Melania: Biografia di una sopravvissuta al genocidio armeno  –  di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Piero Vassallo

.

zzmelaniaLa nobilissima nazione armena custodisce gelosamente l’onore che le compete quale primo regno dell’antichità convertito alla fede in Gesù Cristo, vero Dio e vero Uomo.

L’Occidente dovrebbe amare e onorare gli armeni, perseguitati dai maomettani a causa della loro indefettibile fedeltà alla religione cristiana e vittime dell’atroce persecuzione organizzata dagli efferati turchi, i quali, approfittando della distrazione umanitaria causata dalla grande guerra, nel 1914 avviarono un colossale genocidio, il primo Olocausto del secolo sanguinario.

Purtroppo la tragedia armena è stata ed è tuttora oggetto di una infame censura negazionista, orchestrata dai media sotto controllo democratico dei governi occidentali (occidente significa, appunto, terra dell’oscuramento), poteri che con ogni mezzo tentano di impedire il disturbo procurato dalla verità agli esigenti  alleati turchi.

L’epurazione della verità storica fu a tal punto  implacabile che i  futuri autori del film La masseria delle allodole, i fratelli Taviani, nella cui casa prestava servizio un’esule armena, giudicarono inverosimile la notizia del massacro compiuto dai turchi.

La diffusione delle notizie sull’Olocausto armeno è curata unicamente da scrittori, registi ribelli e da editori irriducibili, personalità che sono sistematicamente costrette al margine dal sistema della menzogna, trionfante nell’Occidente liberale, umanitario e pseudo-ecumenico.

Ora da Chieti l’impavida, disobbediente casa editrice Tabula Fati propone ai lettori italiani Melania,l’avvincente/struggente storia spirituale scritta dalla figlia di una donna armena, scampata allo sterminio del suo popolo.

Melania è un’opera dolente e struggente, scritta dalla figlia di una donna coraggiosa, rara superstite e testimone della immane tragedia vissuta dal cristianissimo popolo armeno.

Renata Dalmasso e Giovanni Franceschi, due liguri autori della toccante presentazione del volume, disegnano il profilo religioso di Melania, “nei suoi ultimi giorni immersa in una dimensione spirituale accesa, palesa alla figlia la forza della sua proiezione verso il Regno Celeste, quella proiezione infusa dalla Patria Armena” .

 Melania era una donna eccezionale: parlava sei lingue e possedeva una straordinaria attitudine a ricostruire e narrare la storia del suo popolo e della sua famiglia.

 I suoi genitori erano originari di Gurun, nell’Anatolia Orientale. Laboriosi, “coltivavano terre fertili attraversate da torrenti pescosi“. Oltre agli orti e ai campi  possedevano generosi frutteti, “solo di noci ne avevano di cinque tipi“.

 Melania, che era nata nel 1909, nel 1914, diventata orfana di padre, fu ricoverata in orfanotrofio. In quell’anno ebbe inizio la tragedia degli armeni. Alla figlia Melania rammenta i primi segnali dell’atroce pulizia etnica concepita e compiuta dai turchi: “Cominciarono a giungere notizie di massacri, di teste mozzate, di donne squartate da due cavalli in corsa, di olio bollente, di accecamenti, di impalamenti, di capezzoli femminili strappati ed esibiti a mo’ di manifesto truculento sui davanzali delle finestre delle sventurate abitatrici”. 

 Da una zia, che visitò l’orfanotrofio prima di iniziare la fuga dalla scena del crimine, Melania apprese che sua madre, sua nonna e le sue tre sorelle erano state cacciate dalla loro casa e chiuse dai turchi nella stalla, su cui era segnata con sangue una croce.

 Trascorsero alcuni anni e finalmente anche gli orfani armeni scampati alla morte furono espulsi dal loro territorio. Gli esuli “non poterono rifugiarsi in Grecia, perché nel frattempo cominciavano a giungere in quel paese altri profughi a migliaia, altri infedeli per i Turchi: i Greci di Turchia. … Quei pochi Armeni, giovanissimi, poveri e soli, furono mandati chi in Egitto, chi in Francia, dove almeno non li si respingeva“.

 Fino agli anni Venti, Melania trovò rifugio  in un orfanotrofio gestito da Patriarcato Armeno del Cairo, che abbandonò per diventare la governante della famiglia del direttore del Canale di Suez. Alla direzione del canale lavorava un telegrafista italiano, Carlo Garibaldi, il quale si innamorò di Melania e la sposò. La coppia ebbe due figli Carlo e Concetta-Nunufar, la quale rimase con la madre finché questa visse. Nel 1956, a causa della guerra di Suez, la famigli di Melania fu costretta a emigrare in Italia, non senza fare esperienza della giustizia inglese: “Carlo, nonostante trentanove anni di onorato servizio presso la Società del Telegrafo, di proprietà della Gran Bretagna, non poté godere della pensione, negatagli in quanto cittadino di un paese nemico durante la Seconda Guerra Mondiale”.

