Non esiste un diritto all’invasione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

A una prima impressione, parrebbe che il Regnante Pontefice abbia, almeno nei suoi discorsi durante le occasioni importanti, una limitata, anzi, limitatissima gamma di argomenti. Può darsi che nella messa ad inviti a Santa Marta e in altre semi private occasioni parli talvolta anche di Dio, della Santa Vergine, del Catechismo (basterebbe quello postconciliare) dei Novissimi, del Credo, della Dottrina Cattolica. Colpevolmente, lo ignoriamo. Però, non sappiamo se per problemi linguistici o per una non solidissima cultura teologica (se non cultura tout court), il Papa (non più Vicario di Cristo, titolo che ha rifiutato) alterna nell’Angelus e in altre grandi occasioni, in varia misura, sostanzialmente tre temi: un confuso socialismo sudamericano, venato di nativismo e tribalismo, poi un ecologismo estremo, vero e proprio favoreggiamento della famigerata Greta e dei suoi gretini, dell’ONU e dei fanatici del riscaldamento globale di origine antropica e, in cima a questa brevissima hit parade, la tesi immigrazionista: accogliere tutti, subito, incondizionatamente, provvedere a un infinito mantenimento.

Su questo, Bergoglio insiste quasi quotidianamente, traendo spunto da qualsiasi discorso, allocuzione, occasione, evento, incontro, documento. Ignorando le leggi, i diritti delle genti e dei popoli, il rispetto per le etnie, la civiltà, la storia, la religione, le tradizioni patrie, chiudendo gli occhi sui pesantissimi problemi di ordine pubblico, sui costi finanziari di una nazione già in crisi, la propaganda immigrazionista dell’attuale Pontefice è una molestia continua nei confronti dei fedeli, insistita, fastidiosa, ripetuta, petulante. Ripresa servilmente dalla stampa “cattolica”, enfatizzata delle televisioni allineate, gridata dai pulpiti dei sacerdoti (ma non la maggioranza) educati in seminari il cui insegnamento tradizionale è stato sconvolto dal concilio, addirittura martellante nelle “preghiere dei fedeli”, innovazione liturgica assai contestata perché assente nella S. Messa tradizionale e che il Novus Ordo Missae ha imposto nella messa riformata.

Anche l’ultima Enciclica Fratelli  tutti,  oggettivamente discutibile e infatti assai discussa in molte sue parti (come l’attacco alla proprietà privata), sembra voler imporre un diritto assoluto all’invasione: “il diritto di ogni essere umano di trovare un luogo dove poter non solo soddisfare i suoi bisogni primari e quelli della sua famiglia, ma anche realizzarsi pienamente come persona. I nostri sforzi nei confronti delle persone migranti che arrivano si possono riassumere in quattro verbi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare.”  

Eppure, la maggioranza dei cattolici è contraria all’invasione, all’accoglienza indiscriminata, alla presenza, spesso pericolosa, di masse di clandestini (solo un’infima minoranza dei “migranti” ha diritto all’accoglienza perché veri profughi) sui nostri territori. Molti fedeli, profondamente devoti e disponibilissimi alla doverosa obbedienza al Romano Pontefice, provano un grave disagio, sentendo un conflitto tra le urlate invettive bergogliesche e il sentire naturale, intimo di appartenenza a una Patria e il dovere della sua difesa. E non si tratta solo della Patria intesa in senso “alto”, che qualche cinico difensore della sovversione e della dissoluzione potrebbe sminuire come “retorica” o peggio, ma anche della “piccola patria”, la Heimat come viene definita in tedesco, fatta di panorami natii, della propria città o borgo, dell’unione fra persone che si sentono vicine in virtù di un sentire e una fede comune, un medesimo orizzonte antropologico. Tutte realtà messe in fortissimo pericolo da un’invasione indiscriminata, incontrollata, quasi sempre ostile alla nostra cultura, al nostro modo di vivere, alla nostra civiltà.

