Malinconiche considerazioni sul referendum irlandese  –  di Carla D’Agostino Ungaretti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Carla D’Agostino Ungaretti

.

zzzzdsstrIn questi ultimi tempi mi è tornata spesso in mente la vicenda umana del geniale e spiritosissimo scrittore e commediografo irlandese Oscar Wilde (chi non conosce L’importanza di chiamarsi Ernesto, prototipo dell’umorismo di stampo anglosassone?), condannato ai lavori forzati per sodomia nell’Inghilterra vittoriana della fine dell’ ‘800 dai quali uscì distrutto fisicamente e spiritualmente, secondo me oltre ogni misura umana e cristiana.  Ma penso anche che l’accelerazione che il pensiero nichilista e relativista è riuscito a innestare in meno di cento anni, riuscendo a capovolgere di 180 gradi la percezione occidentale del fenomeno omosessuale, è stata talmente travolgente che non può essere stata provocata dalle sole forze umane, ma da quel Male che ha imbevuto di sé il “secolo breve” provocando dittature, guerre mondiali e l’ottundimento generale delle coscienze.

La dimostrazione di ciò io, cattolica “bambina“, educata con il Catechismo di S. Pio X – che potrà forse ritenersi un po’ superato nello stile esteriore fatto, come è noto, di domandine  e rispostine, ma non certo nella sostanza e nella Verità – l’ho avuta con il recente referendum irlandese e non posso rimanere silenziosa, o peggio indifferente, di fronte a quanto è successo in quell’ “isola verde“, paese un tempo cattolicissimo che in passato fu capace di opporsi anche eroicamente ai soprusi ideologici e antipapisti dell’Inghilterra protestante. Incredibile a dirsi, ora il 62% degli elettori irlandesi, per primi al mondo, ha approvato che venisse inserita nella Costituzione (legge fondamentale degli Stati moderni dalla quale discendono tutte le altre leggi) la legittimità del matrimonio tra omosessuali. E’ la prima volta, cioè, che una simile rivoluzionaria innovazione proviene “dal basso” e non “dall’alto” come è avvenuto in altri paesi.

Non trovo parole per esprimere il mio avvilimento e il mio totale sconforto, ma non tanto per il voto della gente comune – che, come tutti sanno, purtroppo è facilmente manipolabile dai mass – media, a loro volta cassa di risonanza del pensiero unico corrente – ma perché questo esito, assurdo per i cristiani e per tutte le persone di buon senso, peccaminoso e (mi si consenta di dirlo) diabolico, è stato accettato come “necessario”, “inevitabile”, “normale” anche dai vertici della Chiesa irlandese e, di conseguenza, anche dai parroci e dai sacerdoti in genere, da molte persone consacrate come tante suore dedite all’insegnamento e all’assistenza dei giovani, proprio coloro, cioè, che dovrebbero illuminare le coscienze e guidare la “resistenza” (ormai solo cattolica, perché il protestantesimo si è comodamente adeguato all’ideologia corrente) contro questo abominio antropologico.

Tanti, e molto più esperti e più avanti nella fede di me, hanno fatto sentire la loro voce di dolore e delusione per questo evento, considerandolo sotto le varie angolature, sociali, giuridiche, etiche, morali, antropologiche, economiche, perciò la mia voce non può suonare che come quella del pulcino che pigola alla ricerca della chioccia, la mamma scomparsa alla sua vista, perché non vedo più nel mio orizzonte morale la presenza determinante della Chiesa. Che ne è di quel Cristianesimo che ha improntato tutta la civiltà occidentale? Il mio disagio spirituale è aggravato dalla mia incondizionata appartenenza alla Chiesa Cattolica, della quale mi sento figlia al cento per cento, e allora mi domando cosa debba fare e pensare una figlia che ama sinceramente sua madre, che le ha sempre obbedito, che l’ha sempre considerata, nella vita, il suo principale punto di riferimento, quando vede che essa, inaspettatamente, traligna come potrebbe fare una qualunque madre terrena che si sia lasciata sedurre dalle lusinghe del mondo? E, mi sia permesso aggiungere, questo dell’Irlanda non è purtroppo l’unico esempio.

