L’imbroglio della “libertà di insegnamento”  –  di Marisa Orecchia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Con le suggestive proclamazioni di “libertà” la scuola italiana è diventata un pernicioso strumento di corruzione della gioventù. Le chiare parole di Leone XIII, di Pio IX e di Pio XI. Sempre più urgente la necessità della scuola parentale.

di Marisa Orecchia

.

zzzzscl

.

Quotidiane  ed agguerrite incursioni  nella scuola dei  gruppi  LGTB con iniziative curriculari ed extra,  quasi sempre supportate da Istituzioni  – Regioni e RE.A.DY. in testa -. Rapido adeguamento  di buona parte di dirigenti scolastici  e di docenti  all’aria che tira  da un lato,  e dall’altro gogna mediatica  e reprimende per quanti  invece  cercano di opporsi (alle sanzioni ci penserà Scalfarotto). Libri di testo e sussidi didattici  di ogni ordine e grado di scuola  sottilmente ma pervasivamente inquinati dalla gender  theory.  Questa è   la scuola italiana oggi.

Siamo arrivati  a questo punto  attraverso una serie di passaggi  non sempre percepiti perché artatamente occultati da rassicuranti  locuzioni  o da rimandi  a precedenti  Atti, Decreti,  Leggine e Raccomandazioni che  si sono infine consolidati  al tempo del  tetro governo Monti nel Protocollo d’intesa  tra il  Miur- Ministero dell’Istruzione, Università, Ricerca –  e il Ministero del Lavoro  con delega  alle Pari  Opportunità  del 30/1/2013,  cui successivamente ha  fatto riferimento tutta  una serie di  ulteriori Atti.

Siamo arrivati a questo punto  perché così ha decretato  una nuova cultura  globale gnostica  massonica che si pone oltre il limite della natura e con arroganza pretende di  ridisegnare  l’antropologia e l’etica.

Il tutto  recepito e  rilanciato  dalla legge n. 107 del 13 luglio 2015 sulla “Buona” Scuola che ha così “premiato”  quel milione di genitori che, neppur un mese prima, in piazza  San Giovanni in Laterano, avevano  gridato il loro no alla scuola del gender.

Ma prima o poi i nodi vengono al pettine e quello che riguarda la scuola non è nodo da poco perché  vede in gioco  educazione,  giovani ,  futuro  e destino  della società.

Il nodo si chiama libertà di insegnamento  e, se viene da lontano, da quando cioè in epoca pre-unitaria il regno Sabaudo promulgò  nel  1848  e nel 1859  le leggi sulla scuola  statale laica  che avrebbe dovuto sottrarre il monopolio dell’insegnamento alla  Chiesa,  fu  Leone XIII  a condannare nell’enciclica Libertas la  libertà  di insegnamento con parole chiare e lungimirante visione :

 “Su quella che è chiamata libertà d’insegnamento occorre esprimere un giudizio non diversamente motivato. È fuor di dubbio che solo la verità deve informare le menti, poiché in essa sono posti il bene, il fine e la perfezione degli esseri intelligenti; quindi la dottrina non deve insegnare altro che la verità, tanto a chi la ignora quanto a chi la conosce, in modo che al primo rechi la conoscenza del vero, nell’altro la conservi. Per questo motivo è stretto dovere degli insegnanti svellere l’errore dalle menti e con validi argomenti sbarrare la via alle opinioni fallaci. Pertanto appare del tutto contraria alla ragione e predisposta a pervertire totalmente le menti quella libertà, cui si riferisce il nostro discorso, in quanto essa pretende per sé il diritto d’insegnare secondo il proprio arbitrio; licenza che il pubblico potere non può accordare alla società senza venir meno al proprio dovere. Tanto più che l’autorità dei maestri ha molta influenza sui discepoli, e raramente l’alunno può giudicare in modo autonomo se sia vero ciò che il maestro insegna.”

Per  Leone XIII l’insegnamento non è solo rapporto tra l’allievo e il docente chiamato a somministrare una disciplina, ma un rapporto di entrambi con  la verità e i principi e i valori che essa propone, contro la libertà di chi “pretende  per sé  il diritto di insegnare secondo il proprio arbitrio”, tanto più grave  in quanto l’allievo, non ancora formato nella sua capacità critica, non è in grado di  valutare quanto il docente propone. E non si  faccia qui la solita obiezione di tanti addetti ai lavori che sostengono a spada tratta che una cosa è insegnare, cioè trasmettere  contenuti relativi  alle varie discipline scolastiche, altro è educare  cioè trasmettere valori. Il docente, con la  sua materia di insegnamento, porta in classe anche se stesso, la sua visione della vita,  dell’educazione, dell’etica,  i valori in cui crede o  i disvalori cui aderisce. Non si dà  trasmissione di contenuti prescindendo  dal rapporto interpersonale docente-allievo e anche la posizione di  quanti tra i docenti scelgono di attenersi esclusivamente alla trasmissione di  competenze e  contenuti denuncia  in definitiva una neutralità che in educazione esprime  già  per se stessa una posizione contro  principi e valori.

