Marcia per la Vita: quest’anno è sotto la protezione della Santa Sindone – di Cristina Siccardi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Quest’anno la Marcia per la Vita si terrà in un giorno molto particolare, ovvero nella festa della Santa Sindone: il Sacro Panno che testimonia sia l’impronta della Morte di Gesù Cristo sia l’impronta della Sua Resurrezione. Nella Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino è conservato l’Officium et Missa Sanctissimae Sindonis, un manoscritto membranaceo degli inizi del secolo XVI, proveniente dalla Libreria ducale di Casa Savoia e gravemente danneggiato nell’incendio che colpì la stessa Biblioteca nel 1904, contenente il testo del primo ufficio scritto dal domenicano Antoine Pennet e presentato al duca Carlo II di Savoia.

di Cristina Siccardi

zzzzzzzzzzzzzztestataMPV

.

zsacra_sindone_03Questo ufficio venne approvato nel 1506 da Papa Giulio II, che fissò la festa liturgica della Sindone proprio il 4 maggio, giorno successivo alla festa della Santa Croce.Oltre al manoscritto in questa Biblioteca è conservata anche la Sindon Evangelica di Filiberto Pingone del 1581; si tratta della prima opera completamente dedicata alla Sindone e alla sua storia – dalla sepoltura di Cristo fino all’arrivo nel Duomo di Torino – redatta per presentare alla corte sabauda una preziosissima raccolta di testi e di documenti, divenuti oggi sconosciuti, fra i quali è presente la bolla di Giulio II che decreta la festa liturgica del 4 maggio.

Della presenza di Gesù nel mondo ci sono rimaste – al di là degli innumerevoli scritti (sia sacri che storici), delle innumerevoli opere artistiche, delle numerose testimonianze nei luoghi sacri dove visse, dove morì, dove resuscitò – le Sue reliquie: la Croce, gli strumenti del martirio, e tre Sacri Panni di identità certa (quello di Santa Veronica è, invece, di difficile collocazione): la Tunica di Argenteuil, il Sudario di Oviedo e la Santa Sindone di Torino. Eccezionale è il fatto che ormai è scientificamente rilevata la concordanza fra gli elementi che legano fra loro questi oggetti sacri.

La prima è conservata nella Basilica Saint-Denys di Argenteuil, nella periferia di Parigi. I soldati «dissero tra loro: Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca. Così si adempiva la Scrittura: “Si son divise tra loro le mie vesti e sulla mia tunica han gettato la sorte”» (Gv. 19, 23-24). La Tunica di Gesù ha avuto una storia molto travagliata; venne donata nell’800 dall’Imperatore Carlo Magno a sua figlia Teodorada, allora abbadessa del Monastero dell’Humilité-de-Notre-Dame di Argenteuil.

Dopo essere stata nascosta durante le invasioni normanne, è riuscita poi ad attraversare i momenti bui del Protestantesimo e della Rivoluzione francese, durante la quale è stata oltraggiata. Grazie a tecniche scientifiche di laboratorio, sempre più sofisticate, si sono scoperti moltissimi aspetti comuni con le altre reliquie menzionate. Interessantissimo a questo riguardo è il libro di Jean-Maurice Clercq, Les grandes reliques du Christ. Synthèse et concordances des dernières études scientifiques (François-Xavier de Guibert, Paris 2007), un eccellente saggio che riporta in maniera esaustiva le perfette concordanze scientifiche dei tre Sacri Panni, con illustrazioni e tabelle chiarificatorie.

I tessuti provengono tutti dalla Palestina; le macchie di sangue, presenti sui tre capi, corrispondono perfettamente fra di loro; i globuli rossi hanno una forma anomala, sia sferica che appiattita, indice di una sofferenza cellulare intensa, provocata da anemia e da disidratazione; il gruppo sanguigno è identico: AB, come pure il DNA (maschile, la cui formula cromosomica corrisponde a quella di un uomo semita, non arabo); conforme è la presenza di cristalli di urea (componente del sudore), di piattole (dovute all’ ultima notte trascorsa da Gesù in carcere), di pollini e di polveri.

Il Sudario di Oviedo è un telo di lino di dimensioni ridotte (circa 0,84 per 0,53 m) conservato nella Cámara Santa della cattedrale di San Salvador ad Oviedo, in Spagna. Secondo la tradizione cristiana e il Vangelo di san Giovanni questo telo sarebbe stato usato per avvolgere il capo di Gesù dopo la sua morte e sino all’arrivo al sepolcro, quando, come d’uso, era stato tolto prima d’avvolgere il cadavere nel lenzuolo; esso non porta impressa alcuna immagine, ma solo macchie di sangue. La Marcia per la Vita avrà quest’anno nella Sacra Sindone, simbolo del Dolore e della Vita Eterna, il suo sigillo di protezione.

.

fonte: Corrispondenza Romana.

per visitare il sito ufficiale della Santa Sindone, CLICCA QUI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su