Ma anche volendo giudicare da un punto di vista solo terreno, mi sconvolge la constatazione che appena pochi decenni fa non si poteva, neppure in un mondanissimo salotto, nominare l’omosessualità (peraltro sempre esistita e condannata, così come è sempre esistito ed è sempre stato condannato il peccato) mentre ora viene elevata a diritto umano meritevole di ricevere riconoscimento e protezione da parte degli ordinamenti giuridici, con rassegnata accettazione da parte della Chiesa. Il problema per me è tremendo perché, come ha spiegato il Prof. Roberto de Mattei, i cattolici irlandesi votando SI, sono incorsi, spero inconsciamente, nell’apostasia, peccato molto più grave dell’empietà perché hanno esplicitamente rinnegato il bimillenario insegnamento della fede e della morale cattolica, nell’inerte condiscendenza dei loro pastori[1].

L’Arcivescovo di Dublino e Primate d’Irlanda, Diarmuid Martin, ha definito l’esito del referendum  non un peccato collettivo contro Dio e la Sua legge, ma “una rivoluzione sociale” con la quale ora la Chiesa dovrà “fare i conti[2] e smettere di “negare l’evidenza[3].Ma quale evidenza? Quella del pensiero corrente che asserisce la piena legittimità morale della sodomia praticata con conseguente possibilità di matrimonio e alla quale, volenti o nolenti anche i cattolici dovranno adeguarsi? Già, perché c’è sempre il rischio enorme che i sacerdoti che rifiutino di celebrare matrimoni gay possano venire deferiti alla Corte di Strasburgo, come fuori legge violatori di diritti costituzionalmente garantiti.

Quindi anche l’espressione usata dall’Arcivescovo, a mio giudizio, è ambigua e fuorviante perché sembra rendere meno grave il problema che invece è gravissimo. L’Arcivescovo riconosce che la maggior parte di coloro che hanno votato SI ha studiato nelle scuole cattoliche, ma la sua analisi non arriva a riconoscere il fallimento totale di quel sistema educativo e a chiedere perdono a Dio per non essere riusciti a comunicare ai loro allievi la legge umana e naturale, esistente, osservata e condivisa fin dalla notte dei tempi, che ora sembra crollare a pezzi sotto le insidie di un sistema filosofico edonista, nichilista e relativista che pretende l’adeguamento a un unico pensiero mondiale, nemico di Dio e finalizzato alla sola realizzazione del proprio utile e del proprio piacere qui e ora. Senza contare  la pessima testimonianza in negativo che quei cosiddetti educatori sono riusciti a offrire ai loro allievi.  Cosa insegneremo tra qualche anno ai bambini europei che nascono ora? E come chiarire ora le idee agli adolescenti europei che hanno già imparato dai media, dai video giochi, dalla TV che il matrimonio gay è la cosa più naturale del mondo? Dicono che bisogna aiutare e sostenere la famiglia, ma questo proposito fa tremare le vene e i polsi, se pensiamo che i genitori di quegli adolescenti si sono formati in quel famigerato e distruttivo ’68, all’insegna del “vietato vietare”.

