblico un odio che provo in modo assoluto”.

Con esempi del genere ed una tendenza – in atto – destinata a crescere, il buonismo di sinistra, intorno a cui certa intellighenzia aveva costruito la sua forza egemonica, ma rassicurante, sembra destinato a scompaginarsi. Alla base quella che un perbenista assoluto, Corrado Augias, ha fissato come la  distinzione tra essere di destra ed essere di sinistra: “Essere di destra è facile perché vuol dire andare incontro a quelle che sono le spinte istintive che tutti hanno” (in buona sostanza e per tradurre “essere delle bestie”), mentre “essere di sinistra è più difficile, perché quelli di sinistra giocano su un terreno in cui la conoscenza degli argomenti è fondamentale e da un senso nobile di altruismo, tipico della sinistra”.

Quanto di nobile hanno gli Scanzi, le Littizzetto, certi  tecnici targati sinistra, l’inossidabile Saviano? E quanto c’è di “argomentato” nelle invettive senza intelligenza di una sinistra sempre meno “altruistica”, chiusa com’è nel suo egoismo, elitario, spocchioso, violento? 

Molto poco a ben vedere. Il Re (di sinistra) è nudo. E la gente se ne sta finalmente accorgendo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “La sinistra di oggi tra urla e volgarità”

  1. Per quanto riguarda Corrado Augias, ha dipinto un eccellente autoritratto: del giusto giudizio di se stesso ne ha fatto un ingiusto pregiudizio sugli altri.

  2. Francamente leggendo questi vostri due, come sempre, INTERESSANTISSIMI articoli, mi riferisco ovviamente anche a quello dell’ottimo Pecchioli, devo dire che non ho più parole adatte.
    Mi ritorna in mente il libro della Pellicciari (La gnosi al potere), e anche la parola:
    “”DIAVOLO””….
    E sono sempre più sempre più sempre più convinta che FINALMENTE siamo alla
    FINE…..
    Anche se ovviamente non pubblicherete questa mia risposta (troppo consueta), mi raccomando continuate a mandarmi i vostri articoli, SEMPRE INTERESSANTISSIMI!!!!!! GRAZIE!!!!!!!!!!

    1. Ma quale fine? Siamo all’inizio. Questa ventagli si deve combatterla mandandola a casa. Tradotto, fare il possibile per sostituirla. Nella civiltà cristiana l’appartenenza alla famiglia e alla patria erano virtù. Oggi vengono additate come il male. E gli italiani, che non sono un popolo, si fanno infinocchiare da tutti. Siamo l’unico paese che ha messo in costituzione la sottomissione giuridica al mostro UE. Ma quale fine!

  3. L’ironia garbata e sottile di Giorgio Gaber, nella sua nota canzone su destra e sinistra, sembra oramai un sogno perduto in un remotissimo passato. La decadenza bene illustrata da questo articolo rischia di paralizzarci in una plumbea tristezza. Solo la Donna Vestita di Sole, che non è nè di destra nè di sinistra (“Io sono del Cielo”, ha detto ai pastorelli di Fatima), potrà presto squarciare queste nubi plumbee di barbarie!
    Continuiamo a pregare, è la miglior risposta!
    Bruno PD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su