LE TOSSICHE RADICI DEL GIUSTIZIALISMO – di Piero Vassallo

di Piero Vassallo

 

 

Il 20 settembre 1792 Louis-Antoine de Saint Just, accecato dal fanatismo, pronunciò davanti alla Convenzione rivoluzionaria il discorso che stabilisce il fondamentale principio del giustizialismo: il cieco odio politico.

Negata la tesi dell’inviolabilità del re di Francia e rifiutata la proposta di processare Luigi XVI come un comune cittadino, il granghigliotde accusatore e fondatore del processo politico, infatti, affermò: “Io dico che il re deve essere giudicato come un nemico, che dobbiamo combatterlo piuttosto che giudicarlo“.

In queste poche parole si contempla l’esplosione del delirio giuridico, che ha scatenato e alimentato la mostruosa vicenda della rivoluzione francese e della rivoluzione russa.

L’idea strutturalmente abnorme e allucinata di un tribunale che combatte il reo anziché giudicarlo con onestà, incoraggia e legittima le azione più irrazionali e più turpi, ad esempio l’assassinio di persone del tutto innocenti e più che innocenti virtuose, quali le monache carmelitane di Compiègne e le monache benedettine di Orléans.

In forza  dell’allucinazione che altera la natura dei tribunali, le monache di Compiègne e di Orléans furono condotte alla ghigliottina perché considerate genericamente nemiche e non perché colpevoli di un atto contrario alla morale.

E’ necessario rammentare che le infamie consumate nei processi stalinisti hanno la loro radice nella folle e disonesta dottrina di Saint-Just, una dottrina che continua ad infettare il pensiero dei progressisti sopravvissuti alla catastrofe del comunismo.

Saint Just è il padre di tutte le canaglie togate in Francia o in Russia. La legge del contrappasso ha trascinato Saint Just alla ghigliottina. Saint Just è morto, ma il suo fanatismo vive e lotta ancora contro la ragione e contro il diritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su