Lega cattolica per la preghiera di riparazione. Breve cronaca del terzo incontro nazionale. Notizie e avvisi. Una lettura di formazione di Sant’Ambrogio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

.

Calendario tradizionale. Giovedì 4 maggio 2017Santa MonicaPer il Martirologio clicca qui

.

Lunedì 1° maggio, a Pagnano di Merate, si è tenuto il III incontro nazionale della Lega cattolica per la preghiera di riparazione. In calce pubblichiamo una breve cronaca di questa bella giornata di cultura, spiritualità e di amicizia cristiana.

.

Gentili amici,

manteniamo con fedeltà il nostro impegno nella preghiera di riparazione, in particolare perchè ogni giorno dobbiamo dolorosamente assistere alla blasfema negazione dell’unicità della Fede cattolica per la salvezza. In questo Mese Mariano ricordiamoci la recita quotidiana del Rosario e preghiamo anche perché il Signore voglia presto darci Santi Pastori che possano guidare i fedeli in questa epoca di smarrimento, di confusione e di empietà. Possiamo rileggere, cliccando qui, le modalità della preghiera di riparazione. È prezioso anche l’ausilio del libretto con gli Atti di devozione al Sacro Cuore e le Litanie del Sacro Cuore (clicca qui).

= = = = = = = = = = = = = = = = =

Per la nostra formazione, in apertura del Mese Mariano leggiamo la Visitazione di Maria, di Sant’Ambrogio, tratta dal Commento su San Luca. Il testo potrà anche essere scaricato in formato pdf cliccando qui; in tal modo potrete costituire e conservare la vostra biblioteca di letture di formazione.

.

NOTIZIE E AVVISI

 I sacerdoti della Fraternità San Pio X celebrano la Santa Messa in rito antico in diverse città. Per l’elenco completo delle Cappelle in Italia e orari delle celebrazioni, clicca qui.

 Tutte le domeniche e i giorni festivi a Verona si celebra la S. Messa in rito antico alle ore 11.00 nella Rettoria Santa Toscana, in piazza XVI Ottobre n. 27.

– Tutti i sabati e nei giorni delle solennità a Brescia si celebra la S. Messa in rito antico alle ore 18.00 nella chiesa di San Zeno al Foro (piazza Carducci). Alle 17.30, recita del S. Rosario, esposizione del Santissimo Sacramento e benedizione eucaristica.

– Ogni domenica e festa di precetto a Pavia si celebra la S. Messa in rito antico, alle ore 9.30 nella chiesa dei Santi Filippo e Giacomo, in via Luigi Porta (centro storico).

– Nella diocesi di Prato si celebra regolarmente la S. Messa in rito antico in latino, in seguito al Motu Proprio “Summorum Pontificum” del 2007 nelle seguenti chiese: la chiesa dello Spirito Santo a Prato (piazza del Collegio), ogni domenica e festa di precetto ore 17.00; la chiesa di Santa Cristina a Pimonteogni domenica ore 10.00; la chiesa di San Martino a Paperino a Prato la prima domenica del mese ore 16.00 e ogni giovedì ore 7.30; la chiesa del Sacro Cuore a Prato (Via Benincasa), tutti i primi venerdì del mese ore 21.00; la Badia di Vaiano, da febbraio a giugno, un sabato al mese. Per il calendario dettagliato clicca qui.

 Ogni domenica e festa di precetto a Firenze, alle ore 11.00 e alle ore 19.00, nella chiesa dei Santi Michele e Gaetano, viene celebrata la Santa Messa in rito antico. Al sabato le celebrazioni sono alle ore 7.30 e 11.00 e nei giorni feriali alle ore 7.30 e 18.30.

– Ogni domenica e festa di precetto a Belluno, alle ore 8.00, nella chiesa di Santo Stefano, viene celebrata la Santa Messa in rito antico.

– In Alto Adige/Sud Tirolo viene celebrata la Santa Messa in rito antico: ogni prima Domenica al mese a Silandro in via Ospedale alle ore 18, ogni terza Domenica al mese a Bolzano in via Weggenstein alle ore 18, ogni quarta Domenica al mese a Bressanone nella chiesa Mariahilf/Zinggen alle ore 18, ogni 8 del mese nella chiesa parrocchiale a Cengles alle ore 17.

 Ogni domenica e festa di precetto a Bergamo, alle ore 9.00 e ogni venerdì alle ore 20,30, nella chiesa della Madonna della Neve, viene celebrata la Santa Messa in rito antico. Al termine della S. Messa del primo venerdì del mese, Adorazione Eucaristica e recita delle Litanie del Sacro Cuore di Gesù. Per essere aggiornati sulle celebrazioni in rito antico, cliccare su https://www.facebook.com/madonnadellanevebergamo/

–  Ogni domenica e festa di precetto a San Lorenzo, frazione di Pizzoli (AQ), alle ore 18.00, presso l’Abbazia di Sant’Equizio, viene celebrata la Santa Messa in rito antico.

– Ogni domenica e festa di precetto a Milano, nella chiesa di Santa Maria della Consolazione, in largo Cairoli, viene celebrata alle 10.00 la Santa Messa in Rito ambrosiano antico. Per  informazioni:http://messatradizionalemilano.blogspot.it/ .

