L’oro di Putin – di Giampaolo Rossi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giampaolo Rossi

.

zzptngldLA CORSA ALL’ORO DI MOSCA

La Russia di Putin sta compiendo una vera e propria corsa all’oro. Secondo i dati ufficiali del World Gold Council, nel terzo trimestre 2014, più della metà dell’oro aggiunto alle riserve delle banche centrali di tutto il mondo è stato acquistato da Mosca; in tutto 55 tonnellate che sommate a quelle acquistate da Kazakhistan (28 tonnellate), Azerbaijan (7) e Tagikistan (1), tre dei 10 paesi che compongono la Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), fanno oltre il 90% dell’intero ammontare di oro acquistato in tutto il mondo.
Ma cosa sta spingendo Putin e i suoi alleati a fare incetta di oro? Per gli analisti occidentali, sicuramente la necessità di affrontare gli effetti della crisi Ucraina e il deprezzamento del rublo generato dalle sanzioni che l’Occidente ha imposto alla Russia. L’oro è il bene rifugio per eccellenza e tutto fa supporre che Putin cerchi di garantirsi riserve in attesa di lunghi inverni determinati dalle tensioni geopolitiche e dall’ulteriore calo del prezzo del petrolio che incide pesantemente in un’economia che ha nell’esportazione di petrolio e gas il 45% dei sui ricavi.
Il rischio legato al “potenziale e catastrofico crollo del prezzo del petrolio” è spiegato con chiarezza da Marco Bottarelli in questo articolo.

ORO VS DOLLARO

Eppure dietro la corsa all’oro di Putin potrebbe esserci anche qualcosa di più; se è vero che l’acquisto di lingotti ha avuto un’accelerazione impressionante in questi ultimi mesi (quindi come conseguenza delle sanzioni euro-americane) è anche vero che la Russia negli ultimi 10 anni ha triplicato le sue scorte d’oro arrivando a custodirne 1.150 tonnellate, tanto da essere oggi la quinta nazione al mondo per riserve auree, dopo Usa, Germania, Italia e Francia.
Seppure con quantità più ridotte, la politica russa di corsa all’oro è copiata da molti altri Paesi emergenti (Cina e India).
Su Bloomberg, Evgeny Fedorov, un deputato di spicco del partito di Putin, ha spiegato che “più una nazione ha oro, più avrà sovranità se un cataclisma dovesse abbattersi sul dollaro, euro, sterlina o altra valuta rifugio”.
La frase chiarisce molte cose: Putin sta scommettendo sul crollo del monopolio globale del dollaro.

A RISCHIO IL DOMINIO AMERICANO?

Un articolo (seppur di parte) tradotto in italiano su Globalist Syndacation, a firma Dmitry Kalinichenko, spiega con precisione cosa sta accadendo.
In questi anni, l’Occidente ha artificialmente tenuto basso il prezzo dell’oro (e del petrolio) per aumentare il potere di acquisto del dollaro, trasformandolo così in moneta rifugio. Attraverso il dollaro gli Stati Uniti hanno costruito buona parte della loro egemonia mondiale poiché la moneta americana è considerata mezzo ultimo di pagamento nel Sistema Monetario Globale. Ma ora questo sistema si sta trasformando in boomerang.
Da una parte l’Occidente continua a dipendere dalle fonti energetiche russe (Mosca è il secondo produttore di petrolio al mondo); acquista petrolio, gas e uranio pagando in dollari sovra-valutati; con quei dollari Putin sta facendo incetta di oro il cui valore è tenuto basso da quegli stessi dollari.
La manipolazione del mercato attuata fino ad oggi rischia ora di saltare. Le riserve auree non sono illimitate, tanto più che negli ultimi anni la crisi finanziaria ha costretto molti paesi occidentali a vendere enormi quantità di oro, una buona parte acquistato dalla Russia e dai Paesi emergenti (Cina e India in testa). L’accumulo di oro servirà a sostituire il dollaro come mezzo di pagamento tra queste economie sempre più prevalenti nel sistema globale.
In pratica, Putin starebbe utilizzando il residuale potere del dollaro per distruggere il potere del dollaro e con esso la leadership mondiale degli Stati Uniti.

I media occidentali, in questi giorni impegnati a parlare del prestito di una banca russa al Front National della Le Pen, dovrebbero piuttosto provare a raccontare la miopia di una contrapposizione alla Russia imposta dalle élites finanziarie a Europa e Usa; contrapposizione che può trascinarci in una crisi senza ritorno.

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “L’oro di Putin – di Giampaolo Rossi”

  1. Oro , petrolio e materie prime sono da tempo immemorabile le poche vere ricchezze su cui Unione Sovietica prima , Stato Russo poi hanno puntato e puntano per accedere ai mercati internazionali per acquisire prodotti finiti che la base industriale non e’ in grado di fornire con quel minimo di qualita’ considerata accettabile in occidente . Non e’ un segreto che in passato gli ispettori dell’esercito sovietico scartavano il NOVANTA per cento dei pezzi prodotti dall’industria sovietica per l’esercito stesso , o che i giornalisti sovietici sul fronte si fidassero solo delle macchine fotografiche Leica tedesche , perché l’URSS non era in grado di farne di appena decenti . Rispetto all’articolo , ho grossi dubbi che il dollaro USA sia oggi ritenuto veramente un bene rifugio . Obama ha fatto negli ultimi anni stampare quantita’ spaventose di banconote per gonfiare l’economia , e le banche Usa sono strangolate dalla massa dei derivati:se qualche Paese compra dollari e’ solo perché costretto.

  2. Tanto per capire un attimo la situazione : nel 1959 , un dollaro USA valeva 4,1 Franchi Svizzeri : nel 2013 , 1 dollaro USA = 0,85 / 0,90 Franchi Svizzeri .

  3. Cesaremaria Glori

    Potrebbe accadere un’altra implosione come quella che afflosciò l’URSS. Questa implosione di natura finanziaria farebbe crollare come un castello di sabbia le fortune di tanti magnati della finanza mondiale e mettere in ginocchio le monete dell’Occidente postcristiano. Anche questa volta senza sparare un colpo, tranne quelli di tanti disperati già ricchissimi che non resisteranno alla sciagura di ritrovarsi poveri. Cosi’ nello spazio di circa un trentennio il capitalismo selvaggio (figlio del liberalismo illuministico) potrebbe seguire la sorte del comunismo e chiudere la pagina della filosofia idealistica. Chissà! Dio, oltre che onnipotente etc etc . si conferma essere anche un immenso umorista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su