Massoni e monsignori a convegno: chi l’ha avuta vinta? – di Giovanni Servodio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giovanni Servodio

.

.

Dopo l’affollarsi di commenti: critici, giustificatori e plaudenti, sul convegno tenutosi a Siracusa il 12 novembre 2017: “Chiesa e massoneria, così vicini così lontani?”, pensiamo sia il caso di spendere qualche parola a proposito di questa “clamorosa” iniziativa che rientra nella logica moderna di una neochiesa tutta protesa, ormai, a cercare di conciliare l’inconciliabile, non in funzione dell’affermazione della verità, bensì dell’affermazione dell’equivoco. Il modo migliore, infatti, per sostenere l’errore non è difenderlo, ma equivocarlo: non solo non lo si condanna più, ma, non potendolo difendere, lo si confonde con la verità e gli si conferisce una qualche giustificazione, anche se indiretta.

Dal punto di vista massonico, indire un convegno su “Chiesa e massoneria” è cosa logica e coerente, il problema infatti è tutto massonico; ed invitare a tale convegno dei monsignori della neochiesa è cosa altrettanto logica e consequenziale.
E’ dal confronto che emergono le possibilità di intesa o di dissenso, si dice oggi.
Bene hanno fatto, quindi, Mons. Staglianò, vescovo di Noto (SR) e Mons. Alliota, docente di teologia presso lo Studio Teologico San Paolo di Catania, ad accettare l’invito dei massoni e ad intervenire per dire la loro. Interventi che, in effetti, hanno ribadito l’insegnamento della Chiesa, al cospetto di massoni che peraltro lo conoscevano già.

La Chiesa, da tre secoli, ha espresso e ribadito la condanna di questa organizzazione molto umana, per un verso, e molto sui generis, per l’altro, soprattutto se si pensa che la stessa è nata, nel XVIII secolo, non per contrastare la Chiesa, ma per negare il vero Dio, in nome di un “dio” che non sarebbe più l’Essere Creatore sussistente in Sé stesso, ma l’ideatore dell’Universo secondo una logica meramente umana e ristretta nei limiti della comprensione umana. Insomma, un “dio” fatto a immagine dell’uomo e non viceversa.
E’ logico che un “dio” di tal fatta non possa essere un mistero, ma è altrettanto logico che l’uomo, per poter credere a questa realtà irreale, ha bisogno di avvolgerla in un mistero fittizio, anch’esso frutto della sua mente, al punto da dichiarare a se stesso che, per quanto fitto, tale mistero può essere penetrato e compreso da lui.
E’ la concezione massonica dell’accesso alla conoscenza, che può prodursi con le sole forze umane.
Concezione che ha una sua logica, poiché se il mistero massonico può essere penetrato e “compreso” dall’uomo, è perché esso è racchiuso nei limiti dell’umano: come dire che, in realtà, non è un mistero, ma un semplice espediente per rendere interessante la medesima concezione “umana”. In altre parole: un piccolo trucco per potersi compiacere della supposta onnipotenza umana, la quale, logicamente, non ha più bisogno di un Dio trascendente, perché non può esserci nulla che trascenda l’uomo.

Questa concezione, per poter essere accettata dall’uomo, ha bisogno di assolutizzarsi, cioè ha bisogno di essere sentita come una verità, fino alle sue estreme conseguenze: ha bisogno di essere sentita come “la” verità. Ed è a questo punto che si scontra con la religione di Dio, che è il veicolo della verità. Anche il più sprovveduto degli uomini si rende conto che può esistere solo “una verità”, perché ammettere più verità equivale ad ammettere che non v’è alcuna verità. Da qui, l’inevitabile negazione della verità del vero Dio, il cristianesimo, a favore dell’affermazione della verità del falso “dio”, il massonismo.

Tutta la lotta della massoneria contro il cristianesimo e la Chiesa che lo rappresenta e lo pratica e lo predica, nasce da questa intrinseca esigenza umana, logica e ineluttabile. La massoneria, infatti, sostiene in teoria il rifiuto e la condanna dei dogmi della Chiesa, cioè delle verità relative alla verità di Dio; e in pratica promuove ogni possibile iniziativa che porti alla demolizione della Chiesa, in quanto portatrice e propugnatrice di una falsa verità, essendo la sola verità quella massonica.

