Le “parole morte” dell’uomo moderno

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Tra molti secoli, tristi e lenti, io so che i pagani ritorneranno. Essi non verranno su navi da guerra, non devasteranno col fuoco…non con lo spirito dei cacciatori o con la feroce destrezza del guerriero, ma mettendo a posto ogni cosa con parole morte”

La citazione riassume la visione finale di re Alfred, il grande condottiero cristiano che nel IX secolo sconfisse i pagani Danesi e preservò il Wessex, regione del Sud dell’Inghilterra, dall’imbarbarimento. Gilbert Keith Chesterton nel 1911 racchiuse le gesta di quell’epopea cristiana in quello straordinario poema epico dal titolo, “La ballata del cavallo bianco”, e questo presentimento finale avveniva dopo la vittoria, o presunta tale.

Mi sono sempre chiesto a cosa alludesse Re Alfred-Chesterton quando sottolineava l’assenza di significato delle “parole morte”. E, soprattutto, le “parole morte” evocate 110 anni fa a cosa corrispondono oggi? In soccorso a questi miei interrogativi, che reputo possano essere attualizzabili, Chesterton chiarì negli anni ’20 con grande intuizione e penetrazione intellettuale il dilemma: “La caratteristica dello stile ateo è di scegliere istintivamente la parola che suggerisce che le cose sono cose morte; che le cose non hanno un’anima”.

Le “parole morte” suggerivano che le cose erano morte, erano prive cioè di un’anima. Era lo stile materialista e ateo degli eugenisti di allora e dei pagani odierni, come rammentava Re Alfred nella sua lungimirante visione: “Voi guarderete alle vostre spalle ammirando e desiderando un giorno come quelli di Alfred, in cui, almeno, i pagani erano uomini”. Almeno i pagani erano uomini! Il monito di Alfred era rivolto ai vittoriosi cristiani, così come Chesterton lo indirizzava alla borghesia del suo tempo.

Alessandro Gnocchi ne aveva parlato poco tempo fa, quando evocava “l’abolizione dell’uomo” nello scritto del 1943 di Clive Staples Lewis. Il grande scrittore delle Cronache di Narnia per certi versi recuperò le drammatiche visioni alfrediane-chestertoniane anche in un altro libro dal titolo eloquente, “Quell’orribile forza” del 1945, in cui avvertiva, come in una terribile visione, della “maledizione di Babele”, nella quale gli uomini non sarebbero stati più capaci di elaborare frasi di senso compiuto, balbettando “parole morte” senza logica e costrutto.

Ogni parola, al contrario, va soppesata non solo perché rivela l’anima di ogni persona ma anche l’anima delle cose, nel senso di un profondo realismo che pone la conoscenza umana a contatto con le cose. Ora, questo stile ateo e materialista non solo si è sempre più sviluppato in seno alla nostra società, ma ha proliferato in tutti gli ambiti, tanto che si possono rilevare “parole morte” nella politica, nella finanza, nei giornali e persino nella Chiesa.

L’incessante stillicidio di “parole morte” rivela, come nell’intuizione chestertoniana in cui i pagani erano almeno uomini, la presenza di ometti nella politica, nella finanza, nei giornali e anche nella Chiesa. Credo sia opportuno sottolineare come la presenza di ometti non più uomini e delle “parole morte” che li caratterizzano non invochino la tentazione di Nietzsche e del suo “Superuomo” o “Oltreuomo”, dato l’esito irreversibile e tragico della sua condizione umana, ossia l’approdo finale alla pazzia.

Piuttosto se ne dovrebbe constatare l’analogia nelle conclusioni e nelle premesse: la follia nietzscheana corrisponde alla follia dell’uomo moderno, così come i “biglietti folli e aforistici” di Nietzsche corrispondono alle “parole morte” senz’anima pronunciate dal globalista, dall’ambientalista, quando ricorrono a termini come “sostenibilità”, “resilienza” e così via. Espressioni dure come quelle nietzscheane, penso a “trasvalutazione di tutti i valori”, “amor fati” e così via rivelano la stessa inconsistenza di fondo, il medesimo distacco dal reale e dalla ragione. L’esito di questa dissoluzione dell’umano è ancora rintracciabile nelle violenze inaudite dell’uomo moderno contro l’Uomo, contro l’umana ragione e contro Dio che si è fatto uomo, basti pensare alle ideologie anti-umane “gender” o alle battaglie contro la vita (aborto, eutanasia, eugenetica) rivendicate attraverso parole morte come “autodeterminazione”, “diritti”, “altre famiglie” e così via.

