Le mani del clero immigrazionista sulla Festa de’ Noantri, a Trastevere

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L’antico e suggestivo quartiere di Trastevere è un pezzo importante del cuore di Roma. Fu in quella zona, al di là del Tevere, trans Tiberim, che ebbe inizio il Cristianesimo nella Capitale dell’Impero, grazie anche alla presenza di una comunità di ebrei. Un celebre testimone dei nostri tempi, Alberto Sordi (1920-2003), nonostante un’attività artistica a volte un po’ troppo spinta, sapeva ben rievocare l’abbraccio di Trastevere all’epoca della sua infanzia, ancora intorno agli anni Trenta: “Roma allora contava seicentomila abitanti e a Trastevere c’era la tipica atmosfera di un paese. La ricordo come un’isola felice piena di calore. Ci conoscevamo tutti e se a qualcuno capitava qualcosa di bello, era una gioia per tutti; se al contrario qualcuno viveva qualche dolore, aveva intorno tanta gente affettuosa”.

Ma ormai la situazione era deteriorata, nella Città e nella Chiesa Cattolica. Osservava infatti sagacemente il grande attore nella stessa intervista al settimanale «30Giorni» (n. 1-2000): “Certo, oggi è tutto cambiato: la Messa non è più in latino, ci sono le chitarre in chiesa, il prete dice Messa rivolto ai fedeli come se si esibisse davanti al pubblico… j’avessi dato io l’idea?”. Chissà che avrebbe detto Alberto Sordi, trovandosi ai nostri tempi a sentire un Papa, secondo il quale “Dio non è cattolico”, e quindi figuriamoci Roma. È il motto emblematico di un governo della Chiesa durato già sei anni…

Il clero che va per la maggiore condanna e perseguita chi mantiene la fede di sempre, mentre promuove adùlteri e immigrati… E hanno persino sfigurato la tradizionale e marianissima Festa de’ Noantri a Trastevere, iniziata sabato 20 luglio di quest’anno 2019, cogliendo l’occasione per propagandare le loro simpatie.

Nella Festa de’ Noantri si fondono la devozione alla Madonna e lo spirito d’appartenenza dei trasteverini (Noantri, cioè noialtri). Viene portata in processione una statua lignea di Maria SS., risalente a un felice ritrovamento presso la foce del Tevere, avvenuto nel 1535. Ha perciò preso il nome di “Madonna fiumarola”. Nei giorni dei festeggiamenti è abituale un grande concorso di popolo, autorità, forze dell’ordine e militari. Anche i turisti mostrano interesse e curiosità.

Ma l’avvio questa volta è stato davvero infelice. Per cominciare, hanno messo in mezzo alla Festa un bambino di 9 anni, di nome Francesco, che ha fatto la prima Comunione quest’anno nella Basilica di San Bartolomeo all’Isola. Quel figliolo con il nome che porta, visti i tempi, si candida ad essere un papafranceschino più che, un domani, un Francescano, magari dei Francescani dell’Immacolata, spietatamente commissariati e fatti a pezzi da Bontà Sua.

Da bravo, il bambino ha dato il via alla processione leggendo una preghiera da lui scritta – s’intende dopo il debito lavaggio del cervello – «per i poveri che vivono per strada, per chi ha un colore diverso di pelle e viene disprezzato da quasi tutti, per chi scappa dalla guerra e purtroppo non può entrare in Italia e muore nel Mediterraneo».

Povero papafranceschino… se solo avesse occhietti per vedere tutti i crimini compiuti dagli immigrati contro bambine, bambini, uomini e donne anche anziane. Se solo avesse l’opportunità di apprendere, fuori dalla scuoletta di regime, che il Corano ordina ai musulmani di non avere amici tra i cristiani e di sottomettere tutti all’Islam con la forza…

Allora forse riuscirebbe, il ragazzino, anche a scrivere – usando la testa – una preghiera e un appello perché dall’Italia si mandino via quelli che professano l’odio verso Cristo e si accolgano gli stranieri – anche occidentali – perseguitati per la loro fedeltà a Cristo.

Alla processione comunque hanno partecipato migliaia di fedeli, e non credo che siano tutti scemi, anzi. Dove c’è la vera devozione alla Madonna non può non esserci anche la capacità di vedere i segni dei tempi.

