L’errore invincibile e la sua immancabile sconfitta – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Non moriremo liberali

di Piero Vassallo

.

zzmoroI liberali hanno vinto la II Guerra mondiale in società con i sovietici e la Guerra fredda da soli, contro gli ex alleati. Il trionfo è totale: liberalismo è diventato sinonimo di globalità.

Se non che il mondo liberale è retrocesso al disastroso del 1929. Il trionfante liberalismo non ha alternative ma…

Le accademie liberali, alimentate dal sistema bancario, sono sulla difensiva. Per giustificare il traballante e sciagurato sistema ripropongono, alla rinfusa, l’elenco degli errori madornali e degli atroci orrori compiuti dalle potenze ispirate da pensieri illiberali, ossia cattolicesimo tradizionale, comunismo, fascismo, nazismo, peronismo, maoismo, nazionalismi islamici.

A giudizio delle inappellabili cattedre dotate di potere sapienziale e di casse di risonanza giornalistica, la somma finale dei fatti storici, dimostra la perfetta e immacolata giustizia del sistema liberale. Oltre il liberalismo le tenebre. Oltre la banca benefica il lager e le camere a gas. Oltre il libero scambio il forno crematorio e/o la gelida Kolyma.

La qualunque obiezione alla trionfante dottrina liberale è tacitata e sepolta sotto gli orrori mortiferi del Gulag, di Auschwitz e del Balzo maoista in avanti, dell’attacco alle due torri ecc.

Non sei liberale? Sei un discendente di Stalin e di Mao, forse un aguzzino neo-hitleriano, un Josef Mengele in potenza, un kamikaze islamico. Vade retro horror! 

L’invincibile scienza degli storici liberali riesce nell’impresa di associare le giustificate obiezioni al liberalismo ai mostruosi delitti compiuti da alcuni oppositori al Bene Assoluto. Il colore dell’acqua insanguinata dagli infami oppositori al liberalismo serve a nascondere i crimini compiuti dai liberali, Buoni Assoluti e Inconcussi.

La spaventosa crisi in atto e i rimedi thanatofili proposti dai poteri forti e virtuosi inducono tuttavia a sospettare che il liberalismo non sia perfetto e forse neppure invincibile. Funeree trombe squillano per annunciare la bellezza del Bene Inevitabile ma la sciagura avanza imperterrita. Forse si può discutere l’Indiscutibile. Cautamente e sottovoce, infatti, si comincia a parlare di agonia del non più vittorioso sistema.

Un primo passo verso l’uscita dall’ideologia liberale è, forse, l’inventario dei delitti, spesso inutili e demenziali, sempre spaventosi, compiuti dai credenti nell’Ideologia per statuto detta Innocente.

L’assassinio delle suore carmelitane e benedettine durante la rivoluzione francese, ad esempio. Il genocidio dei nativi d’America. La persecuzione dei cristiani del Messico. I feroci bombardamenti – convenzionali e/o atomici – di obiettivi civili. Lo sterminio dei soldati tedeschi alla fine della II Guerra mondiale. La distrazione dei liberatori americani durante i processi e le esecuzioni sommarie nelle radiose giornate della primavera italiana. Le bombe incendiarie lanciate sui civili del Vietnam. La mano tesa ai massacratori di Gheddafi.

Un secondo passo verso la riabilitazione della critica al liberalismo è la memoria delle economie alternative attuate (in parte e in toto) da riformatori non inclusi nell’elenco ufficiale dei delinquenti politici: il Roosevelt del New Deal, e i fautori democristiani (Amintore Fanfani, Aldo Moro, Carlo Donat-Cattin) dell’intervento dello stato nell’economia, ad esempio.

La rispettabilità delle scelte economiche illiberaliste (non illiberali) compiute da governanti insospettabili autorizza a considerare senza inorridire il modello storico delle varianti all’economia liberale, ossia la risposta italiana alla crisi del 1929.

Poiché l’antifascismo è l’asso pigliatutto della scolastica liberale si pone il problema di distinguere gli errori del regime di Mussolini dalle misure attuate per arginare l’immane disastro causato dalla borsa americana, in allora (e oggi) dedita a un gioco d’azzardo, illuminato/allucinato dalla fede nella mano magica del mercato.

 .

Danilo Campanella, apprezzato autore di una convincente biografia di Aldo Moro, pubblicata dalla casa editrice San Paolo, sostiene che è impossibile analizzare l’epoca in cui si è formato lo statista democristiano prescindendo “dal fatto che il regime fascista aveva comunque goduto di un certo e, spesso, ampio consenso sociale”.

Ora il consenso fu tributato al fascismo in ragione della politica sociale attuata in aperta opposizione all’ideologia liberale. Un’opposizione che, in quegli anni cruciali, era in sintonia con il pensiero sociale della Chiesa cattolica oltre che capace di attrarre gli oppositori di sinistra, come ha rammentato Bruno Vespa in un recente saggio sul fascismo degli antifascisti.