Le “parole morte” dell’uomo moderno non solo nascondono uno stile ateo e materialistico, ma rivelano l’inconsistenza umana dei folli protagonisti della nostra epoca: dai banchieri che si fanno governanti ai capitalisti che ostentano la loro falsa filantropia, dai generali che conducono armate per il green pass a Papi che difendono la carità del vaccino. In tutto questo crogiuolo di disumanità e follia si possono rinvenire, nelle parole visionarie ma vive di Alfred, chi metterà tutto a posto con le “parole morte”: “Sì, questo sarà il loro segno: il segno del fuoco che si spegne e l’Uomo trasformato in uno sciocco, che non sa chi è il suo signore… da questo segno li riconoscerete, dalla rovina e dal buio che portano; da masse di uomini devoti al Nulla, diventati schiavi senza un padrone”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su “Le “parole morte” dell’uomo moderno”

  1. Tiziano Lissandron

    Sosteneva lo scrittore Raymond Carver : ” Le parole sono tutto ciò che abbiamo , perciò è
    meglio che siano quelle giuste ” . Noi cristiani abbiamo ” La Parola “. Al di fuori di questa ,
    dovremmo soppesare bene le nostre misere parole . Ho voluto bene a Ratzinger per quello
    che mi ha insegnato , voglio bene a Bergoglio per quello che mi insegna .
    Non esiste un Papa a nostro uso e consumo , ma ” Il Papa ” . Che ci piaccia o meno , ce l’ha
    mandato lo Spirito Santo . O vogliamo ridurre il Papato a politicume ?

  2. Anita Bertolaso

    Caro Fabio, concordo con il contenuto di questo articolo.
    Suggerisco il capitolo Esattezza di Lezioni americane, di Calvino. A suo modo ripercorreva questo tema.
    Grazie per l’articolo.
    Anita

  3. Caro Tiziano, personalmente ritengo che l’insegnamento (se così si può parlare) di Bergoglio sia fuorviante. Esistono la Chiesa e il Papa ma di ciò cui sono degni sarà la storia a dirlo. Non sono io a ridurre il Papato a politicume, è Bergoglio stesso che lo fa.

  4. corrado corradi

    Articolo illuminante sulla realtà che ci tocca vivere… preoccupa che anche la Chiesa abbia ricorso alle “parole morte” quando, richiamando all’attenzione i “fratelli”, sente la necessità di specificare “… e sorelle”. Che mondo triste e spento stanno confezionando per i nostri figli e nipoti.

  5. Tiziano Lissandron

    Grazie , caro Fabio , per la pacatezza con cui mi ha risposto , ma…
    e lo Spirito Santo ? È all’opera solo quando ci manda un Papa che ci piace ? La prego , mi illumini , ne ho bisogno .

  6. Caro Tiziano, lo Spirito Santo è all’opera quando ci lasciamo condurre da Lui. Noi siamo strumenti nelle Sue mani e quando Lo ostacoliamo (con i nostri peccati, con la nostra superbia, con la nostra volontà) la Sua azione viene, da noi peccatori, ridotta. Il Vangelo invita ad essere come bambini, poiché il bambino si affida, si lascia condurre dal Padre. Lo Spirito Santo è sempre all’opera, come il buon padre di famiglia ma spesso noi non vogliamo darGli una mano.
    Fabio

  7. Tiziano Lissandron

    Caro Fabio , desidero anzitutto ringraziarla per la sua risposta . ” L’ attenzione ” , sosteneva
    Simone Weil , è la più alta forma di carità. Quando questa carità la si esercita verso chi ci contraddice è ancor più meritoria .
    Ho letto e riletto la sua riflessione sullo Spirito Santo , e in larga parte la condivido : siamo
    tutti , per così dire , contaminati dal peccato originale , e quindi maldestri esecutori di ciò che lo Spirito ci suggerisce . Tuttavia , come ci insegna la parabola dei talenti , ognuno di noi , anche un ignorante analfabeta , è portatore di un carisma di cui il Signore lo ha provvisto ,
    ed io ho sperimentato personalmente quanto l’umiltà di una povera persona possa scuotere
    le nostre certezze .
    Papa Benedetto , che io ho molto amato , era un dottore della Chiesa , e ha speso i suoi talenti
    nell’insegnamento della Dottrina ; chi volesse intendere l’ortodossia cattolica non ha che da leggere i suoi libri .
    Papa Francesco ha trascorso la sua giovinezza di prete calandosi tra la gente , sperimentando
    l’ordinarieta’ della vita quotidiana , e nell ‘ Angelus domenicale predica questa esperienza .
    Io direi che entrambi i Nostri Papi hanno speso bene i loro talenti .
    Non dobbiamo poi dimenticare che nella Storia agisce anche il diavolo , che , diceva Paolo VI ,
    è un essere pervertito e pervertitore. Nelle ” Lettere di Berlicche ” di Lewis ne abbiamo una
    lucida rappresentazione .
    E noi cosa abbiamo per combattere “Il Divisore ” ? Abbiamo il Vangelo e quella libertà mentale che il Signore ci ha tramandato e che permette anche a due persone come noi di volersi bene nonostante la pensiamo diversamente su alcune cose .
    Mi piace chiudere queste mie povere parole ricordandole che dei Chestertoniani come noi
    saranno sempre debitori a chi prestava attenzione anche al colore dell’erba .

    Con stima , Tiziano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su