L’Europa fallisce, l’Eurasia cresce  –  di Giampaolo Rossi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giampaolo Rossi

.

zgrppIL GRUPPO DI SHANGAI

Nei giorni in cui l’UE è stata travolta dalla Brexit e l’intera costruzione europea ha iniziato a scricchiolare sotto i colpi della volontà popolare, dall’altra parte del mondo è avvenuta una cosa che i delicati sensori dei media occidentali non hanno registrato.

A Tashkent, in Uzbekistan, i capi di Stato delle nazioni aderenti al “Gruppo di Shangai” (SCO – Shangai Cooperation Organization) hanno ratificato l’ingresso di altri due paesi: India e Pakistan.
Il Gruppo di Shangai è stato fondato nel 1996 da Cina, Russia, Kazakistan, Kirgizistan e Tagikistan; nel 2001 è entrato a farne parte anche l’Uzbekistan.
L’organismo, nato come forma di cooperazione militare (il primo atto fu la riduzione dei contingenti militari nelle aree confinanti i paesi aderenti), si è poi allargato alla cooperazione economica e politica.

UNA POTENZA EURASIATICA
Ora, con l’ingresso di India e Pakistan (che si concretizzerà nel 2017) e la possibile futura adesione dell’Iran, SCO diventa un’organizzazione di portata globale: sommando anche i Paesi con lo status di osservatori, l’alleanza racchiude oltre la metà della popolazione mondiale, il 60% del continente eurasiatico ed un’area geopolitica che va dal Mar Cinese meridionale al Mar Baltico, dal Golfo Persico al Golfo del Bengala; e raccoglie tute le cinque religioni non occidentali (cristianesimo orientale, confucianesimo, islam, induismo e buddismo).

zgrpp2L’importanza geostrategica di questa organizzazione è evidente.
Zbigniew Brzezinski, il teorico Usa della moderna strategia anti russa, dell’allargamento della Nato ad est e dell’annessione dell’Ucraina alla sfera occidentale, ha individuato l’Eurasia come chiave di volta del dominio globale, come un “super continente assiale del mondo”, capace di dare, a chi lo dovesse controllare, “un’influenza determinante su due delle tre regioni economicamente più produttive del mondo, l’Europa occidentale e l’Asia orientale”. Per questo fin dalla fine degli anni ’90, ha suggerito una strategia capace “di garantire che nessuno Stato o insieme di Stati acquisisca la capacità di espellere gli Stati Uniti o anche diminuire il suo ruolo decisivo” nella regione.

L’Organizzazione di Shangai si rafforza proprio in chiave anti-americana, proponendo un modello di partnership vincolata ad interessi comuni e a precise funzioni geopolitiche.
Come dichiarò Vladimir Putin nel vertice del 2008: “Dio ha benedetto i paesi della nostra regione affinché facciano uso dei loro vantaggi competitivi geografici e storici”immaginando un chiara funzione di modello alternativo a quello dell’Occidente: “Ora vediamo chiaramente l’errore del monopolio nel mondo della finanza e la politica di egoismi economici”.

UN REGIONALISMO APERTO
Come ha spiegato Dmitry Kosyrev su Ria Novosti (qui l’articolo in inglese), SCO“non è un’Alleanza (come la Nato), né un’Unione (come la UE), perché tutti i suoi membri ritengono che il tempo delle Unioni è passato”. È un tentativo di costruire un moderno modello di relazione tra stati sovrani che mantengono le loro specificità e non si “neutralizzano dentro regole e normeNon si tratta di una sfida all’Occidente standardizzato ma un modo per non ripeterne gli errori”È un regionalismo aperto più semplice del modello europeo anche perché non coinvolto in autoritari progetti d’integrazione e di annullamento delle sovranità.
Probabilmente l’Organizzazione di Shangai avrà difficoltà a gestire maggiori complessità ma in questa fase sembra essere un modello più funzionale di quello europeo schiacciato dagli interessi della finanza e dai progetti di dominio di un’élite tecnocratica.

Mentre il mondo è sempre più multipolare e definisce nuove aree d’influenza, l’Europa di Bruxelles si riduce ad essere la marginale provincia di un Occidente in crisi.

.

Su Twitter: @GiampaoloRossi

Articoli correlati:
Brexit: un meteorite sulla testa dei dinosauri
Usa, Russia Cina, Ue e la scacchiera del mondo
Nato-Russia: chi soffia sul fuoco?

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su “L’Europa fallisce, l’Eurasia cresce  –  di Giampaolo Rossi”

  1. jb Mirabile-caruso

    L’Unione Europea è “unione” solo di nome, di fatto è una TRAPPOLA in cui la massoneria intende ANNULLARE l’identità culturale, etnica e religiosa di ogni Paese folle abbastanza di entrarvi. Il risultato finale inevitabilmente sarà – se mai le Nazioni coinvolte fallissero di capire in tempo la realtà e tirarsene fuori come ha fatto la Gran Bretagna – quello di un ‘frullato del niente’, ovverosia un corpo senz’anima, cuore, cervello e, soprattutto, volonta: precisamente il pot-pourri ideale che serve alla massoneria per la realizzazione della sua fissa del nuovo ordine mondiale.

  2. L’alternativa all’UE esiste; si chiama EFTA, acronimo di European Free Trade Association (associazione europea di libero scambio). In sostanza, si tratta di un accordo continentale (attualmente tra Svizzera, Islanda, Norvegia) senza pretese di unioni o federazioni antistoriche, ma avente lo scopo di coordinare le politiche economiche dei Paesi europei. Niente €uro, niente Cedu, niente perdita di sovranità di popoli o Stati, malamente mascherata dalla presenza di un parlamento europeo che conta meno del due di picche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su