L’OBIEZIONE DI COSCIENZA SOTTO ATTACCO. IL BUON MEDICO NON UCCIDE I BAMBINI CONCEPITI – di Giorgio Celsi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giorgio Celsi

Presidente associazione “Ora et Labora in Difesa della Vita”

Vice presidente associazione ”NO 194”

 

ba

In un periodo di infausta memoria veniva accreditata la tesi “un medico tedesco obbedisce”. Sembra che qualcuno con la campagna iniziata a luglio ”il buon medico non obietta” voglia tornare indietro nel tempo, togliendo la libertà del singolo individuo di obiettare. Ricordo a chi si è inventato questa campagna che non esiste un diritto della donna di abortire (neanche l’iniqua legge 194 lo afferma), quindi perchè ci dovrebbe essere un dovere per il medico di eseguire aborti, quando egli deve lavorare in scienza e coscienza e quando questo è contrario al suo codice deontologico? La sua mission è infatti quella di non nuocere e di difendere il diritto naturale di nascere del bambino concepito.

Va quindi tutelata la libertà di decidere se la propria professionalità, la propria vita, vuol servire la vita oppure la morte, in nome di un diritto inesistente.

Il fatto è che da tempo è in atto un piano “diabolico” per snaturare questa mission di difendere e proteggere la vita, piano che ha avuto il suo apice con la modifica del Giuramento di Ippocrate (che ora chiamerei il “Tradimento di Ippocrate”), togliendo ciò che impediva ai medici la soppressione dei bambini concepiti…“Non somministerò a nessuno, neppure se richiesto, alcun farmaco mortale, e non prenderò mai un’iniziativa del genere; e neppure fornirò mai a una donna un mezzo per procurare l’aborto. Conserverò pia e pura la mia vita e la mia arte”. Tutto questo in nome di un’ideologia di morte.

Vorrei terminare con un bel pensiero di Toro Seduto, che ci aiuti a far tesoro del grande dono che è la vita, che va difesa “senza se e senza ma”.

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete.

Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno

ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero

per noi è chi sacrifica se stesso per il bene degli altri.

È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi,

di chi non può provvedere a se stesso e soprattutto dei bambini,

il futuro dell’umanità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su