L’indispensabile premessa di ogni ideologia immigrazionista è quindi lo svilimento del concetto di Patria, se non la sua negazione, in nome di un universalismo indifferenziato e omologante (tra l’altro, tanto utile al relativista mondialismo finanziario), negatore delle radici, ostile alle identità, alle memorie condivise, alla propria Storia e alle “piccole storie” familiari e comunitarie. Se questo svilimento è, come appare in tutta evidenza, la necessaria premessa per ogni apologia dell’invasione, dobbiamo chiederci, da credenti, se questo disprezzo per la Patria e ciò che questa significa sia coerente con la Dottrina e la Tradizione cattolica. La risposta è netta: non lo è. Per nulla. Pur evitando ogni esaltata idolatria, la Chiesa ha sempre benedetto il concetto di piccola o grande Patria. Proviamo ad ascoltare, sul tema della Patria, qualche voce veramente cattolica.

San Tommaso ci dice che alla Patria terrena si devono “servizi e venerazioni come si devono ai genitori, perché la patria, come la famiglia, per natura è causa o principio della nostra esistenza e del nostro vivere e per questo merita speciali riguardi”. Più vicino a noi, Pio XII, nell’Enciclica Ad Apostolorum Principis, ci ricorda che “Il cristiano non è, né può essere, secondo a nessuno nel vero amore e nella vera fedeltà alla sua Patria terrena. É Nostro dovere ricordare a tutti, ancora una volta, che è proprio la dottrina della Chiesa che esorta e spinge i cattolici a nutrire un sincero e profondo amore verso la loro patria terrena.” Ma è Giovanni Paolo II il Pontefice cantore, per provenienza e storia personale, della Patria che definì “un valore religioso” la “fedeltà all’identità nazionale” e che ha ricordato agli immemori “universalisti” e mondialisti: “Patriottismo significa amore per tutto ciò che fa parte della patria: la sua storia, le sue tradizioni, la sua lingua, la sua stessa conformazione naturale.” E ancora: “…come la famiglia, anche la nazione e la patria rimangono realtà non sostituibili.” É stato di nuovo Wojtyla ad affermare che “diritto primario dell’uomo è di vivere nella propria patria” che significa non solo diritto a non emigrare, ma anche diritto a non essere invasi e sostituiti.

L’appello alla virtù della carità, che viene usata come un’arma minacciosa e ricattatoria, è l’argomento principe dell’ideologia immigrazionista, il mantra dei cattolici che bramano di vederci invasi (oikofobia, disprezzo per la propria casa, la definiva Roger Scruton), dei “preti di strada” che idolatrano il migrante e lo sostituiscono a Cristo (ma si guardano bene dal provare a convertirlo, come dovere cristiano imporrebbe), dell’associazionismo “caritatevole” che aiuta i profughi a vita, sfila in corteo con la sinistra, ma ignora la vecchietta italiana della porta accanto che non arriva alla fine del mese (e neanche a metà) ma che ha troppa dignità per chiedere in parrocchia. 

É una carità distorta, falsificata, che diviene ciò che Chesterton definiva “una virtù cristiana divenuta folle”. Per essere una “vera” virtù, la carità non deve essere ab-soluta, sciolta da tutto il resto, dis-ordinata. Caritas in Veritate è il titolo della Enciclica di Benedetto XVI. Tutte le Virtù devono essere ben ordinate, ben orientate. 

Siamo certi che un’accoglienza indiscriminata sia vera carità? Non ci stiamo dimenticando dell’incremento spaventoso della criminalità (il 32,7% della popolazione carceraria è di origine straniera), delle innumerevoli vittime dell’invasione, degli assassinii, delle rapine, delle violenze, della indebita sottrazione di risorse dello stato sociale a scapito dei veri bisognosi italiani? Nei confronti di queste vittime dov’è la carità? É carità arrivare a invadere un paese, a mettere, in prospettiva, in minoranza i suoi abitanti, a imporre loro le proprie leggi, a dominarli e a sostituirli? 

