L’imperdonabile militarismo di Simonetta Scotto  –  di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La pace, alzi una mano chi osa non amare la pace. Nessuno è astrattamente contrario al disarmo totale, alla drastica abolizione della qualunque arma, dalla bomba H al coltello da cucina e alla forchetta oculistica. Un orizzonte color rosa è peraltro scolpito, nei cuori teneri e in quelli duri, dalla magia al potere nel salotto autorevole, su cui scendono petali di garofani e di crisantemi.

di Piero Vassallo

.

zzzzsmntscttSe non che anche le mani dell’uomo possono fungere da armi. Anche il karate può ferire e uccidere. Purtroppo il pacifismo radicale dovrebbe passare attraverso la mutilazione delle armi anatomiche. Uomini senza mani avanzerebbero sulla via del pacifico futuro.

Forse non avanzerebbero neppure, visto che anche i piedi possono ferire e uccidere. Il disarmo totale contemplerebbe un dolente corteo di mutilati sulle quasi immobili carrette del Settecento francese disegnato da Jacovitti.

Il pacifismo estremo allestirebbe, infatti, una scena da corte dei miracoli. La perfetta pace, in questo mondo, manderebbe in onda un film dell’orrore, per il divertimento di vescovi ubriachi.

Sappiamo finalmente che l’ombra bieca e feroce del karate divora, confuta e ridicolizza il pacifismo perfetto, che è annunciato dalle allegre (gaie) grancasse del partito radicale.

Dispiace ma si è obbligati a malincuore a riconoscere che armi e armati al momento non possono essere aboliti. Gli eserciti del salotto hanno debellato le dittature non le baionette, che, peraltro, costituiscono materia di un suo sapiente, occulto e fruttuoso traffico.

La totale utopia pacifista, sopravvive in un cortile psicotico, allestito da maghi onusiani e applaudito da monsignori (europei e sudamericani) ubriacati e folgorati dalla nouvelle théologie.

Rimane la tenue speranza in un’astratta potenza, capace (si spera) di fare uso buono e ragionevole delle armi. E’ questo il tema dei racconti della scrittrice Simonetta Scotto, concepiti alla luce “dei princìpi a cui i miei protagonisti non vengono mai meno: il Dovere, l’Onore, la Lealtà, il Sacrificio“.

I libri di Scotto sono dichiarazioni di guerra alla sragione circolante nel salotto chic. Non per caso i racconti della scrittrice genovese sono dedicati ai marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, imprigionati dalla polizia di un paese i cui tribunali (con rispetto ecumenico parlando) nutrono pensieri discendenti dal tenebroso delirio teologico saettante nella Bhagavad Gita.

Di Simonetta Scotto è uscito in questi giorni un avvincente racconto O con lo scudo o sullo scudo, pubblicato dalla casa Youcanprint, editrice  in Tricase di Lecce.

In nomi dei protagonisti – Steve e James – hanno un suono americano, ma l’autrice precisa che essi incarnano idealmente tutti i protagonisti della lotta contro i malavitosi, i ciechi, arnesi del nichilismo alto, che promuove lo spaccio della droga in esecuzione di un mortifero piano  di stampo malthusiano.

La tesi che attraversa il fascinoso racconto di Scotto contempla l’arduo obbligo di associare il rispetto delle regole alla mano pesante dei militari, che deve essere impietosamente calata sui criminali che governano i cartelli dello spaccio.

L’opera di Scotto contribuisce all’affermazione di una cultura refrattaria ai fantasmi della democratica indulgenza nei confronti del vizio in corsa sfrenata nella terra del tramonto, in vista della finale catastrofe ecumenica in arrivo dai paesi islamici.

.

fonte: blog dell’Autore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “L’imperdonabile militarismo di Simonetta Scotto  –  di Piero Vassallo”

  1. Oggi ho visto l’insegna di una macelleria islamica chamata “La Pace” (in iitaliano e corrispettivo arabo). Scritta in caratteri colorati di Arcobaleno.

    Altro spunto: un sonetto di Trilussa, “La Giraffa e l’Elefante”, mette in bocca alla Giraffa le parole
    ” — È naturale!
    Er collo me s’allunga a mano a mano
    aspettanno la Pace universale
    ch’ho intraveduto sempre da lontano…”

    In questo modo, fra l’altro, il grande Trilussa ridicolizzava l’Evoluzionismo, secondo il quale il collo della giraffa si era allungato un po’ alla volta per farle raggiungere meglio i rami alti

  2. Cari Piero Vassallo e Raffaele, nonostante la tragica realtà in cui l’umanità
    è immersa e che voi avete come sempre acutamente indicato, bisogna che
    ammetta che i vostri commenti ironici mi hanno fatto SORRIDERE!!!!!
    Siete davvero simpatici.
    VI RINGRAZIO DI CUORE!!!!

  3. …dal tenebroso delirio teologico saettante nella Bhagavad Gita.

    Carissimo Prof, definizione consona e puntuale di un’opera che tanto fascino suscita nei ‘cuori impavidi’ di gente che si definisce di destra e di coloro alla Battiato.

  4. E’ sempre un piacere per l’intelletto e anche per i sensi (intendo il senso estetico, il senso dell’umorismo, il senso morale) leggere le riflessoini argute e allo stesso tempo ferocemente caustiche del bravissimo Piero Vassallo. Preghiamo che Dio ce lo conservi a lungo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su