La strage di Orlando fa comodo a chi lotta per la dissoluzione  –  di Cristiano Lugli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Si alza sempre più in questi giorni il coro di voci proveniente dal mondo dello spettacolo, che nell’intento ufficiale di rendere omaggio alle vittime della discoteca Pulse di Orlando, strumentalizza a più non posso quanto accaduto.

di Cristiano Lugli

.

zmcrtnPrimo fra tutti pare proprio essere stato l’ormai ottuagenario Paul McCartney al concerto di Berlino, tenutosi il 14 giugno scorso, dove l’ex Beatles ha omaggiato le vittime presentandosi sul palco con una bandiera arcobaleno avvolta addosso, e postando il tutto sul profilo Facebook con il classico slogan “We stand together with Orlando“.

Ha seguito quasi in concomitanza la voce grossa del massimo esponente gay del mondo musicale, che compra “figli” tramite utero in affitto, pagando profumati quattrini. Si sta ovviamente parlando di Elton John, il quale nel concerto all’ Echo Arena di Liverpool dello scorso martedì, al termine di una canzone, ha voluto esprimere e condividere il proprio dolore con i fans:

“Quando si manifesta un orrore come questo massacro a Orlando, una grande sofferenza investe il mondo come uno tsunami. E un grande lutto. Siamo shockati, arrabbiati e ci sentiamo devastati nel profondo per le vittime e per i loro cari che li piangono.

Ciò che trovo straordinario, e che mi dà davvero forza e speranza, è che immediatamente dietro quell’onda ne è arrivata un’altra, diversa. Un’onda arcobaleno di amore, da Istanbul a Tel Aviv, dalla Opera House di Sydney alla Torre Eiffel, passando per l’Empire State Building e la Casa Bianca… Così, stasera, allo stesso modo in cui vorrei onorare e piangere la perdita della comunità LGBT a Orlando e di tutti coloro che sono stati vittime di odio e stigmatizzati dalla società, vorrei dire che stiamo avendo la meglio sul pregiudizio. L’arcobaleno che si vede in tutto il mondo mi dice che possiamo vincere contro queste persone e lo faremo.”

zldggDurante questo prolungato discorso Elton John ha voluto ricordare anche Lady Gaga – icona gender-fluid delle correnti Lgbt – facendo riferimento al lungo pronunciamento da lei fatto nei giorni scorsi a Los Angeles, durante una veglia in ricordo delle vittime dell’efferata strage. In particolare Elton John ha voluto accennare a  “Love Bravery“,  un progetto sostenuto con lei e che consiste in una collezione di abiti per Macy’s, realizzata per raccogliere fondi per la “Born This Way Foundation” e la “Elton John AIDS Foundation” – progetti dichiaratamente limitati e costruiti su misura per il mondo omosessuale.

Non è mancata all’appello nemmeno la mascotte gender Adele, la cantante pop che veste il figlioletto- maschio di tre anni da principessa, e che fa baciare le coppie gay durante i suoi concerti, inscenando fastidiose richieste di “nozze” tra persone dello stesso sesso.

La cantautrice britannica, che ha dedicato i suoi ultimi concerti alle vittime di Orlando, in quello di Antwerp, in Belgio, ha così parlato al suo pubblico dell’accaduto, scoppiando poi in un pianto inesauribile:

“Dedico l’intero spettacolo di stasera a tutti quelli che erano nel locale gay di Orlando la scorsa notte. La comunità LGBTQ è come se fosse la mia anima gemella da quando ero molto giovane, quindi sono molto toccata da quello che è accaduto. Non so perché sto piangendo! La maggior parte delle persone questa sera è già abbastanza infelice perché le mie canzoni sono fottutamente tristi. Avrò un paio di canzoni che sembrano felici, ma non lo sono!”

Ultima, solo per ordine di elencazione, è stata la cantante Christina Aguilera, già resasi famosa per questi tematiche in tempi non sospetti, quando compose la canzone “Beautiful“, che mostrava la “bellezza” della cosiddetta diversità: nel video si vedevano infatti omosessuali intenti a baciarsi e transessuali in procinto di truccassi, messi lì, in mezzo a tutti i presunti emarginati della società.

Dopo essere sparita di scena per almeno 3 anni, Christina Aguilera se ne esce con l’inedito “Change“, dedicato alle vittime del locale gay:

“Mando amore e preghiere alle vittime e alle loro famiglie” – dice la Aguilera – “io voglio essere parte del cambiamento che deve avvenire in questo mondo per farlo diventare un posto bellissimo dove l’umanità può manifestare il suo amore con passione e libertà”.

In un particolare punto del brano viene detto inoltre:

Waiting on a change to set us free/ Waiting for the day that you can be you and I can be me” (“Aspettando in un cambiamento che ci renda liberi, aspettando per il giorno in cui tu potrai essere tu e io potrò essere me”).

I proventi ricavati dalla vendita del disco verranno devoluti al “National Compassion Fund“, che raccoglie fondi per le vittime e le famiglie della sparatoria al Pulse.