Ora, fino a quando nella Chiesa tutto questo era chiaro, essa manteneva la consegna della incompatibilità dell’appartenenza contestuale alla Chiesa stessa e alla massoneria; quando poi, col Vaticano II, la Chiesa giunse al possibilismo circa la credenza e la pratica della verità, ecco che tale incompatibilità passò in secondo piano, per far posto all’illusione che il confronto tra la verità e l’errore potesse portare ad una sorta di nuova verità comprendente la prima e non escludente il secondo.
Logica vuole che questa sorta di nuovo trucco dialettico non corrisponda a nulla di reale, ma la stessa logica permette di considerare che nulla osta a che in definitiva la verità possa affermarsi da sé e perciò stesso rivelare e rigettare l’errore. Ma, dal punto di vista meramente umano, questo vale sia per la verità vera, quella della Chiesa, sia per la verità falsa, quella della massoneria, la quale, in quanto tale, è solo errore, ma che la massoneria ritiene essere la verità. E’ da qui che nasce l’idea del convegno massonico con la partecipazione dei monsignori di Chiesa.

A furia di considerare possibile il confronto tra la verità e l’errore, col nocumento della prima e la giustificazione del secondo, è inevitabile che l’uomo finisca col convincersi che ogni cosa, per essere vera, deve passare per il vaglio dei limiti dell’umano. Certo che si tratta di una contraddizione e di una impossibilità, ma se ci si convince che il trascendente non esiste e che tutto ciò che esiste è immanente, ne deriva che l’umano è l’unica realtà possibile e che ogni altra realtà oltre l’umano è una mera deduzione umana e come tale possibile solo entro i limiti della comprensione umana.
Una volta, senza bisogno di ricorrere neanche alla religione, si aveva la consapevolezza che nulla potesse essere vero al di fuori della verità di Dio, causa e fine di ogni cosa esistente, oggi, anche a prescindere dalla religione, si ha il convincimento che nulla possa essere vero al di fuori della verità dell’uomo.
Non si tratta del capovolgimento della realtà, ma semplicemente della negazione della realtà: se tutto è nell’uomo, Dio non esiste: è la negazione di Dio, la quale, incoscientemente, è la negazione dell’uomo stesso, poiché anche il più sprovveduto degli uomini sa che l’esistente non è opera dell’esistente stesso, ma dev’essere opera di qualcosa o di qualcuno che per necessità sta fuori dell’esistente; e questo perché è evidente a chiunque che l’esistente è tale in quanto esiste e smette di esistere, e quindi nulla che può derivare dal suo esistere soggetto al non esistere, poiché sarebbe come dire che una cosa c’è e al tempo stesso non c’è. Solo ciò che sta fuori dell’esistenza, e cioè non è soggetto all’esistere e al non esistere, può essere causa di ciò che è esistente, cioè di ciò che non sussiste di per sé, ma esiste in forza di un esistere eterno, un essere trascendente che resta immutabile a fronte della mutabilità dell’immanente.

Se si vuole cogliere l’incompatibilità tra credo cattolico e credenza massonica, occorre tenere presente questi elementi e considerare che la massoneria, per sua stessa natura è avversa al cattolicesimo, fino al punto che può solo mirare al suo accantonamento, in termini teorici, e alla sua distruzione in termini pratici, per impedire che possa essere d’ostacolo all’affermazione della sua verità, della verità massonica.
Quando oggi si ritiene possibile che possa instaurarsi un confronto tra Chiesa e massoneria, è perché si è finito col relativizzare la prima, vedendola praticamente come un mero prodotto umano, nonostante teoricamente la si consideri come il prodotto della volontà di Dio.
E’ questo che rende criticabile e condannabile l’intervento dei due monsignori al convegno massonico. Essi non hanno fatto male a partecipare e ad esporre l’insegnamento cattolico, ma hanno commesso l’errore di ritenere che un confronto potesse conciliare l’inconciliabile e potesse condurre alla stigmatizzazione dell’errore dopo aver riconosciuto all’errore stesso, con la loro partecipazione, un posto paritario a fianco della verità.

Se Nostro Signore si è lasciato condurre sul pinnacolo da Satana, non è per stabilire un confronto con lui, ma per rigettarlo nel suo errore e condannarlo, ricordandogli e ingiungendogli di sottomettersi alla suprema volontà di Dio, pena il suo rigetto fuori da ogni verità, che non fosse la verità dell’errore.
Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio … Non tentare il Signore Dio tuo.  Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto». (Mt. 4, 4-10).
Parole che significano che la vita dell’uomo non sta nell’umano, ma nel divino; che ogni pretesa umana è fallace; che ogni credo è tale solo se viene da Dio e riconduce a Dio.
La massoneria non riconosce alcuna di queste verità e come tale può essere solo ammonita con le parole di Nostro Signore: Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto.

Questo si chiama chiarezza, quello che hanno detto e fatto i due monsignori si chiama equivoco.