 Gli ultimi anni della sua vita Melania li trascorse nella tranquilla riviera ligure, a Bordighera. A novant’anni decise di confessarsi a un frate cappuccino, “al momento del commiato del frate ella volle alzarsi dalla sedia e si mise a cantare Alleluja … il pentimento dei propri peccati era così ben riuscito che in Cielo si era fatta festa e gli angeli avevano cantato in coro sul capo della vecchina”.

 Il tramonto di Melania fu accompagnato da presenze celesti. Rammenta la figlia: “aveva accettato di essere olocausto per il resto della sua vita. A me non disse nulla dei segreti che le erano consegnati, ma a due persone estranee alla famiglia disse: Dio ha creato il mondo pieno di saggezza e bellezza e l’ha donato agli uomini con le sue benedizioni. Ma gli uomini non le vogliono”.

  Melania morì nella gioia di raggiungere finalmente la sua vera Patria, l’Armenia celeste. “Il suo viso sorridente  emanava un senso di pace e beata tranquillità a tutti quelli che l’hanno visitata.

.

fonte: blog dell’Autore

.

Melania  –  di Nunufar – ed. Tabula Fati  (pag. 104, € 10,00)  –  per acquisti on line inviare una mail a info@riscossacristiana.it . Per le modalità di pagamento, clicca qui

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Melania: Biografia di una sopravvissuta al genocidio armeno  –  di Piero Vassallo”

  1. Sono INORRIDITA!!!!
    Sapevo della strage degli Armeni e anche del relativo silenzio, ma non ne conoscevo i particolari allucinanti!!!
    E la negazione dei Fratelli Taviani!!!!
    Incredibile!!!!

  2. Sono stato quest’estate in Armenia e confermo che lì, nonostante un genocidio e settant’anni di comunismo (più un paio di guerre contro l’Azerbajian), si vive la fede in modo assai più percepibile che nel nostro Occidente oramai del tutto secolarizzato. Del resto, se perfino l’uomo dell’Armenia all’interno del Soviet, Mikoian, ottenne che le Chiese e gli edifici sacri della sua terra venissero “solo” chiusi, ma non distrutti (come capitò nel resto dell’URSS), evidentemente la fede doveva essere ben radicata anche in coloro che ad essa si opponevano. Sicuramente la fede ed il rispetto delle tradizioni ha aiutato gli Armeni a sentirsi comunità anche nei frangenti più difficili e nella diaspora susseguente al genocidio. Un’ultima annotazione: la ragazza che ci faceva da guida era di gran lunga la donna più affascinante che abbia mai visto: bellissima, raffinata e coltissima (discettava di monofisismo come io parlo di calcio). Spero davvero di riuscire a ritornarci.

  3. Normanno Malaguti

    Lessi, molti anni fa un libro scritto da un austriaco, probabilmente protestante, che narra la resistenza di un folto gruppo di armeni su un monte vicino ad Antiochia,
    il Mussa Dag, o monte di Mosé. Mi si scolpì nella mente e l’ho sempre ricordato con commozione. Fu una vera epopea,
    Riportai per quel popolo fiero e gentile un’ammirazone che non mi lasciò più.
    Indimenticabile!

    1. Carissimo, quel libro è stato scritto da Franz Werfel, secondo marito di Alma Schindler, che lo sposò dopo essere rimasta vedova di Gustav Mahler. Ammetto di averlo letto solo dopo averlo visto nominato in una nota a pié di pagina ne “La masseria delle allodole”. Lettura splendida, ancor di più in lingua originale. Se non ricordo male, peraltro, il romanzo di Werfel (che era Ebreo) è del 1934: lo scrittore Austriaco parlò del genocidio Armeno proprio quando in Germania andava affermandosi il Nazionalsocialismo.

  4. Lo stesso Hitler confesso’ privatamente che per organizzare lo sterminio degli Ebrei si era ispirato a quello degli Armeni , eterno monito a chi crede nel mito della ‘ religione della pace ‘ e consiglia ai musulmani di seguire il Corano come noi la Bibbia . Se lo legga , il Corano , anzi si rilegga bene la sura detta de ‘ la spada ‘ , prima di dire o fare certe castronerie !

  5. Un libro toccante, è pieno di significati, la tragedia di un popolo, sopraffatto, e del quale non si vuole parlare, scomodo ai seminatori di odio. I paesi occidentali, e quei paesi che si reputano democratici devono riuscire a chiedere alla Turchia le scuse, e la Turchia deve riconoscere di aver sbagliato e di aver commesso atrocità immani verso il popolo Armeno. Ho avuto l’immenso piacere di conoscere la scrittrice, per puro caso sull’autobus che da Limone Piemonte conduce a Ventimiglia, era deragliato un treno e ci anno dirottato sull’autobus. Mi ha aperto un mondo, quello Armeno, che conoscevo poco. Ero stato però testimone nel 1980, ad Istanbul della fuga di un cittadino Armeno , per non svolgere il servizio militare nell’armata turca, lo aiutai ad entrare in Italia, e poi a chiedere asilo in Germania. Ma non avevo mai capito da dove arrivasse la situazione che vivevano, beninteso sapevo che l’Armenia non aveva un suo paese, e lo ha avuto dopo lo scioglimento dell’URSS. Credo che in giorno visitero’ questo paese. Un cordiale saluto a Concetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su