L’INGANNO DELLA LEGGE SULLE DAT – prima parte – da Comitato Verità e Vita

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Siamo grati agli amici del Comitato Verità e Vita, perché ci aiutano a capire meglio i rischi insiti nel testo del progetto di legge sulle c.d. DAT. Pubblichiamo qui il primo intervento, UN ALTRO CASO WELBY? CERTAMENTE SI’, di Giacomo Rocchi, al quale ne seguiranno altri, tutti improntati a grande chiarezza.

PD

 

=======================================

“La legge sulle DAT è una buona legge. Come la legge 40 sulla fecondazione artificiale, e come la legge 194 sull’aborto”. Sono in molti, all’interno del mondo cattolico e delle associazioni pro-life, a pensare che la legge sulle dichiarazioni anticipate sia un provvedimento necessario per impedire svariate forme di eutanasia. Fatta salva la buona fede di molti, purtroppo questa tesi è gravemente erronea. Verità e Vita ha spiegato da anni, con analisi molto dettagliate, perché questa legge va nella direzione opposta alla difesa del diritto alla vita. Per dimostrarlo, abbiamo preparato una sorta di fiction a puntate – “The DAT After” – che affronta ogni volta un caso diverso, partendo da una simulazione: che la legge in discussione sia stata effettivamente approvata e sia diventata una legge dello Stato italiano. Queste storie dimostrano che, purtroppo, la legalizzazione delle DAT è una trappola colossale. A scriverle non è stato un filosofo o un teorico del diritto, ma un magistrato, che conosce molto bene il diritto così com’è e come esso viene applicato nelle nostre aule giudiziarie. Speriamo che la lettura di questi brevi racconti possa aprire gli occhi a molte persone.”

Mario Palmaro – Presidente del Comitato Verità e Vita

 

malati

UN ALTRO CASO WELBY? CERTAMENTE SI’.


di Giacomo Rocchi


Il caso:

Pier Giorgio Welby riuscì a farsi uccidere da Mario Riccio che, su sua disposizione, gli staccò il respiratore artificiale che lo teneva in vita e, per non farlo soffrire mentre moriva soffocato, gli iniettò dei sedativi.

Il Giudice penale prosciolse Riccio dall’accusa di omicidio volontario affermando che egli aveva agito nell’adempimento di un dovere: come medico curante di Welby (che lo aveva nominato qualche giorno prima) egli aveva infatti l’obbligo di interrompere la “terapia”, perché Welby aveva revocato il consenso.

Cosa succederà con la nuova legge?

I medici saranno obbligati ad interrompere la respirazione artificiale ai pazienti che lo chiedono.

I medici saranno obbligati anche ad interrompere la respirazione artificiale ai bambini o agli incapaci se i genitori o i legali rappresentanti lo pretenderanno.

Non è prevista per i medici la possibilità di sollevare obiezione di coscienza. Se, comunque, il medico si rifiutasse, il paziente potrà nominare un altro medico curante.

Motivazione giuridica.

La respirazione (o ventilazione) artificiale non è menzionata dalla legge come “sostegno vitale” (come la nutrizione e l’idratazione artificiale) e, quindi, viene considerata terapia (articolo 3 comma 5).

In quanto terapia i medici non possono attivarla in mancanza del previo consenso informato scritto dell’interessato (articolo 2 comma 1).

Il consenso informato può essere sempre revocato, anche parzialmente (articolo 2 comma 5).

Non esiste nessuna norma che prevede che il rifiuto di terapie salvavita da parte dell’interessato sia inefficace.

(La legge recepisce due principi affermati nella sentenza nei confronti di Mario Riccio: che la respirazione artificiale è terapia e non sostegno vitale e che il consenso inizialmente dato può essere revocato. Si trattava di principi incerti che ora vengono sanciti per legge).

Quanto ai minori e agli incapaci: per ogni terapia occorre il previo consenso informato scritto dei genitori o del tutore (articolo 2 commi 6 e 7). Il consenso può essere rifiutato o revocato (articolo 2 comma 5).

Non esiste una norma che sancisca l’inefficacia del rifiuto o della revoca del consenso da parte del rappresentante legale nel caso l’omissione della terapia possa portare a morte il minore o l’incapace (un emendamento della sen. Bianconi che prevedeva: “Il consenso di cui ai commi precedenti non può contenere il rifiuto di trattamenti sanitari utili alla vita e alla salute del paziente. Il medico, ove ritenga che il consenso contenga indicazioni in contrasto con il comma 8-bis, le disattende indicando per iscritto i motivi nella cartella clinica” è stato bocciato al Senato, su parere contrario del relatore e del governo.

L’unica eccezione riguarda “una grave complicanza” o un “evento acuto” (articolo 2 comma 9).

Di fronte al rifiuto dei legali rappresentanti degli incapaci di prestare il consenso, il medico può (non è obbligato) ricorrere al Giudice (articolo 8 comma 2): se, comunque, è d’accordo con il legale rappresentante e stacca la respirazione non è responsabile della morte dell’incapace (perché la terapia non poteva proseguire per la revoca del consenso).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su