Molti nemici poco onore – di Giampaolo Rossi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giampaolo Rossi

.

zpcnr1IL NEMICO DI SE STESSO
Non credevo mi odiassero così tanto!”. Matteo Renzi si è svegliato bruscamente dal sogno durato 1000 giorni. La sua parabola è tutta in questa frase che le cronache hanno raccolto come uno sfogo amaro e personale ai suoi più stretti collaboratori.
Non c’è peggior nemico per un leader politico che se stesso; e quella sorta di innamoramento fatale che conduce il narcisismo a trasformarsi in potere e in alibi.

La verità è che Renzi sa perfettamente le ragioni di questo “odio”. Le conosce perché le ha generate con i suoi comportamenti: Renzi, in questi 1000 giorni, ha accoltellato alle spalle i suoi amici di partito, ha denigrato i suoi avversari, ha umiliato quelli che non la pensavano come lui; ha mentito, ha tradito, ha fatto del cinismo uno stile di vita, dell’arroganza una qualità morale, della furbizia un comportamento lecito. Ha travolto regole della democrazia e quelle del rispetto.

Ha violato la parola data come fosse un gioco, uno sfizio, fin dall’inizio, dall’atto fondativo della sua ascesa: quella sera in tv quando davanti a milioni di italiani dichiarò con fermezza: “io voglio governare questo Paese passando dalle elezioni e non dagli inciuci di Palazzo”; salvo pochi mesi dopo salire a Palazzo Chigi con il peggiore degli inciuci.
Se la politica è “sangue e merda”, lui quella sera ha tolto il sangue e ha lasciato il resto.

Sarà stata colpa della sua giovane età, dell’ubriacatura di chi senza merito e senza fatica si è trovato improvvisamente Premier spinto dal vento imprevedibile che la storia regala agli audaci… e ai privi di scrupoli.

Renzi, il Rottamatore, che sta in politica da prima di Berlusconi, ha portato con sé quell’idea della democrazia autoritaria nella quale è cresciuto nella sua Toscana rossa: quella delle cooperative rosse, dei magistrati rossi, dei preti rossi, dei banchieri rossi e dei massoni rossi. Quella del più oliato sistema clientelare d’Italia dove, se non sei un amichetto loro, sei escluso dalla competizione sociale.

zpcnr2CASTA E POPOLO
Non credevo che mi odiassero così tanto”; sempre le cronache raccontano che questa frase lui l’abbia indirizzata alla casta, colpevole della sua sconfitta, ma è l’ennesima allucinazione; l’ennesima menzogna raccontata a se stesso
Renzi è stato cacciato dal popolo non dalla casta e questo a differenza di Berlusconi che fu cacciato dalla casta dopo che il popolo lo aveva votato (e forse lo avrebbe rivotato se Napolitano non avesse deciso di svendere la sovranità popolare ai voleri della tecnocrazia europea).

Certo anche Berlusconi è stato odiato, ma dall’élite: dal mainstream, dagli intellettuali, dal grande capitale, dal sistema industriale, da una magistratura che nei suoi confronti ha scatenato la più terribile caccia all’uomo mai vista in uno Stato di Diritto.
Renzi non ha mai ricevuto questo odio: i grandi giornali lo hanno amabilmente adulato, i banchieri coccolato, i magistrati protetto, i poteri forti adottato.
Semmai sono stati i cittadini a decretarne il fallimento, non per odio, ma per quel naturale disprezzo che sorge di fronte all’arroganza del potere.

Il risultato più eclatante del fallimento del renzismo è nel voto dei giovani, praticamente dei suoi coetanei: quell’80% di 18-34enni che hanno votato per il No rappresentano la vera ecatombe per colui che si era posto giovane tra i giovani, come l’uomo del rinnovamento, l’uomo dei tweet e dei selfie, il premier delle slide e della battuta pronta.

