L’inclusione veste Prada. Divagazioni sull’ultimo grido radical chic

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Oggi si porta l’inclusione: sta bene con Louis Vuitton o con Prada, a seconda dei gusti, per le signore eleganti. Agli uomini è consentito abbinarla anche con accessori di minor pregio e, se uno è un prete senza talare, con ogni capo casual

L’inclusione è cosa raffinata, si ispira all’ambra con cui ti metti al collo lo sprovveduto insetto imprigionato dalle bave voraci dell’albero (previa dispensa di nostra signora dei Gretini).  La signora elegante è affascinata da questa morsa assassina e sente di dover esorcizzare i cattivi pensieri superandoli dialetticamente con la mano umanitaria tesa al diverso, da includere nel club degli uguali. Infatti per le signore eleganti, per i preti senza talare e per gli uomini equi e solidali, l’operazione che rinchiude il diverso dentro l’uguale viene considerata, appunto, altamente umanitaria e santificante. Nessun dubbio è consentito sulla imprescindibilità virtuosa di questo nuovo dogma.

Tutto nasce dal fatto che in principio c’è l’uguaglianza che, col tempo, da criterio posto dalla legge è divenuta attributo intersoggettivo. Cosicché un po’ tutti, compresi quelli che poi tanto ugualinon erano, hanno cominciato a proclamarsi tali, pensando fosse una condizione moralmente e filosoficamente obbligata. 

Sennonché, è proprio il criterio normativo dell’uguaglianza che non solo presuppone la diversità, ma addirittura la valorizza e la protegge: ci si è accorti che l’uguale non è uguale se non c’è il diverso, e viceversa. Dunque, l’unico modo per valorizzare l’uguale è enfatizzare il diverso, magari incorporandolo. Così anche persone insospettabili nate uguali per natura, aspirando in cuor loro a diventare diverse, si sono messe in coda per essere incluse.

Risultato pratico: nel segno dell’inclusione, un’intera classe di ragazzini deve rinunciare alla gita di istruzione per la presenza di un elemento socialmente pericoloso che metterebbe a repentaglio la sicurezza del gruppo, ma che non può essere escluso dall’iniziativa perché deve essere incluso. Che poi, mutatis mutandis, è lo stesso principio per cui è vietato evocare la mamma nella classe dove c’è Viola che ha due papà e deve andarne fiera. 

Ecco dunque che, in omaggio al principio di non discriminazione, il bello e buono e normale deve diventare brutto e cattivo e anomalo. Pena l’esclusione. Soltanto dopo questo processo di purificazione potrà ricominciare un nuovo ciclo di inclusione.

Ma pare ora si stia verificando una situazione allarmante, una vera emergenza umanitaria: una improvvida deregulation ha prodotto l’inclusione selvaggia di tutti i diversi disponibili ancora sul mercato, e attualmente non c’è più nessun diverso vero in lista di attesa. Toccherà inventarlo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

1 commento su “L’inclusione veste Prada. Divagazioni sull’ultimo grido radical chic”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su