Ebbene io, “cattolica “bambina” non mi stancherò mai, nel mio piccolo, di definire le pratiche omosessuali contrarie alla natura, e non solo perché questa è la legge di Dio (che in questo tipo di discussioni forse è meglio lasciare da parte) ma perché ce lo dice la stessa anatomia e fisiologia del corpo umano maschile e femminile. Come accettiamo e riteniamo naturale la legge che fa spuntare la pianta dal seme gettato nella terra, così dobbiamo riconoscere che l’accoppiamento sessuale umano è possibile ed ha una giustificazione solo se avviene tra un uomo e una donna.  E’ possibile, perché essi sono dotati di organi diversi e complementari, vale a dire l’uno funzionale all’altra; ha una giustificazione perché solo attraverso di esso si provvede alla prosecuzione della specie cui apparteniamo[4]. C’è bisogno di ricordare, per esempio, che gli omosessuali maschi (e mi limito a questi) si servono di organi del partner deputati a tutt’altra funzione fisiologica, il che rende del tutto assurdo e innaturale l’accoppiamento? Eppure si sente dire anche da parte di uomini e donne di chiesa che il cattolicesimo deve ancora fare una riflessione profonda sull’omosessualità, come se ci fossero ancora dubbi in proposito, perché la fede deve essere inclusiva e non respingere nessuno.

E’ la scoperta dell’acqua calda: quando mai la Chiesa ha respinto il peccatore pentito? Gesù Cristo non andava per primo incontro ai peccatori? Ma lo faceva per convertirli (e sempre ci riusciva) non per consentire loro di continuare a peccare, anzi raccomandava loro di non peccare più.

Questo è il punctum dolens di tutto il discorso che sembra non essere più capito: in questa materia (e anche in altre) la Chiesa non parla più del peccato, non chiede più la penitenza, quelle sono diventate parole senza senso, ciò che conta è l’amore, soprattutto sessuale (la castità è uno status completamente dimenticato, se non si parla di persone consacrate) dimenticando che anche questa parola è diventata aleatoria e precaria. Per divorziare ora bastano sei mesi; si comincia a pensare di consentire anche in Italia la stipulazione dei patti prematrimoniali, come ci hanno insegnato i divi di Hollywood, per non litigare troppo quando ci si separerà. Il matrimonio non vale più nulla, però gli omosessuali vogliono sposarsi.

Questa  verità antropologica riguardante l’uomo e la donna per millenni non ha avuto bisogno di essere spiegata e giustificata, tanto era lapalissiana; ora, nel giro di un ventennio, è cambiato tutto. Perché?  Ora il pensiero dominante vuole farci credere che il sole sorge a ovest anziché a est e i fiumi scorrono verso la sorgente anziché verso la foce. Il tutto con una dovizia di argomentazioni che, in definitiva, riposano solo su due argomenti: tutto ciò che procura piacere è lecito; lo Stato e la società devono assecondarmi, il primo con leggi che consentano e tutelino le mie tendenze, naturali o innaturali che siano; la seconda, astenendosi dal criticarmi, pena l’emarginazione sociale. Insomma, il pensiero relativista, dopo aver vinto, ora vuole anche stravincere,  convincendo le menti che l’omosessualità è bella e degna di essere sperimentata fino ad arrivare a consentirne il matrimonio.

Non c’è l’opera del “nemico” dietro tutto ciò?

.

[1] Cfr. CORRISPONDENZA ROMANA, 27.5.2015.

[2] Cfr. AVVENIRE, 24.5,2015,  pag. 15.

[3] Cfr. CORRIERE DELLA SERA, 25.5.2015, pag. 12.

[4] Dimenticavo che quest’ultima argomentazione purtroppo sta perdendo vigore, data la possibilità riconosciuta e approvata degli “uteri in affitto” per gli omosessuali maschi e dell’inseminazione artificiale per le femmine.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

12 commenti su “Malinconiche considerazioni sul referendum irlandese  –  di Carla D’Agostino Ungaretti”

  1. giorgio rapanelli

    Oltre a rafforzarci nella Fede con le armi che ci sono state date, ossia con la Comunione, il Rosario, la Confessione, la Santa Unzione, ossia l’Olio santo per i malati, occorre non solo passare dalla denuncia – utilissima – dei fatti, ma facendola seguire dalla “scomunica” dei membri traditori della Gerarchia. L’unica “scomunica” che possiamo fare è “sconfessare” apertamente coloro che tra i Cardinali, vescovi e sacerdoti hanno abbandonato le regole scritte nel Vangelo e da San Paolo, divenendo agit-prop dei “senza Dio”. Questi rinnegati non dovranno più essere seguiti, né obbediti pubblicamente. Non sarebbe una novità: Santa Caterina – tanto per citare – accusava certa Gerarchia in forma violenta, facendole mettere pure per iscritto.

