“Mentite come il diavolo!”: i media occidentali e Putin  –  di Giampaolo Rossi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giampaolo Rossi

.

zzzztttcntrptnL’OSSESSIONE PATOLOGICA

In Occidente l’ossessione anti-Putin sta arrivando a livelli patologici; coinvolge l’élite politica, intellettuale e tecnocratica tra le due sponde dell’Atlantico. È una sorta di virus impazzito propagato dalle centrali dell’intelligence che utilizzano il mainstream (cioè l’insieme dei “media democratici” che sono democraticamente finanziati dal sistema bancario ed industriale legato a doppio filo a quelle centrali), per cercare di trasformarlo in immaginario da far assorbire all’opinione pubblica.
L’intero sistema che si muove come un meccanismo perfettamente oliato da anni di tecniche manipolatorie; meccanismo che, su Putin e sulla Russia, è costantemente in azione.

L’ULTIMA BALLA: UN ESERCITO SEGRETO IN EUROPA
L’ultimo caso, in ordine di tempo, è l’incredibile scoop del Bild di qualche giorno fa: secondo il giornale tedesco Putin avrebbe infiltrato addirittura “un esercito segreto in Europa”, composto da centinaia di uomini addestrati allo scopo di scatenare rivolte di piazza e disordini nelle città occidentali; di questi, 300 sarebbero solo in Germania reclutati tra poliziotti e militari e addestrati tra le montagne della Svizzera al temibilissimo “Systema” l’arte marziale russa antica di secoli e diventata la principale tecnica di combattimento delle forze speciali di Mosca.

La fonte della notizia? Un tale Boris Reitschuster, giornalista tedesco ed “esperto di Putin”,  il quale nel suo ultimo libro cita un presunto report di un presunto “servizio segreto europeo” che lui avrebbe letto ma che a noi non fa leggere. Insomma spazzatura pura che non meriterebbe neppure una citazione a margine e che invece è pubblicata sul giornale più venduto d’Europa e ripresa da molti altri, tra cui l’inglese Daily Mail, secondo un meccanismo di rimbalzo tipico del sistema mediatico.

COME FUNZIONA IL SISTEMA
In questi ultimi anni, il tentativo dei media occidentali è stato quello di dipingere l’immagine di una Russia pronta ad aggredire l’Europa (cosa tecnicamente impossibile) e del suo leader definito di volta in volta un “nuovo Hitler”, un “gangster”, un “killer”.
Dalla crisi in Ucraina all’intervento militare in Siria, i media occidentali hanno sistematicamente manipolato la verità allo scopo di nascondere i veri processi in atto: per esempio i disegni espansionistici della Nato ad est (che abbiamo mostrato nei documenti Usa), la destabilizzazione del Medio Oriente costruita a tavolino con la guerra in Libia e con con la finta opposizione all’avanzata del Califfato. Affiancando tutto questo ad inverosimili deliri come quello recentemente pubblicato sul Guardian a firma di George Soros secondo cui l’attuale invasione di profughi in Europa, sia un piano voluto da Putin per distruggere l’Unione Europea.

Il sistema propagandistico non è una massa inerte ma reagisce a precise stimoli esterni: per esempio dopo il recente successo militare e diplomatico dell’intervento russo in Siria e di fronte alla crescente popolarità internazionale di Putin, il sistema ha prodotto il massimo livello operativo agganciando lo scandalo dei Panama Papers alla figura del Presidente russo con un’operazione di sovrapposizione perfetta. Come ad un segnale stabilito, l’intero sistema dell’informazione occidentale (guidato dai media britannici) ha lanciato campagna diffamatoria contro il capo del Cremlino costruita su illazioni prive di qualsiasi fondamento; televisioni, giornali, analisti, docu-video virali sul web, hanno prodotto una mole impressionante di disinformazione identificando lo scandalo dei Panama Papers con Vladimir Putin. Ci sono voluti giorni che scoprire che negli oltre 11 milioni di documenti in oggetto il nome di Putin non compare mai, ma solo quello di un suo amico detentore di società off-shore. Molto meno dei nomi di collaboratori e finanziatori di Hillary Clinton che compaiono negli stessi documenti ma che non hanno avuto stranamente risalto (l’imbroglio dei Panama Papers l’abbiamo raccontato in tempi non sospetti, qui)

Nel circuito di uso e consumo, ogni volta che le tesi manipolate dai media sono smentite dai fatti, il sistema rilancia con una manipolazione nuova ed originale.

MENTITE COME IL DIAVOLO!
Il mainstream occidentale ha bisogno di assolutizzare il suo nemico; ha bisogno di distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica dalle vere strategie in atto. In parte è un processo naturale e legittimo che ogni sistema di potere e controllo esercita  per preservarsi. In parte è anche dovuto alla tendenza dell’Occidente di rivestire di criteri morali azioni che di morale non hanno nulla, trasformando le dinamiche della geopolitica in una lotta del “Bene” (occidentale) contro il “Male” (tutto ciò che gli si oppone).

Nella convinzione di essere sempre dalla parte del bene, l’Occidente e i suoi media narranti fanno proprio l’insegnamento che Voltaire impartiva al suo amico Thiriot: per chi si crede nel giusto anche la menzogna è una virtù; per questo “bisogna mentire come il diavolo, non timidamente, ma con  coraggio e sempre”.

Su Twitter: @GiampaoloRossi

Articoli correlati:
Levy e Lerner: gli intellettuali anti-Putin zittiti dalla storia
L’accerchiamento della Russia
Libia: le manipolazioni della Clinton
Ucraina: Putin, Hitler e la retorica di chi vuole la guerra

.

fonte: Il Giornale   

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su ““Mentite come il diavolo!”: i media occidentali e Putin  –  di Giampaolo Rossi”

  1. L’ossessione anti-Putin è sintomatica dell’attuale (e futuro) ruolo che la “scomoda” Russia ha (e avrà) nei confronti del massonico e pervertito Occidente (futura Eurasia).

  2. Putin con coraggio e intelligenza, sta solo difendendo la sua patria dalla decadenza occidentale; risanando (pur con i suoi evidenti limiti) una Russia devastata ed affamata dal comunismo prima ed America poi, convinta di potersi arraffare le immense ricchezze di quel territorio. Il governicchio italiano dovrebbe accogliere il recente invito di Putin e riprendere la collaborazione come (infischiandosene della Mefistica Nato ) avveniva nel periodo del governo Berlusconi. ps. non sono Berlusconiano ma concordo su un paio di punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su