Una delle storiche riviste cattoliche “tradizionaliste”, sì sì no no, pubblicata da quasi cinquant’anni, così commenta: “Proprio l’amore verso il prossimo dovrebbe spingerci ad avversare l’immigrazione incontrollata: se amiamo qualcuno tenderemmo a proteggerlo, nel corpo come nell’anima. Ed è proprio spinti dall’amore ordinato verso il prossimo e dalla volontà di proteggerlo che dovremmo impedire la rovina del corpo sociale mediante l’introduzione nel medesimo di masse di individui senza morale, senza legge e senza Dio.” San Tommaso ci ricorda che esiste un ordine della carità per cui è giusto anteporre l’amore per coloro coi quali intratteniamo legami più significativi e coi quali abbiamo più cose in comune, come i familiari, i connazionali e i nostri fratelli in Cristo, all’amore verso gli altri che non rientrano in queste categorie. Questo pensiero tomista è molto ben sintetizzato da Marcello Veneziani: É l’ordine della carità, secondo natura e secondo ragione, che c’impone una gerarchia dell’amore. La grazia non abolisce l’ordine della natura, che ha sempre Dio come autore, nota l’Angelico. Un padre non può amare allo stesso modo i propri figli e quelli di persone sconosciute, non sarebbe un buon padre, sarebbe snaturato.” Pio XII, nella Summi Pontificatus esprime lo stesso concetto: “Nell’esercizio della carità esiste un ordine stabilito da Dio, secondo il quale bisogna amare più intensamente e beneficare di preferenza coloro che sono a noi uniti con vincoli speciali.” Roberto de Mattei, direttore di Radici Cristiane e presidente della Fondazione Lepanto così ci ammonisce: “…la prima accoglienza che dobbiamo è a coloro che ci sono vicini, ai bimbi cui viene impedito di nascere, ai giovani cui, in Italia e in Europa, viene negato il futuro, agli anziani cui si vuole accorciare la vita…” 

Ugualmente strumentale è la citazione, da parte dei catto-immigrazionisti, delle parole del Vangelo. É una specialità dei preti progressisti: le frasi della Scrittura vengono estrapolate, contorte e piegate all’ideologia dell’accoglienza: le parole di Matteo: “ero straniero e mi avete accolto” sono spesso usate come una clava morale. Ma l’Evangelista dice “ero straniero”, singolare, e non “eravamo centinaia di migliaia di stranieri.” E non è un particolare stilistico. Gli ebrei non si facevano invadere tanto facilmente, i Romani ne sanno qualcosa. Egualmente, la parabola del buon samaritano del Vangelo di Luca ci dice chi è il nostro prossimo, ma assai probabilmente l’uomo soccorso dal Samaritano, che, tra l’altro non era straniero, visto che “scendeva da Gerusalemme a Gerico”, una volta guarito, se ne tornò da dove era venuto, magari ringraziando il Samaritano. 

Il Cardinale Giacomo Biffi ha avuto parole chiarissime e magistrali: non esiste un diritto a invadere né un dovere di farsi invadere: “Non si può dedurre che una nazione non abbia il diritto di gestire e regolare l’afflusso di gente che vuole entrare a ogni costo. Tanto meno se ne può dedurre che abbia il dovere di aprire indiscriminatamente le proprie frontiere. In altre parole, non esiste un diritto di invasione.” Inoltre: “andrebbero preferite le popolazioni cattoliche o almeno cristiane, alle quali l’inserimento risulta enormemente agevolato.” Il Cardinal Robert Sarah, africano, Prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, ha lanciato un avvertimento assai duro: “Voi siete invasi da altre culture, da altri popoli, che stanno progressivamente per dominarvi coi numeri e cambiare totalmente la vostra cultura, le vostre convinzioni, i vostri valori.”   Altrettanto dure erano state, in precedenza le parole di Amel Nona, arcivescovo della martire Chiesa cattolica caldea si Mosul, in Iraq: “…state accogliendo nei vostri Paesi un numero sempre crescente di musulmani. Anche voi siete a rischio. Dovete prendere decisioni forti e coraggiose […] I vostri valori non sono i loro valori. Se non lo capite in tempo, diverrete vittime del nemico che avete accolto in casa vostra.”

