Migranti, ecologia ed ecumenismo. La sintesi del neovangelo della neochiesa – di Fra Cristoforo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Fra Cristoforo

.

Tante volte abbiamo parlato di questi temi. Ma oggi è diventato proprio un martellamento continuo. E’ in corso infatti un cambiamento totale di rotta. Il Vangelo NON DEVE ESSERE PIÙ PREDICATO! Chiunque oggi nella Chiesa Cattolica si azzarda a predicare il Vangelo, viene preso per “integralista”, “moralista”, “fariseo”. Chiunque si azzarda a ricordare l’insegnamento bimillenario della Chiesa Cattolica, è preso per “conservatore”, “anti-misericordioso”. Coloro che oggi voglio restare fedeli all’Insegnamento della Chiesa, sono emarginati, sospesi, “arginati”.

Oggi in quasi tutte la Parrocchie senti la stessa musica che Bergoglio ripete ormai quotidianamente. Nelle prediche non senti altro che parlare di migranti, di ecologia, di ecumenismo, di ponti, dialogo, aperture ecc…

I Parroci che non si allineano prima o poi vengono rimossi e lasciati senza incarichi. Perché TUTTI nella neochiesa devono ripetere a pappagallo il neovangelo. Dove di Gesù Cristo…manco l’ombra.

Per esempio. Oggi Bergoglio ha tenuto un discorso all’Associazione Maestri Cattolici. Credete che a questi Maestri Omissis abbia parlato dell’importanza di Gesù Cristo nella vita dei bambini e delle famiglie? Ma quando mai! Sapete di cosa ha parlato? Ecco:

1: MIGRANTI. Ha infatti detto: “Dobbiamo liberarci dal pregiudizio diffuso secondo il quale per valere bisogna essere competitivi, aggressivi, duri verso gli altri, specialmente verso chi è diverso, straniero o chi in qualsiasi modo è visto come ostacolo alla propria affermazione: questa purtroppo è una ‘aria’ che spesso i nostri bambini respirano e il rimedio è fare in modo che possano respirare un’aria diversa, più sana, più umana”(http://www.repubblica.it/cronaca/2018/01/05/news/il_papa_sulla_scuola_bacchetta_tutti-185849345/);

2: ECOLOGIA. “Bisogna educare a uno stile di vita basato sull’atteggiamento della cura per la nostra casa comune che è il creato.

3: STATALISMO: “È rotto il patto educativo tra famiglia scuola e Stato. Bisogno ricostruirlo”.

E la Chiesa? E Gesù Cristo? E l’importanza della trasmissione della fede ai bambini?

Ma vi rendete conto a che punto stiamo?

Chissà cosa ne verrà fuori dal Sinodo dei Giovani che si terrà quest’anno. Non oso neppure pensarlo.

.

fonte: Anonimi della Croce

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

33 commenti su “Migranti, ecologia ed ecumenismo. La sintesi del neovangelo della neochiesa – di Fra Cristoforo”

  1. jb Mirabile-caruso

    Fra Cristoforo: “E la Chiesa? E Gesù Cristo? E l’importanza della trasmissione della fede ai bambini?
    …………………….Ma vi rendete conto a che punto stiamo?”.

    Stiamo al punto, caro fra Cristoforo, di un regime comunista universalmente applaudito, e con una sparuta opposizione che – come cane che abbaia – NON morde. Bisogna prendere atto della necessità, urgente e assolutamente prioritaria, di MORDERE, e mordere profondamente. È l’AZIONE supportata dalla preghiera che morde risolutivamente. E questa azione deve essere rivolta verso la Gerarchia cardinalizia e vescovile rimasta autenticamente Cattolica affinché essa riconosca la sine-qua-non necessità di ridare alla Chiesa il Suo Papa in virtù del quale Essa possa ritornare ad esserci, possa ritornare ad esercitare la Sua Divina Autorità con cui spazzare via le tenebre che si sono addensate fitte sul mondo negli ultimi sei decenni, possa soprattutto SMASCHERARE il Puparo ed i suoi pupazzi responsabili di questa abominevole pagliacciata!

