L’OPERA DEGLI ALPINI A CASUMARO, IN NOME DELLA SOLIDARIETA’ E DI DON ENELIO FRANZONI. C’E’ ANCORA UN’ITALIA DI CUI ANDARE ORGOGLIOSI – di Giovanni Lugaresi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giovanni Lugaresi

 

dep

clicca sull’immagine per ingrandirla

 

Casumaro, popolosa (quasi duemila abitanti) frazione del comune di Cento, in provincia di Ferrara, è stato uno dei luoghi più colpiti dal sisma del 2012, ma anche uno dei paesi ai quali sono stati dedicati il pensiero e l’opera degli Alpini. Che in quattro mesi di lavoro (gratuito, come sempre) hanno costruito una scuola materna, ridando il sorriso a famiglie e bambini. Una struttura che verrà inaugurata sabato 1 giugno alle 10 e che porterà il nome di un eroico cappellano medaglia d’oro al valor militare: don Enelio Franzoni, di San Giorgio in Piano (Bologna), prigioniero in Russia e sempre vicino ai soldati che con lui erano stati catturati dalle truppe sovietiche.

Don Enelio non era alpino, ma amico degli Alpini sì, a incominciare da Giulio Bedeschi, l’autore di “Centomila gavette di ghiaccio”, e da Enrico Reginato, l’ufficiale medico che di prigionia in Russia subì ben dodici anni. Il prete bolognese rappresenta ancora oggi un esempio di virtù sacerdotali e umane che manifestò appieno proprio nella condizione di prigioniero, rinunciando ben due volte al rimpatrio per non lasciare soli i “suoi” soldati. Quei bambini ospiti della struttura, cresceranno quindi nella conoscenza di quel santo cappellano militare dichiarato “alpino ad honorem” da un altro importante personaggio reduce di Russia: il generale delle Penne Nere Franco Magnani…

Dopo il terremoto devastante dalla primavera dello scorso anno, gli alpini andati andate a soccorrere e a lavorare nei campi di accoglienza erano stati diverse migliaia. Da maggio a novembre, instancabilmente, la presenza dell’Ana aveva dimostrato a questa popolazione quanto intenso sia per gli alpini il sentimento della solidarietà. Ma la cosa, come spesso succede, non si era limitata a quel lavoro.

Ecco, infatti, l’avvio di una raccolta di fondi per la costruzione di una struttura sul territorio della frazione. Alla fine, fra Penne Nere e persone sensibili al loro appello, la raccolta ha fruttato oltre 900mila euro e, dati i tempi di crisi, non si tratta di una somma dappoco – comunque bastevole per la realizzazione del progetto.

Ma ecco dati e numeri che parlano con una eloquenza straordinaria. Il terreno sul quale sorge la scuola materna (progettata dall’architetto Renato Zorio, presidente della commissione grandi opere dell’Ana) è di settemila metri quadrati, mentre l’edificio prefabbricato ha una struttura in legno ad alta resa termica ed energetica e occupa una superficie di circa 700 metri quadrati. La scuola materna ospiterà bambini e assistenti di tre sezioni e si presenta anche all’esterno in una veste, per così dire, accogliente: marciapiedi, parcheggi, un’area verde dove i piccoli ospiti potranno giocare e sviluppare fantasia e creatività. La struttura si sviluppa solamente sul piano terra, è priva di barriere architettoniche e prevede due entrate laterali su un atrio con al centro un grande cubo.

Come per l’Abruzzo (e come per altre località e regioni colpite da terremoti o da altre calamità naturali), un suo segno profondo l’Ana lo lascia dunque anche in terra emiliana. Nel nome della solidarietà alpina in primis, e poi nel nome di un valoroso cappellano militare di questa terra.

 


pubblicato anche su

La Voce di Romagna – 31 maggio 2013

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su