L’angolo di Gilbert K. Chesterton – Grandezza e attualità di uno scrittore cattolico – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

chesterton

.

16 novembre 2015

.

La perdita dell’umorismo cristiano   = = = = = = = = =     

di Fabio Trevisan

.

“Quando vengono i giorni bui, io e te, i puri folli, i cultori dell’umorismo, diventiamo indispensabili”.

.

zzzzil-napoleone-di-notting-hilNel suo primo romanzo: Il Napoleone di Notting Hill del 1904, il cui vero titolo sarebbe stato, e come ho tradotto nel mio adattamento teatrale: Il pazzo e il re”, Gilbert Keith Chesterton immaginava di far governare l’Inghilterra da un Re umorista, Auberon Quin, che incontrava e favoriva la causa di un giovane e fervente patriota, Adam Wayne (il Napoleone di Notting Hill). Questi due elementi, l’umorismo e il patriottismo, condensati nelle due figure eroiche del romanzo, rappresentavano per il trentenne Chesterton gli antidoti indispensabili per proteggersi dal delirio mondano, dall’affanno di sentirsi al passo coi tempi: “E’ delle novità che gli uomini si stancano, delle mode e delle proposte e delle migliorie e dei cambiamenti. Sono le vecchie cose a sbalordirci, a inebriarci, perché sono le cose vecchie a esser giovani”.

Queste affermazioni, solo apparentemente paradossali, costituivano in profondità il nucleo del racconto, che voleva essere l’elogio del sano umorismo cristiano e lazzzzlbrfb salvaguardia della ragione e del senso comune (come successivamente sarà maestro anche Giovannino Guareschi, tratteggiato con precisione e competenza da Alessandro Gnocchi). La chiamata alla battaglia per la difesa delle proprie tradizioni e della terra dei padri è mostrata dallo scrittore londinese in esilaranti e incisivi confronti che Adam Wayne, il patriota di Notting Hill, ha con i suoi concittadini. Egli va dai più umili e dai più umani personaggi del romanzo (dal rigattiere al barbiere, dal venditore di giocattoli al droghiere) perché egli sa che il vero patriottismo può germogliare laddove si sono conservate le radici storiche e la memoria delle cose belle. A quell’affascinante custode dell’antichità, a quel nobile rigattiere Wayne pone un’osservazione molto acuta, che ha a che fare strettamente con il nostro presente: “Terribilmente fermo: due semplici parole racchiudono lo spirito di questa nostra epoca, quale l’ho percepito sin dalla culla. Spesso mi sono domandato quante fossero le persone che al pari di me avvertivano l’oppressione di questo connubio tra la quiete e il terrore”.

Cosa intendeva  Chesterton con questa suggestiva riflessione? Perché era di estrema rilevanza questa constatazione? Le successive e sbalorditive frasi di Adam Wayne chiarivano il bersaglio polemico: “Nella nostra civiltà moderna la libertà di parola sta a significare, in pratica, che siamo tenuti a parlare di cose irrilevanti”.

E’ doveroso quindi chiederci: “Come possiamo noi, al pari di Chesterton, avvertire questo triste connubio tra un’apparente quiete e un concreto terrore? Perché nei giornali, nelle televisioni, in internet, ecc. si ravvisa questa mancanza di coraggio, questo continuo parlare di cose irrilevanti e inutili? Perché tutto è così terribilmente fermo?”. Chesterton faceva entrare in azione i cultori dell’umorismo e del patriottismo per frenare questa insipiente deriva umana, che portava all’oblio di Dio e della legge naturale: “Bisogna che qualcuno sopravvenga a infrangere questa curiosa indifferenza, questo strano egoismo, questa strana solitudine che investe milioni di individui”. Ecco così il pazzo e il re: ““Quando vengono i giorni bui, io e te, i puri folli, i cultori dell’umorismo, diventiamo indispensabili”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “L’angolo di Gilbert K. Chesterton – Grandezza e attualità di uno scrittore cattolico – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan”

  1. “E’ delle novità che gli uomini si stancano, delle mode e delle proposte e delle migliorie e dei cambiamenti. Sono le vecchie cose a sbalordirci, a inebriarci, perché sono le cose vecchie a esser giovani”. Da questa frase prendo lo spunto per la mia piccola riflessione, caro Fabio. Perché leggendola mi è venuto in mente Cluny e le innumerevoli famiglie cluniacensi sorte nell’Europa del X-XI secolo, quando schiere di monaci, rinunciando anche alla pur minima comodità materiale e conducendo una durissima vita di preghiera e di penitenza, si inebriavano del contatto con Dio, l’essenziale della loro vita, il fine supremo della loro esistenza. Giovani di ogni parte riconoscevano che sul serio sono le cose vecchie della tradizione ad esser giovani perché allietano lo spirito ed esso è giovane e non invecchia mai. Un po’ come oggi i Francescani dell’Immacolata: schiere di giovani a cui la vita e la cultura personale promettevano carriere eccellenti; eppure hanno preferito la povertà abbandonando ogni cosa…

    1. …Domandiamoci il perché di questa attrazione folle e, in fondo,di questo “umorismo” che rende bello ogni atto della vita dilettando l’anima col sorriso della beatitudine. Nessuna risposta ce ne verrà se non quella che solo in Nostro Signore ogni bellezza si compie e si realizza pienamente.

  2. Hai ragione, cara Tonietta, domandiamoci il perché della bellezza della nostra fede e approfondiamo il senso dell’umorismo cristiano. Chesterton e Guareschi ci possono ancora aiutare se, come loro, sapremo essere coraggiosi e umili.

  3. Piero Antonelli

    Apprezzo sempre questa rubrica di FabioTrevisan. Ogni volta mi fa scoprire qualcosa di nuovo in un autore che pensavo di conoscere abbastanza bene. Non so se posso chiederlo, ma una volta mi piacerebbe che si trattasse il tema della santità di Chesterton e vorrei chiedere a Trevisan come questo “santo” potrebbe essere un modello per i cattolici di oggi.
    Piero Antonelli

  4. giovanna trabucchi

    Seguo attentamente il lavoro di Trevisan su Chesterton. Mi pare che la sua interpretazione sia onesta e corretta e quindi la ritengo un buon antidoto alla lettura che ne sta facendo Comunione e Liberazione, dove tutto viene piegato alle logiche del movimento. Lo hanno fatto e lo stanno ancora facendo anche con Guareschi. Grazie caro Trevisan, finalmente un po’ di aria pulita, un po’ di aria cattolica.
    Giovanna Trabucchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su