Leone XIII non fu l’unico Papa che ebbe parole chiare  sulla funzione della scuola e  contro  la libertà di insegnamento. Già Pio IX  aveva denunciato nelle proposizioni n. 47  e 79  del Sillabo (a completamento dell’enciclica Quanta Cura) la  libertà di insegnamento come “uno dei principali errori  dell’età nostra” e in seguito Pio XI avrà parole altrettanto chiare  nell’enciclica Mit  brennender sorge  allorchè affermerà che “quando si cerca di profanare il tabernacolo dell’anima del fanciullo, santificata dal battesimo, con un’educazione anticristiana […] è dovere di ogni credente scindere chiaramente la sua responsabilità da quella della parte contraria e la sua coscienza da qualsiasi peccaminosa collaborazione a tale nefasta distruzione” (n.11)

Vedevano chiaramente quei Pontefici il rischio, cui  era esposto  il pubblico insegnamento, di propalare  una cultura  contraria  ai principi della verità  e  alla legge naturale e altrettanto chiaramente  lo denunciavano  con parole che non lasciavano spazio a dubbi e a interpretazioni.

La Chiesa finì in seguito in seguito con l’accettare la libertà di insegnamento, non tanto come principio quanto come necessità, soprattutto per tutelare il diritto di scelta educativa dei genitori e  per garantire uno spazio alla scuola libera paritaria quasi tutta cattolica, che ai genitori consentiva  di esercitare tale scelta. Dà conto di questa posizione il lungo e interessante confronto che in sede di Costituente si  snodò tra il DC Aldo Moro, sostenitore della  libertà di educazione e il latinista Concetto Marchesi, in quota PCI,  paladino della scuola di stato. Da tale confronto, anche  prescindendo  dalla posizione culturale dei  due contendenti – fortemente  inficiata dalle teorie  marxiste e quindi  sostenitrice dell’istruzione statale quella del Marchesi – emerge  una concezione alta della scuola  e dell’insegnamento, della figura del docente  e della sua missione di trasmettere non solo nozioni, ma anche cultura  e valori  in una società ancora naturaliter cristiana in cui è possibile far riferimento ai principi di un’etica condivisa. Ma sono  già gli anni nei quali- come ci avverte Romano Guardini-  stiamo  lucrando  “ quell’usufrutto che, pur negando la Rivelazione, si appropria dei valori  e delle forza che essa ha elaborato”.   (pag.102 La fine dell’epoca moderna- Morcelliana).

Oggi di quel patrimonio di cui il Cristianesimo ci aveva dotato e su cui l’Occidente  aveva costruito una fulgida civiltà rimane ben poco. Stiamo grattando il fondo di quell’usufrutto. Abbiamo perduto verità, giustizia, bene, bello, virtù, santità, nude parole abbandonate al vuoto del nichilismo o riempite di volta in volta dal “secondo me” della situazione. Oggi premiamo il vizio e la menzogna. Oggi Stato e Regioni erogano fondi alle associazioni LGTB affinchè vadano nelle scuole ad iniziare,  sotto la benemerita etichetta della lotta  al bullismo e alle discriminazioni, bambini e adolescenti alle perversioni.

Che cosa possiamo infatti  attenderci dalla scuola  se non che diventi uno specchio di  questa società?  Se  la  libertà di insegnamento, diritto  accordato  ad ogni docente (art. n. 1 del Decreto Legislativo  n.  297/1994)  cui “ è garantita la libertà di insegnamento come autonomia didattica e come libera espressione culturale del docente”  manda in  classe  esponenti  di  questa nuova antropologia, docenti che “come libera  espressione culturale” propongono modelli  di vita omo-bi- trans  etc. etc., con quali strumenti opporsi? Che fare quando arriva in classe il docente di matematica travestito? Basterà forse la disapprovazione di qualche dirigente scolastico e di qualche collega, sempre ammesso che disapprovazione ci sia e che  sia   concessa l’opportunità di esprimerla?

Certamente i genitori qualche strumento di difesa ce l’hanno: devono essere informati su iniziative extra curricolari, da cui hanno facoltà di tener lontani i figli. Possono prendere visione del P.O. F. e dei libri di testo, prima che siano adottati. Possono discutere nei consigli di classe sull’opportunità  di  certe scelte. Ma  sarà loro possibile opporsi ad una scuola che in nome della libertà di insegnamento e del pluralismo scolastico inoculerà  quotidianamente, goccia a goccia,  veleno nei loro figli?

