L’angolo di Gilbert K. Chesterton – Grandezza e attualità di uno scrittore cattolico – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

chesterton

.

2 aprile 2016

.

Perché manca la luce?     = = = = = = = = =     

di Fabio Trevisan

.

“Non c’è nulla che rechi il fallimento come il successo”

.

zzzzertcgkcIn un’epoca, come la nostra, dove si insegue in tutti gli ambiti la consacrazione di se stessi e il plauso del pubblico, questo paradosso chestertoniano ci riporta al segreto umile e misterioso della ricerca paziente della verità. Con un profondo e sano senso dell’umorismo, lo scrittore londinese ci mostrava quanto l’osannata celebrazione mondana portasse al fallimento, all’oscuramento della vera luce e ci esortava a tornare alle questioni fondamentali.

In uno straordinario apologo riportato nel saggio: Eretici del 1905, Chesterton auspicava che si tornasse ai metodi dottrinali del tredicesimo secolo, epoca in cui era preservata, come egli sottolineava, la ragione e la luce conseguente. Ecco perché era venuta meno la luce e perché viviamo in un’epoca di pregiudizi e di suggestioni: “Supponiamo che, nella strada, insorga un vasto tumulto, diciamo, per un lampione a gas che diverse persone influenti desiderano abbattere. Interpellato sull’argomento, un monaco, che è lo spirito del Medioevo, incomincia a dire: “Consideriamo prima, fratelli miei, il valore della Luce. Se la Luce in sé sia un bene…”. A questo punto, non senza qualche giustificazione, lo rovesciano a terra. Tutta la gente si precipita verso il lampione e il lampione è al suolo, e tutti quanti vanno in giro congratulandosi per la loro praticità anti-medievale. Ma col prosieguo del tempo, le cose non vanno così lisce. Alcuni hanno abbattuto il lampione perché volevano la luce elettrica; altri perché volevano il ferro di una volta; altri ancora perché volevano il buio, dato che le loro azioni erano malvagie. Alcuni ritenevano che quello non fosse a sufficienza un lampione; altri ritenevano che lo fosse in misura eccessiva. E, nella notte, sopravviene la guerra, dove nessuno sa chi colpisce. Così, a poco a poco, inevitabilmente, quel giorno o all’indomani, o il giorno dopo ancora, ritorna la convinzione che il monaco, dopo tutto, avesse ragione, e che tutto dipenda da quale sia la filosofia della Luce. Salvo che ciò che avremmo dovuto discutere sotto il lampione a gas, ora dobbiamo discuterlo al buio”.

Chesterton intendeva farci capire quanto le false illusioni attribuite alle facili vittorie fossero ultimamente fallimentari. L’idea generale di quel poderoso saggio del 1905 era quella di considerare importanti le argomentazioni dottrinali e razionali a sostegno di una  filosofia della Luce cristiana. Non a caso l’apologo del monaco (e della filosofia della luce) era posto a conclusione del primo capitolo, che recitava testualmente: “Osservazioni preliminari sull’importanza dell’ortodossia”. Per il saggista di Beaconsfield non c’era nessun ideale, nella pratica, così balzano e fuorviante come l’ideale della praticità. Nell’età moderna, dove si sono abbattuti i presupposti razionali di una sana visione universale della natura umana e di Dio, e dove ci si auto incensa in nome di una sciocca “praticità”,  i paradossi chestertoniani possono ancora illuminarci, come quel lampione che inutilmente è stato abbattuto e come quel monaco che è stato definitivamente allontanato dalla nostra vita.

Ecco perché il monito di Chesterton è ancora attuale; ecco perché non c’è nulla che rechi il fallimento come il successo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “L’angolo di Gilbert K. Chesterton – Grandezza e attualità di uno scrittore cattolico – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan”

  1. Maria Teresa

    E, purtroppo, quanti esempi noti sono lì a testimoniare questa verità. E’ innegabile, ma, nonostante l’evidenza, molti si ostinano a seguire questi miti fasulli.

  2. “Consideriamo prima, fratelli miei, il valore della Luce. Se la Luce in sé sia un bene…”. Grandezza della ragione! Eppure,fra i negatori della luce imperversa l’opinione che i secoli apprezzati da Chesterton fossero secoli bui: è il potere perverso dei negatori della verità che prima o poi sperimentano e fanno purtroppo sperimentare gli effetti deleteri dei loro errori. Questo procedere senza ragione autoincensandosi “ in nome di una sciocca praticità”, mi fa pensare a una certa diffusa tendenza all’interno della Chiesa Cattolica che tenta a tutti i costi di anteporre la prassi alla sana dottrina e al magistero di sempre: una rovina che getterà tutti nella più totale confusione e nel buio completo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su