Matteo Renzi sceglie il guru LGBT De Giorgi per la comunicazione online  –  di Rodolfo de Mattei

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Rodolfo de Mattei

 .

zzzz2frcMatteo Renzi sceglie il guru LGBT per rilanciare la sua comunicazione online. Da lunedì il fondatore e direttore del portale Gay.it, Alessio De Giorgi, farà infatti il suo ingresso a Palazzo Chigi per entrare a far parte dello staff della comunicazione, con il compito di occuparsi soprattutto di informazione on line e social media.

Quarantasette anni, gestore della discoteca Mamamia sulla marina di Torre del Lago, già capo di Gabinetto nell’amministrazione del sindaco di Viareggio Leonardo Betti, De Giorgi è stato anche consigliere per l’attuazione delle norme contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, su nomina della Giunta regionale toscana. Esponente di Arcigay, con il suo oggi ex compagno Christian Panicucci  fu il primo a firmare un Pacs nel 2002 a Roma presso il consolato francese.

Il direttore di Gay.it entra dunque questa volta dalla porta principale dopo il fallito tentativo di fare il suo ingresso in Parlamento come candidato del partito Scelta Civica di Mario Monti nel 2013. Candidatura alla quale fu costretto a rinunciare, in seguito alla pubblicazione di alcune sue foto da parte del quotidiano Libero e dopo che la trasmissione radiofonica La Zanzara diffuse la notizia che lo stesso De Giorgi risultava proprietario di ben quattro siti pornograficiGaysex.it, GayTube.it, NewEscort.com e Me2 tutti riconducibili alla società da lui amministrata Gay.it S.p.A..

I primi tre siti della lista furono prontamente oscurati e l’aspirante candidato tentò di salvare la poltrona precipitandosi a giustificare il tutto a Dagospia, dichiarando:

«Il primo e il secondo erano vetrine di affiliazione con siti pornografici statunitensi, dove immagino che molti italiani abbiano trovato conforto della loro solitudine. Il terzo era un elenco di utenti della community Me2.it che si autodefinivano “escort”: questa parola può sicuramente far drizzare le antenne ai campioni di moralismo e giustizialismo, ma c’è da precisare che su tali utenti la Gay.it non ha mai ottenuto alcun vantaggio economico, a differenza dei tanti quotidiani nazionali e non che ospitano annunci a pagamento dietro ai quali si celano evidentemente “professioniste dell’amore”. Non si va quindi a prefigurare il reato di sfruttamento della prostituzione, questo sì previsto dal codice penale. Tutti e tre i siti sono stati oscurati poco fa per evitare che vengano utilizzati in questa campagna sessuofobica incentrata sulla figura del sottoscritto». Riguardo a Me2 ha aggiunto: «È una community di incontri tra persone maggiorenni e consenzienti, come possono essere ad esempio Badoo o Meetic. Il sito è online».

Ultimamente il neoassunto di palazzo Chigi, ha assistito Renzi durante il travagliato iter della legge sulle unioni gay, appoggiando la scelta del premier di stralciare le adozioni pur di far passare la legge e riuscendo così a far “digerire” tale indigesta decisione all’esigente comunità omosessuale. L’incarico sa dunque di meritata ricompensa da parte del capo che con tale abile nomina strizza l’occhio anche al mondo gay in vista delle prossime elezioni amministrative.

Dopo il “teologo” gay, Benedetto Zacchiroli, chiamato da Bologna a Roma per entrare a far parte dello staff di Palazzo Chigi, la nomina del fondatore e direttore di Gay.it, Alessio De Giorgi, in un campo oggi così importante e strategico come quello della comunicazione online, mostrano chiaramente da che parte sta il governo del “cattolico” Matteo Renzi nell’odierna battaglia culturale per la “normalizzazione” dell’omosessualità e di ogni tendenza sessuale nella nostra società.

.

fonte: Famiglia Domani – Osservatorio Gender

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

7 commenti su “Matteo Renzi sceglie il guru LGBT De Giorgi per la comunicazione online  –  di Rodolfo de Mattei”

  1. Vorrei fare notare che è stato nominato il tale De Giorgi, già candidato del partitino di cui è leader l’ex premier Monti. Mera coincidenza? Prova del legame massonliberal che governa le marionette Monti e Renzi?

  2. Una volta di più disgusto per Renzi tanto più quanto ama presentarsi come credente. Si, ma in che cosa?

  3. Giorgio Drago

    Firenze: città di massoni e bucaioli. Spero che l’invertito ripaghi i favori di renzi con favori “in natura”, mentre noi lo paghiamo con le tasse. Sto vomitando.

  4. Caro Giovanni, mi verrebbe da dire che è seguace della carne e dello spirito del mondo. Come giudicare, allora, la “legge” Cirinna’, se non come manifestazione delle voglie della carne e del mondo?

  5. Renzi già non usufruiva della mia considerazione e ora, dopo quanto riportato da questo articolo e dopo la recente vergognosa uscita sul Molise, degna di chi è a digiuno di sensibilità storica e politica, il Presidente del Consiglio della Repubblica ‘colonizzata’ italiana, non è altro che un individuo comune scelto per portare a termine il piano stabilito. Dopo la polemica e dopo i twitter ricevuti che riportavano ‘sciacquati la bocca quando parli del Molise’, Renzi ha annunciato che verrà in Molise, regione conosciuta solo come terra di lupi, di Di Pietro e di Robert De Niro (in realtà Di Niro). Aspetto il Presidente della nostra Repubblica Parlamentare ‘colonizzata’ italiana.

  6. sono contentisima di NON votare MAI PIU’.
    i politico si è capito,(chi più,chi meno) tutti, ma proprio tutti,allineati con il “pensiero unico”, aderenti solo al Male, asservito al mondo e quindi a Satana.(guarda caso capo della Massoneria).
    Ora ci saranno le elezioni, avete per caso sentito qualche politicante che parla per es. di principi non negoziabili??!!!!manco a pagare!!!!!!!!

  7. Secondo il GR1 delle 19.02, il governo Renzi vuole porre la fiducia per la legge Cirinna’. La democrazia maxonliberal ringrazia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su