  2. Carla D'Agostino Ungaretti

    Lo ripeterò di nuovo a costo di diventare noiosa. I veri cristiani, fedeli all’eterna Parola di Dio, dovranno prepararsi al martirio cioè all’emarginazione, forse anche alla perdita del lavoro, di sicuro all’irrilevanza politica, sociale, ecclesiale, a non essere più capiti neppure nella propria Chiesa, dai propri pastori. Io spero di non arrivare a vedere quel momento.

    1. Alla fine degli anni ’80 un bravo frate domenicano, Padre Laconi, a Torino, predicava che i veri cristiani sarebbero dovuti rientrare nelle catacombe, prima o poi. Cara Professoressa, secondo me ci siamo.

  3. Graziano Salvadè

    …Per valutare in negativo quanto detto dal Papa, penso che occorra piu’ “materiale”…Non bastano due parole in croce che, tra l’altro, non possono suonare di certo tanto negative, mi pare. ..rivolgendosI ai maestri, mi sembra, che l’equilibrio ci sia stato…logico che un maestro cattolico debba poi dare quel sapore sublime al suo insegnamento che deriva dall’aderire ala persona del Maestro …Perché trovare sempre e solo del male in quanto dice Francesca? Siamo sicuri di essere nel giusto?

  4. Anche io mi sento scandalizzato dalle prediche bergogliane dei nostri preti alla domenica, mi vien da dire che i preti non son più fedeli al cristianesimo ma mestieranti stipendiati.

  5. “I Parroci che non si allineano prima o poi vengono rimossi e lasciati senza incarichi.” … Parroci va bene, devono pur vivere, bisogna capirli, tengono famiglia…Ecché, vanno a faticare? e dove, che rischi di finire a dormire dentro un cartone, buoni a null’altro poi come sono…?
    Ma la gente , la gente che ci va a fare dai ‘parroci’ questi, perché “allinearsi “a costoro, e nemmeno fiatare, nemmeno uno che si alzi e dica una buona volta un bel vaffa’, a loro, e ai loro migranti e profughi, ai loro dialoghi la raccolta differenziata e i loro fratelli MAGGIORI e MINORI…Possibile che non s’accorgano, a forza di allinearsi, di essere un po’ alla volta fatti a pezzi – rimossi e lasciati senz’anima – sull’orrenda catena di smontaggio comandata, e controllata dall’ Orco e Orchetti che la stessa gente s’ ostina a chiamare papa e parroci??
    Perché non decidersi a lasciarli soli , senza nessuno che li ascolti , a guardarsi in faccia, mani in mano, senza saper che fare?’ Perché non bloccare l’ ORRENDA OFFICINA privandola dei componenti da … smontare?

    1. Carissimo Bruno, parole sante, le tue, indici di un santo zelo per la causa di NSGC e della Su Santa Chiesa, adesso occupata da una banda di malfattori, che sta ricattando ed omologando tutta la categoria dei cd parroci (mi pare però che adesso si parli di unità pastorali, affidate anche a pastori/e luterani ed anglicani). Fatto sta purtroppo, mio caro Bruno, che 50 e passa anni di catechismo manipolato e falsificato, di omelie politiche e blasfeme, di comportamenti eretici dei papi postconciliari (anche se beniamini delle folle come Wojtyla, che baciò il Corano e scomunicò mons. Léfèbvre) hanno abituato le folle, ormai cattoliche solo di nome, ad ogni sparata eretica e apostata del clero, come i preti che fanno outing omosex, o che provocano scandalo con sesso (più o meno “omo”) e droga, o che alla messa non recitano il credo. Un clero assatanato e un gregge sempre più rimbambito, colluso o inebetito. Mala tempora currant, ma teniamo duro, Buon Anno a tutti gli amici di Riscossa…

