L’Avvenire della Chiesa (parte prima) – di L. P.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Oggi vogliamo offrire ai lettori un saggio dell’involuzione dottrinaria – teologia e morale – in cui  gli uomini di Chiesa, e gli esponenti dell’informazione cattolica, si stanno incartando, storditi dalla giulebbosa e mefitica  “aria nuova” di roncalliana memoria e proni all’untuosa pastorale eversiva di Papa Bergoglio.

di L. P.

.

z-logo_avvenireIl fatto che racconteremo riguarda la risposta che il Dr. Marco Tarquinio, Direttore di “Avvenire”, organo della CEI, ha rilasciato ad alcuni critici lettori – cinque, tra cui noi – sul tema della sodomia e dell’apertura ecclesiastica a questa oscena condizione di vita (3 settembre 2016). E per ben illustrare i particolari dello scenario entro cui si dispiega la nuova teologia “avveniristica” dobbiamo, per necessità, trascrivere la lettera che noi, il 20 agosto scorso, inviammo a quel quotidiano per la rubrica “Il Direttore risponde”, dalla quale i lettori comprenderanno da subito la dimensione gelatinosa, liquida, mobile e relativistica dell’argomento in cui galleggia la replica del Direttore.
Ecco in appresso quanto gli scrivemmo:

Caro Direttore,
ho letto la lettera di Domenico Volpi e la sua risposta di venerdì 19 agosto 2016 (“quelle enfasi guardone del sistema mediatico”), e mi permetto di precisare che, sobria o non sobria, la esternazione con cui un’atleta italica ha dedicato la medaglia alla propria “compagna”, resta che tanto questa manifestazione, che è tuttavia massmediatica e sottilmente propagandistica, che la stessa condizione di vita delle due donne, sono abominio davanti a Dio. A meno che la perenne dottrina della Chiesa non abbia cancellato il peccato di sodomia. E da come si avverte e si constata – vedi il sempre più frequente numero di coppie sacrileghe che accedono alla Comunione – pare che sia così. Ne dà prova quella coppia di due uomini – 79 e 83 anni – “congiunta” giorni fa’ in matrimonio dalla sindaca di Torino, che ha “consumato il viaggio di nozze” andandosene a Lourdes in ringraziamento (!) per la conquistata felicità. Questo è quanto ci dice la cronaca e questo ci dice l’andazzo delle cose.

Si armino, i lettori, di santa pazienza e di autocontrollo perché la risposta di Tarquinio alla nostra lettera, e a quelle degli altri quattro scriventi, è di una inaudita protervia intellettuale e di superficialità, di uno sbrodoloso relativismo e di un capovolgimento etico per i quali reati parti offese non sono solo i lettori o la comunità cattolica, ma in primis la Parola di Dio. Una manifesta adesione, la sua, ai comandamenti del mondo – liberismo, licenza, massoneria, edonismo – e, di contro, una disinvolta disobbedienza a quelli di Dio, condita con la salsa bergogliesca della misericordia spalmata a dosi industriali.

z-gesu-predica_scritta_scandalo_piccEd, allora, noi, adoperandoci con quella severa ma proficua didattica della correzione che già, in tempi lontani dell’insegnamento, praticammo armati di matita rosso/blu, faremo scorrere la risposta del dr. Tarquinio apponendo via via, ai vari passaggi della risposta, la nostra rispettiva chiosa, argomentata e sostenuta da oggettiva e probante dottrina.
E, allora, andiamo a incominciare.

Dopo l’esordio di prammatica, con cui il direttore esprime l’interesse e il rispetto per le opinioni di chiunque dolendosi alquanto per quelle che talora traspirano toni anche “sferzanti”, chiede ai cristiani “qualcosa in più della civiltà formale” di espressione, soprattutto quando “ci si avventura a giudicare la vita e la fede degli altri”. E, a rafforzare questa sua considerazione, così scrive:

– Quando sento di cadere anch’io in questa tentazione, vado a rileggermi un passo del Vangelo di Matteo (7, 1-11) che penso sia utile non solo a me. In particolare, mi chiedo: ma come si fa, in assoluto, e senza sapere nulla della vita di quelle persone, a condannare come “blasfema” un’intenzione di pellegrinaggio a Lourdes per ringraziare di ciò che si è avuto nel corso della propria esistenza?.