Siamo davanti ad un buffo spettacolo, che farebbe persino ridere, se solo non ci fosse da piangere. Non vi è bisogno di far notare che tutte queste voci “compassionevoli” sono le stesse che – strage o non strage – assecondano, si battono e finanziano le cause LGBT. Sono sempre i medesimi che approfittano perlopiù di queste vicende per urlare ancora più forte, dai bassifondi della loro presunzione, i “diritti” per tutti. Per inventarsi che esiste l’ “omofobia”, che servono leggi di maggior tutela in tutti gli stati, quando poi da oltreoceano si viene a sapere che il fanatico e pazzo killer non si sa per quale preciso movente abbia agito, visto che forse – e lo dice l’ex moglie e chi lo ha conosciuto su ambigue chat-line – era pure omosessuale, o perlomeno con qualche tendenza.

Non si può tacere che, davanti a queste palle al balzo, i fautori della dissoluzione gioiscano quasi, ottengano ciò che vogliono, per poi chiedere ancor più di quanto non abbiano già ottenuto pervertendo il mondo e imbestialendo il genere umano.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su “La strage di Orlando fa comodo a chi lotta per la dissoluzione  –  di Cristiano Lugli”

  1. Posso autocitarmi? “Il giorno che converrà loro, le potenze “pro-LGBT” a uno schioccar di dita bruceranno gay e lesbiche sui roghi” E magari dovranno essere i cattolici a nascondere i nuovi ebrei dalla persecuzione…

    1. jb Mirabile-caruso

      Marco Crevani: “Il giorno che converrà loro, le potenze “pro-LGBT” a uno schioccar di dita bruceranno gay e lesbiche sui roghi”………………………………………….

      Come si fa a non condividere la Sua fin troppo realistica visione, signor Crevani? NON si può non capire, infatti, che la militanza omosessuale è al soldo di quella Potenza Finanziaria nella cui agenda c’è l’istaurazione del Nuovo Ordine Mondiale. L’azione omosessuale serve allo scopo di sconquassare la famiglia come cellula coesiva fondante della Società per aver di questa un più facile ed agevole controllo. Ciò ottenuto, i gays avranno esaurito la loro funzione e saranno abbandonati al loro destino. Il gioco è fin troppo chiaro, al punto che non è credibile che i gays – almeno quelli pensanti – non abbiano capito i termini del gioco. Lo avranno capito certamente, ma la loro vita senza domani per via della loro impossibilità di procreare li spinge a godersi la vita oggi, il domani non essendo naturalmente di loro…

      1. Se concesso, vorrei puntualizzare il pensiero finale: non è che dentro le “mura amiche” che li proteggeranno dalla persecuzione, le persone con tendenze omosessuali avranno licenza di praticare “liberamente” (ossia di essere schiavi di Satana) la perversione. E’ che la conversione di vita non basta ai Persecutori (Satana non significa l’Accusatore?), come accadeva agli ebrei tedeschi convertiti: il Male assolve se stesso ma distrugge il peccatore, anche e soprattutto se convertito. L’Inferno è insaziabile!

      2. In effetti se pensassero al “domani” (inteso come Aldilà) eviterebbero di commettere (anzi di regalarsi a vicenda) peccati mortali!
        San Paolo è stato chiaro: i sodomiti IMPENITENTI vanno all’ INFERNO!

  2. Dissolverranno e dissolveranno e poi finalmente liberi si prostreranno schiavi dell’islam. Dopo aver voluto licenza avranno tirannia.

  3. Una domanda: “Mando amore e preghiere alle vittime ed alle loro famiglie – dice la Aguilera”. Preghiere? Rivolte a chi? Quale deità onorano con le loro preghiere? Zeus-Giove, lo escluderei. Allah, forse, oppure la Trimurti induista. No, non mi sembra il caso. Amaterasu (la dea Sole del pantheon nippo-shintoista)? No, non mi pare opportuno. Ah, già… Ma che sciocco che sono! Sicuramente il dio della neoChiesa Sugar il misericordiosissimo! Ma come ho fatto a non ricordarmelo!

  4. giorgio rapanelli

    Gli assassinati di Parigi e quelli di Orlando sono le vittime della politica pacifista di Obama e di una certa Sinistra, farisaica, che condanna le armi e i possessori delle armi. Farisaica, in quanto Obama cerca disperatamente insieme ai finanziari produttori di armi di farci fare una bella guerra in Ucraina contro la Russia. LGBT svirilizza i giovani. A chi conosce la mentalità e il modo di agire dei combattenti di professione sembra allucinante il comportamento soprattutto dei giovani omosessuali (quasi tutti latino americani) di Orlando, che si sono fatti ammazzare come agnelli al macello, senza alcuna reazione. L’assassino aveva un fucile d’assalto semiautomatico, che, quindi, non sparava a raffica. Sotto i sette metri non è più facilmente manovrabile. Se una decina di quei giovani gli fosse saltata addosso lo avrebbe neutralizzato. Addirittura si sono fatti mettere come ostaggi un una stanza…
    In Sudafrica si va armati. E i terroristi sarebbero stati uccisi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su