  6. Piero Vassallo

    chi è privo di buon senso non può acquistarlo battendo le scivolose e fuorvianti strade del “luogocomunismo”
    pertanto
    i teologi dolci di sale, ossia intossicati dal falso ecumenismo, fingono di non vedere l’ispirazione eversiva della falsa religione di Maometto e di conseguenza suggeriscono ai fedeli il rovesciamento della carità nel “pio ed ecumenico” consenso alla minacciosa immigrazione islamica

  7. Alla messa del 1° gennaio, dopo una brevissima parte iniziale riguardante lo straordinario titolo della Madre di Dio, l’omelia è stata tutta incentrata sui migranti, sul fatto che Gesù, Giuseppe e Maria furono profughi(menzogna colossale) e sulla solita tiritera dell’accoglienza e di quanto sia misericordioso condividere il pane.
    “Ma oggi non si doveva proclamare la grandezza della Madonna?” Ho borbottato. Mi è sembrato invece di assistere ad un comizio di uno dei soliti politicanti e anzi ho pensato che i parroci ricevano ordini dall’alto per l’impostazione delle loro prediche.
    D’altronde ultimamente non circola la notizia di una app riservata ai preti proprio a questo scopo?
    È un vero regime dittatoriale. Altro che evangelizzazione.

    1. e allora borbottiamo adeguandoci! Perché, invece che borbottare, non gridiamo? Perché* questi comizi non vanno deserti? L’avete mai visto un comiziante in una piazza VUOTA? Un generale SENZA truppa? Perché fare da parete di rimpallo alle loro ‘omelie’??? Se le sbattano da soli le loro …’omelie’…

  8. “Ma vi rendete conto a che punto siamo?”. Sì, siamo proprio a questo: alla rimozione di Gesù Cristo e del Vangelo dalla predicazione cattolica.

  9. Ancora due mesi e la pacchia finirà! Vince il centrodestra, sarà blocco navale militare sotto la Sicilia e….non passa lo straniero!

    1. Fosse vero….. Lo volesse il Cielo……Guarda che l’Italia è oramai popolata da buona parte di automi…..Non mi illudo…..

    2. Caro Camerata, speriamo che questa sua non sia una pura illusione: non che vinca il centrodestra (il che credo sia scontato), ma che si possa verificare un blocco navale. Credo che pur cambiando governo, le possibilità di movimento saranno così limitate (il potere massonico che ci.manovra come marionette non lascerà libertà di azione, qualsiasi sarà il risultato delle elezioni), che nulla di fatto cambierà. Per questo ho deciso che non andrò a votare, se non altro per non essere complice di un ulteriore governo fantoccio.

      1. andare a votare forse non cambia nulla; non andarci, le cose rimangono certamente come sono.
        In G.B. sono andati a votare, hanno votato come si sa, e hanno fatto la Brexit. Così in Austria: quelli che ne avevavo le scatoli piene dei migranti, sono andati a votare e hanno vinto, e li valichi -le benedette porte – li hanno chiusi. COMPLICI si è se si lascia fare.

      2. Cara Tonietta,lo so che molti sono nauseati dalla politica e quindi si astengono dal votare,ma il momento attuale è forse l’ultima possibilità che abbiamo per tentare di risollevare l’Italia che è sull’orlo del baratro.Se amiamo questa disgraziata Patria,turiamoci il naso e facciamo ancora un tentativo di votare per il “meno peggio” fra i tre schieramenti (cioè il centrodestra) possibilmente più a Destra che al centro! La vittoria in Austria (Destra conservatrice assieme alla Destra estrema) è di buon auspicio;vuol dire che la Destra può vincere anche nel cuore dell’Europa,alla faccia dei massoni,della Merkel e di Soros.Chi non va a votare non ha poi il diritto di lamentarsi,poiché non ha fatto nulla per cambiare.Forse,se votiamo “bene”,Dio ci concederà la grazia di salvare l’Italia dalla rovina totale e nel contempo salverà la Sua Santa Chiesa dal precipizio in cui sta cadendo.Il cuore mi direbbe di votare i Fratelli d’Italia,dov’è presente la mia vecchia Fiamma Tricolore missina,ma la mente mi suggerisce di votare la Lega.Oppure,essendo due le schede,voterò entrambi.

