L’inganno del matrimonio gay – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“L’imponente diffusione dell’ideologia gay fa parte di un programma filosofico [il neo-illuminismo nichilistico e incolto, che mira ad instaurare il Regno dell’Uomo] che ha veramente gettato alle ortiche ogni senso comune e ogni senso morale, ogni tradizione autenticamente religiosa e anche la conoscenza della vera psicologia.”   [Johan Huizinga (1872-1945)].

di Piero Vassallo

.

zlascienzadiceno_copIl naufragio della filosofia illuministica nelle acque di quel delirio americano/onusiano, che giustifica e approva gli atti dell’immondo vizio contro natura, è l’oggetto di una puntuale, convincente introduzione dell’autorevole Paolo Pasqualucci al saggio “La scienza dice No. L’inganno del matrimonio gay. Il testo in questione è stato scritto da un influente psicoterapeuta olandese, Gerard J. M. Van Den Aardweg e magistralmente commentato da Paolo Pasqualucci, al fine di confutare l’opinione pseudo scientifica ma squisitamente democratica e progressista, che nell’omosessualità contempla e quasi venera un orientamento sessuale naturale e innato e non una deviazione libertina, trattabile e riducibile con le terapie suggerite dalla scienza medica (purtroppo minoritaria e silenziata) che non è asservita alla rumoreggiante utopia postmoderna.
La benda americana, posata sugli occhi dell’umanità democratica, impedisce di vedere il delirio sodomitico in corsa rovinosa e squillante nei cortei, che esibiscono le vittime di una patologia non soccorsa ma approvata e incentivata  dalla medicina e dalla politica d’ispirazione progressista.

Il testo pubblicato da Marco Solfanelli, irriducibile editore in Chieti, affronta risolutamente la mitologia diffusa dalla rumorosa/fantasiosa subcultura gay ossia la surreale tesi sulla naturalità e normalità del vizio contro natura.

Il riconoscimento della normalità e quindi l’attribuzione del perfetto decoro al sesso contro natura hanno origine da un’opinione senza serio fondamento, una favola che ha purtroppo ottenuto il consenso del giornalismo filosofante, della teologia conformistica/postconciliare e la condivisione invincibile del vasto pubblico appartenente alla disarmata/manipolata/asservita folla delle persone di mezza cultura.

E’ doveroso rammentare che la popolarità della sodomia – oltre che da ipotesi pseudo scientifiche  sulla dipendenza della struttura sessuale da una libera scelta – è nutrita dalla memoria della persecuzione messa in atto dai nazisti contro gli omosessuali.

La giustificata indignazione suscitata dalla discesa del moralismo nazista nell’odioso sadismo concentrazionario, ha turbato e alterato il pensiero dell’Occidente, ispirando un sillogismo irresistibile e fulminante: i malvagi perseguitavano gli omosessuali, dunque gli omosessuali sono buoni e meritano la incondizionata approvazione degli umanisti e dei sinceri democratici.

Dalla rotazione della morale democratica intorno al convincimento secondo cui il nemico del mio nemico sarebbe un vero amico ha origine l’identificazione (a tempo debito proposta da Gian Carlo Zonghi Spontini) di sodomia e rivolta contro lo spregevole fascismo.

L’identificazione del persecutore strutturalmente malvagio ha motivato una surrettizia assoluzione e una fulminante approvazione della minoranza dedita alla sessualità contro natura.

I mitografi, in attività scapestrata sulle piste mass-mediatiche del progressismo, nascondono e censurano le statistiche intorno alla passione suicidaria, in corsa sfrenata oltre il radioso orizzonte sodomitico. La buona stampa, ad esempio, occulta la statistica sui suicidi giovanili nella progredita ed esemplarmente malinconica Svezia, dove la percentuale dei suicidi commessi da omosessuali è superiore di venti volte a quella dei loro coetanei non transessuali.

Opportunamente Pasqualucci rammenta che causa della diffusione dell’ideologia omosessualista “è la generale corruzione dei costumi ovvero l’influenza del modo sempre più depravato di vivere che caratterizza le nostre società, giusto il quale si è smarrito il senso del peccato e si mette tutto sullo stesso piano”.