Va da sé che il liberalismo non si contrasta riabilitando il fascismo ma riscattando e rilanciando la dottrina sociale della Chiesa che fu adottata dal governo fascista dopo la crisi del 1929.

Per uscire dalla fossa dei serpenti nutriti dalla teologia della falsa liberazione, la cultura politica dei cattolici deve riappropriarsi della sua identità e in ultima analisi affrancarsi dalla paura causata delle infondate e assurde accuse di complicità con gli errori del fascismo.

L’ideologia liberale, pur avendo confermato la sua strutturale e invincibile debolezza, sta in piedi nella tempesta che ha nuovamente scatenato, perché l’alternativa cattolica è tacitata dalla fumogena accusa di fascismo, accusa che è lanciata da una scolastica a corto di veri argomenti.

.

fonte: blog dell’Autore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “L’errore invincibile e la sua immancabile sconfitta – di Piero Vassallo”

    1. Il Regno Sociale di Cristo lo hanno già gettato alle ortiche al CV II con la Humani generis e la loro follia ecumenista, quindi come illudersi che possano tornare indietro anche di un sol passo ? no, no, cari amici miei, col diavolo non discute, non si dialoga, si lotta e basta, sperando nell’aiuto del Signore e della Vergine potente contro il male, che prima o poi (speriamo il prima possibile) schiaccerà la testa al serpente infernale, rigettandolo negli abissi infernali assieme a tutti i suoi accoliti, in particolare ai traditori del Suo Figlio Gesù (e voi sapete bene a chi mi riferisco). Laudetur Jesus Cristus, Viva Maria !

  1. Grazie caro Vassallo!!!!
    Ha scritto un articolo così luminoso che ha chiarito molti molti aspetti delle cause dell’attuale situazione politica e
    cattolica.
    Sono certa, non solo a me ma a tanti altri!!!!
    Spero tanto che questa ottima semina dia frutti!!!!

  2. Si potrebbe ipotizzare che in realtà i totalitarismi di cui parla l’articolo altro non siano che i frutti avvelenati del liberalismo massimalista di stampo hegeliano? Una componente liberale invece sarebbe un utile correttivo in una dottrina sociale di orientamento cristiano, in campo specificamente economico, per evitare eccessi buonisti e difendere il merito e l’iniziativa individuale. Quanto alla sciagurata UE, non riesco a vedere nulla di liberale nella sua politica economica, che mi pare quanto mai dirigista, non si ricorda abbastanza che la cancelliera Merkel non ha nulla a che fare con la cultura liberale, ma è solo una squallida funzionaria della DDR miracolata da Kohl.

  3. Il commento della Sig.ra Marina mi sembra molto equilibrato e pertinente. Non gettiamo via l’acqua sporca insieme al bambino. L’intervento dello Stato nell’economia, accentuato e appesantito con i primi governi di centrosinistra (primi anni sessanta), almeno in Italia, è padre dell’immane debito pubblico, del clientelismo, del voto di scambio, della vittoria del demerito, della creazione di una ipertrofica classe burocratica, garantita e irresponsabile, mantenuta con gli ingiusti proventi di una ormai insopportabile ed espropriante pressione fiscale.
    Per quanto riguarda poi il commento di Pascaliano non afferro, forse per colpa mia, il nesso tra CVII e la Humani generis, enciclica di S.S. PIO XII di venerata memoria.

    1. Chiedo scusa, Lamorciere, mi sono confuso, non avendo studiato il latino (sa, vengo da famiglia povera e ho fatto solo studi commerciali) con la Dignitatis Humanae. Chiedo venia agli amici lettori.

      1. Pascaliano, non hai alcun obbligo di scusarTi. Leggo con interesse i Tuoi commenti. Ho fatto quel rilievo solo per precisazione e poi mi sono letto quel documento, la Humani generis, scoprendone la calzante, o meglio, profetica attualità. Mi riferisco, in particolare, alla condanna, da parte di S.S. Pio XII, del relativismo dogmatico: insomma, già nel 1950 i modernisti rialzavano la testa. Ed oggi, alle viste umane, sembrano saldamente in sella. Sembrano…

  4. Grazie del bell’articolo, caro Professore. Proprio poche sere fa’, una rivalutazione del fascismo in campo econimico-sociale veniva stroncata da un conduttore di Radio Maria, in nome dell'”anacronistico” sistema delle corporazioni. Credo che, invece, ci sarebbe molto da approfondire e sviluppare.
    Ricordo che al liceo mi colpì il momento storico di fine ‘800, quando l’imperialismo economico si scatena per dare un impulso alla tecnologia e forsennato sfogo alla produzione industriale. Forse bisognerebbe ripartire da lì: sgombrato il campo dalla fallita utopia marxista con la sua invidia di classe, dovrebbe essere più “facile” per i cattolici rimettere al centro l’uomo e i suoi bisogni tanto materiali quanto spirituali. Tra questi ultimi c’è il bisogno di tempo per la contemplazione, per la gratuità, per la compassione e la preghiera; che poi sono le cose che ci distinguono dall’animale, nonchè i veri motivi per combattere lo sfruttamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su