Nel Gennaio scorso ha dichiarato: “se perdo il Referendum lascio la politica”. Ha perso il Referendum e non lascerà la politica e forse neppure il governo. In Gran Bretagna Cameron (che ha perso con meno scarto) lo ha fatto.

Per ora, quello che abbiamo visto è che Renzi ha molti nemici (il 60% degli italiani); aspettiamo di vedere un po’ di onore.

Su Twitter: @GiampaoloRossi

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su “Molti nemici poco onore – di Giampaolo Rossi”

  1. Le critiche a Renzi sono condivisibili, ma non vorrei che il dibattito post referendum porti a dimenticare il vero responsabile dell’ascesa di Renzi, parlo di Napolitano, e dei danni che ha fatto al Paese. Mi sembra si rischi di incriminare gli esecutori e dimenticare i mandanti.

  2. Tito Stufo Stomacato

    Io penso che ci sorbiremo lo scout ancora per un pezzo, come clisma somministratoci dalle somme mani del venerabile Mattarella.

  3. Sinceramente, da modestissimo osservatore della vita politica, le accuse mosse a Renzi mi sembrano esagerate : non dimentichiamo quali sono, fin dal dopoguerra, le condizioni della nostra politica. La DC, che pure ha molti meriti, era un continuo accoltellamento alle spalle : Dossetti contro De Gasperi, Fanfani contro De Gasperi, Moro contro Fanfani. De Mita contro Cossiga, ecc. ecc. Realisticamente la politica funziona così. Ma non voglio soffermarmi su questo. Renzi non è stato sconfitto sulla riforma costituzionale, che non era perfetta, ma neppure disprezzabile, e che certo non metteva a rischio le libertà civili. Ho parlato con tante persone e ho concluso che della riforma nessuno sapeva niente o quasi, o aveva informazioni distorte ( anche da parte cattolica). Il vero referendum era pro o contro Renzi: e Renzi ha perduto. Chi lo ha sconfitto ? Il popolo, ed al popolo in democrazia ci si inchina : ma non è mica necessario dargli ragione o considerarlo infallibile. Caduto un tiranno, il popolo ne aspetta un altro, normalmente peggiore del primo: e così accadrà.

    1. Condivido il suo pensiero, soprattutto l’ultima frase.
      Io posso sotanto dire che, invece, come cattolico non aspetto il prossimo tiranno ma spero nel prossimo Papa…possibilmente Re visto che la democrazia è soltanto un inganno liberale e modernista. Invece col Papa Re non c’è bisogno di programmi elettorali, riunioni, rimpasti di governo, poltrone, magna-magna, ecc… Basta la dottrina e la Tradizione: la Via la indica il Papa Re ed è Cristo, perché la via che deve percorrere l’uomo è quella della salvezza dell’anima e non del benessere socio-economico. LJC!

  4. Nell’elenco dei tradimenti perpetrati da Renzi Matteo occorre aggiungere, di più, mettere in cima alla lista lo sfacciato rinnegamento – credo primo politico in questo – di Nostro Signore (‘io ho giurato sulla Costituzione e non sul Vangelo’) per giustificare tutte le aberrazioni di cui si è reso protahonista col suo governo (divorzio breve, legalizzazione della cannabis, unioni civili e chi più ne ha più ne metta).
    E pensare che quand’era in ascesa – pur se comunque cosiddetta ‘testa di legno’ di poteri ben più forti e a lui comunque sconosciuti – aveva battuto la grancassa sul suo essere stato scout E che ora osi buttarla in vittimismo la dice lunga sull’alto spessore della sua faccia di bronzo.
    Dire che è un narcisista patologico è troppo poco per uno che ha tenuto in ostaggio per 8 mesi il Paese con la proposta di un vergognoso referendum che ci avrebbe resi una provincia di serie D nell’Europa degli gnomi gozzuti della finanza massonica.
    E vogliamo dire qualcosa della sua sfacciata compra dei voti a suon di 80 euro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su