MA CHE MUSICA MAESTRO – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

.

L’ironia delicata di un tipo duro come Buscaglione

.

“Sono Freddy dal whisky facile, son criticabile ma son fatto così. Non credete, non sono un debole, m’han fatto abile, e la guerra finì”.

.

L’autore dei testi delle canzoni di Fred Buscaglione (1921-1960), come quella di cui riportiamo alcuni versi sopra in corsivo (Whisky facile del 1957), è stato il meno famoso Leo Chiosso (1920-2006). L’inossidabile duo Buscaglione-Chiosso iniziarono la loro reciproca conoscenza e  collaborazione fin dal 1936, quando Buscaglione si esibiva come cantante e musicista influenzato dallo swing e dal jazz americano, genere di cui Chiosso era molto appassionato.  Furono arrestati tutti e due come militari durante la seconda guerra mondiale (Buscaglione fu internato dagli Americani in Sardegna, mentre Chiosso fece parte di quella ingente e nobile schiera di 600.000 internati militari italiani, i cosiddetti IMI, che non rinnegarono il giuramento fatto per il Re e, dopo l’8 settembre 1943, venne catturato e deportato dai tedeschi in Polonia, dove conobbe e diventò amico dell’autore di Don Camillo, Giovannino Guareschi).

Entrambi torinesi, dopo la guerra si ritrovarono, unendo ancora una volta le proprie passioni artistiche, dando vita a quel personaggio, che divenne famoso, ispirato all’attore americano Clark Gable. Fred Buscaglione, il cui vero nome era Ferdinando, riuscì a calarsi talmente nel personaggio al punto da farsi crescere i baffi, indossare il doppiopetto gessato ed il cappello a larga tesa, rappresentando così l’immaginario tipico americano dell’epoca.  Basta dare una rapida scorsa ai testi delle canzoni, da Voglio scoprir l’America a Il dritto di Chicago, per rendersi esatto conto dell’influenza della cultura d’oltreoceano, in particolare dei romanzi polizieschi americani, dei quali Chiosso era avido lettore. “Voglio scoprir l’America, New York e il Dixieland, la gomma che si mastica al tempo di jazz band” cantava Buscaglione con quel suo fare da apparente “duro”, parlando di bulli e pupe, come nelle canzoni che lo resero famoso, prima su tutte “Che bambola” del 1956 o la successiva, altrettanto celebre “Eri piccola così”, dove l’ammiccante Fred teneva tra le sue dita la statura piccola della donna che aveva ironicamente ammaliato.

Alcune volte le interpretava con la moglie Fatima Ben Embarek, un’acrobata ed artista magrebina che Fred sposò nel 1953 in chiesa, dopo che lei si era convertita al cattolicesimo. Nonostante la fama di “duro” e di tombeur de femmes che con le sue canzoni ed il suo personaggio si era costruito, Buscaglione incise parecchie canzoni melodiche molto tenere, una su tutte la celeberrima Guarda che luna: “Guarda che luna, guarda che mare, da questa notte senza te dovrò restare. Folle d’amore vorrei morire mentre la luna di lassù mi sta a guardare”.

Con lo sguardo insieme ironico e malinconico, Buscaglione ci ha insegnato cantando a non prendersi troppo sul serio ed a scendere così da quell’immagine pubblica in cui era stato posto, come egli disse poco tempo prima che la morte lo cogliesse prematuramente in un incidente stradale: “Prima che la gente mi volti le spalle, Fred il duro sparirà, ed io tornerò ad essere solo Ferdinando Buscaglione”. In un’altra meno nota canzone: “Come pagliaccio”, giocata un pochino sul testo famoso dei Pagliacci di Ruggero Leoncavallo, egli ha condensato ancora la sua (e quella di Chiosso) filosofia: “Non voglio che per me lungo il triste mio cammin, compianga mai nessuno il mio destin. Ridi pagliaccio del tuo perduto amore! Come pagliaccio io riderò di me”.

Quando gli uomini erano ancora uomini ci si divertiva e si amava cantare così.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “MA CHE MUSICA MAESTRO – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan”

  1. Estremamente interessante, grazie – e super-interessante la storia dell’acrobata magrebina diventata cattolica e diventata moglie di “Fred”.
    Mi chiedevo come avessero fatto due torinesi a esprimere una positività ironica veramente sana. Adesso lo so. Aggiungo (informazioni di Wikipedia) che Chiosso in realtà era di Pralormo, paese perduto fra Torino e Alba, e “Fred” di Graglia, paese sopra Biella con un bellissimo Santuario. Due località “top” del Cattolicesimo piemontese… quello non coinvolto e non scalfito dallo sfascio ottocentesco.
    L’espressione “son criticabile” era ed è di altissimo valore. Piace molto a un mio amico un po’ poeta, che a quel tempo non c’era, ma se la gusta

  2. Ero una bambina quando Buscaglione morì, eppure in casa nostra, dove solo da poco era entrata la televisione, non era passato inosservato. Me lo ricordo bene mentre con quella sua famosa espressione da duro, col ciuffo che gli cadeva sulla fronte, cantava “eri piccola…”. Ma della sua vita non conoscevo gli aspetti che il sempre arguto Trevisan sa mettere in evidenza e nemmeno mi ero mai interessata ai testi delle sue canzoni. Allora tutto ciò che qui sopra ho letto me lo fa guardare con un occhio diverso. Lo ritenevo un superficiale, un libertino, uno sciupafemmine . E invece…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su