Premessa: noi siamo di quelli che rifiutano il mantra “rispetto le tue idee”, che le idee non le rispettano quasi fossero idoli, ma le combattono se contrarie alla logica o le approvano, condividendole  e sostenendole quando foriere di Verità. Per questo ci piace amministrare la sferza del rigore – la correzione fraterna –  specialmente contro chi, pur avendo professato voto e giuramento di diffondere e difendere la parola di Dio, si esercita ad inquinarla con argomenti capziosi. Punto.

Tarquinio rimprovera i cinque lettori, e con essi la legione di anonimi che senza dubbio nutrono la loro stessa opinione, perché affermano come blasfemo il pellegrinaggio a Lourdes, compiuto da due sodomiti dichiarati e praticanti, contrapponendo, il direttore, siffatta condizione di peccato come qualcosa di altamente luminoso tale da far decidere ai due di renderne debito ringraziamento alla Madonna.

Certamente, in linea di principio etico giudicare al buio è sempre non solo azzardato ma financo illecito. Ma dacché i due in oggetto sono individui che palesemente, con una cerimonia civile officiata dalla sindaca di Torino, hanno pubblicamente ammesso e dimostrato la propria condizione di peccato grave e di scandalo, c’è quanto basta per ritenerli peccatori pubblici. E c’è poco da citare San Matteo che ci mette in guardia dall’osservare la pagliuzza nell’occhio altrui trascurando la propria trave. Non giudicate per non essere giudicati: giusto, caro Tarquinio, poiché  il monito di Cristo riguarda un contesto in cui il giudizio è avventato in quanto basato sulle mere apparenze. Ma in questo caso stiamo davanti a uno scandalo per la cui gravità lei avrebbe dovuto richiamare un altro monito ben più aspro e terribile, quello che Cristo indirizza ai seminatori di scandali (Lc. 17, 1/3).
Ma ci rendiamo conto? Costoro, i due sodomiti, che dovrebbero appendersi una macina al collo e gettarsi in mare, se ne vanno invece, con la benedizione della pubblica e laica opinione e con la presunzione di innocenza rilasciata dal “cattolico” Avvenire, in pellegrinaggio a Lourdes, ad immergersi nelle vasche della guarigione, per uscirne e continuare la vergognosa pratica della lurida omosessualità.
Non ci sarà per costoro l’acqua lustrale ma un fuoco inestinguibile, come Gesù ha insegnato.

z-gustave_dore_sodomitiE la nostra maggior Musa, che ben si staglia nella sublimità di una dottrina cattolica assolutamente pura, adamantina ed inequivoca, condanna i sodomiti a correre, nell’inferno, nudi e abbrustoliti sotto una pioggia di fuoco (Inf. XIII) la cui reminiscenza con quello biblico, sotto cui sprofondarono Sodoma e Gomorra (Gen. 19, 23/26), è quanto mai evidente. Altro che “rispetto, attenzione, deferenza, accoglienza, misericordia” di cui l’attuale pontificato riempie la cronaca mondiale!

Che cosa, poi, di bello e di esemplare codesti due satiri possono deporre ai piedi della Vergine?  Da quanto Tarquinio scrive, pare che la sporcizia di un commercio carnale e contro natura che, Dio non voglia, i due avranno praticato anche in quella terra consacrata, sia lodevole prodotto di cui render grazie a Dio.

– “E come si fa a immaginare e porre, noi, limiti all’amore di Maria, madre di Dio e madre nostra?”

