L’Immacolata dei miracoli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ivrea

Ripreso da Italia Catholica

.

L’8 dicembre 1859, festa della Immacolata Concezione, i coniugi Pizio di Torino si facevano protestanti dietro promessa di aiuti finanziari, essendo essi nell’indigenza.
Lo stesso giorno, il padre, Alberto Pizio, cercava di vendere alcuni vecchi mobili e, tra questi, un bel quadro della Vergine dipinto su legno.
Ma i compratori, vedendo l’immagine dell’Immacolata, proruppero in orrende bestemmie e uno di essi tentò ripetutamente di farlo a pezzi con una scure. Se non che la scure si ruppe, ma l’immagine rimase illesa. Infuriati i tre malviventi gettarono il quadro sul fuoco, ma il miracolo si ripeté: le fiamme carbonizzarono tutto il legno intorno alla immagine, rispettando prodigiosamente la figura della Vergine.
I profanatori fuggirono allora spaventati e il Pizio nascose il quadro.

Un mese dopo, sua moglie, saputa la cosa, incredula e ostianata nelle sue idee, volle a sua volta tentare di distruggere il quadro. Lo asperse con alcool e gli diede fuoco. Nuovamente si ripeté il miracolo.

Tormentati dai rimorsi i due conigui si consigliarono con un Sacerdote, che suggerì loro di consegnare il quadro a qualche persona pia che pregasse per loro. Essi decisero di consegnarlo alle prime persone religiose che avrebbero incontrato la sera del mercoledì santo 1860.
La Provvidenza dispose che tali persone fossero precisamente due religiose della Congregazione dell’Immacolata Concezione d’Ivrea recentemente fondata.

Da allora il quadro venne gelosamente conservato dalle suddette Suore, le quali lo hanno ora esposto alla pubblica venerazione in un grandioso Tempio che sorge ad Ivrea presso la loro Casa Madre.

I fatti prodigiosi riguardanti la taumaturga Effigie vennero esaminati in un regolare processo canonico indetto nel 1910 dal Cardinale Agostino Richelmy di Torino; di esso si conserva copia autenticata nell’Archivio della Casa Generalizia di Roma.

.

NOVENA O TRIDUO ALL’IMMACOLATA DEI MIRACOLI

O Immacolata dei Miracoli, io confido pienamente in Te per questo mi prostro dinanzi alla Tua immagine e T’invoco. Liberami dalla tribolazione in cui verso come salvasti la Tua Effigie dai colpi della sacrilega scure e concedimi la grazia che Ti chiedo. Ave Maria.
O Vergine dei Miracoli, salvami dalle fiamme del peccato e dalla morte eterna come salvasti la Tua Immagine dal fuoco sacrilego e concedimi la grazia di cui ho tanto bisogno. Ave Maria.
Benedicimi, o Madonna dei Miracoli, ed accogli la mia preghiera. Fa che io ami ardentemente il Tuo Figlio Divino e salga ogni giorno verso di Lui rendendomi degna della grazia per la quale ora t’imploro. Ave Maria.

O Immacolata dei Miracoli – prega per noi.

.

fonte: UnaVox

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “L’Immacolata dei miracoli”

  1. annarosa berselli

    Quasi che il quadro volesse confermare il dogma proclamato nel 1854 dal b. Pio IX, e confermato dalla BV stessaa Lourdes 4 anni dopo!

  2. Un giorno di tanti anni fa chinai lo sguardo per terra (stavo uscendo dal condominio dove abita mia mamma). Ai miei piedi vidi un’ immaginetta sporca e lacera, come qualcuno l’avesse gettata via con noncuranza o con disprezzo (almeno così a me parve).
    La raccattai teneramente da terra e la ripulii. Era la stessa immagine del riquadro qui sopra, con il medesimo scritto. Da allora la conservo gelosamente in una pellicola di cellophane, come una reliquia preziosa, e di tanto in tanto prego la mia Madonna dei Miracoli, che mi ha anche esaudito.
    Prima di quel lontano giorno non sapevo esistesse ad Ivrea.
    Grazie alla Redazione di avermi ricordato quel commovente episodio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su