L’ennesima eresia nella nuova traduzione biblica della CEI. In 2 Cor 5,21 – di Fra Cristoforo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Fra Cristoforo

.

In questo articolo voglio farvi notare l’ennesimo e gravissimo strafalcione nella nuova traduzione biblica della CEI. Infatti sa proprio di bestemmia. Penso che Bergoglio si riferisse esplicitamente a questo versetto di San Paolo quando ha affermato l’eresia che “Gesù si è fatto serpente, diavolo e peccato”(http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV1958_Nitoglia_Bergoglio_Gesu_fatto_diavolo.html). Queste gravi affermazioni sono frutto non solo di una errata traduzione del testo biblico, ma a questo punto comincio a pensare che dietro tutte queste “false trasmissioni” ci sia un vero e proprio pensiero malvagio, per distorcere completamente il messaggio autentico della Parola di Dio. Un avvicinamento, se non un vero ammiccamento a tutto il pensiero protestante. Ecco che allora ribadisco l’urgenza per chi vuol restare “Cattolico” di affidarsi alle traduzioni precedenti a quella nuova del 2007. Perchè ci troviamo davvero di fronte ad un abisso impressionante.

Nella nuova traduzione, 2 Cor 5,21 è così riportato: “Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo fece peccato in nostro favore”. La traduzione precedente invece così trascriveva: “Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo trattò da peccato in nostro favore”. La differenza è abnorme. Un conto è dire che Dio “trattò” da peccato il Suo Figlio. Un altro discorso è dire che Dio “fece peccato” il Suo Figlio. Vi rendete conto della gravità di tale travisamento biblico? Non avevo ancora letto questa parte nuova fino ad oggi. Perchè di solito utilizzo vecchie traduzioni. Ma quando l’ho vista mi sono cadute le braccia in terra. Questi sono tutti impazziti.

Il testo originale greco è: “τὸν μὴ γνόντα ἁμαρτίαν ὑπὲρ ἡμῶν ἁμαρτίαν ἐποίησεν”. Il termine in questione è appunto “ ἐποίησεν – époiesen- da poiesis” , che in tutti i dizionari di greco antico che si rispettano è tradotto con “trattare –curare – attivare”. Ovviamente la parola più adatta alla traduzione in questione è sempre stata “trattare”. Nella Vulgata di San Girolamo 2 Cor 5,21 è: “Eum, qui non noverat peccatum, pro nobis peccatum fecit”, dove quel “fecit– indicativo perfetto III pers. singolare” non è assolutamente da intendersi in questo caso con “lo fece”, ma proprio con “lo trattò”, cioè “Dio trattò Lui da peccato”.

Quindi questa nuova traduzione non ha appigli da nessuna parte. Siamo davanti ad un clamoroso errore. E a questo punto comincio a pensare che sia stato proprio voluto. Soprattutto su un punto cruciale come questo testo di San Paolo. Facilmente e “faziosamente” travisato dai luterani. Inoltre San Paolo dice a chiare lettere in Rm 8,3-4: “Infatti ciò che era impossibile alla legge, perché la carne la rendeva impotente, Dio lo ha reso possibile: mandando il proprio Figlio in una carne simile a quella del peccato e in vista del peccato, egli ha condannato il peccato nella carne, perché la giustizia della legge si adempisse in noi, che non camminiamo secondo la carne ma secondo lo Spirito”. Ed in Eb 4,14-15 si legge: “ Poiché dunque abbiamo un grande sommo sacerdote, che ha attraversato i cieli, Gesù, Figlio di Dio, manteniamo ferma la professione della nostra fede. Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia compatire le nostre infermità, essendo stato lui stesso provato in ogni cosa, a somiglianza di noi, escluso il peccato”. E’ dunque lo stesso San Paolo insieme all’autore della lettera agli Ebrei che ci danno la giusta interpretazione di 2 Cor 5,21.

Qui ormai non ci importa più niente di ciò che può dire Bergoglio o chi per lui. Ma questa è l’ennesima prova che esiste un piano ben preciso (e non da oggi), di “travisamento” della Sacra Scrittura e di “ancoraggio” verso tutto il pensiero protestante.

Ora vi invito a leggere con attenzione la stessa interpretazione che S. Agostino da a 2 Cor 5,21:

“L’opinione di alcuni sul passo dell’Apostolo.