  2. Riprendendo da un articolo di Roberto de Mattei, pubblicato anche su questo sito, vorrei precisare che non il 62% degli elettori irlandesi ha votato per il matrimonio fra omosessuali, ma il 62% dei votanti, che sono stati il 60,32% degli elettori; per cui “solo” il 37,5% degli elettori ha detto effettivamente “sì” consentendone la vittoria.
    Il che comunque non cambia l’enorme gravità del fatto.

  3. “Non trovo parole per esprimere il mio avvilimento e il mio totale sconforto, ma non tanto per il voto della gente comune ….. ma perché questo esito, assurdo per i cristiani e per tutte le persone di buon senso, peccaminoso e (mi si consenta di dirlo) diabolico, è stato accettato come “necessario”, “inevitabile”, “normale” anche dai vertici della Chiesa irlandese e,…”
    ——
    Carissima Carla, non è vero che non trova le parole, le ha trovate, come sempre, molto chiare e significative, e
    quella più descrittiva, che è un compendio della situazione, è l’aggettivo DIABOLICO!!!!
    Spiega TUTTO!!!

  4. Aggressione diabolica alla Chiesa Cattolica, noi dobbiamo occuparci di rispondere in maniera angelica soprattutto con il santissimo Rosario. Che Dio ci aiuti e ci sostenga in mezzo a tutta questa melma.

  5. Cara amica Carla , per favore diciamola tutta la verita’: la colpa e’ anche soprattutto dell’ attuale Pontefice , papa Francesco !
    Non che le avvisaglie non c’ erano , ma il Suo operato ( chi sono io per giudicare … ) ha contribuito a dare
    la ” stura ” al vulcano che ribolliva gia’ da tanto tempo !
    Distinti saluti
    Angelo

    1. Purtroppo questo è vero: non pochi eletti nelle assemblee legislative ,che in materia di matrimoni omosessuali erano titubanti ed indecisi, hanno affermato poi di aver cambiato opinione in seguito a quella…. “improvvida” dichiarazione!

    2. Concordo con angelo.Non dobbiamo meravigliarsi dell’accaduto in Ireland.Quando i modernisti convocarono il CVll fu per riformare Roma dall’interno ed instaurare una nuova religione. Ora si può quindi ben capire che quanto accaduto non è solo dovuto ai “cambiamenti sociali” ma al disegno dei novatori che agevolò il degrado.Infatti, al CVll seguì il sessant’otto.E al discorso che Montini tenne il 4 ott.1965 all’ONU fece seguito l’omelia nella 9a Sessione del CV II”,7 dic.1965, ove giunse a proclamare:“la religione del Dio che si è fatto uomo s’è incontrata con la religione (perché tale è) dell’uomo che si fa Dio. Cosa è avvenuto?Uno scontro,una lotta, un anatema?Tale poteva essere;ma non è avvenuto[…].Una simpatia immensa verso ogni uomo ha pervaso tutto il Concilio. Dategli merito almeno in questo, voi umanisti moderni, che rifiutate le verità,le quali trascendono la natura delle cose terrestri e riconoscete il nostro nuovo umanesimo:anche noi, più di tutti,abbiamo il culto dell’uomo”.

