Metamorfosi del femminismo, dal nudismo sessantottino all’incappucciamento islamico – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il Signore, come giusto giudice, se punisce spesso i peccati dei privati soltanto dopo la morte, tuttavia colpisce talora i governanti e le nazioni stesse in questa vita per le loro ingiustizie, come la storia ci insegna”.  (Pio XII)

di Piero Vassallo

.

z.fmmxLe erinni protestatarie, che sfilavano impettite (ma eterodirette) intorno al torrido sessantotto, le mani disgiunte e alzate a significare il democratico diritto all’aborto, hanno  ultimamente fatto propria la apparente antitesi del collaudato/attempato furore uterino: la passione islamica in rivolta fanatica contro la Tradizione cattolica e contro la civiltà occidentale.

Delirio squisitamente maschilista, la superstizione maomettana, purtroppo, non ha risparmiato le discendenti e le eredi del femminismo urlante (in dialetto californiano e/o in lingua modernista e quasi neo papista) nella coda della consunta escandescenza rivoluzionaria.

Il lato inquietante/allarmante della evoluzione femminista è visibile quando si pone mente alla convergenza dell’ideologia libertaria di stampo californiano, in corsa inarrestabile negli anni agitati dal tardo e anacronistico furore delle ribelli sessantottine, e la triste e incubosa superstizione islamica, finanziata dalle nazioni petrolifere del Medio Oriente e indirizzata al trionfo di una morale in cui la tetra severità è associata alla sfrenata poligamia.

La violenta impennata di una tenera cultura sentimentale (si è tentati di dire uterina) parodia della solidarietà, concepita in alto loco per debilitare e corrompere l’Occidente ecumenico, incoraggia e quasi giustifica i fedeli della sgangherata/furente teologia, elucubrata dall’impostore Maometto per adeptare gli occidentali avviliti dal radical-capitalismo e alterati/fulminati dal solipsismo progressista.

Esempio luminoso e autorevole del transito delle reliquie sessantottine nella condivisione (si spera inconsapevole) dei progetti egemonici migranti, è il rovente pensiero solidale della presidenta Laura Boldrini.

Boldrini a parte, la mentalità e la tradizione dei popoli europei sono (sarebbero) strutturalmente incompatibili e refrattarie alla rozza teologia di Maometto.

Purtroppo, alleati inconsapevoli degli islamici sono i promotori della rivoluzione laicista, del delirio ecumenico e dell’inversione sessuale, i tre scandalosi fattori della decadenza occidentale, in cui l’immaginazione islamica contempla un provvidenziale incentivo alla sua (non) santa guerra.

Si scatena una guerra pseudo santa, che trova alleati inconsapevoli nei benpensanti, scandalizzati e offesi dal potere esercitato dalla cosche pornografiche. La fragilità mentale e la corruzione dell’Occidente si rovescia, purtroppo, nella femminea parodia della misericordia e nella piagnucolosa tendenza ad accogliere una folla di presunte vittime ovvero supplici intesi a devastare e a capovolgere la civiltà cristiana.

Inquinata dall’emozione delle mutanti femministe (e dei maschi effeminati), la misericordia si capovolge in un sentimento rugiadoso e bi-sex, che attribuisce  agli invasori islamici lo statuto competente alle vittime incolpevoli di autentiche tragedie.

Il tenace, categorico rifiuto opposto alla maternità dalle femministe estreme perfeziona il malinconico quadro delle facilitazioni concesse ai devastatori della Cristianità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

13 commenti su “Metamorfosi del femminismo, dal nudismo sessantottino all’incappucciamento islamico – di Piero Vassallo”

