Mitologie progressive intorno agli atti contro natura – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Dalla sodomia clandestina all’omosessualità democratica e squillante

Queer – che tradotto in italiano significa strambo, bizzarro – viene utilizzato dai suoi sostenitori per indicare il carattere indefinito e sempre mutevole dell’identità sessuale. I teorici queer portano dunque alle estreme conseguenze gli ideologi del gender, denunciando il fondamento etero sessista  … e sostenendo la necessità di creare un paradigma antropologico non più soggetto all’eterosessualità obbligatoria”.   (Rodolfo De Mattei)

di Piero Vassallo

.

Il progressivo, democratico, illuminato abbassamento della legge morale esalta l’irresistibile fruscio nei gabinetti deputati all’amicizia capovolta e le grida dalla savana del conformismo.

Gli impulsi contro natura salgono dal fondo tenebroso e melmoso, in cui l’avversione a Dio incontra l’oscuramento della ragion politica e la irresistibile debolezza dei difensori della sessualità secondo natura.

Vero è che le camarille pederastiche e lesbiche raccolgono – davanti all’impassibile palazzo dei disertori e dei complici – minoranze alterate e sconvolte dalle scuole del delirio americano, nelle quali imperversa l’infondata, sofistica e urlante opinione sulla naturalità (e sulla liceità) degli atti sessuali contro natura.

Lo studioso Rodolfo de Mattei, autore di un puntuale ed esauriente saggio – Dalla sodomia all’omosessualità – proposto in questi giorni dall’irriducibile Marco Solfanelli editore in Chieti – cataloga e confuta i sofismi democratici e progressivi che, ispirati dalla rivoltante aberrazione, che l’intrepido don Ennio Innocenti definisce coprofagia, eccitano e sconvolgono i laidi marciatori in guerra contro la legger naturale.

De Mattei rammenta che il primo sodomita ad uscire dal rifugio costituito dall’anonimato, fu il raffinato giurista tedesco Karl Heinrich Ulrichs Award (Aurich 1825 – L’Aquila 1895).

Di seguito il giovane e qualificato studioso italiano dimostra che “Award cercò di presentare la condizione omosessuale come una inclinazione innata e naturale”, e che la sua bizzarra e delirante tesi fu respinta e ridicolizzata dagli scienziati tedeschi.

Agli intellettuali della (avventizia, gongolante) sinistra pederastica, De Mattei rammenta (ironicamente) il dileggio di cui l’inversione sessuale, nel 1869, fu fatta oggetto dal sodale di Marx, Friedrich Engels, del quale è citato uno sprezzante giudizio: “Mi aspetto che il nuovo Codice penale della Germania settentrionale abbia riconosciuto i droits du cul … Per noi povera gente del davanti, con la nostra puerile inclinazione per le donne, le cose si metteranno ben male allora…”.  

Evidentemente i pensatori materialisti del XIX secolo non erano ancora affascinati e catturati dal vortice e dal vaneggiamento pederastico, che è scritto sul vessillo della spudorata e debragata avanguardia contemporanea.

Il progetto di tale avanguardia è capovolto e accecato al punto di sostenere, sorpassando i confini del classico idealismo, che “non è l’essere a determinare il pensiero ma il pensiero a determinare l’essere: io non sono ciò che sono ma ciò che il mio io o la mia coscienza mi dice di essere”.

De Mattei non si arresta neppure davanti alla incensata rispettabilità delle teorie scientifiche elaborate da Alfred Charles Kinsey e rammenta che il famoso e applaudito scienziato “fu un convinto sostenitore della pedofilia e dell’abrogazione delle leggi che tutelavano i bambini contro i rapporti sessuali con uomini adulti”.

Contro le aberrazioni in corsa libera nei palazzi del potere progressista/nichilista, De Mattei, scrittore d’avanguardia, afferma risolutamente l’attualità della tradizionale scuola di pensiero “che sottolinea l’esistenza di una natura umana congenita che prevede un progetto specifico che si realizza nella complementarietà tra l’uomo e la donna”.

Le scuole di delirio e le capovolte cattedrali del vizio impropriamente detto gay e della tanatofilia iniziatica riescono a turbare la vita sociale delle persone fragili e inclini al conformismo, diffondendo la lue abortista e la cialtronesca schizofrenia divorzista nelle fasce indifese dalla società dei politicanti e stordite dai giornaloni, non possono piegare la vita agli incubi dei tanatofili e dei dementi chic.

Alla classe dirigente della destra oggi esangue e balbettante in dialetto politichese, Rodolfo de Mattei offre l’occasione di uscire dalla gabbia dell’insignificante chiacchiera e di lanciare il guanto di sfida sulla faccia americana di un potere alienato dai gridolini del vespasiano.

.

Dalla sodomia all’omosessualità – di Rodolfo de Mattei – ed. Solfanelli (pag. 168, € 13,00)  –  per acquisti on line inviare una mail a info@riscossacristiana.it . Per le modalità di pagamento, clicca qui

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “Mitologie progressive intorno agli atti contro natura – di Piero Vassallo”

  1. Questa overdose di frocismo voluto dai burattinai sorosiani e sostenuto dalla deviata mentalità sinistroideggiante mi ja veramente stomacato e reso davvero “omofobo” razzista!

  2. luciano pranzetti

    Se si pensa che nel settembre 2015, presso la Nunziatura Apostolica a Washington, Bergoglio ha “affettuosamente” incontrato, ed abbracciato un ex suo alunno, tale Yayo Grassi, omosessuale e sodomita praticante, unitamente al suo ganzo, viene spontanea la santa rivolta contro questa Gerarchia bacata e fetida che, nello “spirito” del CV2, dopo aver scoperto e sdoganato il valore e la dignità delle confessioni pagane, scopre e sdogana, ancora per bocca del suo “presidente -buona sera” ,valori educativi ed affettivi nella coppia (ammucchiata) frocesca. Domanda angosciante: Non si sarà, forse, sbagliato il Signore degli Eserciti a sprofondare quei cari e miti sodomo/gommorei nelle profondità di Asfaltide?

  3. Piero Vassallo

    il buonismo – pensiero finalizzato a debilitare la morale – è il cancro del cattolicesimo post conciliare
    oso credere che il buonista sudamericano Bergoglio sia un castigo di Dio, una pena inflitta ai fedeli in discesa sul taboga del Vaticano secondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su