Tale è la situazione e occorre prenderne atto, senza  illudersi che un giorno le cose  potranno cambiare da sole. Balbettare su emergenza educativa, educazione alla cittadinanza, alla legalità o  altre amenità del genere non salverà la scuola  e l’educazione dei giovani.

Occorre sottrarre quanti più bambini, ragazzi, giovani,  figli insomma, a questa scuola  che  abbruttisce e  lavorare per  costruire alternative che escludano ogni  indottrinamento di  disumane ideologie. I genitori  devono esercitare  il loro diritto ad educare mediante una scuola  veramente diversa da quanto offre lo Stato: una scuola cattolica, come le  molte già esistenti, o una scuola parentale  come quelle  che di questi tempi stanno sorgendo. Una scuola che accantoni il tanto celebrato pluralismo educativo, nel quale solo il caso decide quali docenti avrà l’alunno e a quale cultura  facciano riferimento, ma che ponga alla base del suo operare un progetto educativo  derivante dalla visione cattolica da cui discendono necessariamente antropologia, etica, pedagogia e didattica.

Lavoro, fatica, costi aggiuntivi  per la famiglia? Certamente.

Soluzione  che copre  una piccola minoranza di  allievi? Purtroppo. Ma quando  i barbari sono alle porte  e la civiltà  sta per cadere è la resistenza di piccoli gruppi che  tiene accesa la speranza da cui si potrà ripartire. Come ripeteva spesso Mario Palmaro, citando Giovannino Guareschi, bisogna salvare il  seme.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “L’imbroglio della “libertà di insegnamento”  –  di Marisa Orecchia”

  1. Patrizia Fermani

    Grazie Marisa, questo è il tema “etico” che ora contiene tutti gli altri, perché riguarda l’avvelenamento del terreno di coltura, ed sembra persino il più difficile da spiegare dato che il lavoro di inquinamento va avanti da più di mezzo secolo senza ostacoli. Ogni altro discorso diventa quasi inutile se non si tiene conto che i cervelli sono già stati svuotati di proposito.

  2. Trasmetto per chi vi fosse interessato questo comunicato dell’Istituto di Cristo Re e Sommo Sacerdote:
    “La Scuola parentale bilingue Gesù Bambino apre le sue porte il prossimo 30 aprile, dalle ore 15.30.
    La Giornata di presentazione è organizzata presso la Sede della Scuola:
    Villa Fonseca – Via di Gricigliano, 45 – Le Sieci (Pontassieve – FI).”

    Informazioni:
    scuolabilinguegb@gmail.com
    Pagina Facebook: Scuola Parentale Bilingue Gesù Bambino
    Telefono: 328.62.23.670 – 339.15.86.232

  3. Purtroppo anche le scuole cattoliche si stanno adattando all’andazzo generale: certamente non promuoveranno il gender, ma l’ottica cristiana è offuscata dall’apertura supina al mondo fino ad arrivare al rifiuto di trasmettere la Fede, perché questa deve essere una scelta autonoma dell’alunno: al massimo insegnano che tra le varie discipline insegnate e il cattolicesimo non c’è contraddizione. Questo è ciò che dicono certi “esperti” della scuola cattolica con l’avallo di certi sacerdoti che farebbero rivoltare in paradiso i santi fondatori dei loro ordini.

  4. Devo dire che sono commosso nel vedere ricordata, anche sr di scorcio, la figura del grande latinista Concetto Marchesi

  5. Purtroppo non è solo la scuola con i suoi educatori a fare acqua. E’ lo stesso insgegnamento della Religione Cattolica, in cui insegnanti provetti allettati forse dal facile stipendio, fanno opera di distruzione della Religione Cattolica, mettendo in dubbio l’esistenza di Mosè, di Adamo ed Eva. Questo ovviamente per Mosè a motivo di affermare indirettamente che i Dieci Comandamenti non esistono, e nel caso di Adamo ed Eva per non credere a quanto profetato nella Bibbia circa la venuta del Gesù. Questa opera di demolizione non è operata da tutti gli insegnanti di Religione, ma sicuramente il fatto che non diano duante le lezioni importanza alla spiritualità, ai sacramenti, alle devozioni, non invoglia sicuramente i giovani a conoscere e amare il loro Dio e la morale che ne deriva, assente e scollegata dalla spiritualità, ma ancorata magari alle moderne scienze con i loro ideologi che cambiano opinione a seconda dei gusti, i tempi e le perversioni. Vedasi la sezione http://paceate.jimdo.com/apologetica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su