      1. Solo coincidenze ? Non credo. Questo è puro modernismo “sintesi di tutte le eresie” (San Pio X). La chiesa ora capeggiata da Bergoglio non è più cattolica. Con l’instaurasi della nuova chiesa (nuova “messa”, nuovi “sacramenti”, nuovo diritto canonico, nuovo catechismo, nuove regole negli ordini ecc ecc) non si è più predicato il Vangelo di Nostro Signore Gesù Cristo ma il “culto dell’uomo”. E con il “culto dell’uomo ogni capriccio diventa un diritto. Chi è rimasto Cattolico non può che rifiutare questo nuovo culto. Ho frequentato solo scuole rette da suore di ordini Irlandesi. La cattedrale della mia città si chiama San Patrizio. I sacerdoti e suore irlandesi sono stati fondamentali nel salvare la Chiesa Cattolica nei paesi anglo sassoni. I cattolici devono moltissimo a questo “piccolo” paese che rimase saldo nella Fede contro l’invasore protestante che mise in atto una particolare versione di pulizia etnica.God save Ireland.

  6. Come sempre, cara Signora Carla, concordo pienamente e ripeto il mio sdegno che ho espresso giovedì scorso allacciandomi all’argomento trattato dal Paolo Deotto. Agli omosessuali ogni diritto e ogni riconoscimento (suvvia, in fondo c’è del buono nel legame di affetto che li unisce…), ma con la più sfacciata e vergognosa ipocrisia ai poveri bambini a loro follemente affidati, martiri di una generale perversione per il cui orrore non si trovano aggettivi adatti, nessuna attenzione, nessuna misericordia. Eppure si parla tanto di misericordia, ma solo a senso unico, mi pare. Non mi ritrovo in un mondo del genere, sono troppo schifata, troppo nauseata e anch’io, come lei ben dice, “non trovo parole per esprimere il mio avvilimento e il mio totale sconforto”.

  7. Neanche io mi ritrovo-non già in un mondo del genere, chè il mondo è mondo- in una tale chiesa che si prostituisce col mondo,tuttora figlia cattolica orgogliosa di essere tale. Ora che mi si racconti che ci siano due papi e la cosa sia normale mi è andato bene per qualche mese, poi ho deciso che ciò era assurdo, contro il Vangelo e la tradizione. Che Benedetto XVI abbia dato le dimissioni con una formula che parla di vescovo di Roma mi è andata bene per qualche anno, ritendolo una vittima. Ma leggendo certe cose che ha scritto e certi documenti FBI desecretati e certi racconti che avevo scartato a priori (che manipolazione mentale!) e valutando.. ho concluso : ma lui si è dimesso, lui accetta tutte queste cose che vengono fatte dall’altro vestito di bianco come lui, ha detto che si sottometteva, al che è scattato l’allarme. Anche lui è vescovo di Roma , un papa non si dimette mai e se si dimette è tutto nullo, anche lui quindi ha giocato con la fede…

  8. “…perciò la mia voce non può suonare che come quella del pulcino che pigola alla ricerca della chioccia, la mamma scomparsa alla sua vista, perché non vedo più nel mio orizzonte morale la presenza determinante della Chiesa”. Sono come perle, queste parole così sincere e poetiche. I Vescovi di questa Nazione, per dirla in estrema sintesi, hanno deposto le armi, si sono “arresi” adducendo motivazioni non propriamente evangeliche : “rivoluzione sociale”, impossibilità di “negare l’evidenza”, invito a “guardare in faccia la realtà …” ed altre valutazioni tutte squisitamente terrene. Da un canto la disfatta può essere stata influenzata dal passato vergognoso di alcuni religiosi ; dall’altro è plausibile che siano stati assaliti da una tragica amnesia. Cosa chiese Gesù ai Suoi se non “… volete andarvene anche voi ?”. S. Pietro rispose : “Signore da chi andremo? Tu solo hai parole di vita eterna”. Forse i Prelati l’hanno dimenticato, ritenendo il Verbo, oggi, semplicemente non più al…

  9. Approvo pienamente il testo e aggiungo nostro Signore saprà come liberare la sua Santa chiesa da tanta falsità Cristiana.Non abbattiamoci preghiamo e il Signore ci aiuterrà a riemergere da tanto fango.Auguri a tutti i veri Cristiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su