Massacri ucraini nel Donbass, l’orrore che non fa notizia

Avremo lavoro non loro! Avremo le pensioni e loro no! In nostri bambini andranno a scuola e all’asilo, i loro rimarranno nelle cantine! Avremo benefici per pensionati e figli, loro no! Perché non possono fare niente. Ed è così, proprio così, che vinceremo questa guerra”. Era il 2014, l’Ucraina era da poco “tornata alla democrazia” grazie al colpo di stato fatto passare dai media occidentali per una pacifica rivoluzione colorata e Petro Oleksijovyč Porošenko, allora presidente, era stato chiarissimo circa il destino riservato alle popolazioni del Donbass.
Chi abbia un minimo di memoria storica, ascoltando questo agghiacciante discorso, non può fare a meno a pensare allo sterminio dei vandeani perpetrato in nome della prima tra le rivoluzioni colorate, quella francese. Discorsi e intenti sono gli stessi: “Non esiste più Vandea, cittadini repubblicani, essa è morta sotto l’albero della libertà con le sue donne e i suoi bambini (…) Eseguendo gli ordini che mi avete dato, ho fatto calpestare i bambini dai cavalli, ho fatto massacrare le donne che almeno non partoriranno più briganti. Non ho prigionieri per i quali possa rimproverarmi”. Lo diceva in nome della rivoluzione il generale François Joseph Westermann, non a caso detto “Le boucher de la Vendée”, “Il macellaio della Vandea”. Effettivamente, la storia può diventare una terribile maestra di vita.
Non so se l’autrice di questo reportage, la francese Anne-Laure Bonnel, abbia colto il medesimo legame tra i due discorsi. In ogni caso, dopo aver ascoltato quello di Porošenko, è stata nel Donbass nel 2015 per documentare i crimini contro l’umanità commessi dagli ucraini ai danni della popolazione del loro stesso Paese: 13.000 morti in un solo anno di guerra e repressione.
Si trattava di uomini, donne e bambini russofoni e dunque lo scandalo non si è esteso a tutto il mondo nello spazio di un solo ordine e di un solo clic, come sta accadendo per la propaganda filoucraina che procede a reti dissidenti oscurate. E così, due anni fa, Anne-Laure Borrel ha detto di rifiutarsi di essere chiamata giornalista da quando, a proposito della tragedia del Donbass, ha visto come opera l’informazione aggiungendo testualmente di sentirsi “estremamente delusa dalla professione” e di vergognarsi “della copertura mediatica di questo conflitto”. E oggi nulla è cambiato. (a.g.)

2 commenti su “Massacri ucraini nel Donbass, l’orrore che non fa notizia”

  1. Mi sembra che la sconfitta della Russia e il trionfo definitivo del great reset e del nuovo ordine mondiale siano disgraziatamente certissimi. Come al solito, la verità non interessa a nessuno, anche se è pur sempre un bene dirla. Che Dio Onnipotente ed Eterno benedica e protegga la Santa Russia e annienti il mondialismo!

  2. Un grande ringraziamento per la vostra opera di informazione. Faccio sempre circolare i vostri articoli. Ora però prepariamoci ai salamelecchi sui poveri dissidenti maltrattati da Putin. Nella trappola ci stanno già cascando anche commentatori che ritenevo più arguti e scafati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su