Mamma ? No grazie… Ma senza figli l’Italia muore  –  di Mario Bozzi Sentieri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Mario Bozzi Sentieri

.

zzzzcullevuoteI numeri sono espliciti. Secondo l’ ultima indagine Istat il problema demografico del nostro Paese continua ad aggravarsi: natalità a picco, pochi giovani, sempre meno fertili e allergici al matrimonio. Nel 2014, ha calcolato l’Istituto di statistica, i bambini iscritti all’anagrafe sono stati 502.596, 12mila in meno rispetto al 2013.

Nel dettaglio, spiega il rapporto Istat “Natalità e fecondità della popolazione residente”, la diminuzione delle nascite è dovuta soprattutto alle coppie di genitori entrambi italiani. Per la prima volta nella storia nazionale i nati da questa tipologia è scesa sotto 400 mila: 398.540. Negli ultimi sei anni i figli di coppie italiane sono scese di 82 mila unità. La spiegazione statistica è un calo della fecondità. Tendenza iniziata nel 2010 e in continua crescita. L’anno scorso, il numero medio di figli per donna è sceso a 1,37 (rispetto a 1,46 del 2010). Le italiane, sempre più vicine a quota uno (cioè figlio unico), hanno registrato nel 2014 una media di 1,29 figli. Le non italiane resistono ancora sui due figli 1,97 a testa, per la precisione. Ma nel 2008 erano 2,65.

Con questa tendenza il rischio di estinzione per l’Italia è dietro l’angolo. I numeri non danno scampo: secondo una costante universale  il valore di sostituzione, ovvero il numero di figli necessari a garantire una bilancia demografica in pareggio, è infatti di 2,1. Se un Paese lo supera la popolazione ha tendenze espansive, se non lo raggiunge si va verso una contrazione demografica. Le statistiche dell’Italia mostrano che il paese è sceso sotto il tasso di sostituzione nel 1977, e dal 1984 è stabilmente sotto il valore di 1,5, un livello che non solo non evita il declino demografico, ma annuncia quasi certamente che la caduta sarà traumatica.

Al di là dei numeri, oggettivamente allarmanti,  ancora più allarmante è che nessuno sembra volersi fare carico del  problema. Pochi ne parlano. I mass media ne fanno appena cenno. Nessun talk show gli dedica attenzione. La politica non se ne preoccupa. Quando va bene si possono ascoltare le solite, stanche  e ripetitive critiche sulla mancanza di politiche per la famiglia e sulla crisi economica: troppo poco per trasformare in  un caso il crollo demografico, facendo così crescere una consapevolezza diffusa e creando il necessario allarme nazionale.

Il tema infatti, ancor più che relativo alle politiche sociali, è antropologico e culturale. In che senso? Nel senso che, grazie ad una moda diffusa, piuttosto che una speranza ed una aspettativa di vita i figli sembrano essere ormai  diventati un problema, “una palla al piede” – come ha teorizzato, qualche anno fa, la psicanalista francese Corinne Majer, con il suo “No Kid: quaranta ragioni per non avere figli”, un lungo quaderno di doléances, che  parla del parto come di una tortura, vede le madri trasformate in dispensatrici di cibo, isolate socialmente, frustrate nelle loro aspettative di lavoro, sessualmente inebetite, con i figli percepiti come una voce di costo, parassiti e fannulloni.

Insomma un incubo, che sintetizza la  “percezione” della maternità tra le giovani generazioni, figlie del relativismo etico e dell’edonismo, nel nome del “child-free”.  Con i risultati che – numeri alla mano – abbiamo visto ed i rischi di estinzione del Bel Paese.

In fondo si raccoglie quel che culturalmente  si è seminato. Per questo ad avanzare è il deserto demografico: linea piatta per l’Italia senza figli e senza domani.

Decisamente una brutta prospettiva … A meno che non si cominci ad invertire la tendenza, favorendo la crescita  di   una nuova cultura  dell’accoglienza alla vita. Di questo bisogna trovare il coraggio di discutere. Di questo, alla prova dei fatti, c’è un gran bisogno, ancora prima che degli asili, degli  assegni  familiari e degli incentivi per le famiglie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su “Mamma ? No grazie… Ma senza figli l’Italia muore  –  di Mario Bozzi Sentieri”

  1. Nessuno considera anche lo snaturamento culturale dell’Italia e dell’Europa come fattore di decrescita demografica. Forse troppo tardi scopriremo che l’appiattimento culturale e la massificazione inducono, magari solo a livello inconscio, a rinunciare a mettere al mondo dei figli che non potrebbero mai vivere nello stesso ambiente culturale in cui sono stati concepiti.

  2. Perfino nelle feroci dispute sull’immigrazione la denatalità è soltanto sfiorata. Si dimentica che era un enorme problema anche ai tempi degli imperatori romani, che cercarono invano di porvi rimedio. Le conseguenze le conosciamo. E i nuovi barbari sono già fra noi, in vertiginosa crescita.

  3. “Quando le culle sono vuote una nazione invecchia e decade.”Parole sante?”.
    La verità viene da,lo Spirito Santo da chiunque sia detta, affermava San Tommaso d’Aquino.
    Ma questa verità fu detta da Mussolini negli anni, 30!
    C’è qualcuno che si scandalizza? Eppure è la verità. Noi la stiamo constatando, anno dopo anno.
    Diamoci una svegliata, domani sarà troppo tardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su