La storia dell’evo cristiano, tra reale e artificiale – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Un intrigante saggio di Tommaso Romano 

 

di Piero Vassallo

thuleQualificato studioso e impavido testimone della tradizione cattolica, il palermitano Tommaso Romano è apprezzato, oltre che per l’eleganza della scrittura, per l’equilibrio delle sue analisi e per l’originalità delle sue proposte.

La sua più recente fatica, il saggio “La radicale antitesi tra reale e artificiale”, pubblicato nel numero 79 (gennaio-agosto 2013) della rivista “Spiritualità e letteratura”, ad esempio, solleva contro il pensiero post-moderno obiezioni indenni dalla pretesa, avanzata dai banditori di un ozioso e imparruccato passatismo, “di difendere acriticamente l’intero Ancien Régime” e di nascondere “la mondanizzazione del potere o degli stessi singoli esponenti della Chiesa Cattolica”.

 Romano è consapevole che il mondo moderno, il cui inizio era, per astratta convenzione, stabilito nel giorno della scoperta dell’America, è finito nel 1989, sotto le macerie del muro di Berlino.

 Di conseguenza Romano afferma la necessità di riconoscere la svolta epocale e di aggiornare il giudizio sul mondo moderno, che si è intanto ridotto alle ultime e crepuscolari suggestioni, che trasmettono cascami e frattaglie delle ideologie ai fautori della depressione relativista, che colora di grigio l’età contemporanea.

 Dissolta la minaccia delle rivoluzioni concentrazionarie, nel nuovo orizzonte si profila la minaccia delle utopie negative, “miti senza relazione, incapacitanti simboli posti a rappresentare l’astratto e l’irreale, elaborazioni umane con pretesa di assolutezza, filosofica e antropologica, che hanno generato (e non certo soltanto dalla fine del Medio Evo) irreali sogni di potenza, domini antiumani, autoritarismi senza fondamento nell’autorità legittima, anarchia teorica e nichilismo pratico, ateismo diffuso, relativismo, indifferenza”.

 Ora non è pensabile affrontare l’emergenza causata dalle utopie negative e dal loro codazzo di sciagure senza un progetto indirizzato a rinnovare le regole dell’indagine sulle cause profonde dell’eversione.

 Romano, pertanto, propone, quale chiave di la lettura della storia inclinata alla catastrofe post-moderna, un detto del cristiano libertario Valerio Pignatta – “Il Cristianesimo di Gesù non ha niente a che vedere con il cristianesimo della chiesa”.

 Secondo Romano la tendenza libertaria a interpretare il Vangelo secondo i personali desideri, inclinazione già presente quando Cristo era nel mondo, “è un fiume carsico che in nome della purezza evangelica, ha rifiutato costantemente il concetto stesso di tradizione, sacralità, autorità, obbedienza e di gerarchia, promuovendo una lunga incubazione che ha prodotto tanto le piccole chiese e comunità religiose medievali, quanto taluni sintomi che hanno poi generato ai grandi scismi della Chiesa Cattolica, a cominciare dall’Ortodossia dopo il primo millennio e con l’affermarsi dei profeti dell’utopia del mondo nuovo e i loro predicatori sempre però connotati dallo spirito rivoluzionario, a volte con caratteristiche spiccatamente politiche, non sempre di matrice gnostica, anche se l’approdo alla logica di capovolgimento della realtà naturale è stato, comunque, convergente“.

 Gli storici delle eresia e i compilatori dei tossici effetti dell’errore, pertanto, non devono limitarsi all’elenco delle contaminazioni pagane, che, lo ha dimostrato un discepolo di San Policarpo, Sant’Ireneo da Lione (130-202 d. C.), hanno ispirato i banditori dello gnosticismo, ma indagare seriamente le fantasie ispirate da una lettura ribellistica e anarcoide del Vangelo.

 Quale esempio di interpretazione erronea della Sacra Scrittura, Romano cita due testi di Tertulliano, il De corona e il De idolatria, nei quali si afferma (in aperto contrasto con la sentenza paolina, Non est potestas nisi a Deo) che le leggi civili “sono esclusiva opera degli uomini e che nessun fondamento ha il diritto divino invocato dai governanti”.

 E’ evidente che, a differenza della suggestione gnostica, il libertarismo, circolante in ambienti clericali antichi e moderni, non ha origine dal pensiero pagano ma dalla incontrollata fantasia dei fedeli.

 Di qui la puntuale analisi degli errori generati dalla superficialità clericale e l’impietosa denuncia dell’alluvione progressista, che ha avvelenato la stagione del post-concilio.

 La lettura del testo di Romano costringe a riflettere sulla fragilità dei giudizi improvvisati dai fedeli, dai sacerdoti e dai teologi che desiderano piacere al mondo piuttosto che obbedire allo Spirito Santo.

 A conferma della fragilità degli uomini di Chiesa, Paolo Pasqualucci ha rammentato che sono state giudicate eretiche e ritrattate perfino le opinioni personali di alcuni pontefici romani.

 La resistenza all’errore post-moderno, di conseguenza, deve conoscere e contrastare, insieme con le ricorrenti suggestioni gnostiche, anche i cedimenti  autarchici dei pensatori cattolici, laici (ad esempio Jacques Maritain) e clericali (ad esempio Karl Rahner).

 Senza una tale estensione dello sguardo critico il contrasto cattolico all’errore post-moderno arretrerebbe sulle linee di un trionfalismo senza altro fondamento che l’attribuzione dell’infallibilità alla chiacchiera dei teologi di giornata.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

1 commento su “La storia dell’evo cristiano, tra reale e artificiale – di Piero Vassallo”

  1. Carissimo Piero,
    Non per indolenza, ma per proemi di tempo, che parranno scuse assurde, se si pensa che sono in pensione dalla fine del 2009, non tenendo conto che ho la responsabilità di due vivacissimi nipotini senza papà per e con una mamma che lavora dieci ore abbondanti, cinque giorni, abbondanti la settimana, ma ho letto soltanto ora necessità, la tua coinvolgente e penetrante recensione sull’opera del prof. Tommaso Romano, propugnatore di per un effettivo ritorno al reale, che ne fa un compagno di battaglia di Mons Antonio Livi. Sed, mala tempora currunt e vista la temperie che coinvolge i vertici della Santa Romana Chiesa, bisognerà stringere i denti per conservare la fede e con essa, la ragione.
    Una notizia apparsa ieri su la ‘Nuova Bussola Quotidiana’ apre a qualche speranza:
    il Card. Sarah, reduce da un convegno internazionale tenutosi a Londra sulla Sacra Liturgia, ha detto che, dal 27/11,p.v. i sacerdoti dovranno celebrare rivolti all’abside e i fedeli ricevere la Comunione in ginocchio.
    Visto ciò che si è giunti a ‘disfacere’, anche in ambito liturgico, c’è da aprire il cuore alla speranza.
    A presto risentirci! un fraterno saluto, Normanno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su