Domanda peregrina: dopo gli interventi dei monsignori, quanti massoni hanno slacciato il grembiulino e sono andati a confessarsi per essere riammessi nella Chiesa?

Dai frutti li riconoscerete!, dice il Signore.

.

fonte: UnaVox  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Massoni e monsignori a convegno: chi l’ha avuta vinta? – di Giovanni Servodio”

  1. Quello che hanno detto e fatto i due monsignori è OPERA PERVERSA … non hanno letto la II lettera che l’apostolo Giovanni, il prediletto di Nostro Signore, scrisse loro per ammonirli severamente di non partecipare alle OPERE PERVERSE di chi non si attiene alla dottrina del Cristo … riporto la parte finale della lettera … ovviamente l’ammonimento è rivolto a tutti i fautori del “dialogo interreligioso”, “ecumenisti”, “sincretisti”, “irenisti”, “focolarini” e “diversamente cattolici” …
    [7]Poiché molti sono i seduttori che sono apparsi nel mondo, i quali non riconoscono Gesù venuto nella carne. Ecco il seduttore e l’anticristo! [8]FATE ATTENZIONE a voi stessi, perché non abbiate a perdere quello che avete conseguito, ma possiate ricevere una ricompensa piena. [9]Chi va oltre e non si attiene alla dottrina del Cristo, non possiede Dio. Chi si attiene alla dottrina, possiede il Padre e il Figlio. [10]Se qualcuno viene a voi e non porta questo insegnamento, NON RICEVETELO IN CASA e NON SALUTATELO; [11]poiché chi lo saluta partecipa alle sue OPERE PERVERSE.

  2. Esistere una enorme ignoranza che porta a confondere la Massoneria con le Obbedienze massoniche. La Massoneria è qualcosa di impalpabile, di indefinito e indefinibile, come l’Araba Fenice: “che ci sia ognun lo dice, come sia nessun lo sa”. Quella che a noi si presenta non è la Massoneria, ma sono i suoi aspetti profani ovvero le Obbedienze. Cioè le organizzazioni nelle quali sono riuniti gli Iniziati, i presunti tali ed i Controiniziati. I presunti tali sono la maggioranza assoluta di quelli che si dicono Massoni. Le Obbedienze sono centinaia nel mondo, spesso in lotta tra loro e solo in parte si riconoscono a vicenda. Le Obbedienze sono come partiti politici, al loro interno ci sono correnti, lotte, instabilità e, rappresentano solo se stesse, non sono la Massoneria, che non esiste come soggetto unitario e quindi non può avere rappresentanti. Mons. Staglianò non è andato a discutere con la Massoneria ma con una piccola parte di una Obbedienza: il GOI. Ha fatto bene ad andare per ribadire l’incompatibilità tra Massoneria e Cattolicesimo, ha parlato con persone degne ma solo…

  3. A mio parere questa immagine è altamente emblematica della Massoneria: una comunità di persone che illudendosi di essere sommamente colte e illuminate più di coloro che non fanno parte della loro congrega, non si rendono conto di vivere nel loro bunker sotto la pesantissima cappa dei limiti umani, alla stessa stregua di quella bassa soffitta di cemento armato che sembra stia per crollargli addosso, da un momento all’altro, senza che se ne possano accorgere!

  4. Giovanni Servodio ha scritto qucosa di eccezonalmente utile a chirire le idee ai cattolici. Egli si è servito della logica più stringente e cpn essa – l’unica base razionale per parlare di verità – ha smascherato il prassismo che ispira il dialogo inter-religioso e il dlalogo tra cattolicesimo e massoneria. In effetti, questo prassimo parte dal presupposto implicito che la Chiesa cattolica non possiede l’unica verità che salva l’uomo dal peccato e dalla morte seconda (la dannazone). La finalità è dunque riconoscersi tutti “fratelli” all’interno dell’umanesimo ateo: e allora non importa che il deismo massonico desideri distruggere la fede cristiana nell’unico Dio creatore e salvatore; così come non importa che l’Islam dichiari blasfema la nozione cristiana di Trinità e di Incarnazione. Resta la stolta e ipocrita ricerca di ciò che unisce, che altro non può essere che l’interesse ideologico a conservare il proprio potere politico, momentaneo certamente ma sufficiente a illudersi che si possa sfuggire alla condanna che Gesù ha decretato per chi pecca contro lo Spirito Santo.

  5. Anche la Chiesa Cattolica ha (o meglio aveva) vari carismi, ma tutti si devono (o meglio si dovevano) riunire nell’ortodossia. Così la massoneria. Lascia pure che siano litigiosi fra loro, ma nell’ortodossia anticattolica fanno comunella. Ai piani alti il padrone è lo stesso. E lo si vede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su