Ha ragione Tarquinio, ha ragione, perché Papa Bergoglio, intriso di misericordia, ha affermato, in piena convinzione, che la Madonna è così tenera, compassionevole e astuta che, allorquando San Pietro, rigido custode e geloso clavigero del Paradiso, al sopraggiunger della notte si addormenta o si allontana, ella di soppiatto e in silenzio fa entrare i poveri peccatori(Radio Vaticana, 15/8/2013). Intriso di misericordia a tal punto Bergoglio da non esitare dal descrivere la Madre di Dio come una sessantottina sovvertitrice dell’ordine divino, una che di notte apre al nemico le porte della città. Noi sapevamo, e credevamo, che in Paradiso si entra con le carte in regola e vestiti dell’abito nuziale (Mt. 22, 11/12) e questa storia di Maria che fa entrare chi l’abito non solo non ce l’ha, ma addirittura chi lo porta ce l’ha sporco, è di marca blasfema ed eretica.
Come ben si vede, stiamo davanti alla rottamazione del “timor Domini” (Salmo 110, 10) e di tutta l’escatologia che ha retto la morale in due millenni di storia. La porta stretta, che conduce alla salvezza (Mt. 7, 13/14), è diventata, nella pastorale di Papa Bergoglio e nell’esegesi di Avvenire organo CEI, larga e praticamente senza vigilanza, spalancata e aperta a tutti, anche e soprattutto ai peccatori, mentre quella che conduce alla perdizione, da larga che era è diventata angusta, addirittura, secondo alcuni – U. von Balthasar e soci – chiusa con un conseguente inferno vuoto.

3 –  “E ancora, su un altro piano: come si fa a considerare “politicamente corretta” la scelta di registrare ciò che quasi tutti gli altri massmedia hanno taciuto. E cioè il fatto che due persone omosessuali parlino apertamente della propria fede cattolica e dicano cose seriamente controcorrente rispetto alle note e sbagliate rivendicazioni dei movimenti politici gay sul “diritto” ad avere figli ad ogni costo con utero in affitto, stepchild adoption e quant’altro? Io a due persone così – che sono credenti, vivono assieme da mezzo secolo e liberamente si misurano con l’esigente via che la Chiesa (CCC 2359) indica agli omosessuali – auguro ogni bene e dedico a mia volta una preghiera”.

Straordinario! Tarquinio non si fa remora di venderci una patacca e, cioè, quella relativa alla testimonianza di fede cattolica che i due “apertamente” attestano. Noi, non portiamo l’anello al naso né siamo soliti trangugiare qual che sia beveraggio, men che meno questo bischero distillato di superficialità.
Non basta, caro Tarquinio, gridare al vento una propria fede, in questo caso cattolica, per dirsi ancorati nella stessa. “Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli” (Mt. 7, 21); non basta, proclamare di essere cattolico perché la storia è piena di cialtroni che tali a chiacchiere si dissero, uno per tutti quel Jack Kerouac che, tra una sbornia e una sniffata, se ne andava dicendo “I’m catholic” – uccellando il credulo buon Socci – salvo poi partire, con i suoi compagni di lordura e di orgia: Borroughs, Ginsberg e compagnia recitando,  in quel di Tangeri, alla compra di carne infantile per i loro sacrileghi, sporchi e violenti giochi. Tanto “catholic” da morire soffocato da un rigurgito di alcool e droga. Un martire del vizio. E come costui tanti altri, non ultimo quel tristo batterista del complesso “Eagles of death metal”che il 23 novembre 2015, nel ritrovo parigino del Bataclan, pestava sulle percussioni al ritmo di una satanica canzone allorquando Lucifero si materializzò sotto forma di terroristi islamici. Costui dichiara, pensate un po’, di essere cattolico praticante.

Straordinario Tarquinio che, di séguito, evidenzia quale preziosa medaglia al merito, il fatto che costoro – i due sodomiti, tali dichiaratisi in quanto fattisi registrare come tali dall’ufficio comunale – respingano tutte le teorie e le rivendicazioni avanzate dai gruppi LGBT, e cioè: il diritto, per i sodomiti, ad avere figli ad ogni costo sia per maternità affittata sia per l’adozione (rifuggo dal barbaro termine anglomane!). Straordinario, perché questo atteggiamento di… coraggio e di anticonformismo prevale sulla grave condizione di scandalo in cui persistono e l’annulla. Bella testimonianza opporsi alle farneticanti richieste del mondo omosessuale e poi praticare il medesimo commercio carnale.
Si vede in maniera chiara quale sia, per Tarquinio, la scala dei valori su cui egli pone al primo piolo l’ipocrisia chiacchierona azzerando la virtù della castità, la sequela alla parola di Dio e la perenne dottrina della Chiesa. Ed allora noi riportiamo, per opportuno svegliarino a chi facilmente dimentica, il canone 1867 del CCC che così recita: La tradizione catechistica ricorda che esistono “peccati che gridano verso il cielo”. Gridano verso il cielo: il sangue di Abele; il peccato dei sodomiti; il lamento del popolo oppresso in Egitto, il lamento del forestiero, della vedova e dell’orfano; l’ingiustizia verso il salariato.