  1. A mio giudizio, caro professore, la realtà è ancor peggiore di quanto lei descrive. Le ondate islamiche vengono messe in movimento non solo dai petrodollari -e non solo da un’atroce situazione creata in Medio Oriente dall’ “unica Democrazia della Regione”-, ma da un forte RICHIAMO da parte della Massoneria che ci stritola.
    Hanno fretta… hanno lavorato per un paio di secoli, hanno ottenuto moltissimo nella dissoluzione della Cattolicità, ma tuttora notano (giustamente) che molta gente è normale e sostanzialmente aperta (a Dio, non al “Diverso”). Preziosissime allora le “forze di intervento rapido e diretto”, cioè le teste di ponte islamiche, che si concepiscono INEVITABILMENTE (bombe e coltelli a parte) come i primi nuclei dell’Europa “finalmente pacificata nella sottomissione a Dio” (=musulmana).

    La sola idea di andare a prendere le decine di migliaia di assaltatori sulle coste africane era considerata ridicola e delirante, giustamente. Poi è arrivato il “fratello” “Francesco”

    1. Condivido questo intervento , il vero problema è tutto lì , massoneria e chi ci sta dietro , il resto petrodollari e motivazioni da intellettuali , è solo fuffa o strumenti nelle mani di personaggi che sanno essere ottimi registi !

  2. Il problema non è solo l’inchinarsi al migrante e alla sua falsa religione islamica, che vede le donne trattate come e peggio dei cammelli (le femministe probabilmente stimano che essere associate ai cammeli sia una conquista), aggiungo che oltre a questo rivoltante servilismo verso il diverso ed il lontano, le femministe accettano pure l’utero in affitto, certo l’utero è delle donne, ma solo se le donne sono benestanti (e non sempre, perchè i soldi smontano ogni dignità), altrimenti va bene che i milionari utilizzino l’utero altrui per farsi sfornare un bebè. Povere femministe, hanno fallito, perchè volevano la stessa dignità degli uomini, quando potevano pretendere che fosse dato valore alla loro alta missione, che è quella di dare al cielo abitanti. Da portatrici di universalità, di vità, di educazione, di armonia e bellezza, a sgobbone,isteriche, depresse, competitive. Perchè la donna cerca sempre di dare tutto se stessa nelle cose che fa, ma oggi dovendo fare troppe cose, si esaurisce.

  3. Un santo sacerdote francese dell’800, scrisse uno snello libretto dal titolo”Il liberalismo è peccato” nel quale rifacendosi all’illuminismo le correnti culturali e politiche che fu prodromo della Rivoluzione Francese, dimostra senza scampo come mediante le cosche che influenzarono il pensiero dei ‘Bempensanti,’, spesso paciosi, quasi sempre pronti a scandalizzarsi della corretta visione del cattolicesimo non snodabile, che ripercorreva il pensiero di Metternich sulla Rivoluzione e sulle sue conseguenze devastanti.
    Cosa c’entri coll’esplosione del dell’islamismo contemporaneo, è presto detto: L’odio inveterato ed inestinguibile delle cosche, le rende disponibili a qualsiasi soluzione anche follemente soffocanti di ogni parvenza di libertà dei seguaci dell’astuto e immorale Maometto-
    Questo fatto che cade sotto i nostri occhi, muove i potentati economici e politici alla Clinton ed alla Obama, alleati al folle anticlericalismo europeo, segnatamente francese, ma ferocemente presente…

  4. Riporto per dovere di cronaca : Da Il Popolo – settimanale diocesano di Concordia Sagittaria-Pordenone
    Edizione del 14 agosto 2016
    Primo appuntamento il 1° settembre a Concordia
    Giovedì 1 settembre, in occasione della giornata mondiale di preghiera per la cura del Creato istituita lo scorso anno da Papa Francesco, verrà effettuata una Veglia di preghiera presieduta dal vescovo Giuseppe Pellegrini con la presenza e il coinvolgimento delle diverse Chiese Cristiane del nostro territorio e del mondo giovanile.
    1. Giovedì 1 settembre. La Veglia si terrà a Concordia Sagittaria, Chiesa madre dell’intera Diocesi a partire dalle ore 20.30. Programma: dagli scavi romani della prima chiesa, al Battistero segno di purificazione, alla Porta Santa per chiedere la misericordia di Dio per i peccati inflitti a Madre Terra. Ingresso in Cattedrale, momento di preghiera con inserimento di danze ebraiche a cura del gruppo Le Or di Cordenons.
    2. Domenica 4 settembre al parco delle fonti di Torrate verrà celebrata la…