– Ogni domenica e festa di precetto, a Monza, viene celebrata la Santa Messa in rito antico alle 18.45, nella chiesa delle Adoratrici Perpetue del Santissimo Sacramento, via Italia 37. Per informazioni, cliccare “La Messa di sempre – Monza” . 

– Ogni primo venerdì del mese, al Priorato Madonna di Loreto, a Rimini-Spadarolo, alle ore 21, Adorazione Eucaristica notturna per riparare le offese e gli oltraggi al Sacro Cuore di Gesù.

– a Firenze, nell’Oratorio di S. Francesco Poverino, Santa Messa domenicale in rito antico alle ore 10 e tutti i venerdì, alle ore 18.30, Preghiera di Riparazione (S. Rosario, Litanie del Sacro Cuore, Atto di riparazione ed altre preci anche per impetrare l’aiuto divino alla Chiesa martire della ferocia islamica). Per informazioni: Dante Pastorelli, dante.pastorelli@virgilio.it, tel. 055.600804.

– Ogni venerdì un gruppo di fedeli si ritrova per la preghiera a Cremona. Per informazioni: Mauro Faverzani  – mauro.faverzani@gmail.com

– Ogni primo venerdì del mese viene celebrata la Santa Messa in rito antico alle 19.30 a Modena nella parrocchia dello Spirito Santo in via Fratelli Rosselli. Vi partecipano alcuni aderenti alla Lega di riparazione  secondo le intenzioni proposte dalla nostra iniziativa. Ricordiamo che nella medesima chiesa viene celebrata ogni domenica alle 17 la S. Messa (dal 2007) e, a richiesta, anche gli altri sacramenti.

.

– Se altri sacerdoti fossero disposti a fare lo stesso nella zona in cui operano, ce lo facciano sapere e provvederemo a darne comunicazione.

– Ricordiamo che è possibile anche il semplice incontro tra laici che preghino secondo le intenzioni della Lega come già indicato. Anche in questo caso, sarebbe utile segnalarcelo in modo da poterne dare comunicazione. Rimane il fatto che lo strumento più efficace per la diffusione è il passaparola, che sarebbe meglio chiamare apostolato.

– Nei limiti delle nostre forze, siamo a disposizione per incontrare gli amici che intendono impegnarsi in questa impresa. Per questo, si faccia riferimento all’indirizzo di posta elettronica della Lega di riparazione, legariparazione@email.it , e troveremo il modo e il tempo per farlo.

Paolo Deotto – Alessandro Gnocchi

Sia lodato Gesù Cristo

.

LETTURA DI FORMAZIONE

Visitazione di Maria (da Sant’Ambrogio)

dal “Commento su san Luca” di sant’Ambrogio, vescovo

per scaricare il testo in formato pdf, clicca qui

 .

L’angelo, che annunziava il mistero, volle garantirne la veridicità con una prova e annunziò alla vergine Maria la maternità di una donna vecchia e sterile, per dimostrare così che a Dio è possibile tutto ciò che vuole. Appena Maria ebbe udito ciò, si avviò in fretta verso la montagna, non perché fosse incredula della profezia o incerta dell’annunzio o dubitasse della prova, ma perché era lieta della promessa e desiderosa di compiere devotamente un servizio, con lo slancio che le veniva dall’intima gioia. Dove ormai, ricolma di Dio, poteva affrettarsi ad andare se non verso l’alto? La grazia dello Spirito Santo non comporta lentezze. Subito si fanno sentire i benefici della venuta di Maria e della presenza del Signore. Infatti appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, esultò il bambino nel seno di lei, ed ella fu ricolma di Spirito Santo (cfr. Lc 1, 41). Si deve fare attenzione alla scelta delle singole parole e al loro significato. Elisabetta udì per prima la voce, ma Giovanni percepì per primo la grazia; essa udì secondo l’ordine della natura, egli esultò in virtù del mistero; essa sentì l’arrivo di Maria, egli del Signore; la donna l’arrivo della donna, il bambino l’arrivo del bambino. Esse parlano delle grazie ricevute, essi nel seno delle loro madri realizzano la grazia e il mistero della misericordia a profitto delle madri stesse: e queste per un duplice miracolo profetizzano sotto l’ispirazione dei figli che portano. Del figlio si dice che esultò, della madre che fu ricolma di Spirito Santo. Non fu prima la madre a essere ricolma dello Spirito, ma fu il figlio, ripieno di Spirito Santo, a ricolmare anche la madre. Esultò Giovanni, esultò anche lo spirito di Maria. Ma mentre di Elisabetta si dice che fu ricolma di Spirito santo allorché Giovanni esultò, di Maria, che già era ricolma di Spirito santo, si dice che allora il suo spirito esultò. Colui che è incomprensibile, operava in modo incomprensibile nella madre. L’una, Elisabetta, fu ripiena di Spirito Santo dopo la concezione, Maria invece prima della concezione. Beata disse tu che hai creduto (cfr. Lc 1, 45). Ma beati anche voi che avete udito e creduto: ogni anima che crede concepisce e genera il Verbo di Dio e riconosce le sue opere. Sia in ciascuno l’anima di Maria per magnificare il Signore; sia in ciascuno lo spirito di Maria per esultare in Dio. Se c’è una sola madre di Cristo secondo la carne, secondo la fede, invece, Cristo è il frutto di tutti, poiché ogni anima riceve il Verbo di Dio, purché, immacolata e immune da vizi, custodisca la castità con intemerato pudore. Ogni anima, che potrà mantenersi così, magnifica il Signore come magnificò il Signore l’anima di Maria, e il suo spirito esultò in Dio salvatore. Come avete potuto leggere anche altrove: Magnificate il Signore con me (cfr. Salmo 33, 4), il Signore è magnificato non perché la parola umana possa aggiungere qualcosa alla grandezza del Signore, ma perché egli viene magnificato in noi. Cristo è l’immagine di Dio: perciò l’anima che compie opere giuste e pie magnifica l’immagine di Dio a somiglianza della quale è stata creata, e mentre la magnifica, partecipa in certo modo alla sua grandezza e si eleva.