Nella chiesa del IV secolo dedicata a San Crisogono di Aquileia, nel primo pomeriggio dello stesso sabato era stata celebrata la Messa solenne presieduta da Monsignor Daniele Libanori, che ha usato l’omelia per un proclama immigrazionista. Rievocando l’accoglienza ricevuta dal Signore Gesù in casa di Marta, Maria e Lazzaro, il Monsignore neomisericordioso ha dichiarato che quando un ospite bussa alla porta «bisogna offrirgli il meglio perché in lui dobbiamo riconoscere il Signore».
Ovviamente il “riconoscimento del Signore” sarebbe da praticare verso gli immigrati estranei o più spesso ostili alla nostra fede cristiana.

Niente a che vedere, quindi, con l’accoglienza provvidenziale riservata ai fedeli di Cristo in viaggio per rendergli testimonianza (Mt 10,11; Lc 10,5-8), o con quel «bicchiere d’acqua fresca» offerto «a uno di questi piccoli, perché è mio discepolo» (Mt 10,42).

Poi il Monsignore ha molto raccomandato quello che la Chiesa ufficiale concede a tutti tranne a chi rispetta la Tradizione: “Spesso abbiamo voglia di raccontare, ma non sempre siamo capaci di ascoltare. Impariamo a coniugare i verbi dell’accoglienza e dell’ascolto, disponiamoci a cambiare la nostra vita, le nostre abitudini, a impostare in modo differente le nostre relazioni per gustare una vita più condivisa. Se ci aprissimo reciprocamente e fossimo sempre disposti ad ascoltarci apporteremmo una rivoluzione nella nostra vita”.

Dunque immigrati e rivoluzione, invece di Dio, Patria e famiglia, e invece di accogliere l’annuncio del Signore: «Convertitevi e credete al Vangelo» (Mc 1,15). Rimane in noi un’invocazione, tradizionalmente posta all’inizio del Santo Rosario: «Signore, vieni presto in nostro aiuto!». E l’aiuto viene e verrà, innanzitutto per portare la croce, fino al trionfo del Cuore Immacolato di Maria.

(Fonte: https://lucechesorge.org/)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “Le mani del clero immigrazionista sulla Festa de’ Noantri, a Trastevere”

  1. Antonio Conforti

    Non c’è da meravigliarsi. Quando il vaticano, ignora quanto relazionato da un commissario straordinario, messo da loro, che consiglia vivamente la sospensione della confraternita, per evidente mancanza del rispetto delle regole fondamentali confraternali, delle conoscenze di base e il rispetto del prossimo, mancanza di un percorso (accettato da tutti i confratelli) di catechesi, nessuna partecipazione alla vita confraternale, anzi, scontri verbali e fisici, pettegolezzi, dispetti, ripicche e tutto quanto quello che non dovrebbe sfiorare mai una confraternita.
    Le mire sono altre.

  2. giorgio rapanelli

    Questi soloni dell’accoglienza fraterna, che non vedono la realtà vicina e lontana di come vengono trattati i cattolici, si dovrebbero trovare laddove i cattolici li ammazzano davvero. Oppure se li mangiavano come avveniva in Congo con i ribelli Simba foraggiati dai paesi comunisti e guidati dai cubani di Che Guevara. Senza andare lontano nel tempo andiamo a Macerata con il caso della povera Pamela. La cosa che non capisco è come mai persone che hanno 3 mila dollari a disposizione per il viaggio della speranza che foraggia il crimine organizzato, finendo spesso in bocca ai pesci (e lo sanno perché oggi i telefonini e i social li hanno tutti anche in Africa), potrebbero andare in consolati e ambasciate italiane e chiede il visto per venire in Italia. Un certo numero magari fugge realmente da guerre e carestie, mentre altri, come i Nigeriani, potrebbero andare per le vie tradizionali. Forse sono criminali, che non vogliono essere valutati dalle nostre ambasciate… Comunque, ho visto molti anni fa le condizioni psicofisiche di coloro che morivano di fame per i raccolti bruciati dei nemici in guerra. Ebbene, quelli che arrivano, gli adulti, il giovani che abbandonano le loro famiglie, le madri con i piccoli, sono grassi come maiali. Come mai? Eppure fanno viaggi tremendi nel deserto, poi vengono massacrati nei campi libici, ma quando arrivano qui sono sorridenti e ben pasciuti. Io sono convinto che ci sia un piano oscuro ad opera delle logge angloamericane e dell’alta finanza che sono padrone dell’Europa e del pianeta: quello di distruggere la nostra identità europea e la nostra civiltà. Come avvenne con le invasioni barbariche che distrussero la civiltà romana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su