  1. Allora con quale peccato condannò il peccato? Alcuni trovarono un modo d’intendere e giunsero ad una interpretazione ammissibile. Ma, a mio modo di vedere, fu tuttavia ridottissima la loro possibilità d’indagare che cosa abbia voluto dire l’Apostolo. Non dettero, però, un’interpretazione distorta: a voi dico prima questa, quindi espongo il mio pensiero e ciò che la stessa divina Scrittura afferma essere assolutamente certo. Richiedendosi loro: Con quale peccato condannò il peccato? Aveva il peccato? Risposero così: Con il peccato condannò il peccato, con il peccato non suo; tuttavia con il peccato condannò il peccato. Di chi il peccato allora, se non con il suo? Con il peccato di Giuda, con il peccato dei Giudei. Come infatti versò il sangue in remissione dei peccati? Perché fu crocifisso. Da chi fu crocifisso? Dai Giudei. Chi il traditore? Giuda. Giuda lo tradì quando i Giudei gli diedero la morte. Fecero bene o peccarono? Peccarono. Ecco con quale peccato condannò il peccato. E’ stato detto bene ed è stato detto con verità, perché anche con il peccato dei Giudei Cristo condannò ogni peccato, perché, facendosi quelli persecutori, versò il sangue con il quale cancellò ogni peccato. Nondimeno, fa’ attenzione a quel che vuol dire l’Apostolo in un altro passo: In nome di Cristo– egli dice – noi fungiamo da ambasciatori, come se Dio esortasse per mezzo nostro; vi supplichiamo in nome di Cristo, cioè come se Cristo vi supplicasse, noi vi supplichiamo in suo nome, lasciatevi riconciliare con Dio. E prosegue: Colui che non aveva conosciuto peccato… Dio – con il quale vi supplichiamo di essere riconciliati -, lo trattò da peccato a nostro favore, perché noi potessimo diventare giustizia di Dio per mezzo di lui , colui che non aveva conosciuto peccato, cioè Cristo-Dio, lui il Cristo, che non aveva conosciuto peccato. Si può forse intendere qui il peccato di Giuda, il peccato dei Giudei, il peccato di qualsiasi altro uomo, dal momento che senti dire: Colui che non aveva conosciuto peccato lo trattò dapeccato in nostro favore? Chi? Nei confronti di chi? Dio nei confronti di Cristo, Diotrattò Cristo da peccato in nostro favore. Non ha detto: Dio lo fece peccatore in nostro favore, ma lo trattò da peccato. Se è un’empietà dire che Cristo abbia peccato, chi può tollerare che Cristo sia ” peccato “?

Una più certa interpretazione dell’Apostolo. In che modo Cristo fu trattato da peccatore.

  1. Com’è dunque? La Carità vostra veda di comprendere un grande e profondo mistero. Sarete felici se ne avrete desiderato la comprensione e giungerete ad amarlo. Veramente, precisamente, Cristo Signore nostro, Gesù Salvatore nostro, Redentore nostro è stato fatto peccato perché noi fossimo giustizia di Dio in lui. In che modo? Ascoltate la legge. Coloro che conoscono sanno quel che io dico; e quelli che non conoscono leggano, oppure ascoltino. Nella legge erano chiamati ” peccati ” anche i sacrifici che si offrivano per i peccati. Quando la vittima per il peccato veniva portata, eccoti che dice la legge: I sacerdoti posino le loro mani sul peccato; cioè sulla vittima per il peccato. E che altro è Cristo se non sacrificio per il peccato? Come anche Cristo – dice – vi ha amato, e ha dato se stesso per voi, offrendosi a Dio in sacrificio di soave odore . Ecco con quale peccato condannò il peccato: con il sacrificio che egli divenne per i peccati, con esso condannò il peccato. Proprio questa è la legge dello spirito di vita, la quale ti ha liberato dalla legge del peccato e della morte . Perché quella legge, l’altra, la legge della lettera, la legge che comanda è senza dubbio buona; santo, e giusto e buono il comandamento ; ma era impotente a causa della carne ; dunque ciò che comandava non si poteva adempiere in noi. Così una legge, come dicevo inizialmente, ti può far conoscere il peccato, l’altra lo può cancellare; la legge della lettera può far conoscere il peccato, la legge della Grazia può togliere il peccato”.

(S. Agostino, Discorso 152, DALLE PAROLE SEGUENTI DELL’APOSTOLO (ROM 7, 8. 1-4); FINO A:” DIO HA MANDATO IL PROPRIO FIGLIO IN UNA CARNE SIMILE A QUELLA DEL PECCATO “).

Sono come sempre graditi contributi, commenti, aggiunte, impressioni, e quant’altro, da parte dei lettori.