Il successivo can. 1868, pur rammentando che siffatti peccati sono personali, possono far ricadere la responsabilità in altri soggetti quando, siffatti peccati siano protetti, lodati ed approvati. Ma su questo tema torneremo nella seconda parte, adducendone esempi concreti.

Non soddisfatto, quindi, di aver, contro il disposto citato, decorato al valore i due, ne loda la esemplare convivenza che, pensate, dura da oltre mezzo secolo e questa longevità diventa attestato di fede. Due uomini, che da oltre cinquant’anni persistono in uno dei più gravi peccati, se ne vanno a Lourdes per ringraziare la Vergine della felicità raggiunta per essere, cioè, stati riconosciuti, in “virtù”… ops! In “vizio” del decreto Cirinnà, come coppia ufficiale e, per questo, degni di essere additati dal direttore di Avvenire come “credenti” e che, a tal proposito, si sarà chiesto: se credenti nell’unico Dio, quello “non cattolico” di Papa Bergoglio, sono, dal Conciliabolo Vat. II, ritenuti: islamici, buddisti, animisti, ebrei, induisti…, perché mai non possono essere credenti di fede cattolica due sodomiti che da oltre mezzo secolo felicemente convivono e, miracolo!,  vanno in pellegrinaggio a Lourdes per render grazie di questo raggiunto record?

Noi, come lui, volentieri eleviamo una preghiera per costoro, non per esaltarne la condotta peccaminosa ma per chiedere al Signore di illuminar loro mente e cuore abbandonando questo abito immorale che è soltanto causa di scandalo, finendola di prendere per il naso ingenui e “cristiani adulti”.

(1 – continua)

.

fonte: Una Vox  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

20 commenti su “L’Avvenire della Chiesa (parte prima) – di L. P.”

  1. Non è che Tarquinio sia fuori di testa, completamente rimbambito o ignorante nella sacra Scrittura. No! Lui lo sa e col suo modo di comportarsi si è adeguato, vuole dimostrare tutta la sua devozione, tutto il suo amore a Papa Bergoglio e non a Cristo. E’ un fiore, un dono servile cha lui fa al suo Papa, quasi a dire: vedi come sono bravo, vedi come ho capito bene quello che stai facendo: non giudicare mai, gettare ponti senza innalzare muri, non essere autoreferenziali (= bella parola che dona luce al nostro cuore!), reinterpretazione della Scrittura per le periferie del mondo….
    Ti abbiamo capito, Tarquinio! Ti diciamo solo: svegliati! La Parola di Dio dice un’altra cosa. E Papa Bergoglio ha bisogno di tante, tantissime preghiere.

  2. Cesaremaria Glori

    No, caro Joseph, non posso pregare per Papa Bergoglio. Ogni sera recito il santo rosario assieme alla TV 2000 che trasmette in diretta da Lourdes, ma quando al termine il prete che conduce invita a recitare un Pater, Ave e Gloria per le intenzioni del Papa io mi permetto di correggere l’invito inoltrando la preghiera alle intenzioni della Vergine Santissima per la Chiesa e per il papa. Ormai le intenzioni di questo papa sono più che chiare e non basta un Mons. Spadaro per raddrizzare quello che è storto. Ormai l’abbiamo capito tutti, almeno coloro che vogliono capire e vederci chiaro. Quel che spesso e anzi troppo spesso dice questo Papa non può essere sullo stesso piano della Dottrina tradizionale se non a costo di far violenza sul principio di non contraddizione. Mettiamoci l’animo in pace (si fa per dire!) e rendiamoci conto che siamo nelle stesse condizioni della crisi ariana del quarto/quinto secolo quando anche i papi assieme alla gran parte dei vescovi erravano.