I frutti tossici dell’omosessualità giustificano la diffusa richiesta “di ristabilire la verità a proposito dell’omosessualità, controbattere le distorsioni e le bugie della propaganda gay; poter aiutare con le opportune psicoterapie orientate al cambiamento gli omosessuali che vogliano guarire; ristabilire la libertà d’insegnamento e di pensiero sul tema dei disordini sessuali: abolire l’attuale educazione sessuale neopagana nelle scuole, denunciare la sua immoralità, cancellare le leggi e norme pro gay esistenti a cominciare dal matrimonio gay e favorire il matrimonio e la famiglia, come stabiliti secondo natura”.

Quasi a commento delle tesi esposte nel magnifico saggio in questione sembra doveroso affermare la necessità di un drastico aggiornamento della cultura politica della destra, cioè l’obbligo di una svolta intesa ad aderire a quelle correnti della filosofia sociale, che sono attive nella difesa dei princìpi essenziali al vivere civile.

Una tale scelta contempla il riscatto e l’emancipazione della buona destra dall’ipoteca liberale (e libertina) che, allo stato dell’opera, costituisce, disgraziatamente, il certificato di minorità della vita italiana.

L’incombere di un’immigrazione aliena quando non ostile obbliga la restaurazione di quell’ordine sociale che è stato alterato dall’infelice e disastroso incontro della nuova teologia con il decrepito progressismo.  

.

La scienza dice No. L’inganno del matrimonio gay – di Gerard J. M. Van Den Aardweg – ed. Solfanelli (pag. 168, € 12,00) – per acquisti on line inviare una mail a info@riscossacristiana.it . Per le modalità di pagamento, clicca qui 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su “L’inganno del matrimonio gay – di Piero Vassallo”

  1. Oggi ciò che è normale, naturale sino all’ovvietà, scandalizza!

    L’insigne studioso prof. Paolucci, appare come una mosca bianca, anzi come una ‘pecora nera’, data la portata dello stravolgimento, che si è attuato in tempi brevissimi, nella testa della folla dei mediocri spensanti che formano il ‘grosso’ della moderna società.

    Il prof Vassallo, come sempre, mette lucidamente, in luce la situazione disperante, di quello che un tempo veniva ancora battezzato mondo civile, anche se da numerosi decenni, avendo abbandonato la filosofia del reale di matrice essenzialmente cristiana, portava in sé i germi propedeutici agli stravolgimenti attuali.

    Solo il ritorno ai canoni propri della filosofia perenne può dare qualche sensata speranza al desiderio di uscire dal tunnel cieco e soffocante nel quale siamo stati cacciati dalle follie della modernità.

  2. jb Mirabile-caruso

    Normanno Malaguti: “…la portata dello stravolgimento, che si è attuato in tempi brevissimi, nella testa della folla dei mediocri spensanti
    ……………………………..che formano il ‘grosso’ della moderna società”……………………………………………………………………………………………..

    Posta la premessa, signor Malaguti, che sia lo “stravolgimento di pensiero” sia la “manipolazione cerebrale” di centinaia di milioni di individui per la sua concreta realizzazione non sono avvenuti a caso, bensì ad opera di menti Umane, la domanda si pone: “ma dove eravamo noi mentre tutto questo avveniva nel corso dei decenni? È possibile credere di non essercene accorti? E se ce ne siamo accorti, perché mai non siamo intervenuti almeno per difenderci? È possibile ammettere a noi stessi che mentre le forze del male ci attaccano, noi – le supposte forze del Bene – preferiamo voltarci dall’altra parte?

    Cordialmente.

  3. Luca Checcucci

    La verità se non è assoluta non è tale. Se è assoluta non può che avere natura trascendente. Se si nega il trascendente si nega Dio e si prescinde dalla Verità. Tutto è quindi lecito, purché sia legale, ma le leggi si fanno a maggioranza prescindendo dalla Verità e dunque da principi morali assoluti.
    Non ci stupiamo degli abomini cui assistiamo, per molti sono cose normali. O si ritorna a Dio o sarà sempre peggio: fin quando Lui dirà basta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su