.

1° maggio 2017. Terzo incontro nazionale della Lega cattolica per la preghiera di riparazione. Cronaca di una bella giornata di spiritualità e di amicizia cristiana

.

Questa strana primavera, con acqua a catinelle e temperature quasi invernali, non è stata di ostacolo per l’incontro di Pagnano, una frazione di Merate, impreziosita dalla bella chiesa parrocchiale di San Giorgio, affiancata da uno dei più alti campanili della Brianza.

L’incontro si è svolto nel teatro OP. Al mattino i partecipanti, dopo una breve introduzione di Alessandro Gnocchi e Paolo Deotto e alcune comunicazioni sull’attività della Società di San Martino di Tours e di San Pio da Pietrelcina, hanno seguito gli interventi di tre relatori.

Elisabetta Frezza ha trattato il tema La “Buona scuola”, modello di istruzione totalitaria. Il titolo dell’intervento di Paolo Gulisano è stato Chi ben racconta fa una buona opera. Fare apologetica con la narrativa. Infine Don Claudio Crescimanno ci ha intrattenuto su “Lo spirito contrito è sacrificio a Dio”. I salmi sorgente della preghiera di riparazione.

Tre relazioni ricche, molto interessanti, come confermato dalla grande attenzione con cui sono state seguite dai partecipanti, e dagli applausi che le hanno concluse.

Dopo un pranzo di ottima qualità al Ristorante Caminun, il pomeriggio è stato dedicato a una breve tavola rotonda, con interviste e consigli di lettura, seguita dall’intrattenimento letterario teatrale, curato dal bravissimo Fabio Trevisan, efficacemente affiancato da Paolo Gulisano, da Emmanuel Tribbia e da Alberto Milani.

La giornata si è chiusa, attorno alle 18, con la recita del Santo Rosario e delle Litanie della Madonna, ad apertura del Mese Mariano.

E poi è venuto il momento dei saluti. Sembra banale dire che “il tempo era volato”. Ma è vero. È stata una giornata bella, ricca di contenuti culturali e spirituali, con uno spazio adeguato anche per un divertimento intelligente e sano. I partecipanti erano contenti, si avvertiva la vera amicizia che nasce dalla comune Fede, quella vera amicizia che consente di star bene insieme anche con chi si è appena conosciuto.

Che dire in chiusura? Che ringraziamo il Signore per questo dono e ringraziamo l’impegno di chi si è adoperato per l’organizzazione dell’incontro. La comune preghiera, che è la ragione per cui è nata la Lega, ci mantiene uniti agli amici che hanno partecipato all’incontro e anche ai molti altri che per varie ragioni non sono venuti, ma erano vicini spiritualmente. E arrivederci al IV incontro!

.

Elisabetta Frezza e Paolo Gulisano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “Lega cattolica per la preghiera di riparazione. Breve cronaca del terzo incontro nazionale. Notizie e avvisi. Una lettura di formazione di Sant’Ambrogio”

  1. Bellissima iniziatipa. Peccato che che con mia moglie non siamo riusciti a venire. Continuiamo però a seguirvi e a sostenerci spiritualmente e diffondendo riscossa cristiana. In attesa di riuscire a incontrarvi un simpatico saluto .. sia lodato Gesù Cristo. Giuseppe

  2. Sono sempre con voi spiritualmente in questi incontri a cui parteciperei se non fossi lontana… Ma una catena di preghiere ci unisce sempre!

  3. Xavier Pinyol

    Lo sento che no ho potuto venir. Era in Montevideo a visitare la mia figlia i la sua familia. La prosima vece espero de encontrarvi tutti. Se publicano le relaccioni?

  4. E stata la mia prima partecipazione all’incontro annuale. Incontro ben realizzato, con interventi piacevoli ed interessanti, svolti con competenza e chiarezza. Dopo questa esperienza, ritengo che tali incontri siano indispensabili come coronamento all’approfondimento e studio annuale offerto da Riscossa Cristiana. Grazie Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su