    1. Caro Signor Glori, siamo messi MOLTO peggio che ai tempi dell’arianesimo: il modernismo è la negazione TOTALE della nostra Fede, ora non solo si è messi molto peggio di allora dal punto di vista della Fede (siamo arrivati al panteismo e all’indifferentismo religioso) ma anche dal punto di vista della morale: Bergoglio dice eresie o eterodossie quasi tutti i giorni, insulta i veri cattolici, elogia la Bonino, condanna il proselitismo (nell’accezione di convertire al Cattolicesimo, come si vede dall’intervista), perseguita gli ordini religiosi ortodossi, assolve le “suore” americane abortiste, chiede la conversione all’ecologia invece che a Cristo, elimina i veri peccati e se ne inventa di inesistenti, si inventa un’opera di misericordia inesistente, dubita dei miracoli di Gesù e della Fede di Maria: io ritengo che sia già decaduto da un pezzo per eresia (ammesso che sia mai stato Papa)…ma anche essendo sedeplenisti, non esiste paragone possibile con nessun Papa del passato.

      1. Inoltre, ai tempi dell’ arianesimo, c’erano alcuni Vescovi che si opponevano ad esso apertamente e con vigore, ora i più ortodossi fra i nostri prelati si limitano a qualche belato e a qualche miagolio!
        Nessuno che abbia firmato, ad esempio, la lettera dei 45: basterebbe che uno come Schneider (che è forse il più tosto fra i prelati tradizionalisti) la firmasse per mandare nel panico le gerarchie vaticane…e per rafforzare tutto il mondo tradizionalista…poi, ovviamente dovrà essere coerente e rifiutare l’obbedienza in caso di non ritrattazione delle eresie…è un membro della Chiesa Docente…in caso di scisma diventerebbe il capo dell’unica vera Chiesa Cattolica…che è quella che professa la Fede Cattolica di sempre…a scismare sarebbero Bergolio e coloro che lo seguiranno: la chiesa bergogliana ha già perso come minimo 3 delle 4 note della visibilità (la santità, l’apostolicità e l’unità (l’unità di Fede deve essere anche temporale, se la dottrina cambia, l’unità è persa).

  3. Ma quale crisi ariana ? Un giornale asservito al potere con
    La linea dettata da galantino, un personaggio di cui non ho nessuna stima e che reputo un ateo pure un po’ ignorantello come molti vertici di questo povero paese .Tutto passa per fortuna in alto i cuori e rallegriamoci per le bellissime primavere, ne cito due la comunità di suor elvira Saluzzo e il movimento il popolo della famiglia.

  4. È straordinaria la giravolta valorale compiuta da avvenire e dal suo direttore con il papa attuale, anche solo rispetto a tre anni fa con papa Benedetto (di cui tra l’altro è ancora incomprensibile la enigmatica rinuncia “parziale”). Dove sono finite le tirate contro saviano e fazio o l’appassionata critica agli englaro e ai radicali? Clamorosa la cecità (o la malafede?) del direttore sulla vicenda dei due nonni amanti a Lourdes come riportato in questo articolo. Caro Tarquinio, ma ci credi veramente a quello che scrivi o hai paura di fare la fine di Boffo? ( a proposito, dov’è finito e cosa ha fatto per essere stato cacciato anche da tv 2000? Qualcuno sa qualcosa?)

  5. Una cosa è non avere sentimenti di astio e cattiveria nei confronti degli omosessuali e pregare di cuore per la loro conversione, altro è lodarne la condotta immorale che li porterà con questo andazzo dritti all’inferno insieme ai loro sostenitori.
    NSGC venne per sanare i malati sedendo con pubblicani e prostitute non per incentivare e assecondare i loro peccati e le loro passioni ma per redimerli. Oggi, invece, è come se gli apostoli e i peccatori si fossero alleati ed uniti per muovere vigliaccamente guerra a Dio!