.

fonte: Anonimi della Croce

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “L’ennesima eresia nella nuova traduzione biblica della CEI. In 2 Cor 5,21 – di Fra Cristoforo”

  1. La traduzione del passo secondo la versione di Mons. Antonio Martini dalla Vulgata, con il commento di P.Marco M.Sales O.P., pubblicata dalla “EFFEDIEFFE” è la seguente:
    “Il quale fece per noi peccato colui che non conobbe peccato affinché noi diventassimo in lui giustizia di Dio”.
    Commenta il Sales “(Dio) trattò come se fosse stato il più gran peccatore, o meglio il peccato in persona”.

  2. Caro Fra Cristoforo,
    ho una Bibbia del 2008 ed è presente questa infame traduzione. E non solo:
    Nei vangeli c’è già scritto ” e non abbandonarci alla tentazione ” nel Padre Nostro!

  3. P. Enzo Redolfi

    Altro errore nella nuova versione della Bibbia è quello di considerare l’apostolo Giuda (non l’Iscariota) “figlio” di Giacomo, anziché “fratello” di Giacomo (Lc 6,16). Ma non sanno che Giuda e Giacomo erano i due fratelli apostoli? E perché tradurre “figlio” solo perché il testo originale mette solo “di”? Non sanno che “di” significa anche “fratello”, secondo l’uso comune, come si verifica anche nel nostro linguaggio popolare?

    Altro passo tradotto malissimo e opposto al suo vero significato è questo di Col 1,24: “Sono lieto delle sofferenze che sopporto per voi e completo nella mia carne quello che manca ai patimenti di Cristo, a favore del suo corpo che è la Chiesa”, alterato così: “Sono lieto nelle sofferenze che sopporto per voi e do compimento a ciò che, dei patimenti di Cristo, manca nella mia carne, a favore del suo corpo che è la Chiesa”. La giusta traduzione dovrebbe essere invece questa: “Sono lieto delle sofferenze che sopporto per voi perché aggiungo la mia carne mancante alla completezza dei perfetti patimenti di Cristo, a favore del suo corpo che…

  4. Ma perchè devono mettere mano al Vangelo e stravolgere il significato, mi dico, e anche i Salmi.
    Qual’è scopo? Non gli va bene così com’è?
    Alla Parola di Dio, sostituiscono quella dell’uomo…
    Se fin dall’inizio avessero fatto così, cosa mai ci sarebbe arrivato?

  5. Ottimo articolo; grazie mille!!! Segnalo questa mia osservazione. Ieri, venerdì 15 dicembre 2^ sett.Avvento, nella Santa Messa il salmo responsoriale era il n°1. Questo il testio che si è letto : “Beato l’uomo che non entra nel consiglio dei malvagi, – e non resta nella via dei peccatori – e non siede in compagnia degli arroganti, – ma nella legge del Signore trova la sua gioia, – la sua legge medita giorno e notte.” Nella mia Bibbia (ho la Bibbia di Gerusalemme) questo è il testo : “Beato l’uomo che non segue il consiglio degli empi,- non indugia nella via dei peccatori – e non siede in compagnia degli stolti; – ma si compiace della legge del Signore, – la sua legge medita giorno e notte.”
    Partecipando ieri alla S. Messa mi ricordavo di una catechesi ascoltata parecchi anni fa dove il sacerdote si era soffermato nella meditazione sulla successione dei tre verbi : segue (segue il consiglio degli empi), indugia (nella via dei peccatori) e poi siede (in compagnia degli stolti). La meditazione bellissima che ricordo ancora a distanza di anni puntava…

  6. (segue) puntava sulla successione dei tre verbi : seguire, poi indugiare, poi sedere. Ecco, questi tre verbi ora non ci sono più …..
    Un altro cambiamento che mi ha molto addolorato è nella preghiera della Santa Vergine ‘Magnificat’. “Grandi cose ha fatto in me l’ Onnipotente” è diventato : “Grandi cose ha fatto per me l’ Onnipotente”. Ma “in me” richiama l’ Incarnazione (in me, dentro di me, nel mio grembo), mentre dicendo “per me” il richiamo all’ Incarnazione sparisce ….

    Grazie mille ancora.

  7. Lorenzo Spezia

    Ma chi è l’ignorante che scrive questo articolo? Qualsiasi studente del liceo classico sa perfettamente che epoiesen significa esattamente “fece”, come infatti traduce Girolamo nella Vulgata e correttamente l’ultima edizione CEI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su