    3. Caro Il Camerata, speriamo proprio, ma non dimentichiamo che quel “non passa lo straniero” (che ancora si strombazza il giorno delle Forze Armate- si fa per dire F.A…….), si riferisce allo straniero del nord, per quello del sud -sud ed est ed ovest del mondo, la gara è un po’ più dura. L’Austriaco ci portava il buon Governo nel Lombardo-Veneto, quelli delle altri parti del mondo ci portano…la pensione! Cioè, ci pensionano definitivamente, al cimitero…

    4. Ma magari caro Camerata! Purtroppo però vincerà sì il centrodestra, ma sarà un Governo a trazione forzista.. e da Berlusconi non comprerei un’auto usata. Cambieremo tutto per non cambiare nulla e la prenderemo in quel posto, con licenza parlando, ancora una volta.

  10. Carissima sig.ra Carla D’Agostino Ungaretti, bisogna prepararsi a non essere capiti neanche nella propria famiglia. Per me questo già avviene.

    1. Idem. Per i miei familiari e financo per mia madre sono “l’integralista”. Ma sa cosa succede? ME NE FREGO.

      1. Come vi capisco, Antonio ed Alessandro, anche io ho ormai rinunciato a parlare d religione (e di politica) in famiglia, pena laceranti discussioni. Così mi sfogo e mi consolo con voi, amici cari, oltre a cercare di diffondere la retta fede cattolica il più possibile, nella cerchia di amici e conoscenti e, soprattutto, nel grande oceano del Web. Buon anno a tutti, in Cristo e Maria SS,ma

  11. guardatelo questo Muso Ingrugnito qui sopra, guardatelo anche nella sua forma pagliaccesca quale quella con la mano cornuta, o l’altra col pomo rosso sul naso in Piazza san Pietrp. e confrontatela con queste immagini di Pio XII in preghiera , e dite se non vi viene addosso la disperazione…

  12. Per molti motivi, cari amici, sarebbe importante che la Lega avesse più voti di Forza Italia, in modo che la guida del governo non sia di Berlusconi o di un suo fido.

  13. Camerata, condivido e bisogna e dico purtroppo, votare la Lega di Salvini che è l’unico insieme alla Meloni che parla contro questo tipo di Europa e che ancora accenna ai valori non negoziabili. Ormai i cattolici in politica non esistono più perché quelli che stanno sinistra hanno capito nulla dell’essere cattolici, anche la destra pero’ non è garanzia per i cattolici ma quanto meno si è più sensibili ai valori non negoziabili. Ci doveva essere un partito de cattolici ma quelli veri che non scendono a compromessi con la mentalità del mondo. Purtroppo in politica questi cattolici non esistono e bisogna salvare il salvabile in Italia paradossalmente con la Lega di Salvini. Per quanto mi riguarda Forza Italia è come la sinistra: non li voterei manco se mi pagano.

  14. Amos Previero

    Frutto dell’operato di Bergoglio è quanto mi è capitato di sentire la domenica precedente il natale. Il parroco ai ragazzi della prima comunione e della cresima , durante l’omelia, così si è espresso: “Dovete uccidere la religione. Carl Marx aveva ragione quando diceva che la religione è l’oppio dei popoli. Dovete distruggere la religione perché ciò che conta è l’incontro con Gesù come persona..”

  15. Oggi il MigraImbroglio ha ringraziato l’ Italia per l’ accoglienza dei migranti, che persone sono…E io che italiano sono, a costui, affetto da DOC, dico che sarei pronto a ringraziarlo solo se lui stesso si desse a fare il Migrante, via da quell’orrenda sistemazione da principe rinascimemntale nella quale si trova costretto, a dimostrazione della serietà della sua persona ….O la sua speranza di migrante dal fondo del mondo si è appagata a tal punto da non potersi aspettare niente di meglio di quello che ha raggiunto, e da questa posizione non la pianta di importunarci, per ringraziamento???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su