  6. Teniamoci pronti a veder celebrare col pedale di risonanza l’eretico Lutero dopo aver visto il piedone ecclesiastico ben pigiato su quello di sordina, un anno fa, per S. Pio X.
    A proposito: qualche domenica addietro, il foglietto che nella mia diocesi era sui banchi di ogni chiesa, all’interno della preghiera dei fedeli riportava questa invocazione: “Affinchè con l’aiuto di San Pio Decimo, Papa Francesco possa continuare nell’opera di riforma della chiesa, preghiamo…”
    Era scritto proprio Decimo, in lettere e confesso che la forma mi ha fatto rabbrividire non meno della sostanza. Con tutte le incognite che gravano sul mondo han giudicato misericordioso nascondere quella X! Che facce di tolla!

  7. Stefano Mulliri

    Io già da tanto mi ero reso conto del cambiamento di rotta del quotidiano dei vescovi, ed era ancora regnante Benedetto XVI, ma già da allora si intravedeva una fessura tra il magistero del Papa, e i postulati di questo giornale sedicente cattolico, ma adesso mi sa che non vi siano più dubbi , per chi ha occhi e vuol vedere, solo che a differenza di all’ora ,purtroppo tutta la gerarchia Papa in testa stanno marciando in direzione opposta al Vangelo.
    Siano lodati Gesù e Maria.

  8. caro giovanni, le banderuole si sa, vanno dove spira il vento..ma quando il vento si fermerà..e si fermerà…giaceranno flosce su un rigido pennone…

  9. Personalmente,da cattolico che fatica a redimersi,sono sì angustiato dai nèoterici portatori del fumo di Satana,ma piu’ mi preoccupano quanti seguìtano a leggere taluni giornali sédicenti cattolici.
    “Uscite da quella città e scuotete la polvere da sotto i piedi.”
    Giuseppe

  10. I sodomiti vogliono adottare dei bambini..ma poi come la mettiamo con il comandamento “Onora il padre e la madre”?

  11. Questo per quantho riguarda “Avvenire”. “Sat2000”, ‘nvece, thramithe il serial “La famiglia Bradford”, si sta sobbar’ando l’onere di vei’olare dosi da ‘avallo di “religione enthro i limithi della ragione”, di “imperathivo morale ‘ategori’o” e di presenthare “dio ‘ome postulatho della ragion prati’a.” Si ‘apissce, l’ameri’anismo l’è anche ‘osì: moralismo, poppcorn e ‘o’a’ola.

    Firenze, oh ‘cara…!

  12. E’ vero noi non dobbiam giudicare ma farci apostoli della parola di Dio che dice testualmente nel Vecchio Testamento che la Sodomia in terra va condannata con la morte e nel Nuovo Testamento si dice che questi non entreranno nel Regno di Nostro Signore una volta defunti!

  13. La frattura nella chiesa italiana è sopita e nascosta ma potrebbe presto manifestarsi con più forza . Linea galantino e linea bertone. Il primo sbarella fuori dalla dottrina della chiesa. galantino ha parlato di volti inespressivi di gente che fuori dalle cliniche abortiste recita il rosario, quindi non crede nella preghiera il capo dei vescovi italiani? Apriamo bene gli occhi che questi furbetti vogliono farci fessi. Per fortuna nel campo laicale molti padri e madri di famiglia difendono sul campo della vita quotidiana i valori non negoziabili meglio di tanti vescovi.

  14. Ma se questa coppia vivesse nella castità non starebbe mettendo in pratica il Catechismo? Domanda non maliziosa, ma per capire.
    2358 Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali profondamente radicate. Questa inclinazione, oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Perciò devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione. Tali persone sono chiamate a realizzare la volontà di Dio nella loro vita, e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della croce del Signore le difficoltà che possono incontrare in conseguenza della loro condizione.
    2359 Le persone omosessuali sono chiamate alla castità. Attraverso le virtù della padronanza di sé, educatrici della libertà interiore, mediante il sostegno, talvolta, di un’amicizia disinteressata, con la preghiera e la grazia sacramentale, possono e devono, gradatamente e risolutamente, avvicinarsi alla perfezione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su