LA VISIONE DI FRA SILENZIARIO – cronaca di Emilio Biagini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

LA VISIONE DI FRA SILENZIARIO

cronaca di Emilio Biagini

 

fc


 

I frati, a volte, pronunciano voti particolari al di là di quelli loro imposti dalla regola del loro Ordine. Un voto di questo genere, ad esempio, è quello del silenzio. Un certo Fra Salvatore, nativo di Oliena, frate cappuccino, era noto per virtù, miracoli e dono profetico, ed aveva fatto voto di silenzio e, in tutti i lunghi decenni della sua vita trascorsa nel suo convento di Bitti parlò una sola volta. Per questo era soprannominato “Fra Silenziario”.

Era la sera del 27 ottobre 1683, durante la cena. Fra Silenziario, fra lo stupore generale, chiese a gesti al Superiore il permesso di parlare. Ottenutolo, disse testualmente: “Mando le congratulazioni al mio compaesano padre Giovanni Antonio Solinas, della Compagnia di Gesù, che in questo momento soffre il più crudele martirio per mano dei selvaggi dell’America meridionale. Ora è stato preso da un’orda di antropofagi, ne hanno squartato l’addome e il petto, ne han strappato il cuore e il fegato per inghiottirli quanto più caldi e sanguigni. In questo momento chi ne succhia gli occhi e il cervello e chi con lama affilata ne taglia le orecchie e le guance. Ora gli si mozza la testa e ringhiosi ne addentano la pelle e si disputano il cranio per farne una tazza da bere. Finalmente dal suo corpo squartato ognuno strappa un pezzo di carne, chi tira a sé una gamba, chi un braccio per sfamarsi. Ma la cosa che più mi preme far conoscere a gloria di Dio, e che al mio cuore arreca indicibile consolazione, si è che l’anima sua è volata direttamente al cielo tra i beati del Paradiso”.

Subito dopo, Fra Salvatore scoppiò in pianto dirotto. Va precisato che il pianto non è necessariamente segno di debolezza. Esiste un dono cristiano del pianto, ossia la capacità di commuoversi di fronte a Dio e ai suoi miracoli, e questo è uno dei massimi doni che l’Onnipotente concede agli uomini.

Il Superiore fece confermare tutto ciò con giuramento, redasse una relazione scritta, controfirmata da tutti i presenti, e la inviò al rettore del Collegio di Oliena. Il padre provinciale dei Gesuiti, dopo aver ricevuto precise notizie dai confratelli del Paraguay, confermò in ogni dettaglio il racconto di Fra Silenziario.

Attendo ansiosamente lumi scientifici su questo fatto dall’U.A.A.R., che mi pare significhi Unione Atei Agnostici Razionalisti, a meno che non voglia dire Unione Apostati Assatanati Ringhianti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su