  5. …festa in occasione della XI Giornata per la custodia del Creato…Nel pomeriggio: nell’auditorium del Parco delle Fonti, attività ludico-educative per famiglie e bambini sull’uso dell’acqua
    3. Il 4 ottobre nella Parrocchia di San Francesco a Pordenone, svolgimento di un convegno ecumenico, curato da Ennio Rosalen (ore 20.30), mirato sul tema della salvaguardia della Biodiversità proposto dalla Cei per la XI giornata, con il contributo dei rappresentanti delle varie Chiese Cristiane che aderiscono alla Segreteria delle Chiese Cristiane di Pordenone e Portogruaro.
    Ma mi chiedo: è ancora Cristianesimo questa roba qua? non dico Cattolicesimo, ché da mo’ i nostri preti l’hanno abbandonato; ma non provano vergogna?

    1. È Massoneria. Che poi è “semplicemente” la volontà pervicace di ridurre la Chiesa a “Cristianesimo”, cioè a “una delle Grandi Religioni dell’Umanità… tutte in cerca dell’Armonia Universale e della Pace (dei cimiteri). Amen”.
      No a Roma, sì a Ginevra, Parigi, Londra, New York, Washington, Buenos Aires (città del Grande Obelisco)

  6. grazie, carissimo Normanno, grazie del tuo commento – la Clinton (futuro presidente dei disgraziati Stati Uniti) è il disgraziato ritratto dell’Occidente nichilista – in qualche modo (e confusamente) il ritratto del presente lo aveva anticipato Dostojewskj nel romanzo I demoni

  7. La metamorfosi femminista consiste anche nell’essere passata dallo sbraitare e urlare degli anni ’70 (“l’utero è il mio…”) al silenzio tombale odierno sia di fronte alla schiavitù islamica che alla pratica degli affitti di uteri (di cui spesso i beneficiari sono i loro cugini-compagni arci-sodomiti). Ieri infiniti e interminabili cortei, assemblee, lotte, occupazioni, scioperi per denunciare pretese “donne oggetto”… e oggi niente!?

    1. Perché la “Donna” (= Domina) cristiana doveva essere ridotta a femmina insoddisfatta (e lo Sposo cristiano, immagine di Cristo, a violentatore… come Cristo, che “Si permette” di agire con forza contro il Diavolo e di sposare la Sua Chiesa). . Le altre “femmine”, invece, lo sono già (femmine e insoddisfatte, non Dominae)

  8. Marina Alberghini

    Caro Vassallo, poteri forti e massoneria, che già avevano tolto le radici cristiane dalla costituzione europea, stanno organizzando l’invasione islamica dell’Europa, col consenso dell’islamico Obama.La prova è l’arrivo di centinaia di migliaia di giovani nerboruti, per niente affamati o poveri-già il viaggio costa moltissimo-che rifiutano il lavoro offerto ma pretendono tutto.Se fosse vero che scappano da povertà, fame e guerre, lasciano a casa i genitori, mogli e figli?Qua hanno trovato un buonismo idiota tinto da speculazione.E anime belle e idiote supportate dal papa eretico.I governi europei cercano di arginare, adesso, ma gli danno di razzisti e populisti e ormai mi pare una situazione di non ritorno.

  9. Cara Marina. l’America è una madre disinibita, incapace di rifiutare il seme dell’idiozia. La probabile vittoria della Clinton avrà il significato di un matrimonio idiozia maschile & furore uterino. L’essenza dell’americanismo, infine. Affettuosi saluti, piero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su