Persino il Catechismo postconciliare è prudentissimo riguardo all’immigrazione: le nazioni più ricche accolgano “nella misura del possibile” e le autorità politiche possono subordinare l’immigrazione a diverse condizioni giuridiche. L’articolo del Catechismo, il 2241, si chiude con una frase che, rispetto alla realtà, è un capolavoro di wishful thinking e di illusa ingenuità, che suona oggi, alla luce degli accadimenti sotto gli occhi di tutti, come una presa in giro delle popolazioni ospitanti: “L’immigrato è tenuto a rispettare con riconoscenza il patrimonio materiale e spirituale del paese che lo ospita, ad obbedire alle sue leggi, a contribuire ai suoi oneri.”     

Da parte di molti cattolici fanaticamente favorevoli all’invasione e in preda a penitenziali convulsioni buoniste vi è anche un sottofondo ideologico a cui costoro si sono drammaticamente ma purtroppo volenterosamente arresi: l’imperante dottrina della correttezza politica, dell’antirazzismo, del multiculturalismo, del disprezzo per l’Uomo Europeo, la sua storia, la sua civiltà bianca e cristiana. Secondo questi immigrazionisti, noi avremmo un debito verso le popolazioni di quello che un tempo veniva definito Terzo Mondo. Queste credenze sono falsificazioni storiche prima ancora che anticattoliche. In una delle sue più grandi Encicliche, Immortale Dei, Leone XIII così scriveva: “Il fatto che l’Europa cristiana abbia domato i popoli barbari e li abbia tratti dalla ferocia alla mansuetudine, dalla superstizione alla verità; che abbia vittoriosamente respinto le invasioni dei Maomettani, che abbia tenuto il primato della civiltà, che abbia sempre saputo offrirsi agli altri popoli come guida e maestra […] per tutto ciò deve senza dubbio molta gratitudine alla nostra religione.”      

Purtuttavia, possiamo essere certi di ciò che è è inevitabile: nei prossimi Angelus, nelle prossime udienze del mercoledì, in una delle molte, moltissime occasioni di affabulazioni a cui il Regnate Pontefice è assai affezionato, ritornerà prestissimo di nuovo il ritornello più amato: accogliere, accogliere, accogliere. Molti si chiedono da dove derivi questa maniacale impulso. Il già citato Roberto de Mattei, in una intervista alla rivista Nova Historica azzarda una ipotesi: “L’attenzione di Papa Francesco verso i migranti non nasce, non dico da spirito evangelico, ma neppure da laico filantropismo. Nasce da una scelta che è soprattutto di carattere filosofico.”

Per quanto a prima vista sorprendente, l’ipotesi del professor de Mattei sulla “scelta di carattere filosofico” del Papa potrebbe essere più profonda e anche più inquietante (molto più inquietante) di quanto sembri. Ma, in fondo, chi siamo noi per giudicare?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “Non esiste un diritto all’invasione”

  1. Due considerazioni su questo ottimo articolo, ben scritto e bene argomentato. 1) E’ tutto vero, da cima a fondo. 2) In fondo è tutto osservabile, aperto davanti ai nostri occhi. I giudizi espressi non sono che di buon senso. Ma provate a dirle per strada, o in una scuola, queste cose. Passerete immediatamente per un estremista. E’ questa, fra tutte, la cosa più allarmante e dolorosa.

  2. Prima di tutto GRAZIE GRAZIE GRAZIE!
    Perché definire, fare presente, mettere in evidenza LA VERITA’ significa soprattutto AMARE SINCERAMENTE CONCRETAMENTE IL NOSTRO SIGNORE, IL GESU’ CRISTO CHE SI è FATTO CROCIFIGGERE PER SALVARCI!
    E teniamo ben presente che bergoglio E’ L’ANTICRISTO PREVISTO NELLA SACRA SCRITTURA!
    Preghiamo per tutti i martiri del mondo, e anche perché l’anticristo bergoglio sparisca al più presto!
    Grazie infinite bravissimo e gentilissimo Sig. ANTONIO DE FELIP! CHE IL SIGNORE LA RICOMPENSI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su